2021 - Celebrazioni V Centenario della nascita di Sisto V P.O.M.

13.12.2021

Tempo rimanente



Countdown
expired


Link:
PREPARATI


Link:
COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI
Celebrazioni 2021
Giovedì, 14 Dicembre 2017
  • Incoronazione di Sisto V
    5 maggio 1585
  • Traslazione salma S. Pio V a S. Maria Maggiore (9 gennaio 1588)
    Affresco Biblioteca Vaticana - Salone Sistino
  • Montalto delle Marche, palazzo dei Presidi
    Epigrafe Giulio Sclafenato (1586)
  • Processione a S. Maria Maggiore
    Giubileo straordinario del 1585
  • Piazza S. Pietro con l'obelisco
    Affresco Biblioteca Vaticana - Salone Sistino
  • La Fontana del Mose' in Piazza S. Bernardo
    Biblioteca Vaticana - Salone Sistino
  • Nuovo palazzo del Laterano e Obelisco
    Affresco Biblioteca Vaticana - Salone Sistino
  • Affresco Erezione dell'obelisco in p. del Popolo (1588)
    Affresco Biblioteca Vaticana - Salone Sistino
itenfrdeptrues

PATRIGNONUM Die XI Novembris 1573 - Vitsita apostolica Mons. Maremonti

PATRIGNONE
11 novembre 1573

p133 particolare portaleLa chiesa parrocchiale di S. Maria de Viminatu, l'unica del paese, è normalmente retta da tempo immemorabile da un solo Priore e tre Prebendati, in qualità di coadiutori di tale Priore e facenti parte del clero diocesano, per l'esercizio pastorale. Si asserisce che i proventi della chiesa non superano le dieci salme di grano secondo la misura ascolana, pari a venti misure comuni, oltre a sei salme di vino per ogni porzione dei proventi divisi fra i suddetti Priore e Prebendati, in modo che sia assegnato un quinto di essi ad ogni Prebendato e due parti al Priore. 

Le famiglie soggette a tale cura pastorale sono 260; le canoniche del suddetto clero sono adiacenti alla chiesa e vi dimorano lo stesso Priore e i Prebendati, che prestano lodevolmente il servizio liturgico nel corso della settimana, e nei giorni festivi sono soliti cantare solennemente le messe e i vespri, e tutti insieme concorrono a qualsiasi spesa sia ordinaria che straordinaria, e recitano collegialmente in chiesa la preghiera del mattutino e delle altre ore canoniche.

Circa la custodia eucaristica si faccia quanto prima una pisside d'argento e si tolga il calice trovato sul posto.

Al fonte battesimale si faccia un tabernacolo secondo la regola con un armadio per custodire gli oli sacri e le altre suppellettili, insieme ai vasetti d'argento per mettervi gli oli sacri e dentro sia rivestito di stagno "gittato" per evitare qualsiasi ruggine.

In sacrestia si indorino i cinque calici indicati, il tabernacolo poi sia fissato e fornito di un vasetto di vetro (per la purificazione) e vi si metta un corporale in fondo. Inoltre si procurino due libri "in folio" per scrivervi i nomi dei matrimoni e dei battesimi. Ugualmente occorrono un nuovo messale e il rituale romano, come pure un migliore turibolo con navicella e altre due sedi per le confessioni.

Sull'altare maggiore si metta un altro paio di candelieri.
Si sposti la statua della Vergine dall'altare di S. Andrea a quello dell'Addolorata e il Rettore provveda all'occorrente.
Nell'altare di S. Andrea il rettore chiuda il foro rotondo e faccia dipingere l'immagine del Santo titolare, avendo ottenuto il Rettore, don Annibale Santili, due titoli diversi per dispensa, come si dice, del Vescovo.
All'altare di S. Giacomo il Rettore pareggi la mensa alla tavola e porti avanti la pietra sacra.
Il Rettore dell'altare di S. Girolamo lo fornisca di candelieri.
L'altare di S. Francesco sia fornito di ogni suppellettile da parte del Priore e Prebendati, oppure sia demolito.
II Rettore porti avanti la pietra sacra nell'altare di S. Vincenzo. Le reliquie incerte siano trattate come tali.
Infine tutti i chierici resero buona testimonianza del Vescovo, che dovrebbe però procedere alla privazione del beneficio nei confronti del Prebendato assente, e devolvere le entrate a favore dei curati.
E poiché in questo luogo vi sono due Confraternite, una del S.mo Sacramento e l'altra del Rosario, senza i rispettivi Rettori, è stato ordinato al predetto Priore di rivedere la loro contabilità e, se occorre, rimetta ogni cosa nelle mani del Vescovo.
Si adatti quanto prima l'organo alle possibilità della chiesa. Ugualmente si trovi un organista e i Prebendati non devono Celebrare al posto dei Rettori degli altari, sotto pena riservata all'autorità, per non svilire il culto divino.

Al Rettore della chiesa di S. Antonio, don Ambrogio Santili, originario del luogo, spetta fare il palliotto di cuoio dipinto all'altare maggiore e procurare un calice e un messale nuovo fra sei mesi, come pure delle tovagliette all'altare di S. Lucia.

La chiesa dell'Annunziata, fuori ma vicino alle mura, è ben tenuta, e perciò fu ordinato al Rettore solo di tenerla chiusa e di provvedere l'altare di ogni cosa necessaria per la messa e ugualmente di celebrare secondo quanto stabilito.

Nessuna lagnanza è stata esposta dai pochi chierici presenti, e il Priore è da tutti ritenuto idoneo.

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto