2021 - Celebrazioni V Centenario della nascita di Sisto V P.O.M.

13.12.2021

Tempo rimanente



Countdown
expired


Link:
PREPARATI


Link:
COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI
Celebrazioni 2021
Giovedì, 13 Maggio 2021
< >

Redenzione degli schiavi

Algeri 1584 - 1587

Araldica sistina

e dei Peretti

Politica Estera

e Missioni

Donna Camilla...

la "Signora"

La Marca

e il Piceno

Ritratti e monumenti

di Sisto V

Nuova Montalto

Patria carissima

Celebrazioni Sistine

V Centenario della nascita (1521 - 2021)

Chi e' on line

Abbiamo 35 visitatori e nessun utente online

itenfrdeptrues

ALLE ACQUE FELICI CONDOTTE IN ROMA DA S. S. SISTO V

 foto di g.vagnarelli

fontana acqua felice d.fonr

 

 

acqua felice

I

Acque, che per camin chiuso e profondo,
     E per vie prima ascose il pie movete,
     Poi nell'aperte dall' oscuro fondo,
     Quasi a mirare il Sol, vaghe sorgete;
     Appresso la città, che vinse il mondo,
     Ove il cipresso adegua omai la mete,
     Qual maraviglia uscir di loco angusto,
     E veder lei, come la vide Augusto

II
Più bella in pace, che fra schiere ed armi,
     E d'altre imprese adorna, e d'altre spoglie,
     E d'altre colte prose, e d'altri carmi,
     D'edre, e di mirti, e di più verdi spoglie,
     Fuori sotto un grand'arco in varj marmi
     D'immagini diverse entro v'accoglie,
     Che simiglian bifolchi, e fere belve

    Usciti di spelonca, e d'alte selve.

III
Ruggir leoni al mormorar d'un fonte,
      Spargendo in larga copia i freschi umori,
      Diresti, e fuora l'acque a pie d'un monte ,
      Far soave armonia vivi pastori,
      Pronti a cantare, ed a risponder pronte
      Siedon le Muse ivi tra l'erbe e i fiori,
      E pajono al tenor d'onde tranquille
      Tanti far versi, .quante són le stille.


IV
Quante le stelle in Ciel, in mar l'arene,

       Tanti son del gran Sisto i merti, e i pregi,
       Onde pure , e felici ; e ben conviene
       Ch'altri solo da lui v'appelli, e pregi,
       E che vi ceda il Tebro, e l'Aniene ,
       Benché quello un nomò de'primi Regi;
       Ma cangiar nome alle famose rive
       Sepolcro e morte, a voi chi regna e vive.

V
Voi sete quasi grazie, Acque correnti,
      Ch' egli comparte a questa nobil terra;
      Sisto, ch'insegna al Ciel le vie lucenti
      Sovra l'acque, che 'l Cielo in grembo serra,
      Fece per refrigerio a'giorni ardenti
      Le vostre più secrete ancor sotterra,
      Al popol suo, popol amato e caro,
      Di sue grazie non più, che d'acque avaro.

VI
Anzi i popoli suoi, dilette gregge,
      Non lascia traviar con altra guida,
      Non lascia vaneggiar con altra legge,
      Non consente che'l lupo alcuno ancida,
      O'I ladro involi, ed ogni error corregge,
      Gli erranti a'paschi, a'fonti ei drizza, e guida ;
      Talché in felice mandra ha santa pace
      Semplice agnello, e vi riposa e giace .

VII
Quasi cristallo sete, e quasi argento,
      Acque, o tesoro pur d'alma natura ,
      E vi copre la terra all'aria, al vento,
      Al chiaro giorno, ed alla notte oscura,
      E porta mormoraudo [sic] a passo lento
      Nell'urne, che man dotta orna e figura,
      E 'n lor vi spande all'altrui voglia accensa
      Che ricchezze celesti ancor dispensa.

    VIII
Così la terra quinci, e quindi il Cielo
      Apre, per arricchir gli egri mortali:
      E mentre il caldo tempra al vostro gelo
      D'amor gli spirti infiamma, e scaccia i mali,
      E l’ empia morte : e con pietoso zelo
      L'anime estinte omai rende immortali
      De'pastori il Pastor, ch'alberga, e pasce ,
      E lava con quell'acque, ond'uom rinasce .

IX.

Già s'aspetta più bello il secol d'oro

Di quel, che pria si finse, ed or s'adombra,
Non perché larga, e senz'altrui lavoro
Stia la terra, e l'agnello, e'l lupo all'ombra,
Né l'angue abbia veneno, o. rabbia il toro,
Ma perché la giustizia il mal disgombra :
E quai rose vedrem d'ispide dumi,
De' severi fiorir dolci costumi.

 
E le bell'arti in pregio, e i chiari ingegni,
        E l'opre di famosa e nobil mano,
        catenato il furor , quieti gli sdegni,
        Come allor, che si chiuse il tempio a Giano;
        Talché ritornan di Saturno i regni,
        Mentre siede il gran Sisto in Vaticano ;
        Ma se'l nome di Sisto anco rimbomba,
        La mia sampogna agguaglierà la tromba.

 

T. Tasso, Rime

Satira composta da Fra Felice nel 1544 contro il Padre Gabriele Baffi, Maestro in teologia ad Ancona

Nel tuo mostaccian di Carnevale
non a me R. Padre Baffi
passi senza mentir simile ai Zaffi
che non havi cuor, e pur fanno del male
ipocrito tu sei, io l'indovino
che tu canti il Iube B.ne ora a tutti
così ben dell'ingiuria sai il camino 
non voglio far con te guerra da schiaffi
ma bensì che lo spirito vale
rendermi con parole a te rivale 
a gridarti di dietro Baffi, Baffi 
voglio dire però con labri asciutti
che tu sei del convento il babuino 
albero di malizia e senza frutti.
(In: Vita di Sisto V, autore anonimo, anno 1760).

Immagine casuale

cartolina2.jpg

Login

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto