Domenica, 25 Febbraio 2024

Chi e' on line

Abbiamo 209 visitatori e nessun utente online

IL RAPPORTO DI PAPA SISTO V CON LE POTENZE EUROPEE - II VOL.

IL RAPPORTO DI PAPA SISTO V con le potenze EUROPEE

Il sottotitolo di questi volumi recita: “Roma, l    Italia e l    Europa durante il pontificato di Sisto V”, attraverso la conoscenza che possiamo avere dagli “avvisi”. Degli avvisi e dellimportanza di questo giornalismo ante litteram dei secoli XVI e XVI ne abbiamo parlato nella introduzione del primo volume. Questa introduzione del secondo volume vuole soffermarsi maggiormente sul quadro politico dellEuropa di fine Cinquecento e sulle manovre messe in atto da questo pontefice sullo scacchiere di questo complesso mondo geopolitico. Naturalmente si farà larghissimo uso dei nostri “avvisi”, che ci riportano il sapore delle notizie fresche del momento.

LEuropa in quegli anni non stava affatto in pace. Si legge in un avviso del maggio 1589: “Potendosi hora dire con ragione, che tutto il mondo sia in moto, et in armi” (c. 340r/89). E in un altro avviso dello stesso anno si legge ancora: “Il Re di Spagna fa grande aparecchio di armata et retiene tutti i vascelli che passano sul suo mare, a tal che non si vede minacciare da tutte le bande altro che guerra, Dio ponga la sua Santa mano. Questi Principi (francesi) hanno risoluto di tenere a maggio prossimo li Stati. Dio voglia che non segua unaltra tragedia” (c. 196v/89).

Queste frasi riassumono bene il clima di conflittualità e di instabilità politica che si respirava durante il quinquennio del pontificato sistino: la Spagna di Filippo II era in conflitto aperto con lInghilterra di Elisabetta I per il dominio dei mari, per cui si arrivò nellagosto 1588 alla scontro della “invicibile armata” spagnola con la flotta inglese; in Francia il re Enrico III era in lotta con la lega cattolica, specie dopo lassassinio dei Duchi di Guisa ordinato da lui il 23 dicembre 1588, e sarà a sua volta assassinato il 2 agosto 1589, iniziando la lunga e complicata ascesa al trono di Enrico IV di Navarra; limpero aveva come imperatore Rodolfo II dAsburgo, che regnava dallAustria allUngheria, e che se ne stava in un beato isolamento a Praga, dedito alle arti e alle scienze occulte; la Fiandra, in mano alla Spagna cattolica e guidata dal governatore Alessandro Farnese duca di Parma, era in perpetua guerra con la protestante Olanda che viveva la sua difficile autonomia con lappoggio dellInghilterra; in Polonia per quasi due anni andò in scena la lunga lotta alla successione di quel regno, trovandosi concorrenti il duca Massimiliano dAustria e il giovane principe svedese Sigismondo, che salì al trono; in Inghilterra si assistette alla drammatica eliminazione della regina cattolica di Scozia, Maria Stuarda, decapitata l8 febbraio 1587 da Elisabetta perché temibile concorrente; la Savoia, sotto il governo del duca Carlo Emanuele I, invase in quegli anni il marchesato di Monferrato che apparteneva alla Francia e soprattutto fece guerra per annettersi la città di Ginevra; la Svezia era retta dal re Giovanni III, padre del nuovo re di Polonia; nel quinquennio sistino la Danimarca fu retta dal re Federico II e dal 1588 da Cristiano IV; lo zar Fëdor I Ivanovič regnava sulla Russia; limpero ottomano del turco Murad III in quegli anni ebbe una lunga e snervante guerra con la Persia, ma scorreva come sempre i mari con i suoi pirati; i Tartari intanto travagliavano lest dellEuropa con continui saccheggi.

LItalia era parcellizzata in tanti piccoli Stati. Milano (dal 1554), Napoli e la Sicilia erano governati dalla Spagna tramite viceré o governatori: il governatore di Milano fu, dal 1581 al 1592, Carlo dAragona Tagliavia, principe di Castelvetrano; viceré di Napoli furono dal 1582 al 1586 Pedro Téllez-Girón y de la Cueva e dal 1586 al 1595 Juan de Zúñiga y Avellaneda; viceré di Sicilia fu dal 1585-92 Diego Enriquez Guzman, conte di Alba de Lista. La repubblica di Venezia aveva come doge Pasquale Cicogna. Duchi di Mantova durante il pontificato sistino furono Guglielmo Gonzaga (dal 1550 al 1587) e Vincenzo I Gonzaga (dal 1587 al 1612). Governava Parma e Piacenza il duca Alessandro Farnese, anche se era impegnato nella guerra di Fiandra e aveva lasciato il governo delle città e del ducato a suo figlio Ranuccio. Alfonso II dEste guidava il ducato di Ferrara, Modena e Reggio. La Toscana ebbe in quel quinquennio la morte del granduca Francesco I e nel 1587 la successione di Ferdinando I, che optò per il governo di Toscana lasciando la porpora cardinalizia. Urbino era guidato dal duca Francesco Maria II della Rovere, che fu lultimo dei duchi di quella meravigliosa città rinascimentale (e dalla cui biblioteca urbinate provengono questi nostri avvisi).

Papa Sisto può volte affermò di volersi comportare come un vero padre universale, ascoltare e consigliare tutti i suoi figli. Anche se era naturale per un papa diventare un importante punto di riferimento, sia per le nazioni cattoliche come pastore e pontefice, sia per le nazioni protestanti come elemento di polemica e contrapposizione, tuttavia Sisto V si sforzò di seguire ogni avvenimento politico e di far sentire la sua autorità per risolvere i vari problemi.[1] Anche se non sempre ci è riuscito per il suo carattere deciso ed autoritario, complice anche lalta concezione che egli aveva della missione consegnatogli dalla Provvidenza.

Nella enorme mole degli avvisi di questo quinquennio si possono seguire le varie ed intricate vicende politiche dellEuropa di fine Cinquecento. Ambasciatori, nunzi, monsignori, cavalieri, commercianti, soldati, pellegrini offrono agli scrittori degli avvisi un materiale sempre fresco e sempre appagante la sete di notizie provenienti da ogni parte e che una organizzata rete di corrieri disseminava in ogni corte e in ogni posta di viaggio.

È impossibile offrire un quadro sia pur minimamente accettabile della complessa vita politica e degli eventi di ogni singola nazione europea, per cui mi limiterò semplicemente a riportare gli avvenimenti principali così come emergono dal racconto vivo ed efficace degli avvisi.

Testi maggiormente citati

ANONIMO DEL CAMPIDOGLIO, Memorie in forma di Annali del Pontificato di Sisto V. Copia presso lArchivio di Stato di Ancona (A. FERRETTI n. XXIV).

Philippi Honorii, Thesaurus politicus. Francofurti 1617. In realtà questa opera dellOnorio è una rielaborazione dellopera edita a Bologna nel 1603 da Lodovico RICCI: Thesoro politico nella quale si contengono Trattati, Discorsi, Relationi, Ragguagli, Instruttioni, di molta importanza per li maneggi, interessi, pretensioni, dipendenze e disegni dei Principi. Bologna Presso gli Heredi di Giovanni Rossi M.DC.III.

Casimiro TEMPESTI, Storia della vita e geste di Sisto Quinto Sommo Pontefice dellOrdine de Minori Conventuali di San Francesco. Tomo I e Tomo II uniti in unico volume. In Roma 1754, pp. 376 + 288.

Joseph Alexander DE HÜBNER, Sisto Quinto dietro la scorta delle corrispondenze diplomatiche inedite tratte dagli archivi di Stato del Vaticano, di Simancas, di Venezia, di Parigi, di Vienna e di Firenze. Versione dal francese del P.M. Filippo Gattari. Vol. I e II. Roma, Tipografia dei Lincei 1887.

Ludovico VON PASTOR, Storia dei Papi dalla fine del Medio Evo. Compilata col sussidio dellArchivio segreto pontificio e di molti Altri Archivi. Roma Desclé, 1954-1964, vol. X: Storia dei papi nel periodo della riforma e restaurazione cattolica. Sisto V.

Leopold von RANKE, Storia dei Papi. Sansoni editore, Firenze 1965.

La Spagna di Filippo II durante il pontificato di Sisto V

La Spagna,[2] rimpinguata dallenorme ricchezza che proveniva dal Nuovo Mondo, stava attraversando il suo periodo doro sotto il re Filippo II,[3] il “Cattolico” per antonomasia. Il suo era limpero su cui non “tramontava mai il sole”[4].

Lelezione di papa Peretti non era proprio nei desideri di Filippo, che pensava piuttosto al cardinal filospagnolo Serbelloni[5]. E sapevano tutti che il cardinal Montalto non nascondeva le sue simpatie per la Francia, seguendo il suo modello, papa Pio V, che lo aveva creato vescovo e cardinale, per cui non aveva mai simpatizzato troppo con Filippo II. Scrive laconicamente lHübner: “Ei non amava Filippo, né questi lui”[6].

Il motivo del distaccato atteggiamento di papa Sisto dalla politica dominatrice di Filippo è perché si opponeva con chiarezza ad una Spagna che poteva diventare una superpotenza dominatrice dellintera cristianità. E tale preoccupazione papale era condivisa anche da altre nazioni europee, dal momento che “il suo timore di fronte allascesa di una monarchia universale spagnola veniva nutrito vivamente da parte francese, veneziana e fiorentina”[7].

Le due forti personalità, quella di Filippo e di Sisto, ebbero più duna occasione di scontro. Alcuni esempi.

Alla fine del 1585 il re limitò i diritti dei rappresentanti pontifici nei territori spagnoli. Nellautunno del 1586 il re si oppose al decreto papale che vietava la cessione di benefici a favore di altri senza il dovuto consenso. Sempre in quel periodo Filippo pubblicò la “Prammatica dei titoli” per regolare autonomamente i titoli ecclesiastici (compresi quelli dei cardinali), arrogandosi una giurisdizione che non gli competeva, da vero cesaro-papista. In tutte queste occasioni papa Sisto fece sentire la sua voce, e più forte che mai. Arrivò fino a minacciare di voler mettere allIndice la Prammatica e proibì ai cardinali e ai prelati di accettare lettere provenienti dalla Spagna senza il dovuto titolo ecclesiastico, come si legge in un particolareggiato avviso del 27 luglio 1587, che riassume quanto il papa aveva detto in un concistoro di cardinali: “Nel Concistorio d ‘hoggi tenuto a Montecavallo, Nostro Signore ha voluto dar conto al Collegio di cosa, come ha detto, che gli haveva data grandissima afflittione, et dopoi che lhaveva saputa gli havea cavate le lacrime non solo dal cuore, ma da la carne ancora (che queste sono state le sue parole). Che havendo veduta una certa Pragmatica, così chiamata fatta dal carissimo in Cristo figliuolo il Re Catolico Philippo, sopra li titoli de i Vescovi, Arcivescovi et Cardinali, onde era stato constretto di avvertirlo che la Maestà Sua devesse revocare la suddetta Pragmatica, come cosa che era fuori della giurisdittione sua; et lhaverebbe messa, nel Indice de i libri prohibiti, come la Bolla di Leone X° che dannava gli articoli di Martin Lutero... Fra tanto [il papa] faceva un decreto che nessun Cardinale ardisse di ricevere alcune lettere che non havessero il suo titolo conveniente et ordinario, et non havendolo o lacelassero le lettere, o vero la rendessero a chi gliele portava, sotto pena di disobedienza et censura tale, che non ne potessero havere lassolutione né per Giubilei, né per Indulti, né per confraternità, né dal istesso Papa, che non la concederebbe” (c. 322r e 324v/87).

Gli screzi certo non finirono e, pur trattandosi di beghe di poco conto, acquistavano sempre una valenza politica che andava oltre il particolare. E a peggiorare la situazione contribuiva non poco lambasciatore spagnolo presso la corte papale, il conte Juan Enrique de Guzmàn, conte dOlivares, che non perdeva occasione di creare atti di provocazione nei confronti del pontefice, mentre a Madrid il nunzio apostolico, il bolognese Annibale Grassi, faceva gran fatica a mantenere un sereno rapporto diplomatico. DellOlivares scrive il Pastor: “Questuomo, spavaldo, sempre irascibile e litighino, non era la personalità adatta per favorire la conciliazione, mentre deliberatamente nutriva la diffidenza di Filippo verso tutti gli atti di Sisto V”[8].

Il rapporto fra papa Sisto e Filippo II si inasprirono e peggiorarono sensibilmente nei primi mesi del 1589, tanto che il cardinale spagnolo Juan Hurtado de Mendoza, inviato personalmente da Filippo al papa per sostenere le tesi spagnole, non riusciva a reggere la durezza papale: “[Si dice] chel Cardinale di Mendozza habbia scritto al Re di Spagna, instando che voglia rimoverlo dal servitio di Sua Maestà in questa Corte” (c. 204r/89).

Un fatto increscioso avvenne nel luglio del 1589, quando le galere pontificie furono costrette da una tempesta ad entrare nel porto di Gaeta (che allora faceva parte del Regno di Napoli e quindi era sotto il dominio spagnolo). Entrando in porto non fecero il saluto di rito, per cui il Governatore non le fece entrare. Saputo ciò il papa ne fu molto sdegnato “dicendo, che la Sede Apostolica è padrona del Regno di Napoli, et il Re Cattolico Signore utile, et censuario con le conditioni... et che doveva bastare a quel Governatore che dette galere fossero entrate con lo stendardo Papale” (c. 440r/89). Solo Sisto V poteva dare del “censuario” papale al grande re Filippo, cioè persona soggetta ad imposta e quindi suo dipendente, ricordandogli il diritto che il papa aveva da secoli sul regno di Napoli e Sicilia[9].

La indisponente spocchia spagnola non era sopportata da papa Sisto, né a Roma né altrove, come si legge in un avviso ancora del luglio 1589: “Nostro Signore sente disgusto della gara che mostra lAmbasciatore Vera residente in Venetia per il Cattolico di volere essere prima visitato dal Nuntio” (c. 454r/89).

Le pessime relazioni fra papato e Spagna toccarono il vertice nella prima metà del 1590 e la causa era da ricercare nel comportamento ritenuto troppo indulgente del papa nella guerra civile che dilaniava la Francia dopo luccisione del re Enrico III e nel tentativo di allacciare un pur timido dialogo con lo scomunicato e ugonotto re di Enrico di Navarra, già virtualmente re di Francia ma non ancora accettato né dalla lega cattolica francese né tantomeno dalla Spagna. Dietro la scusa della fede protestante del Navarra in realtà la Spagna nascondeva i suoi interessi politici su quel regno. E lambasciatore Olivares tirava le fila di una vera e propria ribellione contro papa Sisto. A questo proposito basta leggere lavviso del marzo 1590, che va sotto il titolo di “Considerationi sopra quello che ha intentato lAmbasciator Cattolico qui in Roma del mese di Marzo 1590 contra la Sede Apostolica” (c. 107r-v e 110v/90): “Grande veramente è stato il tentativo de Spagnoli questi giorni passati, al quale se la prudenza di Nostro Signore, aiutata da Santissimo Spirito di Dio, non havesse fatta la devuta resistenza, si può dire che le cose della Chiesa, la dignità et autorità concessa da Christo al suo Vicario sarebbe tanto supressa... La mira de Spagnoli, che non solo si contentano di havere li Principi grandi per adherenti, ma li vogliono per vassalli, era di ridurre Nostro Signore a termini tali che nelli importantissimi negotij che hora corrono per il mondo, la Sua Santità fosse priva di poter pigliare nellavenire altro consiglio che quello che dependeva dalli interessi loro. Poi volevano sforzare il Papa a scommunicare tanta nobiltà et tanti Principi et Cardinali che seguono Navarra, acciò che, fatto odioso a tutti, non potesse pigliare con loro mai resolutione alcuna... Gli Spagnoli pensano velare il loro consiglio secreto differentissimo da quanto apparentemente dimostrano, mostrandosi tanto zelanti della Religione, bisognarebbe che fossero sempre uniformi in tutte le attioni loro. Non vogliono heretici nelli Stati di altri, et pure per accommodare le cose loro acconsentirno nella loro Fiandra la libertà della conscienza; vogliono purgare la Francia, et hanno voluto lasciare infetta la Fiandra... Fanno li zelanti della Religione Cattolica et per dimostratione di ciò operano con professione et minacce di essere scismatici, non volendo obedire al Vicario di Cristo. Vogliono che lautorità data da Cristo al Papa non dependi dal suo giuditio, al quale è concesso la facultà dellassolvere et del condannare, ma dalle sue passioni di confondere il mondo per tiranneggiarlo... Gli Spagnoli con spaventi hanno voluto, et con protesti, servirsi abusivamente di questa suprema potestà, tentando di valersi del Papa come di un martello, et loro esser la mano che dia il colpo”.

Ancora in un avviso del 21 marzo 1590 si nota una seccata risposta del papa a Filippo II, durante un concistoro con i cardinali, dichiarando che solo il papa poteva decidere sul Navarra, trattandosi di foro interno: “Il Papa espose con bellissima oratione le miserie di Francia non senza lacrime, et che i Principi temporali non hanno che fare nelle cose spirituali, alludendo al Re Cattolico et massime in questa di Navarra et sua assolutione, che era materia dInquisitione, ma che ciò tocca al Pontefice, et che in questo Sua Beatitudine si governarà secondo sarà retta dallo Spirito Santo. Et intorno a questo particolare disse apertamente delle attioni et termini arditi tenuti dallAmbasciator Olivares” (c. 135r/90).

Il papa voleva trattare la faccenda francese con tutta calma, sperando nello stesso tempo nella conversione del Navarra, nella liberazione del prigioniero cardinale Borbone e nella comprensione della lega cattolica francese e soprattutto di Spagna. Ormai tutta Europa conosceva lintransigenza di Filippo II, ma anche la fermezza di Sisto: “laudacia del Conte dOlivares Ambasciatore di Spagna, che haveva fatto minacciare il Papa che haveva ordine del Re suo padrone, in caso che non scommunicasse tutti li Cattolici che sono al servitio di Sua Maestà [Navarra], di protestare di non volerlo più riconoscere. Ma che il Papa haveva mostrato animo, havendo fatto congregatione per risolvere se doveva cacciare detto Ambasciatore overo farlo punire in sua persona” (c. 230v/90).

Negli ultimi mesi della vita di Sisto V le tensioni con la Spagna divennero più acute e rimarcarono sempre più la distanza affettiva fra papa Sisto e Filippo II. Questa montante tensione era vissuta anche dal popolo di Spagna, se poté accadere a Madrid, nel giorno dellAscensione del 1590, che un gesuita madrileno, un certo Juan Jerònjmo, arrivò a tenere una predica oltraggiosa nei confronti del papa, accusato di sostenere occultamente il calvinista Enrico di Navarra. Di fronte a un tale episodio, il nunzio Grassi fu costretto ad aprire un formale processo, ma non vide la conclusione della vicenda, poiché il nunzio morì a Madrid il 21 giugno 1590[10].

Più coinvolto, invece, anche se limitato solo ad una generica promessa di aiuto finanziario, fu linteresse di papa Sisto nei confronti della più importante azione politica e militare effettuata da Filippo II durante il pontificato sistino, cioè lo scontro navale con lInghilterra.

La “perfida nemica” Elisabetta I, figlia dello scismatico Enrico VIII che aveva staccato il regno dal resto della cattolicità romana, era una vera spina al fianco del re spagnolo, per cui il sogno di Filippo era di invadere lInghilterra, avvalendosi della sua numerosa e formidabile “Armada Invencible” navale[11] e contrastare la crescente potenza marittimo-commerciale dellInghilterra, ponendo termine al conflitto che ormai da due anni veniva combattuto con atti reciproci di pirateria. Tale opposizione era ampiamente ripagata da Elisabetta, che faceva di tutto per unire contro Filippo le potenze avverse al cattolicesimo. Scrivono da Roma nel novembre 1589: “Dà maraviglia incredibile a tutto il mondo la sollecitudine della Regina dInghilterra contra tutti i professori et defensori del nome christiano, et come vaglia tanto, essendosi adoprata in maniera che a sua instanza stanno per muoversi i Germani heretici, li Turchi, i Franzesi, i Fiamenghi, i Mori, et altre nationi, oltre alle forze proprie con le quali di nuovo sta in procinto di molestare i Stati del Cattolico” (c. 714r/89).

Da diverso tempo Filippo programmava una invasione dellInghilterra con la sua flotta navale, spalleggiato direttamente e indirettamente da buona parte del mondo cattolico[12]. Già nel gennaio del 1586 si legge negli avvisi: “Si dice chel Re Cattolico habbia in essere due grosse armate per mandarle contra la Regina dInghilterra, una in Portogallo et laltra in Biscaglia, havendo Sua Maestà destinato Generale della prima il Duca di Braganza, et della seconda il Marchese Santa Croce” (c. 6r/86). Tutto era pronto per il 1587. Poi il marchese di Santa Croce morì improvvisamente e linvasione fu rimandata.

Negli avvisi possiamo seguire la cronaca quasi quotidiana dell“impresa” (come viene chiamato lo scontro navale fra Spagna e Inghilterra), che ebbe una lunga preparazione e che colpisce ancora oggi per la grandezza dei preparativi, come si legge in un avviso del 19 marzo 1588: “Nota delle provisioni dellarmata, che si prepara in Lisbona per ordine della Maestà Cattolica per lImpresa dInghilterra. 600 legni tra quali 150 Navi grosse, oltre quelle che restano per guardia di Spagna, 36 galere, 310 Vele piccole come Caravelle, e batelli, 100 Navi con solo paglia, 30 mila Spagnuoli, 2 mila Cavalli, 5 mila Portughesi, 12 mila Italiani, 15 mila Alemanni, 8 mila Marinari, 4400 tra Bombardieri, et Guastatori, 1400 mule per tirar lartiglieria, 400 Mori che governano delle mule, Biscotti un million e 900 mila quintali, 120 mila pesi di carne di porco, 150 mila pesi di formaggio, 70 mila pesi di carne salata, 25 mila pesi di tonina, 14 mila anneghe di riso, 20 mila anneghe di ceci, 24 mila pesi di oglio, 32 mila pesi daceto, 123 mila botte di vino da 20 pesi per botta, 70 mila anneghe di biade, 30 mila botte di ferri da cavallo, mila braccia di sella, 76.400 soldati da combattere” (c. 122v/88). Il numero delle navi spagnole era davvero considerevole per quellepoca, e giustifica ampiamente lappellativo con il quale veniva chiamata: “Grande y Felicisima Armada”. In realtà il progetto originario del re di Spagna era ancora più grandioso, dovendo comprendere ben 500 imbarcazioni, con il far giungere nei porti spagnoli sullAtlantico, anche buona parte della flotta mediterranea di Genova, Napoli e Sicilia, terre collegate con la Spagna.

Anche lInghilterra si era preparata allo scontro. Infatti al 30 aprile si legge: “Di Londra delli 20 del presente confermano esser di già in ordine larmata di quella Regina per la difensione di quel Regno, in caso che lArmata spagnola lo volesse molestare” (c. 128v/88) [13].

La partenza della “Armada” fu continuamente rimandata durante i primi mesi dell88. Si parlava che si dovesse fare limpresa a marzo, ma in realtà prima di maggio la flotta non fu pronta allo scontro diretto, visto la difficoltà dellinverno: “Non parendo bene a quella Maestà di arrisicare tante forze in tempori che non siano più che sicuri. Dilatione, in vero, che ha cagionato gran mortalità de soldati et marinari” (c. 182v/88). Solo ai primi di maggio si scriveva da Anversa: “LArmata dellAndalusia era partita et giunta a capo San Vincenzo, ove aspettava quella di Lisbona che doveva far vela nel primo o secondo di questo al suo viaggio, sopra la quale si trovano 25 mila combattenti, oltre il gran numero de Venturieri” (c. 230r/88) e da Venezia si scriveva il 28 maggio: “Da Madril con lettere delli 30 Aprile sintende che alli 26 larmata di Lisbona fu benedetta dal Cardinale, et piantato lo stendardo Regio sul Gallion S. Martino, et che essa Armata alli 2 Maggio doveva far vela senza fallo” (c. 232v/88).

A proposito dello stendardo della invincibile armata si legge in un avviso di Roma il 25 maggio: “Venne il Corriero di Spagna che dà nuova chel giorno di San Marco [il 25 aprile] il Re Cattolico fece benedire lo stendardo della sua armata con il Crucifisso da una banda et il Re in genocchioni da basso con le parole Exurge Domine noli tardare [Sorgi, Signore, e non tardare], et dallaltra parte la gloriosa Vergine et il Re da piedi con il motto Monstra te esse Matrem [Mostrati madre]. Il quale stendardo fu mandato dal Re al Duca di Medina Sidonia, con ordine di partire subito senza aspettare altra dilatione” (c. 227r/88).

Il 30 luglio si arrivò alla vera battaglia navale fra le due flotte marinare, che culminò nella notte tra il 7 e l8 agosto 1588, in quella che rimane nella storia come la battaglia di Gravelines. Diversi fattori giocarono a favore degli inglesi: le inaspettate avverse condizioni del mare e le violentissime tempeste si abbatterono sulle navi spagnole; linettitudine del giovane comandante generale, il duca Medina Sidonia; il non coordinamento con le forze con il Duca di Parma che si trovavano stanziate in Fiandra; la superiorità non numerica ma tecnologica delle navi inglesi (“I Marinari che erano sopra la Galeazza mi mostrorno stupire della prestezza de vascelli Inglesi, i quali con 2 timoni dinanzi et di dietro fuggono et arrivano con ogni poco di vento” c. 444v/88). Infatti la flotta inglese, inferiore di numero, era però formata da navi più piccole e maneggevoli, armate con cannoni veloci da ricaricare, al contrario dei robusti galeoni spagnoli le cui stive, in questo momento, era appesantite dai rifornimenti, con una riduzione nella manovrabilità. Mentre gli spagnoli usavano ancora la vecchia tecnica di abbordaggio ravvicinato per combattimenti corpo a corpo e avevano imbarcato sulle loro navi grossi fusti di cannoni più adatti ad una postazione di terra e lenti nella ricarica, gli inglesi colpivano i vascelli nemici con continue bordate di cannoni, sistemandosi velocemente dietro le navi spagnole e non presentando il fianco al nemico.

Alla fine, la battaglia di Gravelines causò la perdita di meno di una decina di navi spagnole. Potevano essere molto di più, ma gli inglesi avevano esaurito le riserve di polvere. A Medina-Sedonia non rimaneva che fuggire verso nord, compiendo il periplo delle isole Britanniche. Questo fu un gravissimo errore, perché il viaggio durò 44 giorni fra forti tempeste che dispersero la flotta e venti fortissimi che fecero schiantare numerosi vascelli contro gli scogli della costa irlandese, e senza che le navi potessero cercare rifugio nei porti scozzesi di re Giacomo, che dopo la morte della madre Maria Stuarda e una iniziale protesta si era consegnato a Elisabetta. Alla fine di settembre, quel che rimaneva dellInvincibile Armata, raggiunse le coste spagnole, con un bilancio catastrofico: metà dei circa 30.000 uomini non fece più ritorno a casa, vittime della battaglia, dei naufragi e della prigionia in Inghilterra. Delle 130 navi solo 8 furono affondate dagli inglesi, 65 affondarono nel corso delle tempeste.

La notizia della sconfitta fece gran fatica prima di essere conosciuta ed accettata nellEuropa cattolica, incredula di fronte a tanto imprevisto risultato. Le voci più diverse, confuse e contraddittorie circolarono per mesi, prima che si arrivasse alla verità: “Del successo dellArmata Cattolica et Inglese vien scritto tanto differentemente da molti luoghi, che veramente non si può avisare cosa certa” (c. 422v/88). A Roma passarono mesi interi prima di venire a conoscenza dei veri fatti.

Le notizie si susseguono contraddittorie per tutta lestate, tanto che il 24 agosto, ancora circolavano notizie false sulla sconfitta inglese, anche se il dubbio era grande: “Lunedì sera su le tre hore della notte venne aviso della rotta dellarmata Inglese” (c. 406r/88). A Roma addirittura si fecero feste per la vittoria spagnola: “Martedì matina allavviso sparso della suddetta vittoria contra Inglesi molti Cardinali andaro alla Chiesa di San Jacomo de Spagnoli con infinito popolo, et altri in altre chiese a rendere gratie a Dio di tanta vittoria, et come sene habbia confermatione sene faranno allegrezze publiche, et sene cantarà il Te Deum laudamus” (c. 406v/88). La fantasia non ebbe limiti e si arrivò perfino a pensare che la regina Elisabetta fosse stata spodestata dal suo trono: “Altri dicono che... i Popoli Inglesi havevano cominciato ad alzarsi contra la Regina et fattola prigione” (c. 418v/88). Anche nella Milano spagnola si era fatto festa: “Lordinario di Milano non reca altro di nuovo senonché in quella Città, et per tutto lo Stato, si erano fatte grandissime allegrezze della vittoria navale riuscita falsa” (c. 435v/88).

Ancora a settembre, dopo più di un mese dallo scontro vinto dagli inglesi, si scriveva della vittoria spagnola: “LArmata Cattolica si è di ritorno per Spagna intorno alla Scotia et Irlanda, et mena seco alcune navi inglesi, havendone mandato a fondo 38 altre, et il rimanente mal trattate sono tornate in Londra. Il che inteso la Regina sera ritirata molto mal contenta, non lasciandosi veder per alcuni giorni per il danno ricevuto nella sua Armata dalla Cattolica”. (c. 465r/88). Il lettore doveva fare una grande fatica a discernere la verità, per leccesso di notizie senza fondamento, che cominciarono a stancare gli stessi scrittori dei fogli, tanto che in un avviso del primo ottobre 1588 si legge saggiamente: “Lasciarò nella penna per questa volta lo scrivere di armata spagnola, poiché comincia a sapere di aromatico” (c. 496r/88). Altri scrittori si sentirono costretti a mettere una nota allesterno del foglio: “Foglio davisi non finti ma veri” (c. 475r/88) e “Avviso vero di tutte le cose che sono passate tra larmata di Spagna e quella dInghilterra di giorno in giorno” (c. 477r/88).

Saggiamente e prudentemente papa Sisto non volle unirsi allesultanza generale senza prima aver avuto la certezza assoluta di tale vittoria. Già alle prime ed entusiastiche notizie della vittoria spagnola il papa mostrò di non credere: “Quando martedì sera fu portata a Nostro Signore la nuova di questa guerra navale venuta per via di Colonia, Sua Beatitudine sene rise, dicendo che non posseva essere, poiché con lultime lettere era avisata che larmata spagnola, travagliata da gran fortuna di mare, era stata astretta tornare in Biscaglia” (c. 352r/88). Arrivò anche a rimproverare chi con estrema creduloneria aveva voluto festeggiare la vittoria spagnola: “Il Papa sdegnato, col Senatore di Campidoglio che hiermatina con gli officiali del Popolo Romano fece cantare il Te Deum laudamus di questa vittoria, non ha voluto dar loro audienza, andati da Sua Beatitudine per scusarsi... Di tal nuova non si è fatta fin qui allegrezza alcuna, aspettandosene la verità intiera” (c. 408r/88 e c. 418r/88).

La verità cominciò a trapelare piano piano.

Si scrisse da Anversa: “Sintende che lArmata Cattolica habbia combattuto con la Inglese con grandissimo suo dissavantaggio per causa del vento contrario havendo perso alquanti Vasselli, tra quali una galeazza presa da Inglesi sotto Cales con 30 nobili sopra, fra quali il Vicearmiraglio dessa armata et altri grandi di Spagna, mandati pregioni alla volta dInghilterra, et altri dicono gettati tutti in acqua, svalleggiando il Vascello, il quale non lhavendo potuto remorchiare labbruggiorono... Di maniera che, tral danno del mare, combattere et fuochi artificiati, mancano nellArmata Cattolica, secondo Spagnoli et Italiani, se non cinque Vasselli, et secondo Inglesi et Fiamenghi era rimasta con solo 70 di 150 Navi grosse che verano” (c. 422v/88).

Il 31 agosto cominciarono a pervenire timidamente dalle Fiandre notizie certe, almeno a grandi linee, raccontate dallo stesso duca di Parma, anche per cominciare a difendersi dalle accuse portate avanti dagli Spagnoli di non essere intervenuto ad aiutare il comandante dellarmata il duca Medina Sidonia: “Lunedì la sera si hebbero lettere per via di Milano del Duca di Parma a questo Ambasciator Cattolico, con aviso chel Duca di Medina Sidonia era stato a vista del Drago nel Canale dInghilterra, ma non già venuto mai seco a battaglia, et andatosi poi il Duca a ponere sotto vento verso Cales in spiaggia gli furono spinte a dosso dal medesimo Drago otto Navi grosse cariche de fuochi artificiati et mine col fuoco a tempo, et sarpando larmata cattolica in fretta lancore per fuggire questo incontro sotto vento, hebbe il Drago alla coda, che gli abbrugiò una Nave, havendone persa unaltra nel entrare in canale, et due restate inghiottite de facto dalla voragine del mare, et dalla fortuna sopragiunta in quel tempo, che fece transcorrere il Duca verso Fiandra più di quello bisognava, facendo in tanto sapere al Duca di Parma che posseva andare a congiungersi seco. Cessata la fortuna Sua Altezza imbarcò tutte le sue genti et cavallaria, essendo il mare in grave calma. Onde non aspettava altro che un poco di vento per passare dal detto Sidonia, che si trovava non più di 30 miglia discosto. Si che è bugia quanto è stato scritto di vittoria havuta contra il Drago” (c. 434v/88).

Il resoconto più completo e veritiero dello scontro ce lo fornisce un “Avviso vero di tutte le cose che sono passate tra larmata di Spagna e quella dInghilterra di giorno in giorno” (c. 477r/88): si tratta di un elenco che riporta le azioni più importanti e i movimenti delle navi avvenuti dal venerdì 29 luglio al giovedì 11 agosto 1588[14].

E allora si cominciò a conoscere la funerea conta dei morti e dei prigionieri, molti dei quali portati in Inghilterra e in Olanda: “In Londra è stato condotto il Viceadmiraglio, grande di 1000 botte, il quale haveva sopra 52 pezzi darteglieria et 900 huomini, de quali in una torre di Londra sono cattivi 400, tutti Spagniuoli de quali de nobili ne sono 175, i capi dei quali sono gli infrascritti...” (c. 423r/88); “Mancano 50 e più navi molte de quali non si sa dove siano et sono quelle della vanguardia che conduceva don Alonso de Leyva il quale non si sa se sia vivo o morto. Tre altri capi che sono di questa armata pochi giorni dopo giunti a Laredo sono morti et tante altre persone, che di 22 mila che erano si fa conto non siano rimaste 10 mila e questi anco vanno morendo per il molto che hanno patito” (c. 644r/88).

Ancora nel gennaio 1589 arrivarono notizie della sofferenza dei soldati spagnoli: “Di Fiandra intendevano come a pena era rimasto il nome delli vascelli dellarmata spagnola dati in terra nellIsola dIrlanda, et i soldati Cattolici parte affogati et parte tagliati a pezzi, come scrive Don Alonso di Leyna et DonnAlonso di Luzen, fatti prigioni con alcuni pochi principali” (c. 40v/88).

Drammatica la descrizione della prigionia londinese dei soldati catturati: “Mero scordato di scriverle la miseria nella quale questi lutherani hanno messi i soldati spagnoli che son stati presi insieme con il signor di Valdes, et gli altri che furono presi al primo dì cherano sopra il galeon, perché tutti sono stati menati in carette nella Città di Londra, et glhanno messi dentro una prigione nominata Bredvuel, luoco il più infame della Città... Nostro Signore Iddio infatti habbia pietà di questi poveri corpi in questo mondo, et dellanima che sono andati nellaltro” (c. 477r/88).

Laconica e sconsolata la frase dellavviso di Roma del 9 novembre, quando si legge che invece di cantare il canto di ringraziamento è meglio cantare il canto funebre per i morti: “Dellarmata Cattolica scrivono alcuni che più convenevole saria stato, a quelli che ne cantarno il Te Deum, che ne havessero cantato il Deprofundis” (c. 582v/88).

E, come spesso accade in politica, si cercò subito il capro espiatorio di tanto disastro: non volendo ammettere la reale e colpevole inefficienza del gran nobile e pari di Spagna, il duca Medina Sidonia, venne ingiustamente sacrificato, a beneficio della storia ufficiale, un oscuro capitano dellArmata, come si legge in un avviso del 28 marzo 1589: “Un tal Thres, Capitano della Generale dellarmata di Spagna pregione, sarà fatto morire per esser egli stato causa del danno passato” (c. 156r/89). Il Medina cercò anche di dare la colpa al Farnese duca di Parma che, secondo lui, non si era mosso con la sua flotta di Fiandra in suo soccorso. Il duca gli rispose a tono con una lettera risentita scritta al re Filippo, dicendo chiaramente che nessuno lo aveva coinvolto al momento giusto. Perfino papa Sisto dovette giustificare di non aver mandato una somma consistente al re Filippo per la spesa dellimpresa. In realtà vi era stato un accordo: il papa avrebbe sborsato al re un milione doro, ma solo ad impresa riuscita e solo se Filippo avesse effettivamente messo piede in Inghilterra: “Nostro Signore inteso la partita certa dellArmata Cattolica per Inghilterra disse subito la lega che si haveva conclusa con Spagna contra quella Regina, et la promessa fatta di un million doro, subito che si havesse laviso dellarrivo di essa Armata in quel Regno” (c. 290v/88). E più categoricamente viene detto da Roma ad agosto: “Il Papa istesso ha detto che come sia certo che larmata Cattolica habbia posto piede in Inghilterra è in obligo di sborsare al Re di Spagna un milion doro” (c. 406r/88). Alla mancata riuscita dellopera venne giustamente meno il concordato sborso![15].

Filippo II, che non si aspettava di certo una tale mortificante sconfitta, avuta anche con la complicità degli elementi naturali avversi, (famosa rimase la sua frase: “Io la mandaba contro los hombres, no contro los vientos y huracanes”, “Io ho inviato la mia Armata contro gli uomini, non contro i venti e gli uragani”) non si diede pace e fino alla morte covò lintenzione di una rivincita: “Con lultime di Madril avisano, che il Re Cattolico, inteso la burasca patita dalla sua armata nel Canale dInghilterra, dicesse apertamente che quando ben anco si perdesse tutta ne rifarebbe unaltra, con fermo proponimento di continuare in guerra aperta contra la Regina Inglese, et consumarvi tutti li suoi Regni” (c. 491v/88); “Il Re ha giurato di mandar fuori ogni anno armata Regale, la maggiore che potrà, contra la Regina dInghilterra, et di consumarvi fino alli Regni et lossa” (c. 491v/88). In questa testarda convinzione era spinto anche dallorgoglio dellintera nazione spagnola. Già a novembre 1588 si legge in un avviso: “Il Consiglio di Spagna, haveva fatto larghissime offerte a Sua Maestà Cattolica fino di 12 millioni doro per limpresa dInghilterra essortandola a non si destorre mai da quella, finché lhabbia fatta, et soggiogato quel Regno alla sua devotione” (c. 585r/88). Filippo era disposto a dissanguare le casse reali e a vendere ogni cosa, perfino i candelieri della sua tavola: “Con altre lettere di Spagna sintende, che quel Re era tanto intento alle provisioni dellarmata contra Inghilterra, volendo in ogni modo haverla in ordine a maggio prossimo, che una sera Sua Maestà disse che voleva spendervi fino alli proprij candelieri, che haveva innanzi con le candele accese, alzandole in quellatto” (c. 641r/88).

Insieme con Filippo anche la Spagna intera si sentì addolorata, “sentendosi per tutta Spagna lamenti et ululati fin tra le donne et putti contro quella Regina et sua armata” (c. 516r/89). Eppure, anche se amareggiata, delusa ed umiliata la nazione sostenne il suo re nel desiderio di rivincita: “Tutta questa natione sta grandemente picata di questo sinistro acidente che dessidera che si faccia tale impresa per la quale porgeva grande aiuto de danari” (c. 644r/88); “Siviglia ha offerto 65 mila scudi de entrata ... Mandril ha offerto cento miglia scudi. Toledo cento miglia scudi. Altri tanti Vagliadolid, et le altre Città di man mano anderanno facendo il medemo, in modo che non mancano danari” (c. 644v e 647r/88).

Anche gli Stati italiani occupati dalla Spagna offrivano grosse somme di denari: “La Sicilia un million doro, Napoli un million, et il Stato di Millano mezo million per servitio della impresa dInghilterra” (c. 658v/88).

Allamarezza e delusione del re Filippo e di tutta la Spagna si contrappose naturalmente la gioia della regina Elisabetta e di tutta lInghilterra. Il 27 novembre, anniversario della sua salita al trono, Elisabetta fece “gran festa” e il 28 fece solenni funzioni religiose di ringraziamento: “Che alli 27 detto si doveva far gran festa in Londra in memoria che già trentanni quella Regina successe al governo dellInghilterra in tal giorno, la quale il giorno seguente voleva andare con ogni pompa e sollennità nella chiesa di San Paulo alla predica publica per laudar et ringratiar il signor Dio, che i suoi nimici fussero stati così miracolosamente debellati senza spargimento di sangue dalcuno del suo Regno” (c. 652r/88).

Papa Sisto non nascose il suo dispiacere per il fallimento dellimpresa: “Del quale aviso il Pontefice si è afflitto fuor di modo” (c. 373r/88) e il suo dolore del papa non si fermava alla sconfitta militare, perché “Sisto V considerava le cose sotto il punto di vista religioso; egli desiderava la conquista dellInghilterra come una condizione preparatoria per ricondurre quella nazione al cattolicesimo. Al contrario, per Filippo limpresa era principalmente politica: per lui trattavasi della difesa dei suoi attuali possedimenti e della conquista di un nuovo regno”[16].

Nel mondo cattolico tale confitta fu vista come una punizione di Dio per i peccati della cristianità e fu inserita nel misterioso disegno divino che sembrava favorire leretica Elisabetta al fervente cattolico Filippo. Quando nei mesi successivi la flotta inglese scorrazzava in pieno inverno per i mari vicini alla Spagna, un avviso romano parlava di: “gran maraviglia che di Londra sia venuto insieme il Drago corsaro con tanti vascelli nel fondo dellinverno nella riviera di Spagna in pochi giorni senza danno alcuno di mare, al contrario delli legni del Re Cattolico per i nostri peccati, ma Iddio li permette forsi tante felicità per dargli poi maggior percossa, o per qualche altro arcano di sua Divina Maestà” (c. 80v/89).

Dopo luccisione del re francese Enrico III, avvenuta il 2 agosto 1589, Filippo II entrò in pieno nelle complicate vicende francesi e cercò in tutti i modi possibili di premere su Sisto V perché fosse nominato un nuovo re di religione cattolica, in contrapposizione allugonotto protestante Enrico di Navarra. Prima tramite il suo focoso ambasciatore, il conte Enrique Olivares, poi con un secondo ambasciatore straordinario, António Fernandez de Cordoba, duca di Sessa, Filippo perorò tale causa, dal momento che giudicava il papa troppo indeciso nel prendere una netta posizione: “Hora se intende, chel Duca di Sessa nellaudienza di lunedì supplicasse il Papa per parte del suo Re a volere senza dilatione veruna nominare un Re in Francia veramente Cattolico, non essendo più tempo che Sua Beatitudine stia neutrale in negotio di tanta consideratione come è questo... et Sua Beatitudine, aggradendo tal proposta, disse che voleva haver suso matura consideratione, et fare orationi acciò Iddio la inspirasse al meglio et più utile della Christianità” (c. 331v/90).

Ma la cosiddetta “indecisione” di papa Sisto aveva una motivazione politica ben precisa, oltre che spirituale: quella di sperare in una conversione del Navarra al cattolicesimo.

Di questo si parlerà qui sotto nella parte riguardante la Francia.

Il Portogallo durante il pontificato di Sisto V

Il Portogallo in quegli anni si trovava sotto la dominazione spagnola[17]. Dopo essere stato assoggettato dagli Arabi nel 712, nel XII secolo era stato riconquistato dai re spagnoli di Castiglia e Leòn e da questi era stato affidato come feudo reale spagnolo ai Conti di Borgogna. Costoro avevano originato una dinastia, che aveva regnato ininterrottamente dal 1145 al 1580.

Nel 1557 era salito al trono portoghese il re Sebastiano, figlio di Giovanna, sorella del re di Spagna Filippo II. Sebastiano morì senza eredi nel 1578 nella disastrosa battaglia di Ksar-el-Kebir, in Marocco, lasciando il trono in mano al suo vecchio zio, il cardinale Enrico I di Portogallo (era stato creato cardinale nel 1545 dal papa Paolo III), che morì dopo due anni nel 1580, spegnendosi con lui definitivamente la dinastia reale e facendo precipitare Portogallo in una profonda crisi dinastica che si concluse con lunione della corona portoghese con quella spagnola. Infatti Filippo II rivendicò il diritto sul trono del Portogallo, sia per la parentela (Sebastiano era suo nipote, essendo figlio di sua sorella Giovanna), sia per lantico potere feudale che la Spagna aveva sul Portogallo. Il Paese fu rapidamente sottomesso nel 1581 e Filippo II di Spagna fu eletto Re di Portogallo e dellAlgarve col nome di Filippo I e il Portogallo divenne una provincia spagnola retta da un Governatore. Solo nel 1640, dopo più di sessantanni di dominazione spagnola, il Portogallo riacquisterà la piena indipendenza, e il titolo di sovrano andrà a Giovanni IV del Portogallo, della dinastia dei Braganza.

Nel frattempo però a contrastare Filippo II sorse un pretendente al trono portoghese: Antonio del Portogallo (Lisbona 1531 - Parigi 1595), nipote del re del Portogallo Manuele I, che era morto nel 1521. In realtà la sua pretesa al trono non era mai stata considerata valida, perché dichiarato figlio illegittimo. Il 24 luglio 1580 Antonio si autoproclamò re del Portogallo, ma riuscì a governare solo un mese, poiché fu sconfitto nella battaglia di Alcântara dalle truppe spagnole il 25 agosto 1580. Agli inizi del 1581 Antonio fuggì in Francia, spostandosi continuamente nel timore di venire assassinato da sicari di Filippo II, finché dopo qualche anno si trasferì in Inghilterra, accolto e appoggiato dalla regina Elisabetta, che vedeva in lui un antagonista allodiato re spagnolo.

Agli inizi del pontificato di papa Sisto V don Antonio era diventato una pedina preziosa nelle mani di Elisabetta. In compagnia del famoso corsaro sir Francis Drake (il “Drago”, come viene chiamato negli avvisi) don Antonio cominciò a prendere dimestichezza con il mare, la flotta navale, i combattimenti, e già dal 1585 si parlava negli avvisi di Venezia del suo connubio con il Drake: “Dicesi essere avviso in Signoria che Don Antonio se ne sia passato in compagnia del Corsaro Dragone dInghilterra in Portogallo con 60 Navi, et 8 mila fanti datigli da quella Regina” (c. 492vr/85)

Il 28 gennaio 1588. don Antonio si trovava in Francia presso il re di Navarra: “Il Re di Navarra si fortifica in Montalbano, et seco è Don Antonio di Portogallo facendo provisioni da guerra ancor loro per tempo nuovo” (c. 62v/88).

Dalla Francia don Antonio iniziò a tramare contro Filippo II e iniziò a programmare un colpo di Stato in Portogallo: “Ci è confermatione della spia di DonnAntonio di Portogallo presa in Lisbona nellimbarcare, che haveva fatto sopra una Nave per andarsene con due cassette, una piena di lettere, et laltra di gioie, che portava al suo Signore di commissione de gentilhuomi principali Portughesi suoi amici, de quali 15 con dui mercanti de primi di Lisbona se ne erano fuggiti subito, che intesero la presa di questa spia, che come si accorse, che era scoperto, buttò in mare una delle sudette cassette, credendo, che fosse quella delle lettere, ma equivocò dallaltra delle gioie, et così restava chiara, et scoperta la congiura, et intelligenza con DonnAntonio, et in dette lettere lo essortavano instantemente a volersi ritrovare a vista di Lisbona subito partita larmata Cattolica per Inghilterra, perché si sarebbero allhora alzati, et creatolo Re loro” (c. 71r-v/88).

A dicembre del 1588 don Antonio ricevette dalla regina Elisabetta laiuto inaspettato: “Lultime dInghilterra delli 13 del presente portano la confirmatione della preparatione di alquanti Vasselli per Don Antonio” (c. 9r/89).

Al 5 aprile 1589 si scriveva da Lione che 200 navi inglesi andavano verso Portogallo, sperando in qualche aiuto locale per la sollevazione del popolo: “A Dovre, porto dInghilterra, sera fatta la massa dellarmata di quella Regina, quale è di più di 200 vele, di quale era Generale il Drach, e sopra essa andava Don Antonio, per il che si tiene per certo se nandrà alla volta di Portugallo, dove potriano havere qualche intelligenza” (c. 234v/89). Elisabetta non voleva esporsi troppo, tanto che aveva detto a Drake di combattere solo se vedeva il popolo portoghese in rivolta e di non fermarsi in Portogallo più di 5 giorni (c. 474v/89). Naturalmente la regina inglese non faceva nulla per nulla, per cui aveva concordato con don Antonio che in caso di vittoria “essa Regina fosse padrona delle fortezze et vi tenesse presidio Inglese. Che DonnAntonio gli pagasse 300 mila scudi lanno, et la navigatione libera et commune” (c. 490r/89). Maggiori dettagli dellaccordo si trovano in una corrispondenza da Roma del 26 agosto 1589[18].

Ai primi di luglio si scriveva dalla Spagna che don Antonio e il Drake erano sbarcati con 140 vascelli nel porto di Cais, 12 miglia da Lisbona, con 12 mila soldati e che gli schiavi neri si erano ribellati a favore di don Antonio (c. 424v/89). Dopo qualche giorno don Antonio riuscì ad occupare un sobborgo di Lisbona, quello di S. Antonio, con la complicità di alcuni sostenitori che avevano ammassato “molte armi, vettovaglie et danari in chiese e monasteri” (c. 427v/89). In realtà don Antonio si aspettava la sollevazione in massa della città, che però non avvenne, anzi il viceré di Portogallo, il cardinale Alberto dAustria[19] organizzò una strenua resistenza, tanto che vennero uccisi 1500 Inglesi dei 16 mila sbarcati (c. 436r/89). Quella tragica spedizione venne descritta lungamente e nei minimi particolari in un avviso che giunse a Roma da Lisbona in quel mese di luglio del 1589 (cc. 448r-450v/89). Ed con altri avvisi si scrisse del vanitoso modo di comportarsi di don Antonio, che si sentì re di Portogallo per qualche giorno: “Parlasi variamente delle cose di Portogallo, non essendoci lettere più fresche delle scritte con le precedenti, et il Governatore di Milano scrive che DonnAntonio, mentre fu nelli Borghi di Lisbona, fece come Re di Portogallo et pro tribunali sedente con la corona in testa, diversi decreti et speditioni, dando cariche, con promessa di ritornare li Portughesi in libertà... Alcuni dicono, che si trovasse in Cascais, et altri che havendovi lasciati 700 Inglesi fossero tagliati poi a pezzi da Spagnoli, non essendo il Drago stato mai di voluntà di sbarcare in Lisbona, overo Portogallo, per le difficoltà che si vedeva” (c. 452v/89).

Dopo la fuga e il ritorno inglorioso in Inghilterra di don Antonio e del Drake il re Filippo II usò la mano pesante contro i congiurati e in un avviso romano del 9 marzo 1589 leggiamo: “Di Portogallo scrivono essere seguita acerbissima giustitia di quelli che somministravano denari, et tenevano intelligenza con DonnAntonio, essendone stati alcuni squartati dalle galere, et altri da cavalli, et chi impiccati, et accoppati” (c. 111r/88). Fra i giustiziati ci furono anche molti religiosi che, da patrioti portoghesi, si erano schierati a favore di don Antonio, ed erano di coloro che gli avevano preparato armi dentro Lisbona: “Si mandarà qua [a Roma] per havere licenza di giustitiare molti Religiosi, tra quali Frati Domenichini scoperti fautori et intelligenti con DonnAntonio, per cui havevano radunato armi et monitioni nelli proprij monasterij” (c. 464vr/88).

Contemporaneamente al colpo di Stato portoghese don Antonio aveva tentato inutilmente anche di generare disordini nel sud della Spagna con lappoggio dei “Mori”: “Confermasi i rumori, occisioni, et giustitie seguite in Granada di quei Mori, che sedotti dalla sudetta perfida Regina et da DonnAntonio di Portogallo, havevano congiurato contra Spagnoli dellistessa maniera, che si è inteso de Portoghesi, con i quali i detti Mori tenevano intelligenza, et dalla scoperta congiunta di Portogallo si era venuto in cognitione di quella de Mori fuggiti in numero di 6 mila, de quali giornalmente andavano pigliandosi, et erano apiccati subito nel medesimo luogo, che si trovavano” (c. 162v/88).

La simpatia della Regina inglese verso don Antonio non venne meno, tanto che da Venezia il 3 dicembre 1588 si scriveva: “La Regina haveva creato Don Antonio di Portogallo Generale delli Vasselli, che faceva ponere allordine per mandarli verso le Indie” (c. 612r/88). Nello stesso giorno giungeva da Anversa un avviso analogo: “De commissione della Regina serano armati in quel porto 80 Vascelli in servitio di Don Antonio di Portogallo” (c. 638v/88). E scrive lOnorio che Elisabetta “tiene presso di se con honorata pensione Don Antonio di Portugallo, col mezzo del quale va guadagnando se non altro lanimo de Portughesi”[20].

Agli inizi di aprile del 1589, un anno dopo il disastro della Invincibile Armata, don Antonio accompagnò ancora una spedizione inglese presso le coste portoghesi, al comando ancora del Drake. La flotta della spedizione era composta in parte di navi della corona inglese, in parte di navi corsare in cerca di bottino, con laggiunta di alcune forze offerte dal re del Marocco, a sostegno delle mire di rivendicazione di Don Antonio: “Li Corsari Inglesi si trattenevano nello stretto di Ghibilterra con pensiero di dar per ostaggio un figlio di Don Antonio al Re di Fetz, il quale allincontro deve dare a questi Pirati 10 mila Cavalli di numero, che si fà conto congiunti che saranno questi Corsari con larmata del Drago haveranno facoltà di mettere in terra 20 m[ila Combattenti” (c. 206r/89); “A Dovre porto dInghilterra sera fatta la massa dellarmata di quella Regina, quale è di più di 200 vele, di quale era Generale il Drach, e sopra essa andava Don Antonio, per il che si tiene per certo, se nandrà alla volta di Portugallo” (c. 234v/89).

Don Antonio, con tutto lingenuo ardore tipico di un esiliato che spera sempre e che sogna impossibili rivincite, credette che la sua presenza davanti alle coste del Portogallo avrebbe provocato una rivolta generale contro Filippo II, ma in realtà non successe nulla e la spedizione si concluse con un totale fallimento.

Questo fu lultimo tentativo di una riconquista del Portogallo da parte di don Antonio. Da allora egli cadde in miseria e trascorse i suoi ultimi giorni a Parigi, ove morì nel 1595.

Sorge spontanea a questo punto una domanda: cosa pensava Sisto V di don Antonio di Portogallo e del suo mancato tentativo di rendere indipendente il Portogallo dalla Spagna?

In realtà negli avvisi non traspare alcun giudizio in merito, ma in una lettera del 30 settembre 1588 e indirizzata a Filippo II dallambasciato spagnolo a Roma, lOlivares, si accenna ad un ripetuto intervento del papa al re Filippo a favore di don Antonio: “Señor, un Cardenal me ha contado un largo coloquio que tubo con S. S... Esplicò en particular el haber embiado à decir à V. M. dos vezes por mi medio, y otars tantas, que D. Antonio por el suyo habia querido recobrar la gracia de V. M.” (“Sire, un cardinale mi ha raccontato di una lunga conversazione che ha avuto con Sua Santità... Ha detto in particolare che più volte, ed altre due per mezzo mio, ha chiesto a Vostra Maestà che Don Antonio era disposto a chiedere la grazia di Vostra Maestà, con il suo intervento”)[21]. Forse papa Sisto desiderava già, in prospettiva storica, lindipendenza del Portogallo, anche per ridimensionare la pericolosa e famelica grandezza della Spagna.

La Francia di Enrico III ed Enrico di Navarra durante il pontificato di Sisto V

Nella seconda metà del Cinquecento la Francia era alle prese con continue guerre civili, per motivi politici e di religione, su cui già tanto scrissero i contemporanei[22].

Dal 1575 la Francia era retta dal re Enrico III, figlio di Caterina de Medici e fratello del defunto re Carlo IX, che con la strage degli Ugonotti nella “notte di S. Bartolomeo” (compiuta nella notte tra il 23 e il 24 agosto 1572) aveva finito per screditare pesantemente la monarchia. Enrico era colto, molto religioso, ma non aveva figli. Fra i possibili eredi al trono vi era il parente maschio più prossimo, cioè Enrico di Navarra, che si era convertito al protestantesimo e guidava i protestanti di Francia di confessione calvinista, che si facevano chiamare “ugonotti”. Il re Enrico volle sempre e sinceramente fare da mediatore nel conflitto di religione cercando una possibile soluzione fra cattolici e ugonotti.

Questa in sintesi la situazione della Francia allinizio del pontificato di papa Sisto V e lo scontro religioso in Francia assorbì interamente le sue pur esuberanti energie[23].

Il primo atto di una certa gravità e peso politico verso la Francia, il papa lo fece a cinque mesi dalla sua elezione, quando fu costretto dalla Spagna a lanciare la scomunica al Navarra[24], anche se esitante e se “più tardi conobbe di aver commesso un errore”[25]. In questo modo il solco fra ugonotti e cattolici si allargò sempre più e il re Enrico vide infrangersi la sua politica di paciere del suo regno. Con questa scomunica il papa di fatto cancellava i diritti di successione del Navarra al trono di Francia, in quanto considerato “eretico”. Il fatto produsse grande impressione in tutta Europa, da una parte e dallaltra degli schieramenti opposti, mentre il Navarra rispose alla scomunica papale per bocca del giurista Pierre de lEstoile indirizzandogli una lettera con cui si rivolgeva al papa chiamandolo sprezzantemente “Monsieur Sixte soidisant pape” (Signor Sisto, sedicente papa) e a Leida (Olanda) fu dato alle stampe un duro e polemico libro a difesa del Navarra, dove si leggeva che papa Sisto era “arcieretico e anticristo”[26].

Fino al 1587 non si verificò alcuno screzio fra papa Sisto e il re Enrico (se si eccetta la sgarberia del re di non accettare il nuovo nunzio del papa, Fabio Mirto Frangiapani: c. 275r-v/85), anzi si legge in un avviso dellaprile 1587 la commozione di papa Sisto per questa amorevole amicizia: “Et sintende, che con molta dolcezza communicasse alli suoi intimi come sempre si sia deportato bene con Sua Beatitudine quella Maestà” (c. 142r/87).

Forte e decisa era anche la volontà del re Enrico di rimanere fervente cattolico e di non entrare nellorbita del protestantesimo. La regina Elisabetta, aveva più volte tentato Enrico con molte promesse di armi e di denaro a staccarsi dalla lega cattolica, ad accettare gli ugonotti, a farsi protestante e ad allearsi con lInghilterra nella lotta contro la Spagna, ma Enrico era stato sempre irremovibile. Si legge infatti negli avvisi del 1585: “Di Francia sintende, che la Regina dInghilterra havendo molto laccordo fatto con il Re Christianissimo, et Principi collegati, havea mandato a quella Maestà Ambasciatori pregandola, che volesse sopportare i luterani, et permetterli di vivere con libertà della loro coscienza, promettendoli daiutarla dhuomini darme, et di danari contra quei della lega, a che il Re non ha voluto consentire” (c. 406r/85); “La Regina de Inghilterra haveva mandato in Corte per intendere dal Re Christianissimo se si rendeva Capo della Lega [inglese]... et Sua Maestà haveva risposto, chessendo sua professione, et de suoi antecessori di vivere cattolicamente, non intendeva perciò di farle pregiuditio alcuno” (c. 492r/85).

Ma in Francia in quegli anni 1585-87 montò sempre più la contrapposizione fra i due schieramenti religiosi dei cattolici e degli ugonotti e si notava sempre più la debolezza e lincertezza del re sia in campo politico che religioso[27]. Il nuovo nunzio pontificio, Giovan Francesco Morosini scriveva che “lodio dei popoli è grande contro il governo”[28].

Fu allora che nel 1587, vista lincertezza del re, nacque a Parigi, e subito divenne forte, la lega dei cattolici francesi, unalleanza costituita da nobili, commercianti e religiosi che erano decisi a non scendere a patti con gli ugonotti e a non far assolutamente salire sul trono di Francia un protestante[29]. Era capeggiata dalla potente famiglia dei Guisa ed aveva un alleato prezioso in Filippo II, sempre pronto a contrastare la vicina-nemica Francia, dal momento che tutti sapevano che “queste due nationi sono rivali et odiose insieme per ogni tempo” (c. 47v/90). Naturalmente lamicizia di Filippo con la lega francese e con i Guisa non era proprio del tutto disinteressata, perché in caso di una vittoria dei Guisa sul re di Francia e sul Navarra, il re spagnolo sperava come contropartita di annettersi qualche pezzo di Francia[30].

Ben presto la lega si diffuse in molte città francesi e, forti della scomunica al Navarra, i Guisa e la lega cercarono di controllare a loro favore il potere regio, proponendo al re Enrico di aderire alla lega e di stipulare un accordo molto favorevole ai cattolici: “Che siano revocate tutte le concessioni fatte dal Re alli Ugonotti. Che tutti li Ministri Predicanti altra Religione che la Cattolica debbano sgombrar subito dal Regno. Che quelli che non vorano vivere cattolicamente vadino via con li suoi mobili, altrimenti se gli habbi a proceder contra come heretici per la Santa Inquisitione et come ribelle del Re con le armi in mano. Che restino in posto del Duca di Ghisa una Piazza chiamata Verdun et unaltra Digiun, et in potter del Duca dUmena suo fratello poste in Borgogna, Normandia et Ciampagna” (c. 355v/86). Inizialmente il re Enrico dovette accettare la lega, ma quando alla fine di giugno dell87 il duca di Guisa iniziò a conquistare alcune città il re cominciò a preoccuparsi della sua capitale e ad ammassare a Parigi diverse truppe straniere, soprattutto provenienti dalla Svizzera. Ciò diede occasione a molti “rumori” fra il popolo: “Qui corre voce che in Francia siano grandissimi rumori, chel Re si sia dechiarato non di Ghisa, et habbia nominato suoi successori nella corona o Navarra o Condè, et che per questo Monsignor di Ghisa shabbia impatronito della Città di Cambrai, et gli soldati di quel pressidio habbino poi occupato la fortezza di Sciatelet presso Ghisa, che haveva pagato le sue genti con scudi di Spagna, dicendosi ancora chel Conte Carlo di Mansfelt sia per passare in Francia con le sue genti spagnuole in aiuto dessi Ghisa, gli quali habbino pensiero di dechiarar un altro Re” (c. 208r/87). Si era ormai allo scontro aperto fra il re e i Guisa e le due parti si avvicinavano a potenze contrapposte: il re allInghilterra e i Guisa alla Spagna.

Nel frattempo papa Sisto, che era ancora molto vicino al re Enrico III, indisse il 28 ottobre 1587 un giubileo straordinario per una settimana (poi prolungato per unaltra settimana per il gran concorso di gente) per pregare per la situazione di Francia: “Nel Concistoro... il Pontefice essortò con bellissimo sermone il Collegio a pregare Iddio per il felice successo delle cose di Francia, per le quali darebbe fuori un Giubileo amplissimo, simile a quello dellanno santo, per tutti quelli delluno et dellaltro sesso che nelli giorni deputati visitaranno le Chiese della Trinità, di San Luigi et di Santa Pudentiana, faranno elemosine et pregaranno per lestirpatione delle heresie et vittoria del Christianissimo contra i Luterani nelle presenti turbulenze di Francia” (c. 458r/87)[31].

A gennaio 1588 il distacco affettivo ed effettivo fra il re e i Ghisa si fece sempre più profondo. Il re si avvicinava sempre più al Navarra, e al 30 aprile 1588 si legge: “Di Francia chel Re Christianissimo inclinava alla pace con Navarra” (c. 191vr/88).

Nel frattempo un identico distacco si era creato fra il re e il popolo parigino. Al 4 maggio 1588 si scrive: “Si dice ancora che i Parigini vogliano che il Re riduchi le cose del Governo a gli ordini antichi, restituendo la loro autorità ai Magistrati. Che vuole che si levi di torno i Mignoni, massime Pernon[32]. Et che dadesso dichiari il suo sucessore” (c. 200r/88).

A maggio 1588 il popolo parigino si sollevò contro il re, innalzando barricate, inneggiando alla lega cattolica e al duca Enrico di Guisa come “colonna della Chiesa”. Il re cercò di far intervenire i suoi Svizzeri ma ormai Parigi era sollevata e la fuga del re a Chartres fu lunica soluzione. Il duca di Guisa invece era con il popolo in città.

Questo momento critico è raccontato in una lettera da Parigi del 15 maggio: “Essendo il popolo così in arme con grandissimo tumulto furono tirate tutte le catene che sono a cantoni delle strade, et insieme chiusi con botti, pietre, carri et travi et con altre materie, in maniera che tutta la città di dentro fu fortificata in poco spacio di tempo... Questi della città, hoggi che sono li 15, si sono impatroniti dellArsenale et della Bastiglia... Il Re più segretamente che poté montò in carozza accompagnato da pochi et se nè ito a Sciarters, minacciando questo popolo dogni crudele vendetta... Al signor Duca di Guisa ricorrevano tutti i capi della Città come a suo liberatore” (cc. 238r-241r/88).

Inizialmente il popolo parigino chiese al re di tornare a Parigi, ma egli sdegnato rimase a Chartres: “Di Francia con lultime sintende, chel Parlamento et Città di Parigi havevano mandato dui Presidenti et 6 Consiglieri con alcuni di quei suoi domestici Penitenti al Re, il quale si trovava tuttavia a Ciattres, supplicando Sua Maestà a volere ritornare in Parigi, chiedendole perdono in quel che havessero fallito. Il Re haveva risposto di non volervi tornare, ma passarsene a Bles per consultare ivi quid agendum con molti Principi, et nobiltà corsa in aiuto del loro Re” (c. 206r/88).

La notizia della rivolta di Parigi e della fuga del re fece subito il giro dEuropa, attraverso gli avvisi che trovavano i motivi della rivolta nelle tasse fatte riscuotere dal re dai soldati svizzeri, oltre che nella sua neghittosa incertezza nella guerra contro gli ugonotti.

L11 giugno 1588 circolò a Venezia una lettera inviata al re Enrico dal duca di Guisa, che giustificava il suo comportamento: “Si vede qua un discorso et una lettera piena di humiltà et riverenza, scritta dal Duca di Ghisa al Re Christianissimo, ove fa manifesta dichiaratione di essere fidato suddito et buon servitore di Sua Maestà et che la sua intentione non fu mai di cagionare novità alcuna in quel Regno, ma solamente di muover larmi contra li communi nimici di Santa Chiesa et di Sua Maestà (c. 260v/88).

Papa Sisto non volle intervenire subito in questa situazione ma ne fu addoloratissimo perché intuiva quale solco profondo e insanabile si era aperto fra il re e la parte cattolica. Da una parte esortò vivamente il duca di Guisa a sottomettersi al re, e dallaltra allambasciatore francese, il cardinale Rambuglietto[33], che chiedeva un intervento in merito, il papa rispose negativamente, facendo capire chiaramente che il tutto era stato causato dalla indecisione del re nello schierarsi apertamente nella guerra agli Ugonotti: “Fece instanza lAmbasciatore di Francia al Papa ultimamente che Sua Beatitudine volesse mandare al Christianissimo un Prelato o altro Signore a consolare Sua Maestà in questi frangenti, et ad offerirle laiuto della Sede Apostolica, et perché il Pontefice rispose, che non gli pareva necessario, essendoci buona speranza di accordo, et che il Re doveva una volta risolversi ad estirpare gli Ugonotti del suo Regno cagione di tante rovine et guerre continue” (c. 270r/88).

A metà giugno 1588 sembrava che fosse vicino un accordo fra il re, i parigini rivoltosi e i Guisa. Addirittura il re inviò dei “capitoli” al parlamento parigino, dicendo di voler dimenticare “tutte le cose passate et abbracciare li Prencipi Cattolici et continuare nella buona volontà che ha prestato sempre alla sua Città di Parigi, pur che gli habitanti dessa si riconoschino et si portino come devono verso il suo Re” (c. 284v/88). Ma alla fine di giugno lo scontro fra re e “i rebellati si fece sempre più evidente e ogni parte cominciò a prepararsi al peggio, occupando città e cercando danari per formare eserciti, tanto che “le cose si vedevano più intricate che mai” (c. 288r/88).

Tale situazione di contrapposizione fra lega e re si prolungò per tutto il secondo semestre del 1588, fra scontri e tentativi di riconciliazione. Infatti il 6 luglio 1588 si lesse che fra le due parti non poteva mai più esserci accordo e che ormai la guerra civile era sicura: “Non vi si vede altro termine di concordia, se non che in Fanti, per lo più si governano a caso, et non con raggione. Perché nel resto, ogniuno delle parti sarma et sostina” (c. 287v/88), ma si lesse anche che il 31 luglio vi era stato un incontro commovente fra il re Enrico e il duca di Guisa, alla presenza della “regina madre” Caterina de Medici: “Lultimo di luglio giunsero a Chartres la Regina madre et con lei li Cardinali scritti [di Borbone et di Vandome] et il signor Duca di Guisa... Il Re incontrò nella sala la Regina madre, et dopo haverle fatto quello honore che conveniva, abbracciò li Cardinali strettamente, et dopo questi il signor Duca di Guisa, il quale con humilissima riverenza sinchinò a Sua Maestà con ginocchio fin in terra, onde la Maestà Sua lo sollevò et abbracciò due volte molto teneramente per quanto si vidde. Sua Eccellenza con molta sommissione servì la Maestà Sua alla cena, et le diede la salvietta, trattenendola mentre cenava, et dopo cena ancora stette discorrendo con Sua Maestà sino allhora di ritirarsi, et dallhora in poi la Maestà Sua gli ha fatta così buona ciera, che non havrebbe Sua Eccellenza saputo desiderarla maggiore” (c. 429r/88). Addirittura al 18 agosto si scrive da Parigi: “Il Duca di Ghisa, favoritissimo del Re et come padrone, è fatto Generale de gli esserciti tutti, et ne ha prestato giuramento di fedeltà” (c. 444v/88).

Al 5 novembre regnava una certa calma e addirittura il duca di Ghisa si trovava a corte a Rouen, completamente a suo agio. Il re lo aveva nominato generale di tutto lesercito, tanto che il Navarra “detestava la partialità di Sua Maestà troppo dependente da Ghisi suoi nemici” (c. 572v/88).

Il dramma scoppiò a dicembre, due giorni prima di Natale, nel castello di Blois, dove il re era andato per lassemblea degli Stati generali: il 23 dicembre 1588 il re ordinò luccisione del duca Enrico di Ghisa e il 24 di suo fratello, il cardinale Luigi di Ghisa. Egli stesso fu presente ai due fatti e diresse personalmente le due uccisioni, eseguite dalla sua fedelissima guardia.

La sconvolgente ed inattesa notizia dei due omicidi giunge a Roma (e nel resto dEuropa) solo ai primi di gennaio dellanno nuovo. Questo lAvviso di Roma del 7 gennaio 1589: “Mercore su le 22 hore giunse qua corriero da Bles al Cardinale di Gioiosa dal suo Re... circa il fatto che la matina del venere, antivigilia di Natale, il Re mandò a chiamare per il secretario Rivol il Duca di Ghisa, che era in Consiglio. Il quale inarrivando in un corritoro serrato vicino alle stanze regie trovò otto huomini armati, che erano della guardia delli 45 gentilhuomini di Guascogna et Linguadoca eretta già da esso Ghisa et Pernon, che hanno 100 scudi per uno al mese di provisione, i quali a pugnalate luccisero, presente Sua Maestà, la quale gli rimproverò prima linfedeltà usata più volte al suo Re, et il Duca dicono rispondesse “Per li miei peccati” senza possere far diffesa. Al medesimo tempo come una cosa pensata un pezzo prima fu trangolato il Cardinale di Ghisa dal carnefice, per non havere gli arcieri del Re o altri voluto ucciderlo per essere prete... Fatto ciò il Re andò a darne parte alla Regina madre, che si trovava in letto inferma, restata attonita a tale annuntio, soggiungendoli “Hora conosco che sono Re, et uscito di paggio”. Dindi a poco Sua° Maestà uscì in publico a messa con il medesimo silentio et quiete come se non fosse successo novità veruna, dicendosi che appresso Sua Maestà darà fuori un manifesto delle cause che lhanno mossa a far questo” (c. 6r/89).

Il Pastor aggiunge che quando il re portò la notizia dellassassinio alla regina madre, Caterina de Medici, dicendo che Guisa era morto e che finalmente era lui il re di Francia, la madre gli rispose: “Tu hai rovinato il regno!”[34].

Il papa venne informato dellaccaduto dallambasciatore francese, il cardinal Rambuglietto, nei primissimi giorni dellanno: “LAmbasciatore Christianissimo hiermatina fu dal Papa a dimandare per parte del suo Re lassolutione di questo homicidio, ma da Sua Santità che ha mostrato grandissimo cordoglio et passione della morte del Cardinale, rispose che di questo fatto voleva consultare bene con una Congregatione de Cardinali. Concludendosi che questo fatto sia per partorire strane cose” (c. 6v/89). Ma giunse al papa anche una dura e commovente lettera del fratello dei due uccisi, Carlo di Guisa o di Lorena, duca di Mayenne (Umena), scritta direttamente al papa da Parigi lultimo di dicembre 1588: “Beatissimo Padre. Lhomicidio crudelmente commesso nella persona del morto Signor Duca di Guisa, mi fà scrivere questa a Vostra Santità per supplicarla humilissimamente di considerare, come con sinistri et abominevoli mezi, si cerca di ruinare li più zelanti figlioli della Chiesa di Dio, et li più intieri protettori della religion Catolica... Et perché la più pungente ingiuria è stata commessa contro la casa nostra, alla quale Vostra Santità ha per il passato fatto questo honore di dimostrare la sua dilettione et ricognoscerla particolarmente come quella, nella quale non nacque mai niuno che non sia stato delli più intieri et zelanti figlioli della Chiesa, senza mai mutare dun puntino solo, massime che non si trova quasi niuno delli nostri antecessori il qual, doppo lintroduttione di questa nuova eresia, non sia morto per estirparla... Vostra Santità non permetta che al tempo del suo Pontificato la persecutione di più zelanti cattolici cominci ad haver credito et auttorità della giustitia o delli giustitieri di questo regno di Francia, detto Christianissimo... Da Parigi lultimo di Decembre 1588. Della Vostra Santità humilissimo et obedientissimo Servitore. Carlo di Lorena Duca da Aumala.[35]

Anche re Enrico volle dare la sua versione dellomicidio da lui compiuto e lo fece con un “manifesto” per esprimere davanti al mondo le ragioni e le cause che lo avevano indotto a tale gesto. Il “manifesto” non ha una data precisa, ma certamente fu stilato nei primissimi giorni dopo il fatto: “Le prime mosse del Duca di Ghisa in questo Regno lanno scorso hanno assai chiaramente fatto conoscere in sin altra intentione che quella del suo pretesto, perché havendo lui coperto il suo tristo disegno sotto pretesto di Religion Cattolica et estirpatione delle eresie, tutte le sue imprese sariano state seguite nelle Città Cattoliche delle meglio che ha posuto impatronirsi, per cominciare a mettere buoni fondamenti alli disegni suoi già longho tempo, tirati alla usurpatione di questa Corona... La presa et il caso di Parigi è stato poi il complimento del male et pur Sua Maestà volendo non ostante questo evitare ogni ocasione di guerra fra li suoi Cattolici haveva estinto ancora questo fallo con secondo editto, pensando dover adolcire la durezza del cuore di esso Duca con tante gratie e favori concessoli, quanti mostrava dessiderare, ma la sua ambitione havendo più alti disegni che di volere dipendere daltri in loco di riconoscere li oblighi che haveva al Re et convertirli in farvene servitio lui se ne serviva in fortezza a nuove machinationi et imprese... Ha usato il Re tutta la patienza et prudenza che ha potuto... Sua Maestà è stata sforzata di far perdere la vita a esso Duca di Ghisa, come seguì alli 23 di Decembre anno presente 1588... Volendo Sua Maestà... di non più sopportare li dispretij della sua hautorità, ma farne fare così severo castigo verso quelli che mettono in obblivione il debito loro verso lei, che ognaltro ne prenderà esempio”[36].

Altri raccapriccianti particolari dei due omicidi giunsero ai primi di febbraio 1589: “Raccontano questi Franzesi, che quando il Re volse far morire il Cardinale di Ghisa non trovasse altro per questo effetto chel Capitan Griglione, et egli radunato alcuni con promessa dal Re di 300 scudi per uno lo fece ammazzare, chiamando il Cardinale, il quale come sentì chiamarsi fu presago di dover morire, et giunto in cima ad una lumaca in vedere li sicarij, alzato le mani al cielo, et invocato laiuto divino, si coperse gli occhi con le mani quietamente mentre lo ferivano. Et aggiungono chel Re dopo haver tenuti li corpi delli Germani Ghisi tre dì insepolti, li fece fare a bramo a bramo et ardere nella propria cucina” (c. 72r/89).

Dopo questo fatto ancor più si contrapposero i due schieramenti: a favore del re o a favore di Guisa, naturalmente con motivazioni diverse. Illuminante lAvviso romano dell11 gennaio 1598: “Gli adherenti della corona di Francia defendono questo atto, dicendo chel Duca di Ghisa era un seditioso, causa della sollevatione di Parigi, pensionario di Spagna, con cui tenesse continua intelligenza, che havesse trattato di uccidere il Re la Vigilia di Natale, et finalmente incorso con li Collegati in crimen lesae Maiestatis, per le qual cose habbia meritata la morte... Allincontro quelli della lega dicono che la casa Ghisa, cattolichissima per ogni tempo, habbia in tutte le guerre passate aiutato col sangue, con denari et genti in gran numero la corona di Francia, quando che non restava al Re alcun riparo o remedio, et mantenutolo in Stato contra gli Ugonotti et forze straniere” (c. 15r/89).

Sembrava quasi che Sisto V si aspettasse una tragedia del genere. Comunque era normale che “ardesse di sdegno” al sentire la notizia, soprattutto per la uccisione a sangue freddo del cardinale, una persona ecclesiastica di alto rango che faceva parte del “senato” del papa, la cui morte era inconcepibile da parte di un re “cristianissimo”, e contraria al diritto canonico e civile, “come se nel mondo non ci fusse il Papa Vicario di Cristo né nissuna autorità della Santa Apostolica Sede” (c. 20r/89). E per il papa era ancora più assurdo tale gesto, dal momento che lo stesso re aveva chiesto, pochi giorni prima della strage, di far cardinale larcivescovo di Lione (ora prigioniero del re) e di nominare legato pontificio ad Avignone lucciso cardinale di Guisa.

E il papa si sfogò con i cardinali nel primo concistoro del 1589, il 9 gennaio. Ci è pervenuto il lungo testo, pronunciato in latino davanti al collegio cardinalizio. Fu un discorso di una persona fortemente addolorata, perché un membro proprio di quel collegio era stato barbaramente eliminato (“Infandum dolorem explicare cogimur, et vere hodie infandum tum quia nec eum fari, vel exprimere possimus, tum quia propter infandum et inauditum scoelus, et sacrilegium illum conceperimus. Occisus est Cardinalis Guisius, occisus est Presbyter Cardinalis, qui erat Archiepiscopus Remensis”), con accenti accorati, drammatici e fortemente polemici per un omicidio perpetrato senza un giudizio (“occisus est, non judicatus aut damnatus praecepto legis”), senza minimamente interpellare il papa o il suo legato Morosini a Parigi (“Non poterat illum interim detineri et custodiri facere et deinde nobis scribere et scire quid desuper agendum esset, et espectare mandatum nostrum, vel si nolebat expectare nonne poterat consulere Cardinalem Morosinum Legatun nostrum?”) e senza tener conto della dignità dei due uccisi (“occisus est tanquam vilis, aut plebeius quispiam nulla juris, nulla gradus aut Pontificalis ordinis, nulla dignitatis aut Cardinalatus habita ratione”) e con strafottenza del potere laicale (“Ille Cardinalis atrociter occisus est potentia laicali, nulla Sedis Apostolicae aucoritate aut permissione”). Il discorso fece anche riferimenti storici, con esempi delluccisione di Thomas Becket da parte del re inglese Enrico VIII e del duro scontro fra limperatore Teodosio e SantAmbrogio. Il papa concluse che ora egli avrebbe agito secondo giustizia (“Nos igitur faciemus iustitiam, et quod Deo placuerit, et quod iustum fuerit.”)[37].

E durante quello stesso concistoro il papa fu aspro con il cardinale francese Gioiosa che voleva parlare a difesa del suo re. Così si legge nellavviso dell11 gennaio 1589: “Né permise Sua Santità al Cardinale di Gioiosa che parlasse, dicendoli allaprire la bocca con sdegno: Osi parlare?, et Sua Beatitudine soggiunse altre parole piene di santo zelo, et religione pronuntiate da Sua Santità, sempre con pianto, et amaritudine, ordinando perciò ad essi Cardinali che havessero consideratione sopra questo caso per pigliare poi li voti loro, et che in tanto Sua Santità deputaria una congregatione de Cardinali per vedere che cosa si dovesse fare et sono Santa Severina, Santiquattro, Lancillotto, Pinelli et Mattei, quali si radunaro hiersera avanti Sua Beatitudine ma non si sa fin qui la risolutione, benché dicono fosse trattato della penitenza salutare da darsi al Re per questi eccessi, dicendo Sua Santità che 15 dì sono hebbe una lettera da quella Maestà suppplicando che volesse creare Cardinali lArcivescovo di Lione, et fare legato dAvignone il Cardinale di Ghisa, et hora soggiunge il Papa, “Povero, et moschino Cardinale. Che peccato può haver fatto in sì poco tempo?”, dolendosi parimente di alcuni Cardinali che nella audienza privata hanno cercato di scusare il Re” (c. 17r/89)[38].

Subito dopo luccisione dei fratelli Guisa giunsero a Roma ambasciatori delle due parti avverse: da una parte quelli della lega, sostenuti dalla università parigina della Sorbona e dal parlamento di Parigi, che chiedevano di scomunicare il re Enrico e sciogliere il popolo di Francia dallobbligo di fedeltà al suo re, “perché Dio non lasci impunito il sangue innocente, si come non doverà tollerarlo il suo Vicario in terra” (c. 81v/89); dallaltra i partigiani del re, che lo difendevano davanti al papa e chiedevano di comprendere che quelluccisione rientrava in una motivazione politica e di perdonarlo, accettando anche una debita penitenza (“Monsignor Rambuglietto mandato dal Re di Francia per dar conto a Sua Santità delle cause che hanno mosso Sua Maestà a dar la morte al Duca di Ghisa et Cardinal di Ghisa domenica fu la prima volta allaudienza havendo portato il processo formato per parte del Re” c. 124r/89).

Il papa però, pur così duro e deciso per quanto riguardava il grave misfatto delluccisione di un cardinale, fu più cauto nello scomunicare il re, come desiderava la Spagna (che non vedeva lora di intervenire in Francia con le armi), e “tenne la bilancia” (c. 22r/89) in attesa degli eventi in Francia: “Sua Santità, prudentissima, non si dichiara, forse per accostarsi dalla parte che vincerà” (c. 80r/89). Più tardi addirittura i Ghisardi avranno a dire che “la flemma et irresolutione del Papa in questo negotio tanto dubioso fa stare gli animi de tutti timidi et perplessi” (c. 241v/89), anche se alcuni giustificavano la titubanza del papa, “attribuendosi a gran prudenza di Sua Beatitudine la sodezza, che ella mostra in questi frangenti” (c. 209v/89).

Ormai in Francia era scoppiata la una guerra civile e il paese era entrato in una grossa crisi politica, economica e sociale: “Ogni giorno si sentono assasinamenti di strade, che ormai non si può più caminare per la Francia” (c. 236r/89). Il duca dUmena (Charles de Lorraine, duc de Mayenne), fratello dei due Guisa uccisi, venne dichiarato capo della lega.

A gennaio 1589 molte città, sullesempio di Parigi, cominciarono a ribellarsi al re Enrico III (che si era ritirato a Blois, nella regione della Loira): “Vienne, Molins, Grenoble, Burges, La Chiarité, et Nivers si erano sollevate contra il Re, in modo che secondo il conto non si teneva per Sua Maestà se non unottavo della Francia” (c. 163r/89). “Non bisogna più contare per due o tre Terre, che tutte le Principali di questo Regno vi sono, Parigi et tutto quello, che è compreso nellIsola di Francia, la Normandia intiera, chè delle più Grandi, et Opulenti Provincie, Orleans, Bourges, et tutta la Provincia di Berry, la Borgogna, la Campagna eccetto due Terre, Cialon, et Langres, Lione et tutto il Governo de Lionesi et Briancose

, la Picardia, la più Parte dellAlvernia, et Borbonese, la Provenza quasi tutta, et la Brettagna, Poitiers, Limoges et Aniongie nella linguadoch la Città di Tolosa” (c. 167v/89). Si arrivò addirittura a volerlo deporre dal trono e a incarcerarlo a vita: “Sua Maestà dal Parlamento di Parigi era stata dichiarata priva della corona senza possere mai più reassumere titolo di Re, et che venendo presa sia condennata à finire sua vita fra 4 muri” (c. 173r/89).

A febbraio 1589 continuarono a giungere al papa sia lettere che personaggi delle fazioni contrapposte: ognuna perorava le rispettive ragioni: il re Enrico mandò a Roma il cardinal Rambuglietto (Charles dAngennes de Rambouillet), vescovo di Le Mans, i l quale non solo presentò una documentazione processuale contro i fratelli Guisa, ma disse anche che il suo Re poteva sì essere rimproverato, ma non scomunicato per la morte del cardinale, in virtù di un breve inviatogli nel 1585 dallo stesso papa Sisto, in cui gli concedeva di potersi confessari di ogni peccato con un suo confessore a scelta, anche della uccisione di persone religiose: “Sabbato lArcivescovo Rambuglietto fu introdotto alli piedi di Nostro Signore dalli ministri qua del Re di Francia presentando lettere credentiali di Sua Maestà, in cui nome espose in voce le giuste cause che havevano mosso quella corona a far morire il Duca et Cardinale di Ghisa... Il Papa a queste ragioni si mostrò alquanto intepidita” (c. 116r/89).

Ma papa Sisto ebbe qualcosa da dire anche ai Parigini ribelli; “Si dice chel Papa rispondesse allAmbasciator de Parigini che per la morte data dal Re al Cardinale di Ghisa toccava alla Sede Apostolica di farne risentimento et non a loro” (c. 111r-v/89).

Anche nei confronti del suo nunzio in Francia, il cardinale Giovanni Francesco Morosini, il papa non fu tenero, rimproverandogli di non aver fatto abbastanza per opporsi alla uccisione del cardinale di Guisa: “Lo sdegno del Papa contra il Moresini, è particolarmente perché essendo occorso tempo in mezzo di 24 hore dalla cattura del Cardinal di Ghisa alla morte, non movesse pur parola, nonché interporsi in protesti, e finalmente partito di Corte, lasciando il suo carico” (c. 31r/89).

Ai primi di aprile il re Enrico cominciò ad accostarsi al Navarra, che prima era suo nemico; chiaramente lo fece per ragioni politiche e per rafforzare il suo esercito contro i ribelli: “Parendo che sia lecito in materia di Stato di servirsi dognuno, per non perdere il suo, et per haver tanto più il modo di gastigare i Ribelli” (c. 190v/89).

E il Navarra? A gennaio 1589, dopo luccisione dei fratelli Guisa, il Navarra, per soli fini politici, si era schierato con il re Enrico. Questo improvviso voltafaccia gli serviva per ribadire la sua successione al trono in caso (come in effetti avverrà) di morte di re Enrico. I suoi scritti in favore del re e contro la lega sapevano, come scrive un Avviso, di falsa umiltà: “Il medesimo Re di Navarra haveva mandato lettere in istampa a tutte le Provincie et Stati della Francia, esponendo come tutti li sudditi, et vassalli devono essere fedeli al Re et Signore loro, et non allontanarsi dallobedienza debita, et esso Navarra come Principe primo del sangue, et successore alla corona di Francia in caso di morte del moderno Re Henrico di Valois, che Iddio lo preserbi lungamente, fa sapere loro, che in ogni caso di sua successione, tenerà conto particolare di tutti quelli, che saranno stati fedeli alla corona, et aiutato, et favorito Sua Maestà” (c. 242r/89).

Finalmente la bolla di scomunica (sotto forma di “monitorio”)[1], tanto richiesta dalla lega e dalla Spagna per il re Enrico omicida di un principe e di un cardinale, fu inviato da Roma il 12 maggio 1589 e affisso per Roma il 24 di quel mese: “Con una Bolla Monitoriale del Papa affissa questa mattina mercore nella Porta delle Basiliche Vaticana, et Lateranense, et del Banco de Cursori, che comincia “Sixtus Papa quintus ad perpetuam rei memoriam”, et che si dice uscirà in istampa dentro questa settimana, Sua Beatitudine monisce, et inhibisce il Re di Francia a rilasciare il Cardinale Borbone et lArcivescovo di Lione fra 10 giorni, et a mandare qua instrumento autentico fra 30 dì della vera liberatione loro, altrimenti passato questo termine, et non obedendo sintenda Sua Maestà scommunicata di scommunica maggiore con tutti i detentori di questi prigioni Ecclesiastici da non possere essere assoluti da altri, che da Sua Beatitudine istessa fuorché in articolo di morte. Nella medesima Bolla inhibisce sotto le istesse pene al medesimo Re di comparire qua fra 60 giorni personalmente o per Procuratorem per la morte data al Cardinal di Ghisa, et tutti gli altri partecipi in qual si voglia modo consultori, et essecutori nella detta morte a comparire qua personalmente” (c. 324r/89).

Al primo concistoro che seguì, il papa spiegò ai cardinali che tale estremo gesto era stato compiuto con vera sofferenza, dopo lunga riflessione e per puro dovere pastorale: “Nel concistoro di questa matina Nostro Signore ha dato conto ai Cardinali della sopranominata essecutione contra al Re di Francia, dicendo esservi stata tirata per debito del suo officio con molto dispiacere di Sua Santità et carico pastorale, et che haveva proceduto et era per procedere con quella corona con la maggior benignità che haveva potuto, amando Sua Maestà tenerissimamente et come proprio figliolo” (c. 324r/89).

Dopo la bolla di scomunica iniziò la fuga da Roma degli amici del re, a cominciare dal cardinale di Gioiosa e dal nuovo ambasciatore francese Sanguart, questultimo “insalutato hospite senza pigliar licenza dal Papa”. Si scrive infatti da Genova: “Di Roma si aspettano il Cardinal di Gioiosa et lAmbasciatore Sanguart con tutti li Francesi affetionati al Re per starsene sin tanto che haveranno nuovo ordine da Sua Maestà Christianissima” (c. 351v/89)[2].

Davanti al monitorio di scomunica il re Enrico cominciò a cedere. Certamente la massima censura ecclesiastica faceva paura e si cominciava a dire in giro che voleva accondiscendere alla volontà del papa, andando di persona a Roma entro un anno per discolparsi. A luglio del 1589 il re cominciò sotto banco (tramite ambasciatori e segretari) a tessere un paziente lavoro di diplomazia per uscire dalla sua mortificante situazione e a coinvolgere il Papa in una azione di ricucitura: “Nostro Signore oltre alle lettere havute dal Re di Francia di proprio pugno per mezzo del Gran Duca, con le quali si humilia a Sua Beatitudine, offerendo di obedire al monitorio, et ad ogni altro ordine di Sua Santità... la quale porge hora orecchio ad interporsi per laccordo, dicendo, che quella corona è venuta a Capitolo, et humiliatasi a questa Santa Sede” (c. 460v/89).

È a questo punto che avvenne luccisione del Re Enrico III, pugnalato il 2 agosto 1589 dal frate domenicano Jacques Clément.

In realtà nellambiente cattolico la vendetta sul re era già nellaria da diversi mesi, subito dopo luccisione dei due fratelli Guisa. Si legge infatti in diversi avvisi arrivati a Roma dalla Francia nei mesi di aprile e giugno 1589 che il clero e i religiosi di Francia erano diventati suoi acerrimi oppositori (“esclamando tuttavia contra al Re li Religiosi fino nelli pulpiti, et prediche loro”, c. 242v/89)[3] e che già alcuni della lega avevano tentato di uccidere il re: “Unaltra impresa sè scoperta contra la persona del Re, della quale due Giesuiti sono capi, per quanto si dice” (c. 368r/89); “Il Re ha fatto mettere prigione un soldato, che con una pistola lo voleva amazzare dentro al suo Gabinetto, fingendo di volerli parlare secretamente di cosa di grandissima importanza” (c. 419r/89); “Si dice esser aviso di Sedan che il Re di Franza habbia fatto squartare vivo di 4 cavalli un gentilhuomo della corte di sua Maestà, che per instruttione di un frate Zoccolante dovea amazzarlo” (c. 432v/89); “Sintende che in Corte Christianissima sera scoperta una congiura di 31 Gentilhomini di essa Corte che volevano amazzare il Re, uno de quali era stato preso” (c. 436r/89).

La morte di Enrico III fu conosciuta a Roma come sicura solo con lAvviso del 19 agosto e lestensore della notizia non nascose la sua sorpresa per questa comunicazione venuta non direttamente da Parigi, ma attraverso altri canali: “Un corriero venuto hiersera di Spagna ha portato lettere di Lione delli 12 di questo con aviso, che in quella Città erano giunti 50 messaggieri da diverse parti, che confermano la morte del Re di Francia ucciso da uno vestito da Frate, il quale poi era stato ammazzato dalla guardia di Sua Maestà, et in Parigi (dove si stava con molta allegrezza) si erano fatte lessequie per detto Frate” (c. 540r-v/89). A Venezia la notizia arrivò dalla Savoia il 26 agosto, ma anche qui unita ad altre notizie false, come quella che il frate aveva ucciso il re “finita la messa nel volerli dare lacqua santa”. Vi fu unenorme confusione a seguito delle notizie più disparate e cervellotiche (si disse anche che il frate uccisore fosse “romagnolo”, c. 558v). Solo al primo di settembre si scrisse ormai con certezza: “Hora non è chi dubita più della morte del Re di Francia” (c. 568r/89). Era già passato un mese dal fatto!

Fra tutte le versioni della tragica morte di re Enrico che circolavano per lEuropa la migliore sembra quella dellavviso di Roma del 23 agosto 1589: “Tutti confermano che un Frate chiamato Jaches Clementino della città di Sans in Borgogna dellordine di San Domenico, giovene di 20 anni, havendo una notte havuto inspiratione di andare ad uccidere il Re di Francia che si trovava in San Clù presso San Germano, conferì questa sua vocatione, più tosto che inspiratione, con certezza di dovervi rimanere ucciso ancor lui, et per questo guadagnare il Regno del Cielo, allAbbate suo superiore, il quale gli disse che reputava tal visione opera diabolica, et che perciò digiunasse in pane et in acqua otto giorni, come fece, et ritornato allAnnate con narrargli che maggiormente reinvigoriva questa vocatione, fu posto in libertà dopo udita la messa di esseguire la sua intentione, et con una lettera et passaporto del Conte di Briemma, prigione in Parigi et cognato del Duca di Pernon, havuta per mezzo del Duca di Umena, andò a trovare il Re, il quale lo ringratiò della sua ambasciaria et daltri particolari scrittili dal Conte, et soggiungendo il frate che haveva ancora altre cose da dirgli in secreto, Sua Maestà si retirò seco in un gabinetto, et fingendo il Padre di cavarsi una lettera della manica stanca, ne trasse un coltello avelenato fatto il dì avanti in Parigi, nascondendoglielo tutto nella pancia, et gridando il Re ‘A Traditore, si trasse il coltello con le proprie mani facendosi maggior ferita, et lanciandosi col medesimo ferro sopra al Frate, al quale il Capitano della Bastia, che è quello che ammazzò il Duca di Ghisa, corso al rumore diede una coltellata in testa, et il Padre, alzate le mani al cielo, rese gratie a Dio che fosse stato essaudito di havere a finire sua vita senza molti stratij, et così fu subito crudelmente sbranato et squartato. Il Re in tanto affacciatosi ad una fenestra disse ad alta voce che la sua ferita non era di consideratione et fatti venire li Medici, et resi dui servitiali, fu tosto certificato che era mortale, onde fatto venire a se il Re di Navarra, et chiamandolo ‘Moncugino, gli disse ‘Vi lasciamo nostro successore, con ordine di vendicare la sua morte sopra i Parigini, et Sua Maestà in tanto sentendosi mancare, fece chiamare un Frate scappuccino per confessarsi, ma non fu a tempo, perché ingrossatasi la lingua nel termine di quattro hore passò ad altra vita, del cui cadavero dal Re di Navarra fu fatto mostra nel Campo” (cc. 549r-v/89).[4].

Quando papa Sisto seppe la notizia delluccisione, fece un discorso alla Segnatura, riportato nellavviso di Roma del 30 agosto. Pur stigmatizzando il fatto, fece notare tra laltro come il re, che aveva ucciso un religioso cardinale, era stato ucciso da un religioso frate: “Nella Signatura passata Nostro Signore, avanti le propositioni, disse come Henrico 3° Re di Francia era stato ucciso da un Frate Domenichino con un semplice coltello, stendendosi lungamente intorno alla narrativa di questo fatto, ammirato et compatito da Sua Beatitudine come giusto giudice che scorge qualmente dopo il fulmine spirituale lanciato da Sua Santità contra questo Re, Iddio habbia permesso che sì come Sua Maestà era stata publicamente uccitrice di un Religioso, così dellistessa maniera sia restata estinta per mano di Religioso” (c. 564r/89).

Dopo luccisione del re aumentarono ancor più in Francia le passioni politiche e crebbe lo smarrimento e la confusione. È significativa la frase scritta in un avviso del novembre 1589: “Hora piaccia a Dio di aiutarci, che ce nè bisogno” (c. 731r/89). La parte cattolica non nascose una certa soddisfazione e addirittura a Parigi si esaltò il frate uccisore chiamandolo “liberatore della Patria” (c. 552r/89). Non mancarono neppure le letture cabalistiche di tale morte, vista come una nemesi vendicatrice della sorte: “Si è notato che nel medesimo punto che fu ucciso il Cardinale di Ghisa, nel medesimo punto ancora fu ferito a morte il detto Re, et si è notato parimente, che allarrivo qua della nuova di sua morte terminano li 60 giorni dal dì della publicatione del monitorio, dentro li quali doveva comparire ad Urbem, sì come hora ha fatto, ma diversamente, in una lettera, cioè dalli 23 di giugno sino alli 23 del presente, et che Henrico suo Avo fu parimente ucciso come si sa nel anno 59 in giostra” (c. 552v/89).

Contemporaneamente si scatenò la corsa alla successione e comparvero due liste di sette pretendenti ciascuna: quelli “per successione” e “quelli per elezione” (vedi c. 557r/89), ma concretamente i due soli Borbone erano visti come veri pretendenti al trono di Francia e ognuno di essi era spalleggiato dalle due fazioni da tempo in campo e in lotta: per i cattolici, daccordo con il papa, il legittimo sovrano era il vecchio cardinale Carlo di Borbone-Vendôme[5]; il partito avverso invece vedeva nel nipote Enrico di Borbone re di Navarra lunico e legittimo discendente di Luigi il Santo da dieci generazioni[6]. In realtà ambedue avevano diritto, ma, forte della volontà espressa da Enrico III poco prima di morire, il Navarra si fece eleggere (“gridare”) re dallesercito già il giorno stesso della morte del re, il 2 agosto 1589. E dal campo di battaglia di Saint Clou il Navarra quel giorno si rivolse come re legittimo a “tutti li nostri buoni sudditi ” con questo proclama: “Noi Henrico Re di Francia et di Navarra promettiamo et giuriamo in fede di Re a tutti li nostri sudditi mantenere et conservare la Religione Cattolica et Apostolica Romana in suo integro, et di esporre la propria vita se sarà bisogno senza alterare o cambiare cosa alcuna tanto nella politica quanto essercitio di quella nelle persone et beni Ecclesiastici, et adherendo alla dichiaratione prima da noi fatta siamo apparecchiati, et con desiderio, di essere instrutti da un legitimo et libero Concilio generale o Nationale per seguire quello che in esso sarà concluso et risoluto. Promettiamo di guardare et mantenere gli Officiali della Corona, la nobiltà della Chiesa, et tutti gli Stati di questo Regno nelli loro carichi, privilegij et prerogative consuete, et riconoscere con tutte le gratitudini a noi possibili i fedeli servitori del Re Henrico. Et più promettiamo a tutti li nostri buoni sudditi esponere tutte le nostre facoltà, et anco la propria vita se sarà bisogno, per fare giustitia essemplare delliniqua morte commessa nella persona del fu Re nostro molto honorato signore et fratello, che Dio habbi lanima sua. Fatta nel Campo di Sans di 2 di Agosto 89” (c. 580r/89)[7].

Papa Sisto si trovò nella condizione di dover appoggiare ufficialmente la candidatura del partito cattolico, ma sentì anche tutto lobbligo di continuare la sua opera di pacificatore. Infatti il papa espresse ai cardinali la sua decisa e ferma opposizione al Navarra e la sua volontà di aiutare la lega cattolica: “Sua Beatitudine dannò il Re di Navarra et suoi seguaci come relasso et fuori del gremio di Santa Chiesa, onde Sua Beatitudine disse con incredibil vehemenza et ardore di voler porgere ogni aiuto da lei possibile al Unione de Cattolici di Francia a centinara di migliara, et di spendere (bisognando) tutto il Thesoro che ha in Castello, acciò si faccia elettione di Re veramente Christianissimo, et si deprima la setta Ugonotta di quel Regno” (c. 619r/89). Ma nel frattempo papa Sisto inviò, nel settembre del 1589, il cardinale Enrico Caetani come suo legato in Francia per cercare una soluzione pacifica. In una “istruzione” privata inviata al Caetani, già partito per la Francia, il papa ribadì che egli doveva cercare di diventare amico della nobiltà reale, non inimicarsi Navarra, convincere il duca di Guisa a rinunziare alle sue irragionevoli richieste e a non fare alcun tentativo di sottrarre la corona a chi spettava[8]. La notizia della legazione si legge nellavviso del 27 settembre: “Nel concistoro di lunedì tenuto in Montecavallo il Pontefice, preso il voto dal Sacro Collegio de Cardinali, dichiarò il Cardinale Caetano per Legato in Francia, dicendo che questo sogetto oltre allessere idoneo, nobile et di conveniente età, non vedeva che fosse confidente di alcuna delle parti interessate, onde fu approvato da tutti” (c. 619r)[9].

Purtroppo tale legazione, oltre a risultare costosa in termini economici (“viaggio veramente il più dispendioso, il più pericoloso et il più faticoso che habbia mai fatto Legatione Apostolica uscita da Roma da Christo in qua”: c. 49r/90, dal momento “chel Legato Caetano spendeva più di 6 mila scudi al mese”: c. 767r/90), divenne a tutti gli effetti controproducente nei rapporti fra santa sede e Navarra, perché il Caetani, partito per la Francia il 2 ottobre 1589 “accompagnato a cavallo pontificalmente da tutti i Cardinali et dalla Corte fino alla porta del Popolo”( c. 632r/89), non si dimostrò un fine e paziente diplomatico, anzi si fece notare subito come troppo legato alla Spagna e intransigente verso Navarra. La visione politica del Caetani risultava alquanto miope, non considerando che ormai la maggior parte della nobiltà francese e un numero crescente di cattolici disapprovava la politica filospagnola della lega e sosteneva la legittimità della successione di Enrico “iure haereditatis”. Il dialogo fra il legato Caetani e il Navarra si fece difficile fin dallinizio, per cui il Navarra, dopo aver cercato di ostacolare i movimenti del legato allinterno della Francia (“il Legato Caetano trovava molta difficoltà nel suo passaggio a Parigi”: c. 742r/89), alla fine chiese espressamente al papa, tramite il suo emissario a Roma, di rimuovere il Caetani come indesiderato e troppo partigiano: “Il Lucemburgo fa tuttavia instantia al Papa che si chiami il Legato di Parigi, come troppo adherente a Spagna” (c. 318r/90).

In effetti neppure il papa gradì il rigido schieramento del legato Caetani, come si può leggere nella relazione che Matteo Brumano, agente di Mantova a Roma, fece al suo duca il 12 marzo 1590: “Dice Sua Santità che il legato Caietano si è mostrato publicamente troppo affettionato a Spagna con andare pubblicamente quasi del continuo collambasciatore cattolico per Parigi, potendo trattare secretamente di notte o per biglietti o per voci secrete, che così si è fatto dissidentissimo alla parte di Navarra... Et tutto ciò è spiacciuto a Sua Santità molto, perché vede rotto il principio delle cose, quale con delicatezza et simulatione prudente si doveva trattare”[10].

Anche se tutti sapevano che tra il Navarra e papa Sisto non era mai corso buon sangue, tuttavia ora stava accadendo qualcosa di storicamente nuovo: il Navarra aveva grandi probabilità di succedere sul trono di Francia, mentre i cattolici della lega sembravano sempre più deboli sia in campo militare che politico[11]. Inoltre il Navarra aveva cominciato a relazionarsi con i Potentati, allo scopo di farsi accettare come nuovo re di Francia, cercando, nei confronti delle Potenze cattoliche, di scrollarsi di dosso la sua etichetta di eretico e antipapale. Tutto ciò poneva papa Sisto (che ormai entrava nellultimo anno di vita) di fronte al dilemma: o continuare lazione contro il Navarra, così come lo spronava il re spagnolo Filippo II, o guadagnare tempo, in attesa di una nuova linea di condotta, nella speranza di un avvicinamento del Navarra al cattolicesimo.

Tutti, a modo loro, nei primi mesi del 1590 facevano pressione sul papa, da una parte e dallaltra. Il cattolico Duca di Lorena giurava solennemente “di voler restar più tosto privato Gentilhuomo et ignudo, che acconsentire mai che in Francia succeda Re, che non sia più che Cattolico” (c. 167r/90)[12] e a marzo li Spagnoli chiedevano una nuova bolla di scomunica per Navarra e i suoi aderenti; dallaltra parte i cattolici francesi filo Navarra si muovevano nella corte papale per metterlo in buona luce.

Spinto dalle istanze estreme del Re di Spagna, nel marzo 1590 il papa convocò più volte i cardinali della speciale Congregazione che aveva creato già nel 1586 per le gran turbulenze di Francia” e in lunghe riunioni (una durò addirittura cinque ore e mezza: c. 141r/90) si confrontarono gli opposti pareri: il papa insisteva nel concedere ancora a Navarra un congruo tempo di riflessione, pretendendo da lui un segnale di buona volontà rilasciando il cardinal Borbone; molti cardinali (tra cui quelli particolarmente legati alla Spagna) volevano invece la mano forte contro il Navarra. Alla fine i cardinali accettarono la prudente attesa del papa, “et tanto chiaro mostrò il Papa le sue buone ragioni, che tutto il Collegio ne rimase sodisfattissimo, lodando il gran valore et singular prudenza di Sua Beatitudine, al cui voto conseguentemente confermaro tutti con generale applauso” (c. 141v/90).

Fu la morte avvenuta il 9 maggio 1590 e non il Navarra a liberare il vecchio cardinale Carlo di Borbone-Vendôme[13]. Un avviso di Roma del 6 giugno 1590 riporta la notizia della sua morte, e non manca nello scritto un accenno di sospetto di omicidio. “Con il corriero venuto sabbato dal Legato Caetano si è intesa la morte del Cardinale Borbone successa in Fontanai, luogo fuori della Rocella, alli 9 del passato, con qualche segno che sia stato aiutato” (c. 298r/90).

Era normale che in questa ingarbugliata situazione le azioni di papa Sisto riuscissero contraddittorie: da una parte si comportava come duro oppositore di Navarra e non permetteva che le nazioni cattoliche si aprissero a lui (si veda ad esempio la sua dura polemica con Venezia per aver accolto l“ambasciatore straordinario” del Navarra dopo la morte di re Enrico III); dallaltra accettò anchegli, accanto allambasciatore inviato nel settembre 1589 dalla lega, il signor Diou (negli avvisi semplicemente Diù), anche l“ambasciatore straordinario” inviato dal Navarra (Francesco di Lussemburgo, duca di Piney) per dialoghi e incontri in vista di possibili aperture: “Il Duca di Lucemburgo saspetta di giorno in giorno in questa Città con licenza di Nostro Signore” (c. 358v/89), anche se la curia (ma soprattutto la Spagna)[14] considerava il Lussemburgo come un intruso: “Dicesi che lAmbasciatore straordinario di Navarra non possa tardare ad arrivare qua, volendo alcuni, che la Congregatione sopra le cose di Francia habbi risoluto dascoltarlo, ma nel resto ributtarlo, senza che pur veda la faccia del Pontefice” (c. 661v/89).

E invece il papa ricevette onorevolmente il Lussemburgo nella prima settimana di gennaio 1589, come “mandato per narrare al Pontefice le cagioni per le quali si sono mossi a dichiarare Navarra per Re di Francia” (c. 9v/89) e il duca ebbe il coraggio di contestare al papa (e indirettamente alla lega) la decisione di opporsi al diritto regale del Navarra e di chiedere il ritiro del legato Caetani, prospettando anche la possibilità che il Navarra potesse convertirsi al cattolicesimo (c. 12v/89).

Pur andando ancora molto cauto nellaccettare il Navarra come re “cristianissimo”, papa Sisto si apriva lentamente e tesseva con prudenza la sua tela diplomatica per condurre il Navarra nellambito del cattolicesimo. Il focoso papa Sisto si mostrò in questa occasione di “singular prudenza et destrezza” (c. 73r/90). Mai come in questo momento apparve agli occhi di tutti lo spirito di vera paternità di papa Sisto. Dopo un burrascoso incontro (uno dei tanti duri incontri avvenuti con questo ambasciatore spagnolo nei primi mesi del 1590) in cui lOlivares a nome del suo re rimproverava il papa di dialogare con il partito di Navarra e addirittura minacciava un intervento militare spagnolo, il papa, parlando con Giovanni Nicolini, ambasciatore del granduca di Toscana, disse che egli aveva lobbligo morale di ascoltare tutti, fosse anche un protestante o un turco.[15]

Il papa sperava sinceramente in un avvicinamento del Navarra al cattolicesimo e già da qualche mese negli ambienti cattolici francesi favorevoli al Navarra si parlava di una sua probabile “conversione”. Anche il duca di Lussemburgo, nellanno della sua permanenza a Roma, aveva cercato di convincere il papa e i cardinali circa la retta intenzione del Navarra a diventare cattolico e a chiedere teologi cattolici per catechizzarlo nella fede cattolica: “Monsù di Luccemburgh Duca di Pinè va hora visitando il Collegio de Cardinali, presentando lettere de Principi del sangue... narrando le cause per le quali essi Principi si sono mossi a dichiarare Navarra Re di Francia, con promessa che sarà buon Cattolico et renderà obedienza alla Sede Apostolica, etc, soggiungendo questo Duca, chel suo Re dimandi Teologi per essere instrutto nella Religione Christiana, et che non è maraviglia se il detto Re ha tenuto fin qui la Religione Ugonotta, poiché oltre allesservi stato allevato et instrutto dalla Madre et da altri che ne havevano cura, è stato forzato di tener sempre la detta falsa Religione, et praticare con Ugonotti, per havere seguito in diffesa della sua vita, et stato contra i Cattolici, suoi nemici et di contraria fattione” (c. 17r/90).

Tale “conversione” del Navarra in realtà non giungerà mai durante il pontificato di Sisto. Il re tergiversava e rimandava, mettendo in imbarazzo il suo ambasciatore Lussemburgo, che con il passare dei giorni veniva sempre più accolto ed ascoltato da papa Sisto, e anzi veniva da lui viene difeso, di fronte alle dure rimostranze dellambasciatore spagnolo Olivares e di buona parte della corte pontificia. Ad un certo momento venne fuori perfino una data del probabile ritorno al cattolicesimo del Navarra, cioè il giorno di Pentecoste del 1590, ma proprio in quel giorno arrivò nei fatti la smentita: “Il Navarro si doveva far Cattolico il giorno della Pentecoste, però quel medesimo dì si predicò nella sua armata publicamente la dottrina di Calvino alluso di Ginevra” (c. 374r/90).

Ovviamente quella del Navarra non fu una conversione mistica, ma soprattutto politica, perché aveva capito che se voleva la corona di Francia e diventare il “re cristianissimo” non poteva rimanere protestante, dal momento che la Francia non era la Germania o lInghilterra, ormai in mano al protestantesimo. Questo calcolo politico sembrava già evidente da qualche tempo. In un avviso del dicembre 1588, quando ancora non era stato ucciso il re Enrico, si diceva apertamente che il Navarra aveva intenzione di avvicinarsi al cattolicesimo per puro scopo politico: “Lettere di Francia dicono che Navarra, diffidatosi forsi dalle sue heretiche forze, sia in pensiero di dichiararsi catolico, per vedere se per questa strada le sue pretensioni alla Corona gli riuscissero migliori” c. 622r/88). E un anonimo cronista annotava da Parigi con una meraviglia che nel campo militare del Navarra stavano capitando... cose dellaltro mondo: “Dicono che nellarmata de Navarra non si predica più allUgonotta et che ogni matina si dicono 12 messe che fanno dire quelli Principi e Signori Cattolici e che il Re di Navarra se retira da se a far le sue orationi. Così passano le cose di questo mondo di qua” (c. 175v/90).

Nellaprile del 1590 si arrivò a scrivere che i cattolici non avrebbero disdegnato di avere come re Navarra, se lui stesso fosse diventato cattolico: “Qui la maggior parte non vogliono Spagnoli, se bene ne ha de altri che dicono con buona ragione voler più tosto star sotto a Spagna che a un Re Ugonotto, ma che se il Re di Navarra si facesse cattolico, che si darebbono à lui” (c. 196r/90).

Anche il papa cominciò, in quei primi mesi del ‘90, a guardare con un occhio diverso il Navarra e in un avviso di aprile si legge: “Sua Santità ha cominciato molto bene a capire le cose et che sia molto inclinato a rebenedire il Re di Navarra, et che lAmbasciatore di Spagna habbia fatto gran protesti et menacciatogli di un concilio adosso” (c. 196v/90), anche contro il parere del re spagnolo Filippo, che mandò a dire chiaro e tondo al papa che si opponeva decisamente a Navarra e che solo la Spagna aveva un re che faceva i veri interessi della religione cattolica: “Et questo per rispetto della Religione christiana, essendo ciò il fine di Sua Maestà Cattolica” (c. 196v/90).

Pochi giorni prima della sua morte, in quella estate del 90, papa Sisto era ancora fortemente incerto sulle possibili soluzioni per la Francia: il Navarra era ancora indeciso sulla sua conversione, la lega francese vivacchiava fra battaglie perse e vinte, Filippo di Spagna scalpitava nella condanna senza però fornire gli aiuti militari ed economici promessi alla lega. Papa Sisto rimaneva indeciso, incerto, esitante. Scrive a questo proposito il Ranke: “È lecito fagliene una colpa? Credoi che sarebbe ingiusto. Egli conosceva bene la situazione; vedeva i pericoli dai due lati; era esposto a pressioni opposte: e non gli si presentò la circostanza che potesse costringerlo ad una decisione estrema”[16].

Ai primi di agosto del 1590 il papa tentò un ulteriore tentativo con le due parti opposte, inviando due diversi suoi emissari alle due parti opposte. Pur notandosi quasi una certa stanchezza per questa lunga e vana trattativa, si vedeva ancora un papa Sisto accarezzare e minacciare: “Il Pontefice, con partecipatione della congregatione di Francia, ha deliberato di mandare Monsignore Serafino, Auditore di Rota, alla nobiltà che segue Navarra... che siano daccordo insieme in venire ad elettione di un Re Cattolico, et ricusando di ciò fare, Sua Beatitudine si protesta che vi ponerà le mani et stringerà la lega che tratta col Re di Spagna et lega di Francia” (c. 409r/90). Questo avviso è dell8 agosto. Il 27 dello stesso mese Sisto V morirà, lasciando in sospeso il suo desiderio di padre della cristianità.

È interessante notare che, appena morto papa Sisto, fu trovata una cassetta che era collocata nella “vigna” privata del papa (cioè nel palazzetto che si era costruito da cardinale vicino a Santa Maria Maggiore e dove si ritirava spesso anche da papa) dove furono trovate diverse lettere personali e “amorevolissime” fra il papa e il Navarra: “Dicono che si sia lasciato cavare una cassetta dalla vigna del Papa dalla signora Camilla, che più fachini a pena potevano levarla, et poi i Camerali sono andati a far lInventario, essendosi trovate, come li più vogliono, tra le scritture del Papa alcune lettere amorevolissime del Re di Navarra in risposta delle scrittegli da Sua Beatitudine con larghe offerte” (c. 449v/90).

La morte di papa Sisto e le successive elezioni di ben quattro papi nel giro di soli due anni certamente rallentarono il processo di avvicinamento del Navarra al cattolicesimo. Solo il 25 luglio 1593 il Navarra si decise ad abiurare il protestantesimo e divenne il re “cristianissimo” Enrico IV. Il 22 marzo 1594 entrava in Parigi riconquistando tutto il regno e aprendo di fatto il nuovo corso dei rapporti tra il re e il papa Clemente VIII. Il 13 agosto 1598, con leditto di Nantes, concesse la libertà di culto anche ai protestanti.

“A lui non fu concesso di vedere il trionfo della sua saggia politica di attesa; ma infine il corso degli eventi dette a lui ragione. Dopo quattro anni Enrico IV entrò in Parigi; dopo cinque Clemente VIII lo accolse di nuovo nel seno della Chiesa. Questo risultato lo aveva sostanzialmente preparato Sisto V”[17].

LInghilterra di Elisabetta durante il pontificato di Sisto V

Durante il pontificato sistino regnava sullInghilterra Elisabetta I Tudor, ben conosciuta da tutto il mondo. Elisabetta infatti ha rivestito in quel periodo il ruolo di paladina del protestantesimo, in netta contrapposizione con il cattolicesimo e soprattutto con la Spagna di Filippo II, che a sua volta era diventato il paladino del mondo cattolico. E il variegato mondo cattolico le si opporrà in vario modo: papa Sisto le rinnoverà una scomunica, già comminata in precedenza da altri papi, come eretica e usurpatrice del trono dInghilterra, mentre Filippo II la combatterà vigorosamente allestendo una flotta navale per invadere le isole britanniche. Elisabetta fu anche lobiettivo di unininterrotta serie di congiure organizzate da un nutrito gruppo di esuli cattolici inglesi operanti in Europa[18].

Negli avvisi che presentiamo, che provengono per la maggior parte dal mondo cattolico, la “regina inglesa” non viene proprio esaltata, anzi, specialmente dopo luccisione della regina di Scozia Maria Stuarda avvenuta l8 febbraio 1587, abbondano gli epiteti altamente negativi: “Regina perfida dInghilterra” (c. 250r/87); “Iezabel indegna Regina dei Britanni” (c. 340r/87); “falsa Regina Inglese” (c. 347r/87), per non parlare di quello che si diceva di lei in Francia: “Si tiene aviso che in Parigi fossero stati stampati et affissi per li cantoni della città certi versi latini in vituperio della stirpe della Regina dInghilterra, publicandola per una infamissima Puttana” (c. 154r/87). Tutto ciò si giustifica parzialmente solo se collocato allinterno della veemente vis polemica fra gli opposti schieramenti di quegli anni, certamente non inclini al dialogo e alla conoscenza dellaltro.

Eppure - anche se ciò può sembrare strano - la forte personalità di Elisabetta attirava laltrettanta forte personalità di Sisto. Costui stimava le sue grandi qualità e ne apprezzava il valore come regina che aveva il coraggio e la forza di opporsi ai due re più potenti (e cattolici) dellEuropa di quel momento, come i re di Spagna e di Francia, e perfino allimperatore, anchegli cattolico. Nella relazione che Giovanni Gritti, ambasciatore veneto a Roma, lesse in Senato il 15 maggio 1589, dirà: “Odia Sua Beatitudine la Regina dInghilterra come contraria alla vera religione, ma non può trattenersi di non laudarla sommamente ed innalzar sino alle stelle il suo valore e la sua virtù; e perciò ha tentato molte vie (se ben indarno) di ridurla alla vera religione, con promessa di lasciarle liberamente tutte lentrate ecclesiastiche. Insomma dice che se essa fosse cattolica sarebbe la sua figliuola prediletta”[19].

A deteriorare i rapporti fra papa Sisto e la regina Elisabetta fu senza dubbio il dramma di Maria Stuarda[20].

Maria era regina di Scozia, regina di Francia e pretendente alla corona inglese per innegabili diritti dinastici. Ma nel 1567 Maria fu sconfitta dagli aristocratici scozzesi di fede protestante e chiese ospitalità a sua cugina Elisabetta I (Maria era nipote della sorella di re Enrico VIII, padre di Elisabetta), che invece la fece arrestare appena giunta a Carlisle, perché Maria agli occhi di Elisabetta era comunque una minaccia al suo regno, in quanto considerata la vera regina dai cattolici inglesi.

Maria fu rinchiusa in una serie continua di castelli e tenute (Bolton, Tutbury, Wingfield, Chatsworth, Chartley Hall e infine Fotheringhay), e dopo diciotto anni di prigionia la sua salute peggiorava e veniva meno la sua forza danimo, anche se, finché visse, coltivò sempre la speranza che un giorno sarebbe fuggita e avrebbe assistito allincoronazione di suo figlio Giacomo sul trono di Scozia.

Nel frattempo, senza che Maria ne fosse al corrente, a Londra si stava preparando un piano per la sua liberazione, piano che va sotto il nome di “Congiura di Babington”, perché al centro della trama cera il giovane nobile inglese Anthony Babington (1561-1586)[21], la cui famiglia era pubblicamente protestante, ma che professava di nascosto la fede cattolica. A diciotto anni, nel 1579, Anthony si sposò con Margery Draycot, ebbe un figlio e divenne paggio della famiglia del conte di Shrewsbury, uno dei carcerieri di Maria, Regina di Scozia. Fu in questo periodo che Babington divenne un ancor più fervente sostenitore di Maria quale legittima regina dInghilterra e cominciò ad aiutare i sacerdoti cattolici che vivevano in clandestinità ed in particolare il gesuita John Ballard[22]. Costui, appoggiato da alcuni aristocratici, progettò di liberare la regina di Scozia e per mantenersi in contatto con lei, la cui corrispondenza veniva controllata dai suoi carcerieri, cominciò ad usare lettere con messaggi in codice, senza sapere che alcuni, che si fingevano cattolici (tra cui Robert Poley), passavano le informazioni a lord Francis Walsingham, il segretario particolare della regina Elisabetta. Riuscito ad andare in Francia, Babington inviò ancora alcune lettere a Maria. Il 6 luglio 1586 Babington scrisse a Maria, informandola che lui e il gruppo degli amici stavano progettando di assassinare Elisabetta, nel tentativo di farla succedere al trono, per cui cercava la sua autorizzazione. Maria rispose a Babington, sottolineando la necessità di aiuti stranieri nel caso in cui il tentativo avesse avuto successo, ma non era daccordo sulluccisione di Elisabetta e che lasciava comunque la scelta alla coscienza dei cospiratori. Naturalmente la lettera in questione cadde nelle mani di Walsingham. Tornato in Inghilterra Babington fu arrestato con lintero gruppo dei cospiratoti e il 3 settembre fu rinchiuso nella Torre di Londra. Dopo un rapido processo, Babington, appena venticinquenne, e i suoi tredici cospiratori furono ritenuti colpevoli di alto tradimento. Il 20 settembre 1586 i condannati furono fatti uscire dalle loro celle, legati a un carretto e trascinati da cavalli per le strade di Londra. Raggiunto un ponteggio appositamente eretto nel campo di St. Giles, vicino a Holborn, furono impiccati, sventrati e squartati. Dopo di che, il carnefice distribuì le parti dei loro corpi in diversi angoli della città.

Tale congiura condusse immancabilmente al processo contro la stessa prigioniera Maria Stuarda. Durante lintero processo, che si svolse nellottobre 1586, Maria ebbe sempre un contegno dignitoso e padronanza di sé: la sua difesa consistette soprattutto nel negare ogni forma di coinvolgimento diretto nella congiura. Ma in aula oltre allaristocrazia inglese, cera Walsingham e a niente servirono le parole di Maria vista la gravità delle prove a suo carico. Maria fu accusata di tradimento per la bloody letter (la lettera sanguinosa) di Babington, che però nel frattempo era stata manipolata ad arte e peggiorata nei toni da parte degli agenti di Elisabetta. Non le fu concesso neppure di avere assistenza legale o di produrre le prove a suo carico e nemmeno le fu concesso di essere presente quando la commissione giudicante emise la sentenza di colpevolezza. Si scrisse in un avviso di Colonia l8 gennaio 1587: “Lettere di Londra delli 20 passato dicono chel Parlamento era finito alli 12 et che in esso non era stato fatto altro che sententiare a morte la Regina di Scotia già degradata et levata della Camera Regia” (c. 25r/87).

Tre mesi prima della sua decapitazione, subito dopo aver conosciuto la notizia della sua condanna, il 23 novembre 1586 Maria Stuarda scrisse, in francese, una lunga e commovente lettera a papa Sisto V, in qualità di “molto umile e devota figlia”, in cui si evidenziano le tante sofferenze subite, la tranquilla serenità e la sua forte fede cattolica:

“Santo Padre... chiamo il mio Salvatore Gesù Cristo a testimoniare, la Santissima Trinità, la gloriosa Vergine Maria, tutti gli angeli e arcangeli, il pastore San Pietro, il mio intercessore specifico e avvocato speciale, San Paolo, apostolo delle genti, SantAndrea e tutti i santi apostoli, San Giorgio e in generale tutti i Santi del paradiso, con cui ho sempre vissuto con questa fede, che è quella della Chiesa universale, cattolica, apostolica e romana, nella quale essendo rinnovata ho sempre voluto fare il mio dovere verso la Santa Sede Apostolica. Con mio grande dispiacere, non ho potuto testimoniare la mia devozione a Sua Santità come è dovuto, a causa della mia detenzione in questa prigionia e della mia lunga malattia; ma ora che è piaciuto a Dio, Padre Santissimo, di permettere a causa dei miei peccati che io (lunica di sangue di Inghilterra e Scozia che fa professione di questa fede) sia dopo venti anni di prigionia chiusa in una stretta cella e infine condannata a morte dagli Stati e lassemblea eretica di questo paese, come mi è stato significato oggi dalla bocca di lord Boukherst, di Amias Paulet, del mio custode, in nome della loro regina, ordinandomi di prepararmi a ricevere la morte, offrendomi un loro vescovo e un decano per la mia consolazione, poiché il mio prete che mi era stato tolto da loro da lungo tempo è rimasto nelle loro mani non so dove, ho pensato che il mio dovere fosse di rivogermi a Dio, e poi riferire tutto a Sua Santità... Supplico Sua Santità di far dire le preghiere per la mia povera anima e per tutti coloro che sono morti o moriranno per lo stesso tipo di sentenza, distribuendo le sue elemosine e incitando i re a fare lo stesso. La mia intenzione è di confessarmi, secondo la costituzione della Chiesa, di pentirmi e ricevere il mio viatico, se posso disporre del mio cappellano o un altro ministro legittimo in grado di amministrare i dovuti sacramenti, o in mancanza, con il cuore contrito e pentito, mi prostro ai piedi di Sua Santità, confessando a Dio e ai suoi santi, e a sua paternità, grande peccatrice indegna e colpevole della dannazione eterna, se piace a Dio, che è morto per i peccatori, di ricevermi per la sua infinita misericordia. Le chiedo di darmi la sua completa assoluzione, per la gloria di Dio, lonore della sua Chiesa, e la salvezza della mia povera anima... Inoltre, Santo Padre, non possedendo alcun bene in questo mondo, prego Sua Santità affinché chieda al Re Cristianissimo [di Francia] che si faccia carico del rimborso dei miei debiti e pegni da versare ai miei poveri e tristi servitori... confermando in questo caso la mia dimissione volontaria da ogni titolo e dignità di Regina, pronta ad onorare e servire la loro Regina, nel caso in cui questa avesse deciso di interrompere le persecuzioni sui cattolici, come confermo che è questo lo scopo al quale aspiro da quando sono in questo paese, e non ho né lambizione né il desiderio di regnare o di possedere beni in particolare... Il rimpianto mortale della perdita di mio figlio, dopo aver provato in ogni modo a salvarlo, mi spinge a pregarla, a divenire un vero padre... Lei avrà la vera storia che descrive la mia ultima prigionia e tutti i procedimenti contro di me, così che, ascoltando la mia verità, possa confutare le calunnie che i nemici della Chiesa mi imporranno e scoprendone la verità. Chiedo alla fine la sua santa benedizione e dicendole lultimo addio, prego Iddio di preservare la Sua persona per lungo tempo nella sua Grazia, per il bene della sua Chiesa e del suo triste gregge, specialmente quello di questisola. Da Fotheringay, il 23 novembre 1586. Mi scusi la mia scrittura per la debolezza del mio braccio. A Sua Santità, dalla molto umile e devota figlia MARIA, Regina di Scozia, Regina della Francia”[23].

Trascorsero pochi mesi da questa lettera. Dopo qualche esitazione sulla opportunità di uccidere comunque una regina consacrata da Dio,[24] Elisabetta ruppe ogni indugio e firmò il decreto di condanna[25] e Maria Stuarda, regina di Scozia e di Francia, fu decapitata, a 44 anni, l8 febbraio 1587. Tutti i presenti ammirarono la sua serenità e il suo contegno, prima che il carnefice si accanisse più volte (forse per lemozione) sul collo della regina.

La notizia certa della morte di Maria venne a Roma da Anversa il 7 marzo: “Habbiamo aviso da Cales et da Midelburgo che per nuove prattiche scoperte contra la persona della Regina dInghilterra, quella di Scotia era stata decapitata alli 19 del passato nel Castello delle Torri fuori di Londra, essendosi in puncto mortis lamentata grandemente di Spagna, Francia et del Papa, per essere mancati delle promesse, et haverla del tutto abbandonata; esseguita questa giustizia il popolo di Londra haveva subito fatti segni di allegrezza” (c. 121r/87)[26]. E dalla corte imperiale il 13 marzo di Praga venne un avviso con preziose notizie sugli ultimi momenti della regina Maria, sulla freddezza di Elisabetta ma anche sulla sua sofferta decisione di quellassassinio di Stato, deciso autonomamente da un suo “segretario”, che fu momentaneamente punito da Elisabetta ma esaltato dalla corte: “Nel discorso della morte della Regina di Scotia,venuto qua per via di Francia raccontasi, tra laltre cose, che essendo ella giunta al luogo della giustizia in una sala vicina alla sua camera, presentandosigli un Vescovo del paese non lo volse ascoltare, protestando che ella era stata sempre Cattolica et che voleva morir tale, et che non havendo modo di haver un Prete per confessarsi, ella pregava Dio chel suo sangue et la sua dechiaratione che faceva gli servisse per confessione, poi si pose in genocchioni et si fece bendare gli hocchi con un fazzoletto da una sua Damigella, dichiarando che ella si vedeva morta et che ella protestava innanzi Iddio, che ella non sapeva perché la facevano morire, né haveva saputo ad alcuna conspiratione contra la persona et Stato della Regina dInghilterra sua sorella, la quale quel giorno passeggiò per la Città a cavallo, et il seguente si vestì di duolo, dicendo essergli dispiacciuto chel suo segretario havessa data sentenza senza sua saputa, la quale haveva segnata, et che questo lhaveva fatto mettere pregione, ma gli Stati si dovevano riunire il dì seguente per dimostrargli che meritava più tosto ricompensa che punitione” (c. 132r/87).

Il papa fu molto addolorato per la morte di Maria. Con lei moriva una cara e devota figlia della Chiesa cattolica, ma moriva anche il sogno di una restaurazione cattolica sul trono di Inghilterra e la speranza di una vita libera per gli oppressi cattolici inglesi[27].

Papa Sisto avrebbe voluto fare per Maria in Vaticano, e precisamente nella cappella Sistina, un solenne funerale, ma dovette abbandonare questo suo proposito perché in quel luogo mai erano state fatte solenni onoranze funebri per donne, neppure per regine: “Il Papa voleva in ogni modo che si facessero in cappella di Sisto, con intervento suo et di tutto il Collegio, pomposissime essequie per la Regina di Scotia, ma ritenutosi poi, perché non vi è essempio che per Donne si siano mai fatti funerali in quel luogo. Ha però Sua Beatitudine dispensato elemosine per quellAnima, et fatto fare sacrificij per lei a tutti gli Altari privilegiati di questa Città” (c. 129v/87).

Con la morte di Maria Stuarda morì per i cattolici inglesi la speranza di vedere la corona sulla testa di un cattolico, ma non morì affatto la sua dinastia regale, perché suo figlio James Stuart, cambiato lorgoglio del suo cattolicesimo nella opportunità politica, accettò langlicanesimo [28], e alla morte di Elisabetta diventerà re non solo di Scozia ma anche di Inghilterra, con i nomi, rispettivamente, di Giacomo VI di Scozia e Giacomo I dInghilterra. Si realizzava il sogno di Maria Stuarda, che durante la sua lunga prigionia aveva fatto ricamare nelle sue vesti il motto: En ma fin gît mon commencement (“Nella mia fine sta il mio principio”)! Da lei discende direttamente ogni re di Gran Bretagna, fino alla attuale regina Elisabetta II, che appartiene alla 13ª generazione. Oggi, per volontà di suo figlio Giacomo e per uno di quegli strani scherzi della storia, Maria Stuarda ed Elisabetta I sono sepolte luna accanto allaltra nellabbazia di Westminster.

Per Sisto V dopo il dolore scattò lunica rivincita possibile per un papa: accogliendo la pressante richiesta di Filippo II e di parte del mondo cattolico, riportò in vigore la scomunica che già Pio V aveva emanato contro Elisabetta con la bolla Regnans in excelsis del 25 febbraio 1570, con la quale aveva dichiarato la regina dInghilterra eretica, scomunicata e deposta dal trono, riferendosi a Elisabetta come “serva di persone ignobili, che si pretende regina dInghilterra”.

La bolla di Pio V aveva provocato già allora la reazione di Elisabetta, che aveva abbandonato la sua politica di tolleranza religiosa e iniziato a perseguitare i cattolici. Il parlamento inglese infatti approvò nel 1571, il decreto“An Act against the bringing in and putting in execution of bulls writings or instruments and other superstitious things from the See of Rome” (“Atto contro lintroduzione e la messa in esecuzione di bolle, scritti o strumenti e altre cose superstiziose dalla Sede di Roma” (13 Eliz. 1, c. 2) con il quale si dichiaravano colpevoli di alto tradimento coloro che avessero pubblicato o diffuso in Inghilterra qualsiasi documento proveniente dalla Santa Sede.

Al fine di allentare la persecuzione che Elisabetta aveva scatenato contro i cattolici, e specialmente contro i Gesuiti, il successore di Pio V, Gregorio XIII, aveva deciso nel 1580 la sospensione (non leliminazione) della bolla di scomunica, sperando in una maggiore tolleranza di Elisabetta, cosa che invece non si realizzò.

Ora per Sisto V era arrivato il momento di rispolverare la scomunica del 1570. Questo il testo della bolla:

“Sisto V per la grazia di Dio, Pastore Universale del gregge di Cristo, a cui appartiene per la continua e legittima successione la cura e il governo della Chiesa Cattolica, vedendo la gran miseria nella quale il celebre Regno dInghilterra, come ancor quello di Irlanda, sono ridotti, cherano stati prima così famosi a causa della loro virtù, religione e ubbidienza cristiana, e al presente mediante lempio e scellerato governo di Elisabetta, la pretesa regina, con alcuni suoi aderenti, non meno di lei pessimi e scellerati, si sono lasciati condurre, non solo in uno stato sregolato e pericoloso in se stesso, ma sono ancor divenuti membri malati, infetti e dannosi anche a tutto il corpo puro e sano della Cristianità...; poiché a causa che Enrico VIII già re dInghilterra, ribellandosi della Santa Sede, sè separato e fatto separare per forza i suoi sudditi dalla vera comunione cristiana, e che Elisabetta, al presente usurpatrice, continua nel medesimo cammino, con pericolo grande de paesi circonvicini, mostrandosi talmente dura e ostinata, non meno che impertinente...: perciò procurando la Santità sua di provedervi, con pronti e potenti rimedi, essendo inspirato da Dio, per il beneficio universale della sua Chiesa... ha stimato necessario di dichiarare e cause dalle quali è stato mosso a procedere con tal rigore. Primo, perché è uneretica e scismatica, la quale è stata scomunicata da altri due pontefici suoi predecessori... Secondo, perché non è figlia legittima, nata dun adulterio, e perciò incapace della successione del Regno... Terzo, per aver usurpata la corona contra ogni ragione, rispetto agli accennati impedimenti... Inoltre perché con sacrilegio ed empietà ella persevera nella rottura del suo giuramento di mantenere tutti gli antichi privilegi e mantenere le franchezze ecclesiastiche del Regno... Per questo sua Santità, in virtù della potenza di Dio e dellautorità apostolica che gli è stata data, rinnova la sentenza dei suoi predecessori, cioè Papa Pio V e di Gregorio XIII, in quello che riguarda la scomunica e la deposizione di detta Elisabetta, la quale di nuovo scomunica, e depone dogni autorità reale, e del titolo, diritto e pretensioni alla Corona dei Regni dInghilterra e dIrlanda, dichiarandola illegittima e usurpatrice di detti Regni, liberando tutti i sudditi del Regno, e ogni altro di ogni qualunque sorte dubbidienza, del giuramento di fedeltà, e di tuttociò che potrebbero essere obbligati, ovvero ad altri in suo nome...”[29].

Ma come accadde al momento della prima scomunica, così anche ora la reazione si abbatté dora in poi sui cattolici di Inghilterra. Si scrisse da Roma il 5 novembre 1588: “Il Padre Personio inglese è partito da questo Collegio per Londra incognito a confortare i fratelli Christiani che vi sono, intendendosi che allultimo di agosto quella Regina ne facesse martirizzare 14” (c. 578r/88).

Il secondo grande avvenimento che interessò lInghilterra durante il pontificato sistino fu senza dubbio la lotta con la Spagna di Filippo II che culminò con lo scontro diretto fra le due armate navali.

Nella Spagna del “cattolico” Filippo montava anno dopo anno lostilità verso lInghilterra e verso la sua regina, e da tempo si programmava una possibile invasione di quellisola di eretici: “[Filippo II] haveva dichiarato apertamente la guerra contra la Regina dInghilterra, et mandato a sollecitare tutti i vascelli grossi che potrà havere, per componere quanto prima armata contra costei” (c. 183r/86).

Elisabetta ebbe in questi anni la fortuna di trovare un uomo che fu di continuo una spina nel fianco della Spagna, molestandola nelle sue rotte marittime e nei suoi interessi commerciali: Francis Drake, un corsaro, navigatore di grande esperienza[30], affiancato anche da altri corsari alla dipendenza della regina inglese: Richard Hawkins[31] e Martin Frobisher[32]. Questi corsari saccheggiavano di continuo i possedimenti spagnoli, sempre alla ricerca delle loro ricche navi cariche di oro e di spezie, con grande soddisfazione di Elisabetta.

Soprattutto negli avvisi del 1585 e del 1586 il Drake viene nominato spessissimo. Mi limito al alcune citazioni: “Di contento della Regina il Corsaro Dragone era andato con 30 Vasselli benissimo armati per prender la flotta del Perù, et perciò si dubitava di rottura tra Spagna et Inghilterra” (c. 385r/85); “Sintendeva che il Drago Corsaro haveva saccheggiato, et brugiato lIsola di San Domenico con disegno di fare tutti i danni che potrà nelli luoghi di quella corona” (c. 183r/86); “Tutte le lettere venute finhoggi di Spagna confermano il ritorno del Drago Corsaro alla sua Regina con grossissimo bottino di denari, drogarie, anime et artiglierie, havendo lasciato presidio nellIsole scritte che ha acquistate, dato larme a Mori, piantatovi quella sua iniqua religione et predicatori dessa, con intentione di volervi ritornare più gagliardo di prima” (c. 225v/86); “Con aviso di Londra delli 15 (gennaio) del passato sintende chel Drago Corsaro, con quaranta navi armato partitosi dInghilterra, era andato alla volta dellIndie del Perù” (c. 85r/86).

Ma lattenzione degli avvisi è puntata principalmente sul grande scontro navale che si svolse fra le due superpotenze di allora[33]. Abbiamo già parlato dei grandi preparativi fatti dalla Spagna e dallInghilterra. Da Anversa si scriveva già l8 febbraio 1586: “Quella Regina faceva armare alcune navi da guerra per custodir i suoi mari, dopo haver inteso i grandi apparecchi de Armata che si fanno in Spagna” (c. 85r/86); “DInghilterra non habbiamo altro se non che quella Regina armava gagliardamente” (c. 153r/87); “La Regina dInghilterra faceva gran provisioni di guerra per mare e per terra, per dubbio dessere assalita dallArmata di Spagna” (c. 524v/87).

Fu soprattutto nel gennaio del 1588 che gli armamenti inglesi aumentarono, ormai sicuri della prossima mossa degli Spagnoli: “Con lettere a particolari dInghilterra si ha confermatione che quella Regina, aspettando di sicuro a danni suoi larmata di Spagna, era tutta intenta alla diffesa” (c. 22r/88); “La Regina preparava grossa armata, havendo fatto assoldare 4500 soldati per imbarcare sopra 60 Navi di guerra. Capo delle quali saràl Drago. Che quella Regina haveva fatto far la mostra per tutto il suo Regno et presidiatone tutti li Porti verso Scotia, Irlanda, Francia et Zelanda, per dubio dellArmata spagnola” (c. 75r/88).

Tale enorme sforzo di armamento nascondeva la palpabile paura degli stessi inglesi (come anche degli Spagnoli) di fronte ad uno scontro dagli effetti imprevedibili. Ognuno dei due campi opposti conosceva la potenza dellaltra flotta navale e il potenziale di armamento, anche se il 4 maggio 1588, ormai nellimminenza dello scontro, si scriveva da Roma che “la Regina dInghilterra diceva di havere insieme tante navi armate che bastavano per combattere larmata di Spagna, la quale stava aspettando con desiderio, senza punto stimare di fare pace o accordo” (c. 197r/88) e si stimava che la flotta della regina fosse composta da “140 vele, guidata dal Drago et Amiraglio” (c. 289r/88) e che “teneva allordine 2 esserciti di 35 mila persone luno” (c. 426v/88), mentre si fortificavano tutti porti dellisola: “quella Regina attendeva a far fortificare tutti li Porti del suo Regno, et anco Londra” (c. 585r/88).

Nel frattempo, per ostacolare la Spagna e i suoi progetti di invasione navale, Elisabetta non temette di allearsi perfino con la potenza turca ottomana. Infatti nel maggio 1588 si legge: “Da Fiorenza sha nuova venuta in dilligenza di Levante et da buon luogo chel Turco, condesceso alla instanza fatta dallAmbasciatore Inglese, faceva armare in Constantinopoli con fretta le 40 et più galere altre volte scritte, con pensiero di mandarle unite con quelle di Algieri et di altre guardie dellArcipelago in favor della sua Regina, per rompere i dissegni dellArmata Cattolica contra Inghilterra, qual aviso era stato mandato subito in Spagna” (c. 213r/88). E questa frase del giugno del 1589 la dice lunga sui maneggi di Elisabetta che aveva messo e metteva in opera, sfruttando ogni occasione per indebolire la potenza della sua nemica Spagna: “Alli travagli del misero Re di Spagna si aggiune la sollevatione de Mori di Granata per opra della Regina dInghilterra, non essendo però riuscito a questa perfida di far uscire armata Turchesca a danni de Stati del medesimo Re in Italia. Si dice però, che habbia fatto sbarcare alla Roccella 6 mila persone tra Inglesi, et Svizzeri in aiuto del Re di Francia, et ordinato al Drago, che rompa fracassando, et sbrani quanto può nelli Stati di Filippo Re” (c. 356r/89).

Non mi soffermo a narrare della sconfitta della Invincibile Armata spagnola, avendone già parlato nella parte riguardante la Spagna.

Dopo la vittoria conseguita, lInghilterra, come liberata da un peso che opprimeva, esplose di gioia, come si legge in un avviso del 24 dicembre 1988 che veniva da Anversa: “In Londra si erano fatte alcuni giorni feste solenni per la liberatione di quel Regno dalle mani de Spagnuoli, et che quella Regina sera lasciata vedere publicamente nella chiesa maggiore di San Paulo a ringratiar Iddio della vittoria che gli par haver havuta senza combatter di Spagnoli, essendone perciò fatte publiche allegrezze per tutto il Regno” (c. 9r/89).

I risultati di quella infelice spedizione di Filippo II contro lInghilterra erano ormai davanti agli occhi di tutti e soprattutto della storia: “un immenso disastro militare, un più rovinoso crollo politico e religioso, il consolidamento del trono di Elisabetta e del protestantesimo in Inghilterra”[34].

Archiviata limpresa dellarmata, lInghilterra si limitò ormai a piccole azioni di boicottaggio verso la Spagna, impedendo, ad esempio, il commercio mercantile con i Paesi Bassi e con le città marinare tedesche affacciate sul Mare del Nord: “La Regina Inglese haveva mandato 12 Vasselli alle Orcade per impedire la navigatione in Spagna a quelli dAmburgo” (c. 169v/90); “Di Londra con lettere dellultimo passato avisano che quella Regina haveva fatto armare alquanti legni per guardare che alcuni vascelli dOlanda, Zelanda et Osterlandia non passi in Spagna” (c. 437r/90).

Ora, dopo la morte del re francese Enrico III, per Elisabetta lurgenza era quella di aiutare Enrico di Navarra, in vista di una sua adesione al protestantesimo: “La Regina dInghilterra et Protestanti hanno mandato Ambasciatori a Navarra per intendere al certo se vole viver Cattolico o secondo il solito, comha fatto fin hora per rissolvere pensiero” (c. 202v/90). Lo aiutò con invio di denaro, soldati e artiglieria: “Di Londra delli 5 avisano che quella Regina haveva mandato a Dieppe 8 pezzi darteg[lie]ria grossa con 200 barili di polvere per soccorso di Navarra” (c. 627r/89); “Al Re di Navarra erano giunte a Diepe di Normandia balle, polvere et altre monitioni in gran quantità mandategli dalla Regina dInghilterra, la quale preparava anco 700 mila talleri del restante dun million che manda a detto Re” (c. 628v/89).

È vero anche però che ormai dopo lo scontro con larmata spagnola del 1588 e la non felice spedizione in Portogallo del 1589, in quel 1590 lInghilterra sembra più guardare ai problemi interni e meno ad una possibile prova di forza con chicchesia: “Intendevano dInghilterra che quella Regina era debilitata tanto di forze marinareccie, che né per questo, né per qualche altro anno potrà fare armata, poiché di 12 mila marinarj che haveva mandati lanno passato in Portogallo non ne restaro 2 mila” (c. 310r/90).

Limpero germanico durante il pontificato di Sisto V

Con lincoronazione da parte di Giovanni XII di Ottone I di Sassonia nellanno 962 si è soliti far iniziare il Sacro Romano Impero che incorporava gran parte dellimpero carolingio e la cui denominazione nel 1512 cambiò in Sacro Romano Impero della Nazione Germanica. Due sono i momenti importanti che ci interessano: uno avvenuto nel 1356 nella Dieta di Norimberga presieduta da Carlo IV, che terminò co un decreto noto come La Bolla doro e laltro nel 1555 noto come la Pace di Augusta.

Con la Bolla doro del 1356 si stabiliva la natura elettiva della carica imperiale, ponendo fine al controllo diretto del papato sullimpero. Lelezione dellimperatore era demandata ad unassemblea di sette membri, quattro laici e tre ecclesiastici, con diritto delleletto ad essere incoronato indipendentemente dalla posizione della Chiesa di Roma. I quattro membri laici erano: il re di Boemia, il duca di Sassonia, il margravio del Brandeburgo ed il conte del Palatinato. I tre membri ecclesiastici erano gli arcivescovi di Colonia, Magonza e Treviri.

La funzione dei principi elettori si complicò con la riforma protestante: mentre i tre principi ecclesiastici rimasero cattolici, i quattro principi elettori laici diventarono tutti protestanti tranne gli Asburgo. Si capisce allora quanto fosse strategica la fede religiosa personale di questi sette personaggi: infatti da loro dipendeva lelezione di un imperatore diversamente incline a favorire una religione piuttosto che laltra.

Limperatore Carlo V[35] intraprese una politica di conciliazione tra le due parti, che sfociò il 25 settembre 1555 nella Pace di Augusta, che sancì ufficialmente la divisione di fatto della Germania tra cattolici e luterani e prevedeva lobbligo per i sudditi di seguire la confessione religiosa del proprio sovrano (“cuius regio eius religio”, cioè “di chi comanda nella regione, di lui si segua la religione”), con la conseguenza che molte volte i sudditi dovettero passare da una religione allaltra in rapporto al succedersi dei sovrani.

Al momento del pontificato di Sisto V era imperatore Rodolfo II, della casa dAsburgo dAustria,[36] con forti tradizioni cattoliche, ma alquanto esitante nelle questioni di una certa importanza.

Sisto V fu estremamente interessato ai problemi della vasta e complessa area germanica[37]. Attraverso i suoi nunzi (che scelse con particolare attenzione e che colmò di appositi consigli, come si legge nellOnorio)[38] egli volle stimolare limmobilismo del mondo cattolico germanico, combattere la rilassatezza dei costumi del clero, fare applicare i decreti del concilio di Trento, istituire collegi e seminari per la formazione dellaristocrazia cattolica locale e di un clero preparato.

Per la trattazione di questo capitolo, oltre ai testi già citati allinizio, si farà riferimento allopera di ANONIMO, “Memorie in forma di Annali del Pontificato di Sisto Quinto”, che il Tempesti chiama “Anonimo del Campidoglio”. Il Pastor conosceva tale documento e parla di diverse biblioteche dove era possibile reperire copie di tale manoscritto. Chiunque sia, lanonimo autore del Campidoglio era ben introdotto nel mondo della politica papale estera del tempo.[39].

1. La corte imperiale di Praga

Praga in quel momento era stata scelta come capitale dellimpero dallimperatore del momento Rodolfo II dAsburgo (Vienna 1552 – Praga 1612), e Sisto V era rappresentato in quella corte dal suo nunzio, il vescovo Germanico Malaspina[40].

Lopera del nunzio Malaspina presso fu resa difficile da una serie di fattori imputabili sia alla scarsa energia decisionale di Rodolfo II, sia al condizionamento operato sullimperatore dai principi elettori protestanti di Sassonia e Brandeburgo. Scrive lAnonimo che “Cesare è collocato tra il Turco, nemico scoperto, e glHeretici persecutori domestici”; “[Sassonia e Brandeburgo] sono saliti a tanta riputatione, cherano assoluti arbitri della Germania e... non tengono dellImperatore più conto di quello che fatto haverebbero se non fosse lor superiore”[41]. Per questo più volte il Malaspina espresse lopinione che limpero non era che un grande edificio pericolante da ogni parte, con grave pericolo anche per le nazioni vicine.[42]

Accanto al problema della successione al trono imperiale (limperatore Rodolfo II non si sposò mai e nel 1612 abdicò in favore di suo fratello Mattia) il nunzio doveva stimolare limperatore per creare un rapporto pacifico tra cattolici e protestanti, permettendo di lasciare libero il credo, ma vietando ogni usurpazione di chiese e di beni. Anche dopo la Pace di Augusta si erano infatti verificati molti casi di occupazioni di realtà cattoliche, come ad esempio nel vescovado di Halberstadt. Importante per il nunzio era anche il problema delleducazione alla fede cattolica della nobiltà tedesca, essendo questa deputata a reggere i capitoli canonicali delle cattedrali (dai quali venivano le proposte di nomina dei vescovi) e avendo una grande influenza sul resto del clero. Per non parlare del dilagante calvinismo, che aveva il suo maggiore rappresentante nel conte palatino Giovanni Casimiro di Wittelsbach-Simmern[43], anche perché la Pace dAugusta prevedeva solo due fedi, la cattolica e la luterana, e in quel momento quella cattolica faceva fatica “a conservar quel poco di Cattolichismo che vi resta”[44].

Vi erano poi altri problemi, come la situazione complicata della Francia e un evenatuale intervento imperiale a favore della lega cattolica; il necessario intervento dellimperatore nella complessa sitiuazione del vescovato di Colonia; i problemi creati in Boemia dai Piccardi[45]; la situazione dellUngheria priva del titolare nella diocesi più importante, quella di Strigonia (attuale Esztergom)[46], che in quel momento era amministrata da un governatore vicino a posizioni calviniste; molte altre diocesi che rimanevano prive di vescovi e le parrocchie che languivano, per cui: “in quaranta leghe di circuito di Paese, pochissimi Parroci cattolici si trovano, essendo il Calvinismo entrato infin dentro al Paese”[47]. Vi era poi da controllare il potere del duca di Sassonia e del marchese di Brandeburgo, diventati i veri arbitri della vita politica e religiosa della Germania, tanto che lo stesso imperatore li consultava prima di ogni decisione.

Papa Sisto soffriva del comportamento remissivo dellimperatore, anche se per mostrargli un gesto di stima inviò il 10 gennaio 1586 lo stocco e il cappello benedetto[48] a lui e al cardinale Gyorgy Draskovich[49], arcivescovo ungherese di Kalocza-Bacs, anche se il breve redatto dal Papa con data del 13 agosto 1585, non venne neppure ritirato dai rappresentanti missione imperiali, scontenti per il rifiuto papale circa un sovvenzionamento in denaro richiesto per contrastare i Turchi.

Al termine del suo mandato, il nunzio Malaspina lasciò un buon ricordo del suo operato: molto aveva fatto per le diocesi germaniche: a Breslavia (nella Bassa Slesia, ora in Polonia) nel 1585 il Malaspina era riuscito a far eleggere Andrea von Jerin, che si prodigò a diffondere la cultura e la morale cattolica e a combattere il protestantesimo. Qualche questione era rimasta ancora pendente, come alcuni problemi nelle diocesi di Lubecca, Strasburgo, Aquisgrana e Augusta, dove erano ancora in corso lotte religiose.

Alla relazione finale piuttosto pessimista (ma molto vicina alla realtà) del nunzio Malaspina, occorre aggiungere la relazione-memoriale di un altro grande conoscitore della realtà germanica, Minuccio Minucci[50], stilata appena due anni più tardi, cioè del 1588, mentre era consigliere degli arciduchi dAustria[51].

Il Minucci non era un nunzio (pur avendo lavorato a stretto contatto con i nunzi di Vienna-Praga e di Graz), ma - a detta del Pastor - “questo diplomatico romano, indubbiamente il miglior conoscitore di allora alla Curia delle cose tedesche, da un lato da un riassunto molto minuzioso delle condizioni religiose di tutte le diocesi tedesche, nellaltro esamina lo stato generale della Chiesa cattolica nellimpero e i mezzi per ristabilirla nellantico splendore”[52]. Il Minucci riscuoteva grande considerazione anche da papa Sisto V: il 4 novembre 1585 gli conferì il prestigioso titolo di protonotario apostolico.

Tutta la relazione del Minucci era percorsa da un atteggiamento di forte speranza sulla ripresa della fede cattolica nelle terre tedesche toccate da decenni dalla riforma protestante. Egli sosteneva che la persecuzione avrebbe fortificato le chiese rimaste fedeli a Roma. Bisognava però operare subito e bene per tale rifioritura, ma non tramite luso della forza e tantomeno con guerre di religione, ma attraverso un vero rinnovamento spirituale, un ritorno alla Chiesa delle origini. Le chiese cattoliche della Germania (soprattutto i suoi vescovi e i suoi principi) dovevano scuotersi di dosso una certa apatia e negligenza e prendere atto che occorreva un supplemento di forza e unenergia vigorosa. Solo così si potevano riconquistare alla fede cattolica le popolazioni e i prìncipi con simpatie verso il protestantesimo come il conte palatino Filippo Ludovico von Neuburg[53], il langravio Guglielmo di Hessen[54] ed Enrico Rantzau di Holstein[55], anche se il Minucci non aveva grandi speranze di poter ormai riconquistare al cattolicesimo tali principi.

Con crudezza e realismo il Minucci non nascose laperta violenza con cui la minoranza protestante aveva strappato ai cattolici diverse città, come Aquisgrana, Colmar e Glogau, avevano abbattute chiese, monasteri e abbazie, cacciando violentemente monaci e religiose. Allinterno della Germania già dodici diocesi erano state trasformate in principati protestanti ereditari ed altre sette erano in mano protestante. E purtroppo di fronte a questa situazione di fatto e di vera persecuzione religiosa i prìncipi cattolici non avevano alzato la loro voce.

Con altrettanto realismo il Minucci ammetteva che accanto al silenzio dei prìncipi cattolici doveva essere stigmatizzata la decadenza morale dei candidati ai vescovati, cioè i canonici delle cattedrali, serbatoio delle nomine vescovili. Occorreva una forte riforma dei vescovi per una buona riforma delle diocesi secondo lo spirito del concilio tridentino.

Nonostante questa descrizione non certa pietosa delle chiese germaniche, il Minucci non dubitava della ripresa positiva di esse e della possibilità di riportarle allo splendore di un tempo. E il Minucci espose a Sisto V quelli che per lui erano i mezzi necessari per tale rinnovamento:

togliere allimperatore labuso di conferire nomine vescovili prima del placet della Santa Sede;

preparare adeguatamente i candidati allepiscopato con una formazione teologica e pastorale adatta, utilizzando il Collegio Germanico a Roma;

riformare i capitoli canonicali delle cattedrali, a cui accedevano esclusivamente i rampolli dellaristocrazia;

usare la massima cautela nel conferire i benefici ecclesiastici a persone indegne e far sempre emettere prima la professione di fede cattolica;

curare moltissimo la formazione del giovane clero attraverso seminari e università cattoliche;

aiutare le università cattoliche a migliorarsi, specialmente quelle di Colonia, Friburgo, Vienna, Treviri, Magonza, Erfurt, sullesempio delluniversità cattolica bavarese di Ingolstadt;

fondare molte scuole popolari e diffondere i collegi retti dai Gesuiti;

curare maggiormente lunità fra i vescovi e prìncipi cattolici.

A Praga, come nunzio presso limperatore, papa Sisto sostituì Germanico Malaspina con Filippo Sega, vescovo di Piacenza[56]. Era il 18 gennaio 1586: “Monsignor Sega è destinato Nuntio residente allImperatore” (c. 13r/86).

Alla fine di marzo del 1586 il nuovo nunzio arrivò a Innsbruck e, via Vienna, il 17 aprile era a Praga. Durante il suo viaggio incontrò ad Innsbruck larciduca Ferdinando, a Vienna larciduca Ernesto e in Baviera il duca Guglielmo, che lo informarono sulle reali condizioni dellimpero: “Il Sega sallestisce per andar Nuntio a Cesare come fu scritto, et nel viaggio trattarà con Baviera et con altri di quei Principi Alemanni per il Papa” (c. 21r/86).

Al vescovo Sega riuscì durissimo lincarico di questa nunziatura per i continui dissapori fra limperatore e papa Sisto e di riflesso fra il nunzio e limperatore. Le relazioni divennero ancor più tese quando, alla fine dellestate del 1586, giunse a Roma lambasciata imperiale inviata a prestare obbedienza al pontefice. Sisto V davanti agli ambasciatori lamentò apertamente la debolezza dellimperatore nei confronti dei protestanti e chiese che ai prìncipi ecclesiastici non fossero concesse le regalìe prima di ricevere la conferma pontificia.

Le relazioni turbolente tra Sisto V e limperatore Rodolfo resero la posizione del nunzio Sega piuttosto difficile, tanto che la richiesta di un intervento fatto a Rodolfo per salvare la diocesi di Verden, retta dal 1566 da vescovi luterani, e quella di Lubecca, che si era resa vacante, restò inascoltata. Lo stesso accadde per la diocesi di Minden (Renania-Vestfalia settentrionale) dove Enrico Giulio von Braunschweig-Lunenburg si era sposato e cercava di prendersi anche il vescovado di Halbertstadt, vacante dal 1566.

In tutto il suo operato il Sega operò benissimo, in pieno accordo con papa Sisto: ambedue erano profondamente attaccati alla disciplina ecclesiastica e il Sega, come degno discepolo del Borromeo, voleva a tutti i costi lapplicazione dei decreti tridentini.

Il maggior nemico del Sega risultò il vice cancelliere del regno in Boemia, che risiedeva nella corte. Costui, spargendo calunnie ed insinuazioni tanto fece che spinse limperatore a chiedere a papa Sisto di richiamare a Roma il Sega. Infatti, pur a malincuore, Sisto V a metà maggio 1587 richiamò il suo nunzio e al suo posto inviò Antonio Puteo, arcivescovo di Bari[57]: “Sintende che il Nuntio Sega sarà rivocato dalla corte dellImperatore et lArcivescovo di Bari nipote del già cardinal Puteo andarà a quel carico” (c. 40r/87); “È giunto lArcivescovo di Bari nuntio nuovo del Papa” (c. 234r/87), che rimase come nunzio a Praga dal 1587 al 1589.

Nel viaggio di ritorno verso lItalia il Sega volle recarsi a Ratisbona, per ricomporre i dissidi tra il capitolo dei canonici e il duca di Baviera: “Scrivono di Alemagna che Monsignor Sega si trovava ultimamente in Monaco di ritorno dalla Corte Cesarea” (c. 264r/87).

Il Puteo partì da Roma il 20 marzo 1587; era a Trento il 26 aprile e ad Innsbruck il 2 maggio dallarciduca Ferdinando e suo figlio, il cardinale Andrea dAustria. Qui il nunzio si complimentò con larciduca per aver stimolato in tutto il suo dominio linsegnamento della dottrina cristiana ai fanciulli e perché il cardinale Andrea aveva fatto stampare e distribuire a sue spese duemila libretti del catechismo.

Il nunzio Puteo fu molto attivo e conseguì diversi risultati. Già dal suo arrivo a Praga il 15 maggio 1587 e nel primo incontro con limperatore Rodolfo a nome del papa lesortò a prendere in seria considerazione le vicende politiche della Polonia e a risolvere il problema del vescovo primate dUngheria e della nomina degli altri vescovi, affinché non venissero elette “malitiosamente o ignorantemente persone sospette e nemiche della Chiesa”[58].

A Praga il Puteo contrastò larcivescovo della città Martin Medek (arcivescovo dal 1581 al 1593) che trascurava i suoi doveri pastorali. NellAustria Inferiore, con lappoggio dellarciduca Ernesto e di Melchior Khlesl, vescovo di Wiener Neustadt (che nel 1598 divenne arcivescovo di Vienna e fu fatto cardinale nel 1616), si fecero progressi, nonostante lo scarso numero di preti che erano subentrati allespulsione dei pastori protestanti. A Passau, città al confine orientale con lAustria, il vescovo Urbano von Trennbach collaborò attivamente con il nunzio per la restaurazione cattolica. Il Puteo ottenne dallimperatore il risultato di eleggere i vescovi di molte diocesi vacanti: Raab, Neutra, Waitzen, Veszprim, Csanad, Zagabria, Sirmio, Zemgg, Knin[59]. LAnonimo, a questo punto, fa una considerazione generale: “Non ha dubio, che se niente altro mai havesse Sisto operato per bene della Santa Sede in quelle bisognosissime Provincie, questa è una per la quale invano serano tanti suoi Antecessori affatigati, sarebbe sufficiente a dargli diretto titolo di loro Conservatore”[60].

Il 4 luglio 1589 il Puteo venne sostituito da Alfonso Visconti: “Essendo finito il triennio della nunciatura presso allImperatore dellArcivescovo de Bari, che ha con molta sodisfattione del Papa, splendore et prudenza essercitato quel carico, Sua Beatitudine richiama detto Arcivescovo da quella corte, et in suo luogo manda Monsignor Visconti milanese” (c. 180r/89)[61].

Il Visconti si interessò delle problematiche religiose di Monaco, Salisburgo, Aquisgrana e Strasburgo; si oppose alla concessione dellinvestitura in Halberstadt al duca protestante Giulio von Braunschweig, promuovendo candidature cattoliche per questo vescovado. Il 2 febbraio 1590 morì larcivescovo di Praga, Martino Medek, aprendosi così la successione allarcivescovado, dalla quale dipendevano i successi di molte iniziative in Boemia, tra le quali la visita pastorale e il contrasto agli Ussiti. Fortunatamente fu eletto Zbyněk Berka.

2. La corte imperiale austriaca di Graz

A continuare lopera del Malaspina presso la corte imperiale austriaca di Graz fu inviato da papa Gregorio XIII come nunzio Giovanni Andrea Caligari, vescovo di Bertinoro[62].

Il Caligari dovette attendere alla riforma del mondo ecclesiastico, con laiuto di validi vescovi e dei Gesuiti. La nobiltà e la borghesia avevano aderito al protestantesimo, mentre i contadini erano restati legati al cattolicesimo. Questa situazione era comune non solo alla Stiria, ma anche alla Carinzia e alla Carnia e larciduca Carlo, pur essendo legato alla fede cattolica, era attorniato da consiglieri poco inclini al cattolicesimo o addirittura protestanti e la sua condotta alquanto tiepida vanificava le speranze dal nunzio.

Sisto V fece erigere luniversità di Graz il 1° maggio 1585[63] affidandola ai Gesuiti, con il compito di formare cattolici da impiegare negli apparati dello Stato e di conservare i valori della religione cattolica.

I rapporti dellarciduca Carlo con Sisto V si andarono deteriorando, rendendo anche in questo caso poco efficaci le richieste del nunzio. Le cause di tale distacco furono il rifiuto del pontefice di creare una diocesi a Gorizia e il non sovvenzionamento papale per la guerra contro i Turchi, che premevano ai confini dellUngheria.

Il Caligari, alquanto sfiduciato, chiese ed ottenne il suo rientro a Roma, e la nunziatura rimase vacante fino al 1592. Così si legge in un avviso del 2 maggio 1587: “È ritornato a Roma il Vescovo di Bertinoro, che era Nuntio presso lArciduca Carlo al qual carico non andrà più nissuno per hora” (c. 168r/87).

3. La nunziatura di Colonia

Nel mese di ottobre del 1584 Giovanni Francesco Bonomi[64], vescovo di Vercelli, fu inviato da Gregorio XIII dalla nunziatura imperiale a quella di Colonia, capitale del Reno, che includeva la vasta zona nord della Germania, con le diocesi di Würzburg, Osnabrück, Paderborn, Hildesheim, Liegi e Aquisgrana, oltre ad avere giurisdizione per conto della Santa Sede nelle arcidiocesi di Magonza, Treviri, nel ducato di Jülich-Clèves. Larcivescovo di Colonia era uno dei sette elettori dellimperatore del Sacro Romano Impero.

Il Bonomi fu inviato in quella città che stava vivendo un periodo drammatico della sua storia, dopo la brutta faccenda del vescovo predecessore Gebhard Truchsess.

Il grave problema era iniziato nel dicembre 1577 con la regolare elezione ad arcivescovo di quella città e di principe elettore di Gebhard Truchsess von Waldburg[65].

Allinizio del suo episcopato il Truchsess accettò in pieno la riforma tridentina, favorendo in diocesi anche i Gesuiti e il loro operato. Poi si accostò lentamente alle idee protestanti e nel 1582 si dichiarò dal pulpito della cattedrale ormai vicino alle posizioni calviniste, epurando i canonici della sua cattedrale che erano rimasti fedeli al cattolicesimo. Nello stesso anno si sposò con Agnes von Mansfeld-Eisleben e nonostante ciò pretese di restare nella sua carica di arcivescovo e di principe elettore. Limportanza strategica dellarcivescovo elettore di Colonia era enorme e, considerando che già tre elettori, cioè lelettore Palatino, il duca di Sassonia e il margravio di Brandeburgo, erano protestanti, se anche Colonia fosse stata occupata da un altro elettore protestante, sarebbe stata possibile lelezione di un imperatore protestante.

Papa Gregorio XIII corse subito ai ripari e nellaprile del 1583 scomunicò il Truchsess e al suo posto nominò un uomo di provata fede cattolica, il principe Ernesto, ultimo figlio del duca Alberto V di Baviera[66].

Fra i due contendenti si accese subito una forte contesa. Il Truchsess, con laiuto di alcuni prìncipi tedesci, formò un esercito per contrastare il nuovo arcivescovo. Le truppe erano capeggiate dal fratello Karl e dal conte calvinista Adolf von Neuenahr, ex canonico a Colonia[67]. Si diede così inizio a quella che viene chiamata “la guerra di Colonia”, dal momento che anche il nuovo arcivescovo Ernesto dovette far ricorso alla forza militare, con laiuto della Spagna.

Allinizio, grazie allappoggio della regina inglese Elisabetta e dellOlanda, il Neuenahr intraprese una serie di azioni vittoriose. La sua conquista più importante fu la città di Neuss in Renania Vestfalia, punto nevralgico per il passaggio dalla Germania ai Paesi Bassi. Il 10 maggio 1585 si legge in un avviso di Colonia: “Hoggi habbiamo havuto avviso chel Conte di Moers per il Truxes deposto, con 600 cavalli et 10 Compagnie de soldati si sia hieri doi hore avanti giorno impatroniti delle Città di Neis dellArcivescovato, quattro leghe lontano di qua presso il Reno, per intelligenza havuta di alcuni Borghesi et soldati del pressidio” (c. 234r/85).

La situazione critica indusse il duca di Baviera, Guglielmo V[68], ad intervenire a favore del cattolicesimo e di suo fratello Ernesto.

Anche papa Sisto V, accettando le richieste di aiuto del duca di Baviera e dellarcivescovo Ernesto, si decise a chiedere aiuto al re Filippo II di Spagna e al duca di Parma Alessandro Farnese che si trovava come governatore nelle Fiandre, la cui parte meridionale confinava proprio con il territorio di Colonia. Alla fine di aprile il duca di Parma pose lassedio alla città di Neuss, occupata dal Neuenahr per il Truchsess: “Si fanno preparamenti grandi per assediare Neus et Berch, trovandosi perciò presso uesta Città da 4 mila Spagnoli, Italiani et Thedeschi che stanno adaspettare che calino le acque grosse per passare al detto assedio et per condurre lartiglierie da battere dette Fortezze” (c. 178r/86).

Nel frattempo il 26 maggio 1586 Sisto V aveva inviato al duca di Parma Antonio Grimani, suo cameriere segreto, con lo stocco e il cappello benedetti (emblemi che venivano dati come massimo riconoscimento ai difensori della fede), facendo seguire una lettera che lesortava a cacciare dallo Stato di Colonia i nemici di Dio. Il Grimani arrivò il 22 luglio e il giorno successivo venne ricevuto dal duca che rifiutò per ora i due doni, rinviandoli a dopo la conquista della città (“Ei non voleva accettar quellhonore, se prima cofatti non sel guadagnava”) [69], pronosticando la data della conquista il 25 luglio, festa dellapostolo S. Giacomo: “La Città di Neus è strettamente assediata, correndo voce che questa notte sarà battuta in tre luoghi, et che dimani, giorno di San Jacomo, le sarà dato lassalto generale” (c. 359v/86). Così infatti avvenne: “Il giorno di San Jacomo fu data la batteria a Neus da tre parti con 34 pezzi et con tanto strepito, che in poche hore fece rovine inestimabili, durante lassalto 10 hore, et restando gli Italiani et Spagnuoli subito Padroni della muraglia con pochissimo danno” (c. 374r/86). E lAnonimo conclude: “Con queste diligenze fece finalmente Sisto con larmi altrui, quello, che con qualsivoglia proprio denaro, non havrebbe mai fatto, di restituire netto da Nemici lo Stato allElettore Ernesto di Colonia”[70].

Conquistata Neuss, e ricevuti stocco e cappello benedetti, seguì poi la riconquista di altre località: Alpen, Meurs, Cracoa e Berch, che vennero riconsegnate allarcivescovo Ernesto. Il Truchsess fuggì in Olanda, dove rimase fino al 1588, per poi trascorrere i suoi ultimi anni a Strasburgo, dove morì il 21 maggio 1601.

La notizia della riconquista della città di Neuss, inviata con corriere espresso dal nunzio di Colonia Bonomi, arrivò a Roma il 20 agosto e si festeggiò con colpi di artiglieria sparati da Castel SantAngelo e il giorno successivo il papa in persona con i cardinali si recò a celebrare la messa nella chiesa di S. Giacomo degli Spagnoli e a cantare il Te Deum di ringraziamento.

In concomitanza con i problemi politici e militari bisognava anche occuparsi della vita spirituale dei cattolici di quella vasta regione. Durante la sua nunziatura a Colonia il nunzio Bonomi fece molte visite alle diocesi vicine, tenendovi numerosi sinodi diocesani. Restò per un certo tempo a Liegi, indicendo un sinodo per il 3 ottobre 1586, per dare inizio alla riforma del clero e visitò personalmente tutte le chiese della diocesi. Nelle prime settimane di agosto 1586 il Bonomi fu a Colonia: qui cercò di inculcare nel clero lobbligo della residenza per rinvigorire la fede e contrastare il protestantesimo. Il Bonomi si recò poi a Siegburg, in Renania, presso i duchi di Julich-Cleve per indurli ad allontanare il personale laico e religioso protestante. Nella primavera del 1586 fu ancora nei Paesi Bassi per preparare il sinodo della provincia ecclesiastica di Cambrai e visitare lintera diocesi. Ritornato a Liegi, malandato di salute e stremato nelle sue forze, morì in questa città il 22 febbraio 1587 mentre preparava la stampa dei decreti del sinodo di Liegi: “Sha avviso di Colonia della morte del vescovo di Vercelli seguita nella Città di Liegi” (c. 112v/87). Scrive il Pastor: “Lintroduzione dei decreti tridentini significava per il clero la rinunzia a certi privilegi ed esenzioni, e il vescovo Ernesto, con la limitazione della giurisdizione ecclesiastica temeva una diminuzione delle sue entrate, ma con fermezza e una prudente condiscendenza riuscì a Bonhomini di vincere tutti gli ostacoli”[71].

Alla morte del Bonomi papa Sisto V nominò come nuovo nunzio Ottavio Mirto Frangipane[72], che arrivò nella sua sede il 25 agosto 1587: “Monsignor di Gaiazzo, nipote del morto Nazaret, si va preparando per passar in Fiandra al suo nuntiato in luogo di Monsignor Buonhuomo” (c. 252r/87).

Anche il Frangipane dovette occuparsi della diocesi di Colonia. LAnonimo non usa mezzi termini: “Ritrovò il Frangipane le cose di quelle Chiese, Stato e vicini in termine miserabile, la Chiesa tanto antica, ricca e nobile malissimo e pochissimo officiata, lo Stato insidiato da ogni banda dal Nuenaro e Seguaci del Truchses, che minacciavano con loccasione dessercito così numeroso protestante, non i vicini solo, ma tutta la Germania cattolica... ma sopra ognatro male era il male del capo e pastore Ernesto, Arcivescovo et Elettore”[73]. Lorganizzazione interna della diocesi aveva grossi problemi. Il capitolo della cattedrale era composto da 24 canonici, sedici dei quali (chiamati “Conti illustrissimi”) erano i secondogeniti delle più influenti famiglie della nobiltà tedesca, che non eccellevano né nel sapere né nella fede. Anche le chiese minori scarseggiavano di sacerdoti e le funzioni religiose erano quasi inesistenti.

Il nunzio Frangipane “in un tempo relativamente breve seppe rendersi assai bene famigliare a quelle imbrogliate condizioni e a intervenire in esse con risolutezza, con prudenza e con calma”[74]. A nome di papa Sisto insistette presso larcivescovo elettore Ernesto perché prendesse a cuore la riforma della chiesa. Lo mise di fronte alle sue responsabilità di pastore fiacco e chiacchierato, della sua trascuratezza nel culto divino, dei costumi morali rilassati suoi (aveva anche una figlia) e per conseguenza del suo clero.

Questa continua opera di stimolo non tardò ad operare i frutti: il 18 ottobre 1587, festa di S. Luca, finalmente fu cantata una messa solenne nella cattedrale, dopo otto anni che in quella chiesa non si era più cantata una messa e si videro i canonici in abito sacerdotale e celebrare messa, con gioia dellintera magistratura e del popolo, “i quali lodavano a voce alta teneramente Dio, benedicendo Sisto, che per sua autorità doppo tanti anni vedessero uno di quei Signori in habito, et esercitio Sacerdotale, e la Chiesa risorgente alla magnificenza antica, in cui per lo spatio già dotto anni, non sera cantato messa”[75].

Il 7 novembre il nunzio si recò a Coblenza per incontrare lelettore di Treviri, un uomo pio e devoto, e per riferirgli dei buoni propositi dellarcivescovo elettore di Colonia. Il nunzio voleva che i due elettori di coalizzassero per il bene dei cattolici e trovò lelettore di Treviri ben disposto. Intanto larcivescovo Ernesto partì per Liegi e il nunzio guidò a suo nome la diocesi di Colonia.

Durante la sua nunziatura, il Frangipane dovette occuparsi, a nome di Sisto V, anche del ducato di Kleve, uno Stato del Sacro Romano Impero (in tedesco: Herzogtum Kleve; in francese: Duché de Clèves), diviso tra lattuale Germania (parte della Renania Settentrionale-Vestfalia) e i Paesi Bassi, e sotto la giurisdizione ecclesiastica dellarcivescovo di Colonia. Duca di Kleve era Guglielmo[76], il quale, pur essendo fondamentalmente un buon cattolico, si lasciava influenzare da alcuni suoi ministri che avevano marcate simpatie per la riforma protestante. Si legge in un avviso di Colonia dell11 giugno 1587 che il duca doveva forzatamente mantenere una difficile posizione di equilibrio, per cui “la necessità lo forza adessere neutrale” (c. 262v/87). Papa Gregorio XIII aveva sempre avuto molta simpatia per questo ducato e cercato ogni mezzo per far educare cattolicamente i due figli maschi del duca, Carlo Federico e Giovanni Guglielmo i quali, ripagavano la stima del pontefice. Purtroppo Carlo Federico morì ventenne, proprio a Roma nel 1577, pianto da papa Gregorio che si mostrò “tenerissimo Padre”. Ora erede al ducato era Giovanni Guglielmo, che, alla morte di suo padre Guglielmo avvenuta nel 1592, fu duca di Kleve dal 1592 al 1609.

La posizione di questo giovane principe, di forte educazione cattolica, accanto al padre e soprattutto ai ministri protestanti era diventata delicatissima. Infatti il giovane Giovanni Guglielmo aveva intenzione di far vivere cattolicamente il suo ducato, ma doveva fare ogni cosa con la massima segretezza, come con altrettanta segretezza doveva mandare le lettere sia a papa Sisto che al nunzio Frangipane, che con altrettanta segretezza consegnava al principe le lettere del papa. Con finezza diplomatica papa Sisto chiese al duca di inserire suo figlio nel Consiglio ordinario di Stato, in qualità di futuro suo successore, e si interessò anche presso il re di Spagna e il duca di Parma (che avevano una massiccia presenza in quelle regioni) affinché usassero grande delicatezza nei rapporti con il ducato e di aiutarlo militarmente, dal momento che quel ducato era minacciato dalle forze protestanti del colonnello Schench: “Il Colonello Schench travaglia gagliardamente gli sudditi del Duca di Cleves, perché Sua Altezza favorisce in più modi gli Spagnuoli, essendo detto Colonello scorto in quel paese con impatronirsi di una cosa molto forte” (c. 49r/87).

Vi erano altri problemi che travagliavano le comunità cattoliche tedesche, tra cui unannosa questione che interessava la diocesi di Magonza. In Germania esistevano i cosiddetti “Circoli”, cioè unioni tra province, con il nome di Circoli Superiori (le province che si affacciavano su entrambe le rive del Reno) e Circoli Inferiori (le provincie comprese nel resto della Germania). Grazie ad un privilegio di Innocenzo IV (papa dal 1243 al 1254) i benefici e le dignità della diocesi di Magonza e di altre diocesi collocate nella Germania superiore erano appannaggio solo della nobiltà locale, escludendo così gli ecclesiastici della Germania inferiore. La controversia tra i due Circoli venne alla ribalta già nel 1576 e perdurò durante i pontificati di Paolo IV, Pio IV e Pio V, il quale ultimo confermò il privilegio di Innocenzo IV, anzi allargò ulteriormente il privilegio stabilendo che solo i nobili nati nella Germania superiore potessero essere ammessi nella chiesa di Magonza. Gregorio XIII, sollecitato dai Circoli inferiori, lasciò intendere di non condividere le risoluzioni di Pio V, tanto che il nunzio apostolico Gaspare Groppero[77] introdusse diverse aperture che fecero irritare i Circoli superiori. Il vescovo di Magonza Daniel Brendel von Homburg[78], fino a che fu in vita, riuscì a frenare la decisione di papa Gregorio XIII, ma alla sua morte avvenuta nel marzo del 1582 papa Gregorio revocò il privilegio. La nobiltà dei Circoli superiori, sentendosi fortemente danneggiata, fece ricorso allimperatore Rodolfo II perché convincesse il Papa a recedere dalla decisione presa, minacciando un loro ricorso alle armi e ad unalleanza anche con i protestanti pur di difendere il privilegio innocenziano. Papa Gregorio si rese conto del pericolo e sospese la revoca del privilegio, senza annullarla, pensando in questo modo di accontentare ambedue le parti. Sisto V comprese limportanza della questione e ordinò che nulla fosse modificato, mettendo fine al pericoloso problema.

Ad Aquisgrana il nunzio, grazie alla collaborazione dellelettore Ernesto, riuscì a proteggere meglio i cattolici, sempre in pericolo dessere sopraffatti dai protestanti: “Per quanto sintende, in Aquisgrana vi sono de rumori gagliardi, et pare che gli heretici hanno superato gli Cattolici, discorrendosi che questo possi apportare qualche nocumento alle cose del Re Cattolico in Fiandra” (c. 491r/86).

Anche a Liegi il suo aiuto si rivelò importante per lapertura di nuovi seminari.

Venne rivolta lattenzione anche ad altre realtà olandesi, come nella diocesi di Utrecht, dove si ottennero risultati confortanti, tanto che nel giugno del 1589 il Frangipane comunicò a Roma che la fede cattolica in Olanda era ben radicata, anche se lintolleranza protestante la rendeva poco visibile e i sacerdoti dovevano operare di nascosto. Si ottennero successi a Deft e in altri luoghi. Si occupò anche della diocesi di Saint-Omer e dellarcivescovado di Malines, che risultavano prive di titolare per la presenza protestante, tanto che il cardinale Allen[79] non poteva prendere possesso della sua arcidiocesi di Malines.

Nella diocesi di Gand fece insediare il 12 febbraio 1588 il vescovo Guglielmo Lindano che morirà il 2 novembre dello stesso anno e avrà un successore solo nel 1590 con il vescovo Pietro Damant[80].

Sempre nel 1588, il 15 giugno, a Tournay venne eletto il vescovo Giovanni Vendeville[81].

Ad Anversa la controversia tra il capitolo della cattedrale e il vescovo Lavinius Torrenzio si risolse nel 1588 con la sospensione dei due soggetti da parte del Frangipane. La controversia nasceva dal fatto che il capitolo dei canonici nel corso dei secoli aveva ottenuto ampie esenzioni che ora il vescovo Torrenzio, forte delle disposizioni del concilio di Trento, aveva avocato a se. La congregazione romana diede ragione al vescovo, ma il capitolo non si adeguò alla decisione, tanto che dovette intervenire successivamente il pontefice Gregorio XIV con uno stesso verdetto.

4. Laiuto dei protestanti tedeschi ai calvinisti ugonotti francesi

In Francia la contrapposizione tra i cattolici e protestanti portò ad una internazionalizzazione con lapporto di eserciti armati, finanziati da una parte da Elisabetta dInghilterra e dai principi tedeschi e svizzeri in favore degli Ugonotti di Enrico di Navarra e dallaltra da Filippo di Spagna e dal duca di Fiandra per la lega cattolica. Per evitare questa ulteriore contrapposizione Sisto V intervenne tramite il nunzio presso limperatore Rodolfo II affinché proibisse qualsiasi mobilitazione di eserciti negli Stati di sua pertinenza.

Limperatore inviò lettere ai principi protestanti e, verso la metà di luglio del 1587, pubblicò un “severissimo bando” con il quale, sotto pena di confische dei beni, si intimava a coloro che parteggiavano per il Navarra di rientrare nei loro Stati.

In realtà queste azioni dellimperatore furono vanificate da una parte dalla debolezza dei cattolici e dallaltra dalle manovre dei prìncipi protestanti, soprattutto del locale elettore Cristiano I[82], di Federico II, re di Danimarca[83], di Giovanni Giorgio marchese di Brandeburgo[84], Giulio, duca di Brunswich[85] e soprattutto Giovanni Casimiro reggente dellelettorato del Palatinato[86].

Già verso la metà di maggio 1587 si parlava di unimminente adunanza a Dresda in Sassonia di numerosi principi protestanti che, sotto la scusa del battesimo del figlio del locale principe elettore Cristiano I, si sarebbero qui ritrovati. Sembrava profilarsi allorizzonte una nuova convocazione sul tipo della “dieta di Worms” del 1521. La notizia mise in agitazione limperatore, che scrisse agli elettori ecclesiastici di vigilare.

Ai primi di giugno si seppe anche di un finanziamento di 100 mila scudi fatto a Casimiro da parte della Regina dInghilterra per assoldare un esercito per appoggio al re di Navarra.[87] In risposta lambasciatore spagnolo, Guglielmo San Clemente, annunciò pubblicamente un controreclutamento di 12 mila fanti e 10 mila cavalieri per contrastare le minacce protestanti. Costoro, temendo unazione militare contro di loro, non deliberano nulla di rilevante.

Le forze protestanti di riunirono comunque ad Amburgo l8 luglio per finire il giorno 23. Oltre ai duchi sassoni, vi parteciparono quelli di Brandeburgo e i tre langravi dellAssia.

Il risultato fu la riconferma di una lega difensiva protestante, già istituita nel 1555, ma si prendevano le distanze dal Casimiro che voleva una svolta più radicale con un loro coinvolgimento netto a favore della causa degli Ugonotti del Navarra. Davanti alla freddezza di costoro, Casimiro si rivolse al re di Danimarca, che riuscì a convincere molti principi protestanti, affermando che nel favorire la causa francese si dava un impulso a quella tedesca. Grazie a questo intervento 7 mila cavalieri vennero equipaggiati. Non tutti aderirono, e tra questi il duca di Witemberg, convinto luterano, che intravvedeva un aiuto alla sola causa calvinista.

Ad accogliere questi aiuti tedeschi, il Navarra mandò un francese ugonotto, il duca di Buglione, che con 2 mila fanti e 500 cavalieri entrò nei territori dellimpero. In questo modo a metà di agosto 1587 si formò un esercito di 14 mila soldati, di cui ottomila cavalieri e il resto composto dalla fanteria. Nonostante preventive promesse di non devastare i territori attraversati, il Buglione si rese reo di profanazioni e saccheggi, soprattutto nel territorio francese del vescovado di Strasburgo (che allora si chiamava “Argentina”). La descrizione che ne fa il nostro Anonimo è tremenda: “Arrivato su le pianure dArgentina, dove si congiunse con i Raitri, vi usò ogni sorte dempietà, e crudeltà, buttò a terra antichissimi e bellissimi Monasterij, dirocò da fondamenti molte Chiese, altre profanò con farne stalle, e fare deglAltari mangiatoie di bestie, incrudeli su le effigie de Santi, spogliò le sacrestie dogni sorte di suppellettili, e vasi sacri, che divennero argomento dusi non solo profani, ma immondi... Non poteva occhio humano rimirare senza lagrime li stratij fatti da quei barbari ad alcuni poveri Cattolici, che in loro disastrosamente savvennero”[88]. Il tutto avveniva con il disinteresse delle altre realtà cattoliche. Naturalmente tutto ciò amareggiò papa Sisto.

Nella sua trattazione sulla restaurazione cattolica operata da Sisto V nellimpero germanico (cap. VI) con particolare riferimento al problema di Colonia, il Pastor afferma saggiamente: “Sembra che Sisto V non comprese tutta intiera limportanza di questa lotta, poiché i torbidi francesi, dallesito dei quali dipendeva lesistenza della Chiesa cattolica nellEuropa dellovest, lo assorbivano intieramente”[89].

I cantoni svizzeri al tempo di Sisto V

La cosiddetta Vecchia Confederazione Elvetica sorse nel 1291, fondata da unalleanza tra i cantoni di Uri, Svitto e Unterwalden.

Con la nascita del protestantesimo e dopo la battaglia di Kappel dell11 ottobre 1531, che contrappose i cantoni cattolici e quelli protestanti, si ebbe il prevalere dei primi. La pace successiva, nota come pace di Aarau, pur favorendo i vincitori, con limposizione della fede cattolica in molte zone, sancì la possibilità che in ogni cantone fossero professate entrambi le fedi. Si ebbero allora 13 cantoni di cui 7 cattolici: Uri, Svitto (Schwyz), Unterwalden, Zug, Lucerna, Soletta (Solothurn) e Friburgo, 4 protestanti: Zurigo, Schaffausen, Basilea e Berna, oltre 2 (cantoni): Glarus e Appenzell dove si professano entrambi le fedi.

Nella Svizzera cattolica, dopo la nunziatura di Giovanni Francesco Bonomi vescovo di Vercelli, terminata nel 1581, si era creato un lungo periodo durante il quale nessun rappresentante del papa era stato nominato, perché la presenza protestante era talmente forte da commettere azioni anche violente[90]. Sisto V interruppe questo periodo di vacanza e dopo la richiesta esplicita dei Cantoni cattolici, nominò suo nunzio, il 17 agosto 1586, Giovanni Battista Santoni (nominato anche come Santori, Santorio, Santonio), che dall8 gennaio 1586 era stato nominato vescovo di Tricarico in Basilicata. La nomina del nunzio creò malcontento tra i principi protestanti e preoccupazioni anche in quelli cattolici bavaresi. I primi avevano timore di progetti ai loro danni, i secondi temevano una destabilizzazione nella zona dove gli equilibri erano piuttosto precari. Il papa, per sgombrare il campo da pretestuose e infondate paure, nel Concistoro del primo settembre delineò la missione del nunzio riportandola nel solco di un rinnovamento religioso con lo scopo di conservare e consolidare la fede cattolica. La partenza del nuovo nunzio per la Svizzera rimase segreta, come si addiceva ad una missione delicata e difficile. Così si legge nellavviso del 27 agosto 1586: “Lunedì matina il Vescovo di Tricarico mezzo incognito partì, et benché desse voce verso Colonia, et anco che il Papa finadesso non habbia detto publicamente dove lhabbia spedito, si sa nondimeno chegli va Nuntio residente presso i Bernesi, et segli havrà così buona destrezza in risolvere i suoi pensieri, come ha bella maniera in spiegare i suoi concetti, riuscirà valenthuomo fra quei Svizzeri senza dubio”
(c. 411v/86).

Nel concistoro del primo settembre il papa espose ai cardinali il motivo di questa rinnovata legazione e volle fugare le preoccupazioni di alcuni prìncipi svizzeri: “Havendo detto al Collegio, chalcuni Principi erano entrati in sospetto, che Sua Beatitudine havesse mandato Monsignor di Tricarico in Terra de Svizzeri per pattuir leghe con loro di guerra, con pericolo di tirare linquiete in Italia, et non essere ciò vero, ma solo con questo Nuntio havere rinovata lantica usanza di questa Sede di tenere presso a i Svizzeri un Prelato, tralasciata da Paolo 3° in qua, con fine di mantenere i buoni di quei paesi alla divotione di questa Santa Sede” (c. 427v/86).

Certamente gli intenti del papa erano anzitutto di natura riformistica: sanificare i costumi del clero, ridestare un sentimento religioso nella popolazione, riaffermare i diritti e i possedimenti della Chiesa usurpati dalle autorità laiche. Ma qualche risvolto nascosto questa legazione laveva: la presenza di una così alta autorità inviata dal papa poteva essere di vitale importanza nelle questioni francesi per contrastare la fazione protestante svizzera che si era schierata per Enrico di Navarra; inoltre, su richiesta del duca Carlo Emanuele di Savoia, si voleva andare in aiuto contro i protestanti ginevrini nella ventilata riconquista al cattolicesimo di Ginevra.

Il nunzio raggiunse la sua sede a Lucerna e fu loccasione di rinnovare unantica alleanza tra i sette cantoni cattolici (nota con il nome di Lega Aurea, che aveva come scopo la reciproca difesa dalle mire protestanti): i loro rappresentanti giurarono fedeltà alla religione cattolica, impegnandosi a vivere e a morire nella antica fede cattolica apostolica romana: “Il Vescovo di Tricarico avisa del nuovo giuramento fatto dalli Cantoni de Svizzeri Cattolici di difendere la loro buona fede contra i nimici, et di servire la Sede Apostolica in tutte le occasioni” (c. 427v/86).

Il 12 maggio 1587 i cantoni di Zug, Lucerna e Friburgo conclusero unalleanza con la Spagna che prevedeva un reciproco aiuto in caso di guerre riguardanti la tutela del cattolicesimo. Il re di Spagna poteva così arruolare uomini nei cantoni svizzeri e attraversare il loro territorio. Lartefice di questa alleanza era il sindaco e gonfaloniere di Lucerna Ludwig Pfyffer (1525-1594), statista e fervente cattolico che, oltre a favorire la riforma del clero, ledificazione di un Collegio di Gesuiti e una scuola per il clero e laici nella città di Lucerna, con la sua esperienza diede ai vari nunzi un ottimo aiuto, partendo dalla costatazione che lassenza quasi continua del cardinale Marco Sittico Altemps[91] dalla sua diocesi di Costanza (la più vasta delle diocesi cattoliche) aveva creato numerosi problemi. In tal modo il nunzio Santoni poté creare una serie di vicari, uno per ogni cantone cattolico. Nel 1589 il Cardinale Andrea dAustria subentrò nella direzione della diocesi di Costanza[92].

Il Santoni si dedicò con ardore anche ai problemi relativi del clero, visitando le parrocchie, riformando i conventi, e emanando decreti per i seminari. Presto si notarono vistosi miglioramenti nella fede[93]. I problemi nacquero quando il nunzio cercò di intervenire in questioni civili, come lesercizio della giustizia nei confronti di persone ecclesiastiche e la tassazione da richiedere al clero. Il Santoni cercò di imporre, anziché muoversi con diplomazia.

Un altro problema nacque quando una chiesa di Lucerna rimase “vacante” del titolare e il Senato, non tenendo conto che solo il vescovo di Costanza poteva nominare il nuovo rettore di quella chiesa, diede lincarico ad un ecclesiastico, chiedendogli però del denaro. Costui riferì la cosa al nunzio che minacciò la scomunica.

Il comportamento severo del nunzio fu fatto notare al papa ed ebbe come effetto quello di richiamarlo a Roma prima della fine del 1587. Il 19 settembre 1587 il papa nominò come nunzio il vescovo di Alessandria, Ottavio Paravicini: “Monsignor dAlessandria è stato destinato Nuntio a gli Svizzeri, et Tricarico torna a Roma” (c. 389r/87). Alla fine di ottobre i due nunzi si incrociarono a Milano, luno per tornare a Roma e laltro per recarsi a Lucerna: “Di Milano avisano che vi erano gionti i Vescovi di Tricarico, già Nuncio a Svizzeri, et quello dAlessandria” (c. 452r/87).

Il nuovo nunzio Paravicini era un ottimo diplomatico, per cui riuscì a muoversi con maggiore successo nelle varie difficoltà ereditate dal predecessore, continuando nellopera riformatrice del clero e facendosi aiutare dallinstancabile attività dei Gesuiti e dei Cappuccini.

La presenza di un nunzio così attivo, coadiuvato da ferventi religiosi, portò ad un cambiamento significativo nel vivere quotidiano, tanto che un funzionario del comune di Lucerna, Renward Cysati, così descrive il nuovo clima: “Nei piaceri mondani è avvenuta una considerevole riforma e si è preso ad evitare il bere, le danze, il gioco e simili cose; gente di vita leggera è allontanata dalle vie; linutile e increscevole affollamento, il canto, il chiasso son vietati, durante la notte sono abolite le mascherate e le parodie in costumi, soppresse le serate di baldoria. Le donne pubbliche sono bandite e molte hanno pronunciato i vota castitatis: ladulterio che è stato così manifesto e lindebito possesso è ora severamente vietato. Nelle domeniche e nei giorni festivi si fanno tutto lanno tre prediche e spesso anche in altri giorni. Che deve dirsi dei bei frutti che questo ha maturato, cosicché nella vita pubblica del ceto alto e basso si risente un meraviglioso cambiamento? Certa gente maledetta è cangiata in divota, come leoni diventati agnellini, che prima non lasciavansi domare né da autorità civile né da ecclesiastiche. Così sembra a ognuno di aver aperto gli occhi appena ora, e destatosi come da un sogno di fronte ai costumi di prima, quasi fosse questo un altro mondo” (S. TROXTER, Luzerns Gymnasium und Luzern. 1823, 38s.).

Nel campo della politica il Paravicini creò un clima cordiale con il potere laico, pur non cedendo a questioni importanti. Di rimando la “simpatia” dei governanti laici si tradusse in una facilitata diffusione nei territori cattolici delle prescrizioni del concilio di Trento.

Un caso che fece molto scalpore in quegli anni e rallegrò moltissimo il cuore di papa Sisto fu la tenuta al cattolicesimo della città di Appenzell, nella parte orientale della Svizzera attuale, confinante con il paese di San Gallo, non lontano dal Lago di Costanza. Qui vigeva una coesistenza fra il protestantesimo e il cattolicesimo. Tale coesistenza sfociò in momenti di alta tensione tanto che l11 aprile 1588 si arrivò a confronti armati, ma il non intervento dei protestanti di Zurigo e la determinazione dei cattolici, spronati dal frate cappuccino Ludwig von Sachsen[94], fece sì che il 23 aprile, in seguito ad unassemblea generale di tutti i rappresentanti dei cantoni, si ribadì lo statuto del 1524 (che aveva stabilito che la fede religiosa di una regione era appannaggio della maggioranza dei confederati ecclesiastici di quella regione) per cui seguì o lemigrazione o la conversione della componente protestante. Questo successo fece prevalere la fede cattolica in tutto il cantone. Papa Sisto diede molto risalto allavvenimento, tanto che nel concistoro del 20 giugno 1588 ne rese partecipi i Cardinali: “È stata letta in detto Concistoro una lettera di Monsignor dAlessandria, con la quale da conto che sia venuto allobedienza di Santa Sede un Cantone de Svizzeri chiamato dalli Latini Abbatiscella con gran contento di Sua Beatitudine et di tutto il Collegio” (c. 111v/88): “Affermò da poi il Pontefice essere stato di maggior consideratione che non si disse da principio lacquisto fatto del Cantone avisato de Svizzeri, detto Apozel, che venne sotto il vessillo di Christo per opra dun Padre Capuccino. Il quale predicando commosse in maniera il Populo Cattolico, che allhora prese larmi et fece grandissima stragge de Lutherani” (c. 124r/88).

E ancora nel concistoro del 31 luglio 1589 si menzionavano i progressi della cattolicità in Svizzera: “Il Pontefice fece leggere alcune lettere del suo Nuntio alli Svizzeri... et che un Cantone de Svizzeri heretici haveva cominciato a ricevere il rito christiano, et inarborare il vessillo di Christo con molta speranza di maggior profitto tra quelle genti per opera et valore del Nuntio Apostolico là residente” (c. 489v/89).

Anche il vescovo di Basilea, Jakob Christoph Blarer von Wartensee (che resse la diocesi dal 1576 al 1608 con lo stile e lesempio di S. Carlo Borromeo)[95] ottenne diversi successi, tra i quali la conversione di 5000 anime nella città di Laufen negli ultimi mesi del 1589.

Unulteriore conferma delle speranze del nunzio e del papa sullavanzare della fede cattolica si ebbe quando il 18 luglio 1590 il margravio luterano Giacomo III di Baden-Hochberg[96] rese noto di avere abbracciato la fede cattolica, con la conseguenza della facoltà di coinvolgere nella stessa fede i propri sudditi. Già in un avviso di Roma del 17 febbraio 1590 si parlava del caso del margravio di Baden: “Furono parimente lette le lettere del Nuntio Palavicino alli Svizzeri, con la redutione alla Religione Cattolica del Marchese di Bada, con tutto il suo Stato, che dicono facci da 20 mila soldati, per opera dun Padre Gesuitta” (c. 72v/90) e quando la sua conversione divenne definitiva il papa ne diede ufficiale notizia ai cardinali nel concistoro del 13 agosto 1590: “Nel Concistoro di lunedì Nostro Signore diede conto chel Nuntio Paravicino alli Svizzeri haveva mandato lettere lette dal Cardinal Mattei, con le quali dà gran speranza che per la reduttione del Marchese di Bada alla Religione Cattolica debbano venire altri suoi Popoli alla nostra fede et seguire il loro Principe” (c. 418r/90). In seguito a tale notizia il papa ordinò una funzione religiosa di ringraziamento nella chiesa di Santa Maria dellAnima, la chiesa nazionale tedesca in Roma: “Questa matina il Papa con li Cardinali et Ambasciatori residenti è andato processionalmente dalla Chiesa della Minerva a quella dellAnima a piedi con tutti li Cardinali et Ambasciatori per rendere gratie a Dio della reduttione del Marchese di Bada” (c. 422v/90). Il papa espresse personalmente la sua gioia per questa conversione allo stesso margravio Giacomo con una lettera “amorevolissima” di congratulazioni e di esortazioni: “Alla lettera di conversione scritta dal Marchese di Bada a Nostro Signore, Sua Beatitudine ha risposto con un Breve amorevolissimo, narrando lallegrezza che ne ha sentita et le gratie che ne ha rese a Dio con orationi secrete et publiche, offerendo perciò a Sua Eccellenza ogni aiuto et favore da questa Santa Sede, et essortandolo a mantenersi in fede, et cercare di tirare altri alla medesima Religione, con parole simili amorevolissime” (c. 433v/90). Purtroppo il margravio Giacomo morì avvelenato dopo un mese il 17 agosto 1590 e gli successe il fratello Ernesto Federico che ritornò alla fede protestante, vanificando così i progetti di papa Sisto.

Durante la guerra di religione che si sviluppò in Francia soprattutto in questi anni del pontificato sistino, i Cantoni svizzeri divennero il serbatoio da cui attingere le milizie per luna o laltra delle parti in contesa. Già nel novembre del 1586, la lega cattolica di Francia aveva fatto “levata de Svizzeri” (c. 550r/86). Ora però è impressionante vedere negli avvisi il numero esorbitante di reclutamenti e spostamenti per lEuropa di piccole e grandi masse di soldati svizzeri, chiamati e prezzolati ovunque ci sia guerra.

Naturalmente i cantoni cattolici si muovevano a sostegno dei principi cattolici, e viceversa i cantoni protestanti accorrevano in aiuto ai principi protestanti: “Gli Svizzeri cattolici et heretici havevano risoluto di dar aiuto ciascuna setta alla sua parte” (c. 192r/89). Il guaio è che nel corso degli anni non sempre furono chiare le parti per i cattolici, per cui si andò in Francia prima in difesa del cattolico re Enrico III contro leretico re di Navarra, poi in difesa della lega cattolica contro re Enrico che si era alleato con lugonotto Navarra, e infine lo stesso Navarra avrà sostenitori svizzeri sia cattolici che protestanti. E in questo caos politico possiamo immaginare la confusione che generarono gli svizzeri con la loro diversa presenza in Francia: “Li Svizzeri Hugonotti mandaranno 6000 fanti per il Re, et li Cattolici 8000 per il Duca dHumena” (c. 217r/89).

Ed era normale il verificarsi di un fenomeno assai particolare: dal momento che questi continui eserciti di soldati svizzeri (che variavano di numero, ma sempre formati da alcune migliaia di soldati) dovevano attraversare diversi territori governati da principi e duchi locali (come la Lorena o il Delfinato o lAlsazia o la Savoia o la Borgogna), trovavano difficoltà e impedimenti di ogni genere, secondo che il signorotto locale era a favore di una parte o laltra, di una religione o laltra: “Sintende dAlemagna chavendo il Duca di Loreno concesso il passo alli Raitri et Svizzeri che dovevano passare in Francia per Navarra a 4 mila per volta, et essendo poi entrati i primi 4 mila in Loreno, gli erano poi stati serrati i passi, in maniera che non potevano andare né tornare in dietro” (c. 388r/87). Si poteva arrivare anche a veri e propri scontri armati: “Sintende da Milano, che non havendo voluto li Bernesi et quelli di Basilea dare il passo libero alli 6 mila Svizzeri, che vanno à servir Guisa, passano per il Lago maggiore” (c. 316v/85); “Domenica giunse a Roma un Corriero di Fiandra spedito dal Duca di Parma con lettere delli 18 di Spà et aviso che fra pochi giorni Sua Altezza sincaminaria alla volta di Lorena, ove tra tanto haveva inviato Camillo Capizucchi con 6 mila tra Italiani et Thodeschi per impedire il passo alli Svizzeri che vanno in Francia in aiuto del Re” (c. 416/89).

Questi impedimenti e ostacoli nel percorso potevano allungare anche di molto il cammino, nella ricerca di altre strade per baipassare i territori ostili. Oltre a ciò questi piccoli eserciti trovano altri ostacoli: malattie (“nellessercito di detto Umena erano morti molti Svizzeri di peste”, c. 15r/86), febbri, ostilità delle popolazioni, mancamento di paghe e di vettovaglie, inclemenza delle stagioni, tradimenti, sbandamenti di reparti, risse... A loro volta essi diventavano un vero incubo per le regioni che attraversavano, perché le popolazioni, specialmente quelle di campagna, venivano rapinate e vessate con ogni tipo di violenze. Era una continua lotta lungo il cammino, tra pacifiche convivenze, compromessi, accordi, reciproche violenze e reciproche vendette: “Le genti di guerra Alemanna, Svizzera et Francese se nè già passata Lorena, di dove pigliorono il camino verso il Contado di Borgogna, essendo passati la Riviera della Mosella presso Banon et Charanes, havendo in Lorena predato in circa 20 mila bestiami sotili, 6000 Cavalli et abbruggiato da 400 case” (c. 418r/87). “Un villaggio franzese svaligiato da Svizzeri sè vendicato del danno, che per havergli attossicato il pane sono morti da 400 di detti Svizzeri Calvinisti” (c. 485r/875); “Sintende di Savoia che gli Svizzeri, havevano abruggiato Ripaglia, Tonon, Bona, Gers et altri luoghi da loro occupati” (c. 362v/89).

Nella dieta generale di Baden del 24 giugno 1587, che vide riuniti tutti i 13 cantoni svizzeri, si dibatté sul passaggio delle forze protestanti svizzere che andavano in Francia in aiuto al re di Navarra e dovevano attraversare il territorio del cantone di Basilea e quello cattolico di Solothurn (Soletta): temendo scorribande a loro danno i rappresentanti dei 7 cantoni cattolici cercarono invano di evitare questo attraversamento. L11 luglio, a Lucerna, i sette cantoni cattolici tennero dieta per individuare una linea di condotta da tenere per contrastare le minacce di scorribande, dal momento che, vista la mancanza di denari per le milizie protestanti che dovevano andare in Francia, queste potevano creare problemi nei territori cattolici. Si voleva avere delle dichiarazioni rassicuranti da parte dei cantoni protestanti, pur concedendo il passaggio e il cibo allesercito protestante, al fine di garantirsi lassenza di atti ostili durante il traversamento di dette regioni. In realtà il transito avvenne con ogni sorta di scelleratezza. Il 24 luglio 1587 le forze protestanti lasciarono Basilea per dirigersi verso Strasburgo.

Le chiamate per i soldati svizzeri provenivano da ogni schieramento politico e da ogni parte dEuropa:

dalla Spagna di Filippo II: “Avisano da Milano, che in Alessandria si trovavano 10 mila svizzeri, et 2 mila spagnoli et cherano state comandate 23 insegne di Cavalleria in servitio di Spagna” (c. 349v/85); “Con lultime da Milano avisano che alli 14 del presente si aspettavano in quella Città glAmbasciatori delli 6 Cantoni de Svizzeri Cattolici, con numerosa compagnia de Cavalli che venivano a giurare laccordo stabilito della lega tra Sua Maestà Cattolica et essi Svizzeri” (c. 303r/88);

dal re Enrico III di Francia: “Si scrive anche da Lione che li 20 mila Svizzeri comminciorno alli 16 a incaminarsi verso Parigi con la scorta et artiglieria che havevano domandato” (c. 361v/85); “Sua Maestà Christianissima haveva risoluto di fare levata di 3 mila Svizzeri per tenergli in guardia della sua persona” (139v/87). I soldati svizzeri avranno un ruolo importante nel momento della rivolta di Parigi contro il re Enrico: allinizio furono a favore del re e aiutarono nella riscossione delle pesanti tasse sul popolo; poi, dopo la cacciata del re, passarono con la lega proprio nel momento difficile dellassedio portato a quella città dal Navarra. Molti morirono nella difesa dei sobborgi parigini: “Alli 26 Umena andò allassedio della Pontoisa, con speranza di espugnar ben presto quella Terra, dove erano stati ammazzati 150 Svizzeri che guardavano gli Borghi” (c. 41r/90). Commovente il racconto di un gesto eroico di uno svizzero in quei frangenti: “Uno delli Svizzeri che guardavano il baluardo fatto a man dritta della porta du Temple, spinto da desiderio dhonore, calò le mura con una picca in mano, et seguitato da alcuni de suoi compagni se ne andò a Faborgo assaltando animosamente i nemici, da quali gli furono tirate infinite archibugiate, et da tutte lo salvò Dio benedetto, et egli incalzò et respinse tanto li nemici che furono necessitati lassar il Faborgo, et con laiuto di Dio fu riguadagnato per valor suo” (c. 286v/90);

dalla lega cattolica di Francia: “Li 6 mila Svizzeri Cattolici levati per li Signori della lega andavano alla Valle dOsta, dicevasi per passare in Borgogna” (c.350v/85); “Al Duca di Ghisa erano gionti 3 mila Raitri et alcune bande de Lanzechinecchi, et che li 8 mila Svizzeri in servitio suo passavano la Val dAngrogna per traversar la Montagna di S. Gottardo, strada sicurissima dandarsi ad unire” (c. 318r/86); “Umena fra 10 giorni disegnava trovarsi in campagna con 18 mila soldati per andare ad incontrare il Re, aspettando molte forze straniere, con li 6 m[ila] Svizzeri” (c. 212v/89) ;

da Enrico di Navarra: “Confermasi la massa che si faceva in Alemagna de Raitri et de Svizzeri a favore di Navarra”; “Navarra aspettava in suo favore dAlemagna 12 mila Raitri, oltre 60 Insegne de Svizzeri che haveva ottenuto dalli Cantoni heretici di levar di quei paesi” (c. 223v/87); “Raitri, Lancichinech et Svizzeri si aspettavano in grosso numero per Navarra” (c. 290v/87); “Gli Raitri che dovevano andare in Francia per Navarra passano per Francfort a 50, 60, 100 et 400 alla volta” (c. 330v/87);

dal duca di Savoia: “Da persone venute dalli cantoni de Svizzeri Cattolici, che si mostrano tutt[avi]a a devotione del Duca di Savoia” (c. 103r/89).

Nel 1590 si avvertì negli svizzeri una voglia di tornare a casa. Il 12 maggio un avviso di Venezia informava che gli svizzeri cattolici stavano ritornando a casa: “Di Lucera, terra de Svizzeri, dicono havere lettere di 28 passato con aviso che tutti quei Capitani e Colonelli, che già passorono in servitio dUmena, erano di ritorno per le case loro” (c. 240r/90). Anche gli svizzeri protestanti erano stanchi di combattere le guerre altrui e furono richiamati a casa: “Da Milano delli 16 sintende che gli Svizzeri heretici richiamavano tutte le genti loro, sotto pena della vita et confiscatione di beni, dovesse ciascuno che si trovano al servitio de Principe straniero, ritornare alle case loro” (c. 320v/90).

Le vicende delle milizie svizzere, cattoliche e protestanti sul suolo di Francia, ebbero però un epilogo tragico, dal momento che ben pochi fecero ritorno alle loro case.

La Fiandra e lOlanda al tempo di Sisto V

Le vicende delle Fiandre e dellOlanda del tempo di Sisto V sono da situare dentro la lunga e snervante “Guerra degli ottantanni” (1568-1648) nella quale si trovarono contrapposti due grandi schieramenti: la Spagna con il Sacro Romano Impero da una parte, le provincie protestanti dEuropa centrale, spalleggiate dallInghilterra dallaltra.

Lintero territorio dei Paesi Bassi, costituito da diciassette provincie, era una volta feudo sia del regno di Francia che dellimpero, ma nella prima metà del Cinquecento, attraverso eredità e conquiste territoriali, divennero un possedimento della dinastia imperiale degli Asburgo. Come gesto di benevolenza, nel 1548 limperatore Carlo V garantì ai Paesi Bassi lo status di entità separata rispetto allimpero, con unampia autonomia, ma non indipendenza. Lanno successivo, il 4 novembre 1549, Carlo V emanò la “Prammatica Sanzione”, un editto con cui dichiarava lunificazione dei Paesi Bassi in una entità separata dal Sacro Romano Impero e dal Regno di Francia, stabilendo che le province dovessero rimanere unite nel futuro ed ereditate dallo stesso monarca come uno stato compatto, come ununica entità, un “Kreis”, cioè un circondario dellImpero.

Alla abdicazione di Carlo V, avvenuta nel 1556, i suoi domini vennero divisi tra i suoi figli, Filippo II re di Spagna e suo fratello minore, Ferdinando I, che divenne imperatore del Sacro Romano Impero. Le 17 province dei Paesi Bassi andarono a Filippo II. Costui conosceva poco le Province Unite ed era percepito come un sovrano straniero dai nobili locali. Nellagosto del 1559 Filippo nominò la propria sorellastra Margherita di Parma come governatrice dei Paesi Bassi e reggente dei Paesi Bassi in suo nome.

Lo scontro in questi Paesi era inevitabile, anche perché nelle provincie a nord, corrispondente allattuale Olanda, da qualche decennio si era imposta la Riforma protestante, mentre la regione meridionale, corrispondente allattuale Belgio, era restata di fede cattolica. Filippo, non volendo la divisione della popolazione e devoto seguace della controriforma, tentò di frenare i protestanti e di limitare le autonomie delle città olandesi.

Nel 1566 scoppiò una serie di rivolte popolari nelle principali città calviniste e Filippo II inviò Fernando Álvarez de Toledo, Duca dAlba, alla testa di 10.000 soldati spagnoli, con lo scopo di schiacciare la ribellione. Alba ricorse ben presto a misure drastiche e fu denominato il “Duca di Ferro”. Nel 1568 Guglielmo I dOrange, margravio di Anversa, assunse la guida del movimento di rivolta, anche se la sua campagna militare contro lAlba si rivelò fallimentare. La rivolta riprese nel 1572, a causa della crescente tassazione del Duca dAlba. A capo era sempre Guglielmo dOrange. Nel 1575 il Duca dAlba fu sostituito da Don Giovanni dAustria e nel 1578 venne nominato governatore dei Paesi Bassi Alessandro Farnese, duca di Parma[97]. Costui si dimostrò un valido avversario per Guglielmo dOrange, sia dal punto di vista militare che diplomatico.

La parte settentrionale si rivolse alla regina Elisabetta I dInghilterra per chiederle di assumere il ruolo di sovrana; Elisabetta, nonostante favorisse la causa dei ribelli e fosse contraria alla Spagna, rifiutò lofferta. Si decise allora di strutturare le province ribelli come una repubblica; nasceva così il 23 gennaio 1579 la Repubblica delle Sette Province Unite (con il trattato dellUnione di Utrecht), che con lAtto di abiura (Plakkaat van Verlatinghe) del 1581 dichiararono la loro indipendenza, sotto la guida di Guglielmo di Nassau, principe di Orange, che assunse la carica di statolder (presidente).

Guidati da Farnese, i soldati spagnoli riconquistarono quasi totalmente le Fiandre. Nel 1584 Guglielmo dOrange fu assassinato da un sostenitore di Filippo e nel 1585 Anversa, la più grande città dei Paesi Bassi, cadde in mano agli spagnoli. Le Province Unite, dopo un vano tentativo di aiuto da parte dellInghilterra, elessero il figlio di Guglielmo dOrange, Maurizio di Nassau, capitano generale delle forze olandesi. Ciò si rivelò un fattore chiave per le sorti del conflitto: Maurizio, anche per le grandi difficiltà economiche della Spagna ed il fiorire della ricchezza commerciale ed economica delle Provincie unite (Paesi Bassi), dal 1588 al 1602 intraprese una campagna di riconquista delle piazzeforti in mano spagnola. Gli Spagnoli firmarono una tregua per dodici anni, che consentì un periodo di vero splendore economico ed artistico alle Province Unite. Nel 1621 ripresero le ostilità fra Spagna e Province Unite. Dopo le prime vittorie spagnole, le sorti del conflitto volsero definitivamente a favore delle Province Unite. Ma ormai si era venuta a creare una definitiva spaccatura tra le due parti dei Paesi Bassi, settentrionale e meridionale, la prima protestante e la seconda cattolica. Il 30 gennaio 1648, con il Trattato di Münster, venne firmata la pace: le Province Unite erano riconosciute indipendenti, composte da sette province: Olanda, Zelanda, Utrecht, Gheldria, Overijssel, Frisia e Groninga. Si separava così definitivamente la regione meridionale cattolica, che nel 1830 divenne il moderno Belgio[98].

I cinque anni del pontificato di Sisto V si situano nel momento in cui il Principe di Parma, fra successi ed insuccessi, tentava la faticosa riconquista di parte del territorio e di alcune città ribelli della “Olanda e Silanda”, che guardavano con speranza verso laiuto dellInghilterra. Gli avvisi ci forniscono una ricchezza di informazioni, che raggruppo negli anni che ci riguardano.

Nel 1585 le provincie del nord erano decise a chiedere lassistenza della regina Elisabetta e le inviarono ambasciatori. Costei non si fece pregare ed inviò denaro e soldati, insieme al conte di Lecester, eletto governatore generale delle provincie protestanti[99]. La maggior parte delle notizie giungevano da Midelburgo, lodierna città di Middelburg, nel sud dellOlanda (provincia della Zelanda), vicino al confine belga: “Avvisano da Midelburgo delli 19 che gli Olandesi, et Silandesi havevano mandato loro Commissarij in Inghilterra per rendersi assolutamente alla devotione di quella Regina” (c. 322r/85); “Da Midelburgo scrivono con lettere delli 17 chel Colonello Noris habbia havuto dalla Regina dInghilterra 60 mila libre di sterlini per darle paghe à 4 mila fanti et 500 Raitri, che stanno allordine per passare in Silanda” (c. 385r/85); “Avisano di più chel Conte di Lecestre sarà fatto Governator dOlanda” (c. 463v/85).

Con questo invio di denaro e di diverse migliaia di soldati inglesi e scozzesi la regina Elisabetta intendeva prendere effettivo possesso dellOlanda con il consenso (almeno per ora) delle provincie interessate e del conte Maurizio dOranges. Il vero motivo di tanta premura di Elisabetta per lOlanda era quello di non avere gli spagnoli così vicino alle sue coste: “Con lettere delli 12 da Midelburgo confermasi larrivo delli 9 mila soldati Inglesi, e Scozzesi aspettandosene delli altri,... confermandosi ancora che si aspettava di giorno in giorno il Conte di Lecester per pigliare in nome di detta Regina il possesso del governo di Olanda” (c. 465v/85); “Confermasi da Londra, che quella Regina haveva fatto stampare una dechiaratione delle cause per le quali aiuta gli Olandesi, et Zellandesi et li piglia in protettione conforme allantica legge fra loro, et che lei fa questo per sua sicurezza, non tornandole conto il comportare soldati spagnuoli in quel paese tanto vicino al suo Regno, et che per questo shabbia impatronita di alcune Terre, et luoghi à suo proposito” (c. 581v/85).

Per tutto il 1586 è un continuo scrivere di scaramucce fra spagnoli e olandesi, di piccoli scontri e di vittorie alterne. Si tratta di una guerra di mantenimento delle reciproche posizioni. Ma nel dicembre di quellanno qualcosa di nuovo si legge: si cercava una “pace universale di questi Paesi Bassi” (c. 2v/87).

In effetti nei primi mesi del 1587 iniziarono alcuni tentativi di pace fra la parte spagnola e gli stati olandesi spalleggiati ed aiutati dallInghilterra. Furono anche nominati i commissari dambe le parti per trattare la pace: “Alcuni dicono chel Conte di Lecester saspetta di giorno in giorno de Inghilterra in Olanda, et che ha commissione dalla sua Regina di abboccarsi col Principe di Parma, per vedere se si potesse trovar commodità di trattere una pace” (c. 262v/87); “Avisano ancora alcuni dInghilterra che là fusse giunto un personaggio di Spagna con le conditioni della pace et si trattava tra Sua Maestà et quella Regina” (c. 355r/87).

In realtà le trattavive non andarono avanti né con speditezza né con convinzione, ma tra un continuo viavai di commissari delle due parti, con proposte avanzate, speranze, rimandi e tante incertezze. Il 29 agosto 1587 si scriveva chiaramente che gli Olandesi non erano nemmeno del tutto sicuri di volersi fidare della regina di Inghilterra e che molti guardavano più di buon occhio Maurizio dOranges: “Il Conte di Lecester è partito di Berghes su la Soma verso Olanda e Zellanda perché quelle Provincie non si accordano insieme, volendo una parte haver per suo Signore la sua Regina, et laltra il Conte Maurizio di Oranges” (c. 403r/87).

La stanca incertezza di un accordo di pace continuò per tutto il 1588. I nomi dei deputati delle due parti erano sempre li stessi, ma uguale era anche lincertezza sullesito. Tutto era ancora molto nebuloso, anche si faceva qualche gesto di reciproca cortesia (come linvio da parte di Elisabetta di sei bellissimi cavalli come dono al duca di Parma, c. 95r/88) ma non si sapeva neppure decidere il luogo dove riunirsi. Il 31 gennaio 1588 si legge in un avviso: “Laltro hieri gionse un Deputato delli Commissari Inglesi al signor Duca di Parma in Gant, che ricerca da Sua Altezza la nominatione del luogo per trattar la pace, il qual Deputato partì domenica di ritorno per Inghilterra senza sapersi il luogo deputato... Con tutto ciò la Regina preparava grossa armata, havendo fatto assoldare 4500 soldati per imbarcare sopra 60 Navi di guerra. Capo delle quali saràl Drago” (c. 75r/88). Questultima frase è sintomatica di quanto le due parti credessero in un accordo: da una parte si parlava di pace e dallaltra si preparava la guerra!

Il 29 febbraio 1588 (quellanno quindi era bisestile) da Colonia giunse un avviso di una chiarezza cristallina: la pace era questione fra Spagna e Inghilterra e agli Olandesi non interessava affatto: “Se bene era speranza dalcuni che tra Spagna et le Provincie considerate dovesse seguire pace, intendesi nondimeno da Utrecht in Olanda che quelli Stati, per Ambasciatori mandati in Inghilterra, habbino fatto intendere a quella Regina che per certi rispetti dimportanza non possino acconsentire a trattatione di sorte alcuna di pace, consigliando anchella ad abbandonare questo pacifico maneggio et rivoltar tutti i suoi pensieri allarmi et alla guerra, havendo perciò stati assoldati 1200 fanti alla difensione loro” (c. 113v/88).

Il 19 marzo si scriveva da Roma che il papa era stato informato sulle difficoltà di tale pace e sulla decisione di Elisabetta di uscir fuori da ogni accordo: “Et fuori del Concistorio aggiungono che Sua Beatitudine habbia detto essere avisata che la Regina dInghilterra non vuole intendere più di pace col Cattolico, ma proseguir la guerra sinal fine” (c. 124v/88).

Nei mesi di maggio e di giugno sembrava proprio che le due parti giocavano a chi alzava di più la posta a proprio favore. Elisabetta cominciò ad esigere la cacciata dal territorio di ogni soldato straniero (da leggersi: spagnolo) e la libertà di religione: “Pare che li commissarij Inglesi habbino poca voglia di comunicare questo negocio, poiché quelli dOstende han mandato al Duca di Parma in Gant doi articoli sopra li quali Sua Altezza shabbia da risolvere quanto prima, cioè che avanti si cominci la trattatione si mandino fuori del Paese tutti li soldati forastieri, et si concieda libertà delle conscienze nella Religione, et in caso che detta Altezza non voglia o non possia ciò acconsentire da parte della Maestà Cattolica, non occorre poi affaticarsi di ridure il convento per detta trattatione della pace, quale ne habbiamo poca speranza” (c. 165v/88). Dallaltra parte Filippo chiedeva ad Elisabetta cose assurde, come la sua conversione al cattolicesimo, la restituzione dellOlanda alla Spagna e la possibilità di stanziarsi in certi porti di Inghilterra: “Da tutto si tiene per esclusa ogni speranza di pace tral Re di Spagna et la Regina dInghilterra stante la discordia de capitoli proposti dalluna et laltra parte, contenendo quelli del Cattolico, in particolare, che la detta Regina con tutto il Regno debba vivere cattolicamente, che dopo la morte di lei dichiari suo successore il Re di Scotia, che restituisca lOlanda et Zelanda con quanto ha predato il Drago corsaro et rifacci tutti i danni, et che i Spagnoli debbano tenere certi porti et forti in Inghilterra” (c. 193v/88).

Ogni parte era arroccata nei propri diritti e si avvertiva negli avvisi molta delusione, tanto che scrive lanonimo cronista da Anversa: “Speriamo dintenderne ben presto la certezza, con ferma credenza che habbia da seguire, se non pace almeno tregua” (c. 210r/88); “Li Deputati dambe le parti ognuno sta su la sua” (c. 230r/88).

Il 25 giugno 1588 la speranza di un accordo di pace sembrava proprio morta.

Gli avvisi del 1589 ci portano notizie di tentativi del duca di Parma di assediare a volte luna o laltra di alcune città di Olanda. Si scrive spesso di “imprese” tentate ma di risultati assai scarsi: “Le genti del Duca di Parma, essendo andate per impatronirse con intelligenza della Terra di Gerchen in Olanda, non glera riucito il disegno, et il Conte di Mansfelt sin hora non ha fatto cosa alcuna contra la Cittadella di Esden, la quale è stata soccorsa dalli Olandesi con 300 soldati et vettovaglie” (c. 573r/89). A sua volta lOlanda era sempre collegata con lInghilterra: “Da Midelburgo sintende che larmata di Olanda e Zellanda al numero di 40 Vasselli era partita verso Inghilterra a congiungersi con quella della Regina” (c. 140v/89).

Alla fine del 1589 lOlanda corse in aiuto, insieme allinseparabile Inghilterra, di Enrico di Navarra, che stava cercando di imporsi come re di Francia, in contrapposizione alla lega cattolica: “Qua si dice che Navarra era stato soccorso di genti, monitioni, vettovaglie et denari d Inghilterra et d Olanda et di Zelanda, sapendosi che non gli può esser impedito per mare da quelli della Lega, poiché non hanno porti di mare, né per ancora unito il soccorso del Duca di Parma con l essercito d Umena” (c. 701r/89).

Le stesse notizie riempiono gli avvisi del 1590: “Alcuni hanno di Fiandra che li Stati dOlanda et Zelanda havevano fatto offerta alla Regina dInghilterra di armare 60 navi in suo servitio per li bisogni di questanno, con questo che soccorra il Re di Navarra di genti et vettovaglie” (c. 92r/90).

Chissà se la voce falsa, che si sentiva a luglio di quellanno, non era altro che una profonda nostalgia di quella pace tanto desiderata ma tanto impossibile fra due mondi troppo contrapposti: “Non si crede però la voce sparsa tra alcuni, che Olanda et Zelanda siano accordate con Sua Altezza” (c. 365v/90).

Il regno di Polonia al tempo di Sisto V

Durante il pontificato sistino i regno di Polonia visse drammaticamente la difficile successione al trono, dopo la morte di Stefano I Báthory, avvenuta il 12 dicembre 1586[100].

La corona polacca era contesa da due pretendenti, ambedue legittimati:

Sigismondo III Vasa (in polacco Zygmunt III Waza, in svedese Sigismund), chiamato lo “Svevo” perché nato a Mariefred in Svezia il 20 giugno 1566[101];

larciduca Massimiliano III dAsburgo, arciduca dAustria[102].

Fra i due pretendenti si arrivò alle armi negli ultimi mesi del 1587 e per tutto il 1588. La partita fu vita dallo “Svevo”, grazie alla vittoria del 24 gennaio 1588 con la battaglia di Byczyna (in tedesco Pitschen, o Petschino), una cittadina di circa 10 mila abitanti nel sud della odierna Polonia, nella Slesia, una battaglia rimasta famosa nella storia polacca e che decise la successione al trono. La battaglia fu breve ma molto sanguinosa, con migliaia di morti da ambo le parti e la sconfitta di Massimiliano: “Sono più rincontri della presa di Massimiano con morte di 3 mila de suoi et con 1500 del gran Cancelliere” c. 89v/88.

Il successo dellesercito polacco, comandato dal gran cancelliere Jan Zamoyski[103], fu in parte determinato dal ritiro degli Ungheresi, che fraintesero gli ordini emessi. In quei giorni si parlava anche del “tradimento” che Massimiliano aveva avuto da parte di un cameriere polacco: “Per via dAugusta sintende che Massimiliano era stato tradito da un suo Cameriero che si fidava molto, di natione Polacco chiamato Tesbleno, che avisava tutti gli secreti di Sua Altezza al Gran Cancelliere” (c. 86v/88). Larciduca Massimiliano si rifugiò a Byczyna, assediato dalle truppe polacche. Quando queste stavano per assaltare la città, larciduca ordinò la resa e Massimiliano fu catturato e venne rilasciato solo dopo diversi mesi, nel 1859, grazie allinteressamento personale del papa Sisto e solo dopo aver accettato ufficialmente di rinunciare ai suoi diritti sulla corona polacca.

La tragica battaglia di Byczyna è narrata con vivacità da un avviso proveniente da Venezia il 20 febbraio 1588: “Il Gran Cancelliere di Polonia se nandò con 5 mila soldati a piedi et a cavallo, con animo dassediare detto Massimiliano nel detto luogo di Petschino, et essendo stato Massimiliano mal consigliato si pose a campo aperto appresso detto luogo con circa 4000 huomini, aspettando il Grancancelliere, che venne alli 24 del passato con le sue genti et 15 pezzi dartegliaria, assaltandolo con 3 mila soldati quasi tutti archibugieri, facendone Massimiliano sparare la sua arteglieria grossa, quale fece non poco danno alla gente del detto Grancancelliere, in maniera che dalla parte desso Massimiliano si sperava la vittoria, pur essendo stato soccorso il Cancelliere da più genti, ruppettando il campo di Massimiliano alli 24 doppo disnare giorno di domenica, con morte però di 400 huomini dambe le parti, ritirandosi Massimiliano con la fuga in detto luogo di Petschino con poca gente, dove fu dato tre assalti dal detto Grancancelliere, qual lo prese nel suo cocchio, et fu condotto pregione in Cracovia con alcuni Signori della sua Corte... Il giorno seguente Massimiliano si rese” (c. 76r-v/88).

Ottenuta la vittoria, il gran cancelliere sfruttò loccasione per aumentare il suo prestigio, sia economicamente (“Il Gran Cancelliere haveva fatto preda di tutta largenteria et danari di Sua Altezza et di tutti gli Signori della Corte et del Campo, per la valuta di 300 mila scudi” c. 86v/88), ma soprattutto politicamente, trattando in prima persona i problemi della nazione in quel momento di mancanza del re.

Allimperatore che chiedeva limmediato rilascio di Massimiliano lo Zamoyski dettò le sue condizioni: annessione della Slesia alla Polonia, rinuncia dellAustria alla corona polacca, risarcimento dei danni di guerra e grossa somma di riscatto per la liberazione di Massimiliano. Leggiamo in un altro avviso veneziano del 12 marzo 1588: “Corre voce che dimandi cose grandi, cioè restitutione della Slesia alla Corona di Polonia; chesso Massimiliano non solamente per la sua persona ma etiamdio per tutta la Casa dAustria dovesse renontiare in sempiterno di haver pretensione alcuna a quella Corona; pagare una grossa somma de denari per le spese della guerra, et unaltra per la liberatione della persona di Sua Altezza” (c. 112r/88). E tale gran cancelliere era tipo duro nel trattare, bravo nel diritto e nellarte militare, per cui riescì ad ottenere facilmente ciò che chiedeva, e tutti si accorsero subito che lAustria con lui ne esciva con le ossa rotte se non cedeva alle sue richieste: “Si dubita che se gli Austriaci non chiudaranno gli occhi in qualche cosa di questo accordo, sturbaranno il negotio et ne andaranno col capo rotto, essendo il detto Gran Cancelliere una testa brava da toga, et da spada con molta esperienza” (c. 116v/89).

Il motivo per cui il gran cancelliere voleva vivo Massimiliano, e perché fece impiccare un soldato polacco che stava per uccidere Massimiliano in battaglia, era perché costituiva la sua merce di scambio e una fonte di guadagno: “Il gran Cancelliere haveva fatto decapitare subito alla sua presenza un soldato Polacco, che, inarrivando sopra la persona di Massimiliano, impugnò la spada per uccidere Sua Altezza” (c. 89v/88). Massimiliano fu tenuto prigioniero per molti mesi dal gran cancelliere “sotto buona custodia come se fusse più tosto suo pregione che del detto di Svetia” (c. 112v/88), ben trattato e ben custodito in un castello dal cognato dello stesso Zamoyski: “Le lettere di 24 del passato da Praga dicono che Massimiliano era stato trasferito da Lobellino 7 leghe più oltre, nella Polonia minore, sopra un certo castello chiamato Crastaiuch, raccomandato al Cognato del Gran Cancelliere molto fidato, lasciandosi pure esso Cancelliere intendere dessere inchinato molto allaccordo” (c. 112r/88).

In questa difficile situazione papa Sisto si è dimostrato di grande equilibrio e di vera saggezza politica di fronte ai due contendenti ambedue cattolici. Essendo “prudentissimo per non gustare alcune delle parti” (c. 204r/88), non volle apertamente schierarsi con nessuno dei due fino al chiarimento di quella elezione. Scrive lUbner: “Sisto Quinto, benché le sue inclinazioni lo portassero verso Sigismondo, si tenne neutrale, e prendendo un atteggiamento di aspettazione, ottenne almeno il vantaggio di poter negare al pretendente austriaco i soccorsi in denaro che la corte di Praga gli fece chiedere a grande insistenza”[104].

Sulla richiesta continua di denaro si legge in un avviso romano del 7 ottobre 1587: “Il corriero venuto porta lettere delli 18 del passato da Olmuz in Moravia, con aviso della partita di là per Polonia dellArciduca Massimiliano... Sua Altezza fa instanza a Nostro Signore dimprestito di denari, ma Sua Beatitudine, che da questi Padri Jesuiti è certificata delle qualità cattolichissime del Re di Svetia concorrente alla medesima corona di Polonia, sta ambigua perché teme con dar poco di perdere assai in evento che detto Principe prevalesse in quella corona allAustriaco, al quale così con ragione Sua Beatitudine ha risposto di non poterlo aiutare come Padre comune per questi rispetti, finché le cose di Sua Altezza non siano in sicuro” (c. 423v-424r/87).

Nel gennaio 1588 papa Sisto inviò al suo nunzio in Polonia (larcivescovo di Napoli Annibale Di Capua) due brevi papali destinati ai due contendenti per esortarli a non arrivare alle armi: “LArcivescovo di Napoli era passato a Crepez a presentare allo Svevo et Massimiliano li dui Brevi mandatili da Nostro Signore, con i quali gli essorta ad accordarsi insieme senza venire allarmi” (c. 81r/88).

A coronazione ormai avvenuta dello svevo Sigismondo, il papa rimase soddisfatto del suo equilibrio in tutta questa faccenda, mentre al contrario biasimò il comportamente del suo nunzio, che invece si era schierato troppo apertamente per Massimiliano: “Non è hora chi dubiti che lo Svevo non sia entrato in Craccovia et coronato Re di Polonia, havendo il Papa in certo proposito detto tenerne aviso, lodando la deliberatione che fece da principio Sua Beatitudine di non aiutare di danari lArciduca Massimiliano, essendo che con tutto ciò non havrebbe fatto nulla, et lo Svevo haverà potuto ragionevolmente sdegnarsene et negare obedienza a questa Santa Sede, biasimando conseguentemente la parzialità tenuta dallArcivescovo di Napoli suo Nuntio là, per essere ambidui questi Principi concorrenti buonissimi Cattolici” (c. 42v/88).

Anche quando nei mesi successivi si arrivò alle armi, il papa mantenne la sua neutralità: “Essendo stato imposto silentio in questo negotio” (c. 194r/88); “Prudentissimo per non gustare alcune delle parti” (c. 204r/88).

A febbraio 1588 il nuovo re Sigismondo inviò un suo incaricato per rendere nota al papa la sua elezione ed incoronazione e per chiedere di accettarlo come nuovo re di Polonia e di allacciare pieni rapporti diplomatici: “Saspetta qua di corto un gentilhuomo del Principe di Svetia per far intendere al Papa la sua elettione et coronatione in Re di Polonia, et che se vorrà Sua Beatitudine accettarlo per tale, mandarà poi un Ambasciatore residente in questa Corte” (c. 95r/88).

Alla fine di aprile il nuovo re di Polonia mandò dal papa come suo ambasciatore monsignor Reschia. Si trattava di un gesto ufficiale che doveva sancire ufficialmente la sua elezione. Spagna e Toscana fecero grandi pressioni sul papa affinché non accettassero questo ambasciatore: “Monsignor del Monte creatura [del Gran Duca] fa offitio che Monsignor Reschia, Ambasciatore del Re di Polonia, non sia ammesso se prima non è liberato Massimilliano” (c. 209r/88). “Dicesi che Ambasciator di Spagna habbia fatto offitio col Papa acciò non venga ammesso Monsignor Reschia come Ambasciator di Polonia, stante la legitima elettione di Massimilliano,” (c. 209v/88). Al 14 maggio si scrive da Roma: “Giunse qua domenica Monsignor Reschia, mandato dal detto Re di Polonia con titolo dinternuntio, et non di Ambasciatore, secondo scrive quella Corona al Papa, con lettere piene dhumiltà, divotione et ubbidienza verso questa Santa Sede, et perciò non haverà concistorio publico, ne meno fare lentrata solenne” (c. 217r/88).

Ai primi di maggio del 1588 la decisione del papa di riconoscerere Sigismondo è perentoria: “Da Praga delli 17 passato scrivono la confirmatione dellordine dato dal Papa al suo Nuntio adassistere al Sveco come Re di Pollonia” (c. 117r/88). In più il papa inviò in Polonia un suo speciale Legato “a latere” (cioè affiancato al residenziale nunzio) nella persona del cardinale Aldobrandino: “Nel concistoro secreto di hieri fu data la croce al Cardinal Aldrobandino della sua legatione di Polonia” (c. 236r/88). Con il Reschia a Roma, ormai chiamato “Ambasciatore del Re di Polonia”, e lAldobrandino in Polonia si sancisce ufficialmente il riconoscimento del nuovo re.

Papa Sisto reputò a questo punto che fosse suo dovere attivarsi per la liberazione di Massimiliano e quando nel marzo 1589, tramite un accordo tra le parti in causa[105] tutto si acquietò e il regno di Sigismondo iniziò il suo percorso storico, papa Sisto spinse il re a maritarsi con una principessa cattolica, e fu accontentato, perché Sigismondo il 31 maggio 1592 sposò in prime nozze la cattolica Anna dAustria, figlia di Carlo II dAustria, dalla quale ebbe cinque figli, tra cui il suo successore al trono nel 1633, Ladislao IV. E dopo la morte di sua moglie Anna nel 1598, Sigismondo sposò nel 1605 Costanza, la sorella di Anna.

Il lungo regno di Sigismondo III Vasa coincise con lapice del prestigio della Confederazione polacco-lituana. Contemporaneamente però fu sotto il suo regno che si manifestarono i primi sintomi di decadenza. Condusse una politica aggressiva verso la Russia, giungendo a occupare Mosca nel 1610. Si difese strenuamente anche nei confronti dellimpero ottomano. A Varsavia, diventata capitale sotto il suo regno, egli è ancora ricordato con una colonna detta “Colonna di Zygmunt” eretta in sua memoria dal figlio e successore Ladislao IV.

Limpero turco ottomano ai tempi di Sisto V

Il giudizio di Sisto V sul gran Sultano Murad III e sul vasto impero turco era molto chiaro: “Odia il Signor Turco come infedele; ma come principe acconsente che si possa trattare e negoziar seco, come anco con tutti i suoi sudditi, poiché da essi vien posseduta la più grande e la più utile parte del mondo”[106].

Il grande impero musulmano incuteva timore e rispetto allEuropa intera: era la minaccia sempre incombente, in contrapposizione perenne con il mondo cristiano, che però cercava in tutti i modi un equilibrio nei rapporti, sempre in bilico fra scontro militare in campo aperto e dialogo interessato in vista del quieto vivere e dei commerci. Si parlava e si scriveva molto in Europa dellimpero ottomano, come di tutti gli altri principati europei: basterebbe sfogliare i “Tesori politici” che tra fine Cinquecento e primi Seicento si stamparono soprattutto in Italia[107], per trovare relationi del tipo: “Discorso sopra le cose del Turco”; “Discorso come potrebbe generarsi alienationi danimi nelli sudditi del Turco” ed altro ancora[108].

Limpero turco ottomano di Costantinopoli, (che veniva chiamato con lappellativo di “grande Porta”), in questi anni del pontificato sistino si comportò fortunatamente come un grande gigante addormentato e relativamente innocuo, lontano da quel grande spauracchio che era stato nei decenni passati, prima della battaglia di Lepanto del 1571. Ciò dava un po di respiro allEuropa cristiana, “non havendo hora il Gran Signore occasione né commodità di far guerra in parte alcuna di cristianità” (c. 132v/88). Quella stessa Europa, le cui terre dellEst erano ugualmente contese dalla cristianità e dal mondo musulmano[109] e le città marinare del Mediterraneo avevano visto eserciti e vele ottomane venire a saccheggiare, predare, uccidere e rapire. Al grido di “mamma li turchi” gli abitanti della marina fuggivano per rifugiarsi nei castelli delle colline, se potevano. Fra tutte le mattanze dei cristiani la più celebre è senza dubbio quella che capitò alla città di Otranto il 28 luglio 1480, con la carneficina di circa un migliaia di uomini uccisi ed altrettante donne e bambini portati schiavi in Oriente[110].

La relativa calma che ci fu durante il pontificato sistino dipendeva dal semplice fatto che il sultano del momento, Murad III, era forzatamente alle prese con una disastrosa guerra con i vicini Persiani, una guerra che si protrasse per ben 12 anni (1578-1590),[111] per cui tutti i suoi sforzi, la sua capacità militare e la sua potenza bellica era impegnata in questa lotta senza quartiere, con altalenanti vittorie e sconfitte da ambo le parti. E papa Sisto era ben consapevole di questa situazione di momentanea debolezza del sultano, tanto che quando nellottobre 1585 giunsero a Roma i quattro ambasciatori straordinari per complimentarsi dellelezione del papa, costui disse loro: “Sappiamo che la Serenissima Repubblica deve usare cautele col Sultano e che essa non ha forze sufficienti per misurarsi da sola col Gran Turco, il quale ci lascia in pace per il momento perché occupato altrove, ma ci farà gran danno quando dalla parte della Persia avrà libere le braccia”[112].

Comunque la presenza dei corsari turchi nei mari italiani, anche se ridotta, era sempre ossessiva e minacciosa, come si legge negli innumerevoli avvisi di questi anni: 12 marzo 1588: “Parecchie galeotte dAlgeri, che solcano il Tirreno senzalcun sospetto, sotto lauspicio della luna di decembre sono venute nellIsole del Giglio a spiantare da fondamenti la torre di quella guardia et a farvi moltaltri danni” (c. 10r-v/86); “Sintende che in questo Golfo [veneziano] si trovano 12 galeotte Turchesche che fanno gran danni, havendo preso ultimamente due Marcilliane che venivano qua” (c. 159v/88); “Di Genova avisano che Assan Agà con le sue 11 galere havevano saccheggiato un luogo in Corsica, et condotto via 150 anime dopo havervi posto fuoco” (c. 311r/88); “Assanaga sera partito per tornarsene in Constantinopoli, con disegno di saccheggiar per il camino alcuna terra in Sicilia o in Calavria” (c. 456v/88); “Mercor notte un corriero di Napoli recò nuova come verso Otranto era comparso Assan Agà con 40 galere bene armate” (c. 563v/88); “4 o più galere turchesche a Porcigliano et nelle riviere Toscane et di Genova hanno fatti molti danni, et prede di anime” (c. 576v/88); “Assan Agà con la sua armata haveva dato alla Lampadusa in Sicilia et predato molte anime” (c. 568v/89)[113]. I Turchi arrivarono perfino in un giorno di maggio 1588 a depredare e saccheggiare le spiaggie laziali, a poche miglia da Roma: “Il Pontefice con rabbia incredibile intese laltro giorno, che sette fuste de corsari habbiano preso a Prattica domenica notte 150 anime, luogo distante dalla marina due miglia in questa spiaggia romana con notabile buttino di robbe” (c. 211v/88)

Larsenale di Costantinopoli era sempre attivo e sfornava in continuazione nuove galere per scorrere il Mediterraneo in cerca di prede e di uomini. In un Avviso veneziano del 6 aprile 1588 si legge chiaramente quale fosse, dopo quello economico, lo scopo delle galere ottomane: “Il Generale Ibraim Bassà doveva mettere la sua Capitana in acqua quella settimana con le solite Cerimonie. Si diceva che tale uscita fusse per dare il guasto a qualche luogo di Cristianità, per fare preda de schiavi da remo, de quali nhanno grandissimo bisogno” (c. 145v/88); “Dalle lettere di Constantinopoli delli 10 passato non sintende altro... che Assanaga sera offerto al Gran Signore di armare sin al numero di 150 galere, per venire a nuovo tempo a scorrere le Marine cristiane” (c. 548r/88).

Soprattutto furono Spagna e Malta che cercarono di contrastare militarmente la potenza navale turca: “Di Spagna stanno allordine 19 Gallere per passare a Napoli, ove sono aspettate da 15 altre per passare a Malta et unirsi con le 4 di quella Isola et di Toscana, che in tutto saranno un corpo di 50 Gallere, ben proviste per combattere larmata turchesca, che si tiene aviso debba uscir fuori in numero daltre tante vele” (c. 165v/88).

Venezia era lunica realtà europea a mantenere relativamente buoni rapporti con limpero ottomano, anche perché solo in questo modo potevano prosperare i suoi commerci con lOriente. E mentre le altre potenze marinare europee (soprattutto Spagna, Genova e Malta) erano sempre allerta e stavano armate contro le eventuali incursioni turche, specie nei tempi più critici, Venezia stava abbastanza quieta e appartata “maravigliandosi ognuno che i Venetiani non armino per questi sospetti darmata Turchesca” (c. 196v/88). Anche i “baili”, cioè gli ambasciatori veneti, erano rispettati a Costantinopoli, per cui non fa meraviglia che solo da Venezia si scrivano avvisi con le notizie esclusive di quel vasto mondo che si estendeva fino al Marocco e arrivava a lambire la Polonia e lUngheria.

Spesso il papa dovette lamentarsi della poca collaborazione di Venezia con il resto della cristianità nella lotta contro la pirateria turca. Si diceva anche che Venezia non accettava che altri, comprese le galere del papa, combattessero quella pirateria che ogni giorno faceva grandi danni sulle cose dellAdriatico, quasi che spettasse solo ai veneziani condurre (a modo loro) quella lotta. È quanto si legge in un avviso del 23 marzo 1588: “La medesima Signoria [veneta], pretendendo di essere padrona del mare che percuote la riviera dAncona et luoghi convicini, havendo come tali mandato sempre le galere Venetiane contra i Corsari che infestano quella parte, desiderano che le galere del Papa non si piglino la cura che tengono spettare a loro. I quali Signori è ben vero che fanno scorrere di là tal volta le lor galere, ma così di rado, che ogni giorno si sentono presi de miseri peregrini, et altri danni che fanno i Turchi verso Loreto, et Ancona” (c. 130r/88).

Davanti a questa presenza inquietante e minacciosa delle navi turche nei mari dItalia si capisce lostinata volontà di papa Sisto a volere armare una propria flotta navale per servitio di questa Santa Sede” (c. 274r/88): “Sollecita il Papa larmare delle sue galere in gran fretta per mandarle contra quei Pirati, i quali (come per spia si è inteso) si sono vantati, che bastava loro lanimo di venire a far preda della galera capitana di Sua Santità fin dentro a Ripa grande se havessero veduto di posserla remurchiare” (c. 221v/88).

Già prima di papa Sisto esisteva una specie di flotta navale, perché nellavviso del 26 dicembre 1587 si legge di una “nave capitana” di papa Gregorio: “Sintende che le galere del Doria habbiano presa la galera Capitana del Papa, che rimase già preda de vascelli dAlgieri gli ultimi anni di Gregorio” (c. 557r/87). Ma papa Sisto vuole, come al solito, qualcosa di grande e accarezza il sogno di una vera e propria flotta, atta a contrastare la prepotenza turchesca.

In un affresco della Libreria vaticana si vedono disegnate alcune galere accompagnate da questi versi: “Instruit Sixtus classes, quibus aequora purget / Et solymos victos sub sua iura trahat”, cioè: “Sisto ha fatto costruire le sue navi con le quali pulisce i mari (dai pirati) e pone sotto la sua protezione le città italiane oppresse”.

Seguendo la traccia degli avvisi possiamo vedere il lavoro compiuto da papa Sisto per la flotta.

Nel 1586 si annunciava la volontà di costruire le prime sei galere, di 30 che si sperano di costruire. Cinque galere dovevano essere a spesa delle provincie pontificie e una a spesa del papa: “La congregatione delli Cardinali è per le 6 galere che Sua Beatitudine vuol mettere in acqua con assegnar la spesa delle cinque alle cinque Provincie di questo Stato, et della sesta nhabbia pensiero il Pontefice” (c. 436r/86); “Incominciano a comparire i gentilhuomini chiamati uno per Provincia di questo Stato, et uno per le quattro Città deputate da ciascuna di dette Provincie, per intervenire alla congregatione scritta a trovar modo di mantenere le 30 galere chel Papa vuole in ogni modo mettere in acqua” (c. 454r-v/86). I Senatori romani decisero, per trovare i fondi per le galere, di tassare la gabella del piccolo porto romano di Ripa dalluno al due per cento: “Diedero conto a Sua Santità della provisione fatta per mantenere le galere, et della nuova impositione delli due per cento posta per questo dispendio su la gabella di Ripa” (c. 593v/86).

Per tutto il 1587 il papa insistette nel volere la sua piccola flotta di galere e cercò il legname adatto per le navi, chiedendolo al granduca di Toscana: nellinteressante lettera il papa ammette la sua ignoranza in merito ed esprime il desiderio di voler costruire navi leggere e veloci[114]. Nel frattempo il papa ordinò di pulire il Tevere per renderlo più navigabile e di allestire un arsenale in città, nel porto di Ripa grande[115]: “Si è dato ordine di nettàre il Tevere da Ripa grande fino alla marina di tutte le scabrosità et superficie che impediscono la navigatione, et farlo capace per luso delle galere, come è stato altre volte” (c. 412r/87); “Si è dato principio ad inalzar alcuni tetti per lavorarvi sotto la maestranza di legni et galere a Ripa granda, dove martedì Sua Santità fu a veder il luoco” (c. 415r/87). Allinizio di ottobre del 1587 si cominciò a lavorare, con laiuto di mastri locali ed altri venuti da Malta: “Sè dato principio ad accommodare il sito et lavorare le galere a Ripa grande sotto il signor Fabio Santacroce” (c. 423v/87); “Tra gli altri Mastri che sono venuti qua per far le galee in questo nuovo Arsenale, nè giunto uno da Malta, che si dice essere il primo che hoggi si trovi in tal arte” (c. 439v/87). Per ora nellarsenale romano si mise mano a sole tre galere, tra cui la capitana chiamata “San Bonaventura”, costata 18 mila scudi (“costa nuda 18 mila scudi”, c. 228v/88); “Si lavora in fretta attorno la nuova Galera a Ripa grande, che si chiamerà Bonaventura” (c. 458v/87).

Nel 1588 si pensa già ai futuri capitani e marinai: “Hoggi si deve dar principio qua ad assoldare galeotti bona voglia, per armare le galere del Papa” (c. 105/88). Il 2 aprile 1588 finalmente fu varata la nave capitana, anche se il varo fu un mezzo fiasco: “Questa matina fu dato ordine a Ripa grande di ponere in acqua la galera Capitana San Bonaventura, havendo il Governatore di Roma celebrato messa nella Poppa con lassistenza della Musica del Papa, presenti il Cardinale Sauli, la signora Camilla, lAuditore della Camera et gran nobiltà, et perché la poppa era impedita nelluscire da un travo che sostiene il tetto amplo coperto de coppi sopra la galera, fu tagliato il detto legno, cadendo però tutta quella parte di esso tetto che era sostenuta dal trave, con morte di 3 persone di quei manuali, et ferite de moltaltri con gran fracasso et danno di essa galera, che resta così ancora in terra” (c. 142r/88). A questo punto il papa progettò in grande, fino a pensare di costruire 22 navi e a canalizzare il letto del Tevere da Roma fino al mare per renderlo navigabile. A questultimo progetto dovette rinunciare per non offrire ai pirati e corsari una comoda via fluviale per giungere dentro la città di Roma: “Nostro Signore ordinò li giorni a dietro che si pigliasse il disegno per dare un nuovo alveo et letto al Tevere da Ripa grande a drittura fino alla marina navigabile per vascelli grossi; ma si crede, che non havrà effetto, poiché oltre alla gran spesa, che ricerca questa novità, è stato posto in consideratione a Sua Beatitudine che li vascelli Turcheschi veniranno a travagliare talvolta fin dentro Roma” c. 613r/88). Uno dei problemi principali fu il reclutamento dei marinai, tanto che si pensò di chiedere ai vari stati i “galeotti” e i condannati alle prigioni: “Le galere di Malta havevano portato in Napoli cento schiavi per le galere del Papa, et altri se ne aspettavano dalle galere del Doria” (c. 354r/88); “Saspetta in breve da Ferrara 100 galeotti che quella Altezza manda a donare al Papa per servitio delle sue galere” (c. 446v/88); “Domenica notte furono mandati ad imbarcare a Ripa 50 huomini condennati al remo delle carceri di questa Città” (c. 490v/88). La notizia che il papa stava formando una sua flotta navale era troppo importante e nuova e non poteva non arrivare anche a Costantinopoli e a metà giugno 1588 i Turchi arrivano davanti alle coste laziali per disturbare, e se possibile catturare, le navi papali: “Dicono essere Assanagà uscito a posta per far preda delle galere del Papa” (c. 270v/88). A novembre papa Sisto visitò le sue galere andando di persona a Civitavecchia: “Lunedì mattina su le 12 hore il Papa montò in letica alla volta di Civitavechia” (c. 610r/88). A dicembre 1588 le galere erano molto ben funzionanti come le galere degli altri Stati: “Dicesi che la nuova Gran Duchessa sarà mandata a levar in Marsilia con 16 galere, cioè 4 di Nostro Signore, 4 di Toscana, 4 di Genova, et 4 di Malta” (c. 625v/88).

Il grande problema del papa nel 1589 è quello del sostegno economico delle galere finora costruite, arrivando ad emettere in giugno una bolla sopra il clero dello stato ecclesiastico: “È uscita in istampa la Bolla con la quale Nostro Signore impone sopra il clero dello Stato Ecclesiastico, mediate et immediate soggetto, 2 decime lanno in perpetuo per il mantenimento delle dieci galere della Sede Apostolica, che con gli altri 78 mila che pagano le Provincie di questo Stato, 5 mila dellentrate di Benevento, et 17 mila in altri assegnamenti fanno la somma di 112 mila scudi, che tanto importa la spesa annua che corre per mantenimento di dette galere, non accettuando in queste decime Cardinali ma solo i Cavalieri Hierosolimitani, i concordati in tempo di Pio V° et alcuni Hospitali” (c. 372v/89)[116].

Nel marzo 1590 la flotta papale già costruita era di cinque galere e si sperava di costruirne presto altre due. Non si tratta certamente di una grande flotta, comunque Sisto V è lunico papa che ci ha tentato veramente. Nellagosto del 1590, ultimo mese della vita di papa Sisto, abbiamo la notizia di un piccolo risultato: “Le galere del Papa in questo cammino per Genova hanno preso un bregantino et due fuste Turchesche con 42 Turchi sopra, et liberato 20 schiavi” (c. 409v/90). Era un avvenimento così nuovo, così unico, così inatteso che il papa ne parlò ai cardinali nel suo ultimo concistoro: 15 Agosto: “Nel Concistoro di lunedì Nostro Signore diede conto dellacquisto fatto dalle galere della Sede Apostolica di tre galeotte de Corsari in questo viaggio di Genova con lode delli ministri di esse galere” (c. 418r/90). Credo che un sottile sorrise apparve in quel momento sul volto del papa.

Vorrei concludere con una curiosità. Nei primi mesi del 1587 si diffuse la notizia che il papa si stava accordando con il Sultano per ottenere le pietre del Santo Sepolcro di Gesusalemme al fine di traslarle in Italia, e probabilmente a Montalto sua patria marchigiana[117]. In questo modo si sarebbe creato un triangolo di luoghi con le reliquie più insigni della cristianità: Roma con la culla del presepe in Santa Maria Maggiore; Loreto con la casa di Nazaret; Montalto con il santo sepolcro. Certamente pochi avrebbero osato tanto e nessuno avrebbe pensato di cercare un accordo con il sultano stesso di Costantinopoli.

Negli avvisi troviamo tracce concrete di queste voci:

- Roma 18 febbraio 1587: “Si va dicendo, chel Pontefice ha un pensiero gloriosissimo di volere cioè redimere di mano del Turco il Santo Sepolcro, et servirsi in questo traffico delli più omnipotenti mezzi, senza riguardo di qual si voglia somma di denari, che la Porta di Costantinopoli adimandi, et di qual si voglia eccessiva spesa, che ci vada per havere quel felicissimo sacro, che fu arca del nostro Redentore” (c. 59r/87).

- Venezia 11 aprile 1587: “Sono passati questi giorni alla volta di Roma tre corrieri di Francia con gran diligenza, uno de quali ha riferto in Romagna, che portava nuova chel Gran Signore haveva fatto presente al Re Christianissimo del Santissimo Sepolcro per donarlo al Papa” (c. 140r/87).

Probabilmente il papa era consapevole della impraticabilità del progetto, che appare più una provocazione che una proposta vera e propria. Questo infatti è quanto almeno si intuisce da una relazione che lambasciatore veneto a Roma, Giovanni Gritti, inviò al suo doge Pasquale Cicogna il 28 agosto 1588 e che riporta le frasi pronunciate dal papa: “Noi potremmo acquistare dai Turchi il santo sepolcro: ce lo darebbero per denaro, ma non ci conviene, poiché non vogliamo far credere che non ci sia possibile landare a prendercelo con la forza; e benché in vita nostra non possiamo sperare di ottener ciò, pure non vogliamo dare a credere al mondo esserci impossibile. Noi temeremmo puranche di non commetter colpa trasportandolo a Roma e di non far cosa contraria alla volontà di Dio, poiché egli è voluto nascere a Betlemme e morire in Gerusalemme. Però vediamo che, quantunque il presepio di Nostro Signore si trovi a Roma, nessuno si muove per vederlo, mentre per visitare il S. Sepolcro moltissimi vanno tutti gli anni a Gerusalemme. Dicesi che i pellegrini siano maltrattatri molto dai Turchi. Bisogna avere pazienza, affinché Iddio mandi luomo che ad onore della divina Maestà voglia riconquistare Terra santa”[118]. Queste parole sono più un incitamente ad una crociata contro il Turco che un progetto di trasporto di alcune pietre.

E il tutto rimase nellambito della sola “voce” o della sola ipotesi, anche se, per dirla tutta, per Sisto V ogni progetto ritenuto impossibile da un altro papa diventava una sfida per lui[119]. Certamente a noi tutti viene spontaneo pensare che per fortuna il progetto sistino non fu mai realizzato[120].

Il ducato di Savoia al tempo di Sisto V

Durante il quinquennio del pontificato sistino la Savoia era governata dal duca Carlo Emanuele I di Savoia. Era figlio del celebre Emanuele Filiberto di Savoia e di Margherita di Francia, nato il 12 gennaio 1562. Divenne duca nel 1580, alla morte del padre, quando aveva 18 anni. Cinque anni più tardi, nel 1585, sposò la figlia del re di Spagna, Caterina Michela dAsburgo[121]. Questo matrimonio ci fa capire bene quanto la politica di Savoia fosse, e lo fu ancor più dopo questo matrimonio, filospagnola e poco filofrancese.

Nellautunno 1588 Carlo Emanuele I, capace, ambizioso e sicuro di sé grazie allottimo stato del Ducato trasmessogli dal padre, cercò di espandere territorialmente il proprio potere e pensò di annettersi autonomamente il marchesato di Saluzzo, che comprendeva il territorio intorno a questa città, tra le attuali province di Torino, Cuneo e i confini alpini francesi, ma che apparteneva alla Francia[122]. Per il duca, quel marchesato di Saluzzo pieno di ugonotti, era diventato ormai un pericolo per il suo ducato e non vedeva in re Enrico III la capacità né militare né morale di porvi rimedio.

Loccasione gli fu fornita quando truppe protestanti aumentarono loccupazione di quel marchesato nella prima metà del 1588 e il duca, con una mossa fulminea, il 29 settembre 1588 occupò militarmente lintero territorio. Disse subito che aveva fatto ciò a nome del re francese Enrico III (che era cugino del duca savoiardo), che invece se la prese molto a male. Infatti Enrico avrebbe voluto muovere subito guerra al Savoia, ma in quel momento le guerre civili, iniziate dopo lassassinio dei due Duchi di Guisa, avevano fatto precipitare la Francia in un aspro conflitto che porterà allassassinio dello stesso Enrico.

Papa Sisto, sorpreso come tutti per questo gesto di pura conquista, cercò pur debolmente di capire i motivi del duca, e questa particolare stima del papa per Carlo Emanuele era poco apprezzata dal re francese, dal momento che Enrico farà dire al papa dal suo ambasciatore a Roma che “pare a quella corona, che Sua Santità debba entrare di mezzo, poiché Savoia mostra di non far nulla senza partecipatione della Beatitudine Sua” (c. 583v/88). Il papa intervenne presso re Enrico inducendolo a fidarsi del duca di Savoia e assicurandolo che costui aveva compiuto tale impresa per salvare la religione cattolica e che certamente era pronto a restituire il marchesato alla Francia quando il re glielo avesse richiesto[123].

In Europa tutti disapprovarono lazione di Savoia: la Francia (sia cattolica che protestante) si alzò a difesa del re; Filippo di Spagna non voleva in quel momento inimicarsi la Francia; Firenze e Venezia erano legati alla Francia; i prìncipi protestanti si misero sul piede di guerra. Fu in questo difficile momento che venne lassassinio di re Enrico del 2 agosto 1589 a recare altri e più grandi problemi.

Ma la resa dei conti delloccupazione di Saluzzo era solo rimandata. Dopo lassassinio di Enrico III, il nuovo re di Francia, Enrico IV, intimò al duca la restituzione del territorio alla corona francese, ma Carlo Emanuele rifiutò: e fu immancabile guerra, che si sviluppò con alterne vicende fino alla pace di Vervins (2 maggio 1598). Nel luglio del 1600 la guerra franco-savoiarda riprese, che si chiuse con il trattato di Lione (17 gennaio 1601), con cui la conquista territoriale del marchesato di Saluzzo venne riconosciuta da Enrico IV a Carlo Emanuele, con la clausola che costui doveva cedere alla Francia la regione oltralpe della Bresse. Tutto sommato lo scambio favoriva Savoia e ribadiva il legame che questo ducato aveva ormai con lItalia, e infatti Carlo Emanuele annotò nei suoi Ricordi: «È molto meglio avere uno Stato solo, tutto unito, come è questo di qua dei monti, che due, e tutti e due malsicuri».[124]

Altra azione di questo intraprendente duca di Savoia fu la sua decisa volontà di riannettersi la città svizzera di Ginevra, uno dei grandi focolai della riforma protestante[125]. Si parlava infatti non di una annessione arbitraria, ma di una riconquista, dal momento che Ginevra era stata precedentemente tolta ai Savoia nel 1536 al momento della riforma luterana. Tale volontà di riconquista era stata ribadita dal giovane duca già a partire dalla sua ascesa al ducato nel 1580. Il Duca accampava su Ginevra pretese dinastiche e giuridiche[126]. Il duca si rifaceva ad antichi diritti medievali, che erano stati ribaditi anche dallimperatore Carlo V con una lettera al duca di Savoia Carlo II, confermando e ampliando i diritti sulla città. Scrive il Leti: “Da quel tempo in poi tutti gli altri Imperadori, non ostante la ribellione, hanno confirmato et approvato la giurisditione, e sopranità de Duchi di Savoia sopra Geneva, e sopra il Vescovo, et tutti i Sindici, Consiglieri, Cittadini, Borghese, e Abitanti, ordinandoli espressamente di divere ubbidire à detti Serenissimi Duchi”[127]. I ginevrini, forti dal canto loro di altri appigli giuridici, rispondevano che tali diritti erano del tutto inesistenti: “Noi pretendiamo che li Signori Duchi di Savoia non hanno diritto alcuno di chiedere la sopranità di Geneva, in virtù delle sue sentenze... Noi possiamo produrre uninfinità di Bulle Papali, et Imperiali, Atti, Dechiarationi, Accordati, Ricognitioni, Homaggi, et altri diritti prodotti dalli Signori di Geneva in diverse raunanze”[128].

Gli avvisi del 1588 e 1589 parlano spesso della “impresa di Ginevra”, sempre sperata, accarezzata e progettata dal duca e mai compiuta: “Nel Stato di Milano si assoldavano nuove genti per lAltezza di Savoia, tenendosi che farà questanno lImpresa di Ginevra” (c. 192r/89).

Da ambo le parti ci si preparò alla guerra e Ginevra cercò di estendere le sue alleanze con i cantoni della Svizzera protestante e con la Francia ugonotta. Naturalmente la Spagna e la Francia cattolica erano a fianco di Savoia: “Al Duca di Savoia erano giunti li mille soldati che Lionesi danno a Sua Altezza, alla quale il Re Cattolico darà pagati per limpresa di Ginevra 18 mila soldati, cioè 6 mila Spagnoli, 6 mila Italiani, et 6 mila Thedeschi, et che nella Savoia quel paese è tutto pieno di gente armata, sendo che li Svizzeri et Genevrini siano 15 mila, oltre a mille archibugieri a cavallo et 1500 lancie, et quelli di Sua Altezza sono 10 mila Fanti, 4 mila Svizzeri Cattolici et 1500 cavalli, sera avicinato alquanto a Ginevra” (c. 352v/89).

Era chiaro che papa Sisto appoggiasse le velleità del duca. Egli “così pacifico quando si trattava dellItalia, afferrò subito questa bella occasione di sguainare la spada per la causa della religione”[129].

Anche i prìncipi italiani guardavano positivamente limpresa di Ginevra. In fondo la conquista di Ginevra avrebbe aperto un canale diretto verso le Fiandre, senza temere di attraversare terre protestanti.

Nellaprile del 1589 il duca era certo che sarebbe arrivato presto a Ginevra. Si scrive infatti da Roma il 29 del mese: “Alcuni dicono havere visto lettere del Serenissimo di Savoia alli suoi ministri in questa corte, con le quali scrive, che Sua Altezza spera di havere ad udir presto messa in Ginevra... Intorno alla qual impresa saspetta di corto qualche dichiaratione dal Papa” (c. 255v/89).

Limpresa di Ginevra invece andò avanti per molto tempo, fra scaramucce, vittorie e sconfitte dambo le parti e tentativi di accordi impossibili. Infatti il 29 luglio del 1589 un avviso romano scrive: “I Bernesi (come avisano con lultime di Savoia) havevano mandato ad offerire a quel Duca che levando lassedio a Ginevra quella Città sborsarà a Sua Altezza 500 mila scudi per le spese della guerra, della qual proposta il Duca sdegnato gli aveva risposto che quanto alle spese della guerra ne pretendeva 5 milioni doro et non possendoli pagare dimandava la Città di Berna in cambio... Onde quelli di Berna posta da banda ogni prattica di pace dopo una dieta havevano risoluto di mandare 12 mila Svizzeri in aiuto di Ginevra con disegno di finirla in una giornata” (c. 480r/89).

Il desiderio di conquistare di Ginevra fu ancora accarezzato per tutto il 1590 e il duca cercò anche di stringere una lega con il papa e il re di Spagna Filippo II per arrivare a conclusione: “Questi Franzesi dicono tuttavia essere serrata la lega offensiva et difensiva del Papa, Re Cattolico, et Savoia contra gli heretici, et per limpresa di Ginevra, generale il Serenissimo di Urbino, lasciandosi luogo alli altri Principi dItalia di posservi entrare” (c. 393r/89).

Il duca chiese anche al papa anche una buona somma di denaro[130] che papa Sisto avrebbe anche concesso, ma, sempre oculato nel fornire il denaro, richiedeva la restituzione a fatto avvenuto e soprattutto a condizione che non scendesse a patti con i protestanti svizzeri. Scriveva infatti un anonimo scrittore nel luglio 1590: “Ho parlato con chi ha visto una lettera scritta dal Papa a Sua Altezza sotto la data delli 11 dellistante, nella quale vi sono queste parole in sostanza: Xistus ecc., et poi segue in volgare: in risposta delle 2 di Vostra Altezza delli 3 et 5 dellistante le dico che li 100 mila scudi saranno pronti subbito che si cominci a stinger Geneva, ma quando si concludesse la lega tra il Re di Spagna, Vostra Altezza et noi, intendiamo che siano intrati nella nostra parte, et quanto al volere accordo con glinimici della Chiesa, come ne accenna, glaricordiamo glessempi di quei Re d Israele, i quali furono castigati da Dio” (c. 347r/90).

L11 dicembre 1602, avvenne per i Savoiardi la sconfitta dell “Escalade”, che costrinse il duca ad accettare una pace durevole suggellata dal trattato di Saint-Julien del 12 luglio 1603 che riconobbe la definitiva indipendenza della città.

In questa guerra fra Savoia e Ginevra i soldati dei diversi cantoni svizzeri cambiaronono spesso bandiera e servirono a volte il re di Francia e a volte il Re di Spagna, a volte furono acerrini nemici, a volte si accordarono. Dietro tale fluttuante comportamento cera quasi sempre il “soldo”, per cui diventano “soldati” di chi meglio li pagava. Tale atteggiamento fa scrivere ad un menante scrittore una massima di grande saggezza: “Tal che si vede il vero modo di vincere le guerre, et acquistare li Stati esser quello delloro, et dellargento, al valore de quali cedono tutte le potentie maggiori di questo mondo” (c. 364v/89).

“Tra papa Sisto V e il Duca esisteva tanta congenialità di attitudini, se non sempre identità di scopi e di mezzi, che i rapporti, improntati a vicendevole stima, permasero costantemente, malgrado ogni divergenza occasionale, cordialissimi. Più volte il Papa si augurò di vedere sfolgorare in Filippo II di Spagna un lampo almeno dellardire vigoroso del Duca sabaudo; e sarebbe stato ben lieto di collocargli sul capo la corona di Francia, se fosse riuscito possibile conciliare a quella candidatura ladesione dun largo partito francese, con piena indipendenza dallinflusso spagnolo”[131].

Come miglior commento di questo totale accordo fra papa Sisto e il duca di Savoia, basta leggere questa frase che il papa scrisse in un breve indirizzato al duca l8 maggio 1589: “Vostra Altezza consideri ben tutto, et creda per fermo che Noi la amiamo da figliolo et siamo prontissimi per sovvenirla”[132].

La serenissima di Venezia durante il pontificato di Sisto V

Venezia e Sisto V si erano già incrociati e conosciuti quando nel 1556 fra Felice Peretti era sbarcato nella città lagunare, prima in qualità di reggente degli studi del suo ordine francescano e poi come inquisitore generale dellintero territorio veneto. Questa nomina ad inquisitore del 1557 gli venne da papa Paolo IV, ma gli procurò una nomea di giudice severo, per cui fu fatto oggetto di serrate critiche e gelosie, soprattutto in seno al suo stesso ordine francescano, anche se poi il Peretti fu nominato presidente del capitolo provinciale veneto[133]. Oltre alla critica di eccessivo zelo, i suoi confratelli francescani gli rimproveravano “di essere tutto dedito agli studi, di poche parole, di meno cerimonie, grave nel sembiante, sostenuto nel portamento, amante della ritiratezza della sua cella” [134]. Più che vere accuse sembrano titoli di merito e comunque denotano una certa ingiustificata acredine nei suoi confronti.

In seguito alla morte di Paolo IV (1559), fra Felice, a causa della ostilità riscontrata nei suoi confronti, ritenne opportuno lasciare Venezia e si ritirò a Montalto, sua carissima patria marchigiana, fino al 22 febbraio 1560, quando il nuovo pontefice Pio IV gli rinnovò la stima e lo nominò ancora inquisitore a Venezia. Il Peretti tornò obbediente a Venezia ma fu ricevuto con difficoltà non solo in convento ma anche dal governo veneziano, che infatti rifiutò la sua designazione. Dopo lunghe trattative, nel giugno 1560, il papa revocò la nomina ed affidò lInquisizione veneta ai Domenicani.

È interessante notare che agli Ambasciatori veneti venuti a Roma nel mese di ottobre 1585 per rallegrarsi con lui della sua elezione al pontificato, il papa volle togliersi qualche sassolino dalle scarpe, ricordando loro che la sua permanenza a Venezia, quando era frate, non era stata delle migliori: “La Santità Sua fece loro un sermoncino, commemorando in quella occasione quando Sua Santità in minoribus hebbe carestia di tempo di fuggire lira loro in Venetia” (c. 499r/85).

In seguito, nei primi tre anni di pontificato, nulla turbò i rapporti fra papa Sisto e Venezia, anzi il papa espresse più volte la sua intenzione di aiutare economicamente Venezia contro le incursioni turchesche e quando il 22 giugno 1585 inviò a Venezia il nuovo nunzio nella persona di Cesare Costa (che rimase a Venezia fino al 16 nov. 1587, sostituito da Girolamo Matteucci) [135], costui, nel presentare al vecchio doge Nicolò da Ponte le credenziali, auspicò una stretta unità di intenti tra la Serenissima e Roma e il doge rispose dicendo che “da secoli la Repubblica non ha avuto ragioni di essere così soddisfatta della sue relazioni con la Santa Sede; essa sotto Gregorio [XIII] non ha ricevuto che rifiuti e danni; al presente non vede che compiacenze”[136].

Non era facile una pacifica convivenza fra papato e Venezia. La Serenissima infatti si muoveva alquanto autonomamente, rispetto agli altri stati cattolici, sia nella politica come nella religione. È illuminante al riguardo il giudizio del Raulich: “Soltanto la repubblica di Venezia affermava serenamente e senza alcuna esitanza, la sua politica, ispirata alla tolleranza religiosa e al principio della propria indipendenza. Le preoccupazioni religiose di quel tempo non potevano certo allignare in uno Stato, in cui si può dire che la tutela rigida, gelosa del suo diritto, in materia civile, contro le pretese della corte romana, formava una tradizione gloriosa, sempre uniforme e costante, nella coscienza del patriziato veneziano, per quanto ferma e sincera fosse la fede cattolica che lanimava”[137].

Anche nei suoi commerci Venezia era libera e si collegava senza scrupolo alcuno sia con il sultano ottomano che con l“eretica” regina Elisabetta dInghilterra. Con questa ultima commerciava perfino in armamenti, anche sotto banco: “Da Malta con lettere delli 11 si ha che in quel luogo per fortuna era capitata una Nave Venetiana di Botte 800 carica di Vini per Inghilterra sopra la quale hanno trovato da 7 mila spade, celate, arme dasta et altro et che di tutto se nè dato aviso a Sua Santità” (. 127r/89); “Si dice, che li Cavalieri di Malta facciano gran rumore presso a Nostro Signore della Nave Stella venetiana carica di armamenti, che andava in Inghilterra capitata per fortuna a Malta, et scoperta nel presentare il passaporto, havendo mostrato quello che haveva per Inghilterra in cambio dellaltro per Spagna falso” (c. 214r/89). Ma è anche giusto dire che pur nel normale desiderio dellarricchimento derivante dal commercio, si avvertiva comunque la profonda anima cattolica di Venezia, quando ad esempio negava le medesime armi se queste potevano essere usate contro la cattolicità: “Uno Agente della Regina dInghilterra non ha potuto ottenere licenza di levar da questa Città 6 mila spade, per haversi dadoperare contra la christianità” (c. 41v/90).

Nella politica verso la Francia Venezia, pur non schierandosi mai apertamente (“Sintende, che la Signoria di Venetia si sia dichiarata neutrale nelle cose di Francia”, c. 101v/90), guardò sempre con occhio di simpatia il re Enrico III, sia prima che dopo luccisione del duca di Guisa e di suo fratello, il cardinale di Guisa, quando cioè il re si era inimicato non solo il papato ma lintero mondo cattolico, soprattutto la Spagna e gli Stati italiani. Nel giugno del 1589 un avviso ci dice chiaramente che “LAmbasciatore di Spagna giunto nuovamente in quella Città haveva fatto intendere alla Signoria per parte del suo Re, che se lei continuarà in aiutare, come ha principiato, il Re di Francia gliene tornarà danno, et inimicitia” (c. 398r/89). In un altro avviso dello stesso mese si parla di collaborazione diretta di Venezia nella guerra a fianco del re francese: “DallAmbasciatore di Spagna è uscito laviso, che gli Svizzeri heretici arrivati à confini di Borgogna dopo havere visto di non possere essere pagati dalli Venetiani, che li hanno levati, né dal Re di Francia, vendevano larmi, et sene tornavano alle case loro” (c. 399v/89).

Diciamo però che dal punto di vista degli avvisi e della informazione in generale per noi risulta molto preziosa questa libertà ed autonomia veneziana, perché ci consente di avere dagli scritti veneziani giudizi e notizie abbastanza neutrali e al di sopra delle parti in causa. Ad esempio nella guerra civile francese o nella guerra fra Filippo e Elisabetta le notizie di Venezia sono sempre diverse o correttive degli avvisi più o meno “ufficiali”, ma di parte, che vengono dalle varie corti europee, tutte decisamente schierate per una o unaltra parte.

Piuttosto difficili divennero i rapporti fra il papa e Venezia dopo luccisione del re francese Enrico III e lascesa al trono di Enrico IV di Navarra. Il papa aveva già scomunicato il Navarra nel 1586 e aveva fatto intendere chiaramente che non avrebbe accettato sul trono di Francia come “re cristianissimo” un protestante e per giunta scomunicato se costui non avesse abiurato in favore della religione cattolica.

Mentre il papa era in paziente e abbastanza comprensiva attesa di tale abiura (che verrà solo dopo la morte di papa Sisto) Venezia, autonomamente, mandò al re di Navarra lambasciatore Giovanni Mocenigo con lordine di esprimere al re i sentimenti di amicizia e gli omaggi della Serenissima. Inoltre, con decreto del 10 ottobre 1589, riconobbe come legittimo ambasciatore del nuovo re il signor De Messe (André de Maisse), che fungeva già da ambasciatore del defunto re Enrico III. Si legge infatti in un avviso del 14 ottobre 1589 scritto da Venezia: “Lunedì mattina Monsignor di Metz già Ambasciatore del fu Henrico Re di Francia andò in Collegio dicesi con lettere credentiali del Re di Navarra di 26 Agosto a far officio con questi Eccellentissimi Signori che essendo egli avanti la sua elettione in Re di Francia stato sempre per naturale inclinatione affetionato molto a questa Serenissima Repubblica, hora che era assunto a quella Corona gli offeriva la sua buon amicitia, et desiderio di essere collegato, et confederato con essa, sì come per ladietro gli altri Re sono stati, promettendo in ogni sua occorrenza” (c. 651r/89).). A Roma si diceva che la Signoria veneta avesse dato già il titolo di re e addirittura di “cristianissimo” al Navarra, mentre si rivolgeva al duca di Umena, capo della lega, con il semplice titolo di “Illustrissimo et Excellentissimo Duci Umene nostro dilectissimo” (c. 671r/89). Ormai era chiaro a tutti chi era il nuovo re di Francia per Venezia.

Papa Sisto vide in questo atto della Serenissima uneccessiva orgogliosa affermazione della propria autonomia e un possibile pericolo politico, dal momento che quel gesto appariva come una evidente legittimazione del Navarra e poteva indurre altri Stati cattolici, finora incerti, a compiere lo stesso passo. Per Venezia non solo era un atto che ricadeva nel suo stile di tolleranza religiosa, ma soprattutto in quel momento apparteneva ad una lungimiranza politica sul futuro della Francia[138], senza contare che questo era un modo per prevenire che Filippo II approfittasse della guerra civile in Francia per consolidare legemonia spagnola.

A questo punto, dopo essersi informato presso il suo nunzio a Venezia, il papa cominciò la schermaglia diplomatica: “Il Pontefice ordinò li giorni a dietro al Matteucci suo Nuntio in Venetia, che sinformasse diligentemente se quella Signoria haveva dato a Navarra titolo di Re et di Christianissimo, et rispostolgi di sì, ancorché i Venetiani lo neghino tuttavia, anzi che di più stavano per ricevere un suo Ambasciatore, il Papa fece presentare alla Signoria una scrittura, avvertendola a non accettare questo Ambasciatore, come di Principe scomunicato et reietto dal gremio della Chiesa, sotto pena delle censure, dincorrere nella Bolla in coena Domini, et in quella fulminata ultimamente contra Henrico 3°. Il Nuntio esseguì lordine del Pontefice,” (c. 654r/89).

La prima mossa fu quella di richiamare a Roma il suo nunzio, Girolamo Matteucci (che abbandonò Venezia senza nemmeno accomiatarsi dal doge) e poi chiese conto del fatto allambasciatore veneto presso la Santa Sede, Alberto Badoer[139], che si affrettò di smentire (senza troppa convinzione) che ci fosse fra Navarra e Venezia pieno e totale accordo: “Espose, come la sua Repubblica haveva ascoltato, ma non ammesso lAmbasciatore di Navarra, con parole si gravi et pesanti, chhanno dolcito Sua Santità non poco, standosi hora nellosservatione del fin di questo negotio” (c. 661r/89).

Lambasciatore Badoer (grande amico del papa e da lui stimato) riuscì di persuadere il papa che Venezia poteva servire da mediatrice fra la santa sede e il re di Navarra circa la sua conversione al cattolicesimo, tanto che il papa ordinò al nunzio Matteucci limmediato ritorno a Venezia. Contemporaneamente, il 18 novembre 1589, giunse a Roma da Venezia un ambasciatore straordinario, Leonardo Donati, che, insieme ad Badoer, doveva perorare la causa veneziana. I due, nella prima udienza con il papa il 19 novembre e nella seconda dopo cinque giorni, il 24, dovettero più volte ribadire al papa che Venezia considerava il Messe non come ambasciatore francese ma come “persona privata”, così come Venezia accoglieva altri “ambasciatori” di paesi protestanti, o turchi, o “barbari”: “Domenica la sera lAmbasciator Donati introdotto dal Badoero con molta comitiva fu allaudienza dal Papa... si dice che proponesse a Sua Beatitudine come la sua Signoria offerisce, che lAmbasciatore di Navarra sene starà in Venetia come persona privata senza intervenire in atto alcuno publico, et quanto al scacciarlo di là, che la sua Signoria come libera non vi condescente, poiché accetta, et permette parimente in Venetia gli Ambasciatori del Turco, de Svizzeri heretici et di altri Barbari, non restando quei Signori per q[ues]to di essere devoti di Santa Sede” (c. 713r/89)[140].

Alla fine, dopo altre burrascose udienze del 16 e 20 dicembre 1589, nelle quali ogni parte ribadiva fermamente le proprie ragioni e distanze (problema di natura religiosa per il papa e di neutralità politica per Venezia)[141] si giunse ad un compromesso: il Messe sarebbe stato considerato come semplice agente del re di Navarra e non come ambasciatore del re di Francia, e che non avrebbe partecipato alle cerimonie religiose accanto agli ambasciatori ordinari “Hora si dice chel negotio de Venetiani col Papa sia accordato di questa maniera, cioè che la Signoria ammetta come libera, tratti et dia titolo allAmbasciator franzese residente in Venetia come esploratore del Re di Navarra assolutamente, et non di Re di Francia, a guisa de gli Ambasciatori del Turco et di altri Barbari che risedono nella loro città, et in tanto si starà osservando lessito delle cose di Navarra” (c. 717r/89).

Dietro queste schermaglie diplomatiche tutti ormai sapevano che per Venezia il Navarra era il nuovo re francese. E quando in un Avviso del 7 marzo 1590 venne scritto: “Sintende che la Signoria di Venetia si sia dichiarata neutrale nelle cose di Francia”, il solito ben informato agente di Urbino, Grazioso Graziosi, scrisse con tagliente verità: “Pare che la Signoria si sia pur troppo bene dichiarata” (c. 102r/90). Infatti il 28 luglio 1590 si scriveva chiaramente che a Venezia si stampavano ormai i ritratti del Navarra come re: “In Venetia era permesso lo stampare il ritratto di Navarra con tutti quei titoli di Re di Francia et di Christianissimo che vogliono i Franzesi” (c. 389v/90).

Bisogna notare che latteggiamento di papa Sisto in tutta questa faccenda era ambivalente: da una parte non poteva accettare ufficialmente il comportamento veneziano, sia per convinzione personale che per la pressione esasperante della Spagna fatta dallambasciatore spagnolo a Roma, il duca Olivares[142]; ma dallaltra non voleva rompere i rapporti con Venezia, strategicamente importante per la difesa dai Turchi. Alla fine accettò il punto di vista di Venezia con il suo concreto machiavellismo politico (“ragione di Stato”): “Il Donati Ambasciator Veneto martedì partì di qua di ritorno per la Patria sodisfattissimo di quanto desiderava, havendo fatto restare capace Nostro Signore con vivi argomenti, che la sua Repubblica per ragione di Stato come libera deve ammettere, secondo fin qui ha fatto, lAmbasciatore di Navarra come Re di Francia, et come quello che hoggi in quel Regno predomina et è più potente, et che se altro Principe prevalerà a Navarra et mandarà Ambasciatore, riconosceranno il più potente... Et il Donati nel licentiarsi dal Papa è stato più volte abbracciato et baciato tenerissimamente da Sua Beatitudine con parole di cordiale amore et sodisfattione” (c. 765r/89).

Anche Venezia si mostrò da parte sua accondiscendente, con uno sguardo rivolto a convenienze politiche: “La coscienza del loro diritto, se rendeva così fermi i Veneziani in quella lotta, il momento politico e la grave responsabilità che avevano assunta con lamicizia di Enrico IV dovevano consigliar loro una certa moderazione. Tra le minacce del Papa e lodio mal simulato dagli Spagnoli, priva di sincere e potenti amicizie, alla repubblica di Venezia un nuovo ardimento che colpisse ancora lorgoglio del Papa sarebbe stato fatale, perché contro di essa avrebbe potuto suscitarte tutte le energie dei nemici”[143].

Gli stati italiani durante il pontificato di Sisto V

Per i vari Stati italiani autonomi (tranne Milano, Napoli e la Sicilia che erano sotto il dominio spagnolo) mi limito a riportare due contemporanee e preziose relazioni, che due ambasciato veneti accreditati presso il papa inviarono a Venezia: quella di Lorenzo Priuli, letta in Senato il 2 luglio 1586 e quella di Giovanni Gritti, letta in Senato il 15 maggio 1589.

Così scrive il Priuli:

“Con tutti i prìncipi dItalia [Sisto V] procura di star bene, e non manca secondo le occasioni di far loro delle grazie ragionevoli, ma più si trattiene con Fiorenza che con tutti gli altri perchè se gli trova obbligato fin quando era cardinale, lo ha più vicino, e finalmente spera poter ricever da lui più comodi che da alcun altro principe in ogni tempo, e massimamente in tempo de maggiori bisogni di denaro e di grani; oltra che questo principe, secondo il suo ordinario, va sempre proponendo cose che possano essere di qualche gusto del Pontefice, come ha fatto ultimamente dellimpresa dAlgeri per liberar quei mari vicini a Roma dalla continua infestazione delle galeote barbaresche; con i quali mezzi si va conservando in grazia e in riputazione appresso Sua Santità.

A Ferrara non manca di fare delle grazie particolari, e non gli dà molestia, come hanno fatto altri pontefici in diverse materie. È vero che non gli diede satisfazione avendo facilmente abbandonato il negozio della libera navigazione del Golfo con Vostra Serenità, che il suo ambasciatore aveva proposto, perché dopo la prima risposta chio gli feci non mi fu replicato mai cosa alcuna. È vero ancora che poco confidano i Ferraresi di poter ottenere in tempo di Sisto lo stabilimento della successione del figlio di Don Alfonso a quel ducato; ma se non otterranno questo, sperano almeno di ottenere il cardinalato per il secondo figliuolo di detto Don Alfonso.

Con gli altri principi sono passati uffizi amorevoli e grazie particolari, avendo promesso a Mantova di fare nella prima promozione cardinale a sua istanza il sig. Scipione Gonzaga, grazia di non poca considerazione per esservi un altro cardinale dellistessa famiglia; e a favore del duca di Parma ha procurato e procura di acquetar lImperatore per la cosa di Borgo Val di Taro, avendo anche fatto molte carezze al principe Rannuccio che ultimamente fu a Roma”[144].

Scrive il Gritti:

“Col Granduca di Toscana si deve stimare che mantenga buona e fedele amicizia, poichè quel principe, mentre fu cardinale, fu principal causa che Sua Santità ascendesse a quel grado; perchè mostrandosi gli Spagnuoli diffidenti di Sua Al tezza, sdegnatasi per questo ed accordatasi con Este, fecero pontefice la Beatitudine Sua. Oltre di ciò ha esso duca donato a Sua Santità diversi corpi di galee e apprestamenti necessari per fornirle, le ha concesso liberamente molti banditi, e tut tavia continua in darle ogni sorte di possibile soddisfazione.

Ama il Duca di Ferrara vivamente, sì per essere esso feudatario della Chiesa, come per il segnalato favore del cardinal suo fratello che ebbe così gran parte nel suo pontificato. E se bene quel duca nella differenza tra lui e i Bolognesi non sia restato molto soddisfatto di Sua Beatitudine, tuttavia col mostrarsi obbediente vassallo si va insinuando nella grazia sua, che gli può essere di molta stima e riputazione.

Sintende assai bene col Duca di Mantova, avendo Sua Beatitudine nel ducato di Monferrato comprato il marchesato dIncisa per 40,000 scudi, e di esso investito Don Michele suo nipote tanto da essa amato.

Mostra Sua Beatitudine esserle molto grato il Duca dUrbino, procedendo questa sua inclinazione verso quel principe perché questi rarissime volte la molesta con addimandarle grazie, e quando pur vi è sforzato, lo fa solamente in cose giustissime.

Il Duca di Parma per il proprio valore ed onorate sue azioni vien molto commendato ed amato da Sua Beatitudine, e quando fu imputato dagli Spagnuoli perché non soccorresse il duca di Medina Sidonia, fu caldamente scusato da Sua Santità; la quale con tutto ciò non si può credere che non resti in qualche parte disgustata, non avendo quel principe voluto acconsentire che il principe suo figliuolo prendesse per moglie una delle nipoti di Sua Santità, con grandissimo suo dispiacere.

Si mantiene Sua Beatitudine assai bene con i Genovesi i quali per acchetare le loro sedizioni ricorrono a lei, e in lei rimettono ogni loro differenza; oltreché questa nazione, sopra ogni altra ambiziosa di gradi ecclesiastici, procura per ogni via di mantenersi in buona grazia di Sua Santità, e per questo non han rispetto a comprare in Roma tanti uffici e monti, che in poco tempo avranno in essa maggior capi tale ed interesse che non hanno in Spagna” [145].


[1]AAV, Archivio Concistoriale, Acta concist. camer. XI, 118.

[2]Chiaramente gli amici del re Enrico non erano d’accordo con la scomunica. Leggiamo infatti il disappunto che il duca di Nivers espresse in una lettera inviata ad un suo amico: “Sono state intercette alcune lettere in questa città del Duca di Nivers che scrivea ad un suo a Roma, al quale diceva che Sua Santità non haveva ben fatto a dichiarare la scomunica contra Sua Maestà, allegandoli che sicome al tempo d’Imperatori Romani Nerone con proprij occhi d’una torre si godeva di veder abbrugiar la Città di Roma, che così Sua Santità vedrà distruggere et ruinare il bel Regno di Francia” (c. 413r/89).

[3]Un parroco di Parigi, Jean Boucher aveva predicato dal pulpito che era lecito uccidere il re, giudicato nemico del bene comune e della religione. PASTOR, 232.

[4]Altra descrizione della morte del re Enrico la si legge in una “Relatione et raguaglio della morte et homicidio successo nella persona di Henrico Re di Francia il primo giorno d’Agosto”, contenuta in BAV, Urbinate Latino 868 (“Movimenti del Regno di Francia dal MDLXXXV in sino al MDXCVI”, vol I, cc. 443r-445r: “Il primo giorno del mese d’Agosto, un Religioso dell’ordine di San Domenico, di sua natura assai semplice, verso la sera s’incaminò a San Cloux, dove il Re Henrico stava, havendo salvo condotto dal Conte di Brinte, il quale hora è prigione, et gionto che fu dette ad intendere alle guardie come era venuto per parlare al Re, del che avvisato il Re commandò a un suo detto la Guelle, il qual soleva essere suo consigliero generale nel parlamento di Parigi, di sentire da detto Religioso quello voleva e per il dì seguente riferirli, et insieme gli ordinò che lo trattasse et alloggiasse seco, come fu fatto; et ragionando insieme dava assai speranza di far qualche servizio al Re. Il dì seguente detto Guelle con il Religioso da lui condotto nella camera del Re, et perché il Re era accompagnato in detta camera, dove ragionando si tratteneva, detto Religioso supplicò d’essere udito in secreto, all’hora il Re lo condusse nel gabinetto, cioè nel camerino, dove lesse parecchi memoriali et lettere porteli da detto Frate. Finito di leggere il Re domandò se vi era altro, il Religioso rispose haverne ancora uno, et fingendo di cavarlo della manica, in luogo de una lettera cacciò un piccolo coltello largo però di due dita in circa, col quale subito dette una botta al Re sotto l’omblico, dove restò il cortello, et cavandolo il Re da se stesso per dare al Religioso, fece più grande la piaga. Con questo et il gridare che fece il Re entrorono alcuni in detto Gabinetto, tra quali vi era uno nominato La Bastide, uno delli 40 et di quelli che aiutorono ad assassinare il Duca di Ghisa, con una storta dette al Religioso, et all’hora uno della guardia con una stoccata passò detto Frate, il quale sentendosi così gravemente ferito laudò Dio della sua morte così subbito, dicendo che non sperava scapparla così leggiera, et così morto fu da quattro cavalli strascinato, squartato et abbruggiato. Il Re sentendosi così ferito, non credendo di tal colpo dover morire, spasseggiando per la camera si mostrava a i suoi servidori et guerrieri affacciandosi alla finestra per più animarli, dicendoli che la ferita non era mortale, et che presto cavalcherebbe con loro. Nondimeno circa le quattro hore della sera sentì qualche dolore nella piaga, a poco a poco crescendo, per il che visitato da Medici et chirugici trovorono detta piaga molto pericolosa, et fattoli un servitiale trovorono il bodello forato, et la piaga diventata negra et cresero esservi il fuoco et il cancro. Il Re avvisato di tal pericolo, sentendosi forte et gagliardo non lo credeva, pure a poco a poco mancando fu mandato un Cappuccino per consolarlo, il quale arrivato trovò che’l Re non parlava più, a tal che passate due hore doppo meza notte del dì seguente del detto mese morì. Il suo corpo è stato trasportato a Santi, dove si trova insepolto, et fattoli le cerimonie ordinarie. Quanto alla particolarità che disse prima che morisse, si dice sicuramente haver pregato il Re di Navarra a vendicarsi de Parigini, il quale havea conspirato nella sua morte, benché sia vero che detto Frate da se stesso s’incaminò ad esseguire quanto si è detto, intendendo così far servitio alla Christianità, et massime alla Francia, se bene era certo di morire. Si dice che detto Religioso predicando alcune volte presso Parigi disse assai chiaro di voler far morire il Re di sua propria mano, havendo ciò havuto in visione, et che per questo saria strascinato a coda di cavalli, et senza alcun dolore. Et così è stata la morte del Re, per quanto si è potuto intendere.

[5] Già nel 1584, alla morte del duca di Alençon, la lega cattolica aveva designato il cardinal Borbone come erede al trono di Francia, escludendo dalla successione tutti i protestanti. Enrico III lo fece arrestare, ma, dopo la sua uccisione, la lega lo proclamò re di Francia con il nome di Carlo X, mentre rimaneva imprigionato a Fontenay-le-Comte. Ma la sua morte, avvenuta il 9 maggio 1590, svanì del tutto questo sogno accarezzato dai cattolici di Francia. E. SAULNIER, Le rôle politique du cardinal de Bourbon (Charles X), 1523-1590. Bibliothèque de l’École des Hautes Études, 93° fasc., Paris 1912).

[6]A. POIRSON, Histoire du règne de Henri IV, 3ª ediz., Parigi 1865-6; J. GUADET, Henri IV. Sa vie, son ouvre et ses écrits, 2ª ed., Parigi 1882; P. DE VAISSIèRE, Henri IV, Parigi 1925; di H. DE LA FERRIèRE, Henri IV, le roi, l’amoureux, Parigi 1890; H. DE L’EPINOIS, La ligue et les papes, Parigi 1886; J. GARRISSON, Enrico IV e la nascita della Francia moderna. Milano, Mursia, 1987; C. VIVANTI, Le guerre di religione nel Cinquecento. Laterza Roma-Bari 2007.

[7]“Al diritto di Navarra che a lui veniva dalla disposizione della legge Salica ne la successione, si opponeva la legge fondamentale della nazione, riconfermata di nuovo solennemente a Blois nel 1576 con il consenso di Enrico III, per cui la Francia doveva esser governata solo da un re cattolico. Non curante di questo, Enrico si era impadronito della corona, quantunque fosse ugonotto”. PASTOR, 239.

[8]AAV, “Instruttione per il Card. Gaetani legato in Francia”:Varia polit. XC, p. 99, in PASTOR, 245.

[9]Sulla legazione del card. Enrico Caetani: A. de L’Epinois, La légation du cardinal Caetani, in Revue des questions historiques, XXX (1870), 2, pp. 215 ss.; 3, pp. 305 ss.; C. Manfroni, La legazione del cardinale Caetani in Francia, in Riv. stor. ital., X (1893), pp. 190-270; Pastor, X, indici; XI, indici; M. de Boüard, Sixte-Quint, Henri IV et la ligue, in Revue des questions historiques, CXVI (1932), pp. 59 ss.; G. DE CARO, Caetani Enrico, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 16 (1973).

[10]L’intera lunga relazione la si può leggere in PASTOR, 620.

[11] Nei primi mesi del 1590 la situazione della lega diventava sempre più precaria e Navarra avanzava pian piano sia nella conquista del territorio che nel consenso della nobiltà. È interessante quanto si legge in un Avviso del febbraio 1590: “Gli Parigini stavano duri, se ben in cattivissimo stato... e si trovava ogni dì di maggior necessità di vivere e Navarra a 30 miglia a torno a Parigi faceva dar per tutto il guasto, conducendo via vettovaglie, et altre proviggioni per impedir che quella Città non venghi soccorsa dalla lega... et molti nobili s’erano dichiarati per il Re di Navarra, et parimente molti altri nella Normandia... Di Parigi avisano, che li Predicatori si affaticavano mantener quel Popolo a favor della lega... Ne i contorni di Parigi non v’era cosa alcuna da viver, per il che gli soldati non potevano starvi, et dentro hanno pane et vino per tre mesi, ma d’ogni altra cosa pochissimo” (c. 66r e 67r/90). Ancora più chiaro ed esplicito un Avviso dei primi di marzo del 1590: “A Parigi ogn’uno gridava pace, né altri che Iddio benedetto la può dare. Chi si lamenta di qua, chi di là, chi la vuole arrosto, chi a lesso, in fine ogn’uno sta stordito con gran miseria et necessità, ogni dì incarisce la robba, et danari non ve ne sono” (c. 94v/90). E non si stava meglio a Lione, pur in mano alla lega: “Li negotij della Francia vanno ogni dì di mal in peggio, senza speranza d’alcun meglioramento” (c. 113v/90).).

[12]Bisogna onestamente riconoscere la forza d’animo dei cattolici francesi nella determinazione di non svendere facilmente la loro fede e di non volere che il regno di Francia cadesse nelle mani di colui che, secondo loro, avrebbe minato il cattolicesimo di Francia a favore del protestantesimo. È commovente leggere la tenace difesa che i parigini fecero della loro città nel maggio del 1590, quando il Navarra era ormai alle porte di Parigi e aveva occupato tutti i sobborghi sulla sinistra della Senna bruciando case, saccheggiando chiese e uccidendo molte persone: “Sabbato si vidde quasi tutto l’esercito del nemico tra la porta di San Martino, et du Temple, sì l’infanteria come la cavalleria, et un’hora doppo mezzo giorno assoltorno il Faborgo della porta di San Martino, dicendo che si arrendessero et aprissero le porte al loro Re. Alla prima voce sparsa che Navarra haveva assalita la Città, il popolo si vidde tutto insieme in pochissimo spatio di tempo, et baricate tutte le strade furono messi i corpi di guardie per ogni strada, bagnate le medesime strade per poter lavar li piedi per servitio delle donne, poste le botti piene d’acqua presso ciascuna casa et un picone, et levate tutte le ribalte che stanno sopra le botteghe, acciò che non fusse d’impedimento nel gittar a basso le pietre. Su i baluardi et mura della Città era così numeroso il popolo armato che il Duca di Nemours fu necessitato di pregar molti che andassero a guardar i proprij quartieri et di prohibir che non se ne lassasse venir più. I frati et preti erano coll’armi paratissimi a difesa delle loro Chiese et Monasteri, et molti anco andorono alla difesa de muri... Il veder alle mura al basso del baluardo di S. Martino quattordici Cappuccini et molti Gesuiti, che sopra le vesti dell’ordine havevano petti a botta, in mano alabarde o stocchi o archibugi con crocifissi nella man stanca o al collo, dava grandissimo animo ai nostri, massime che essi aiutavano questa lor attione con parole hortative alla difesa del nome di Dio dette con zelo grandissimo” (cc. 285v-286r/90); “I Parigini havevano preso grandissimo ardire nella repulsa del nemico, essendosi visto nell’accostarsi di Navarra fino alle donne et putti correre per la benedittione dal Legato per morire arditamente. Che notabil numero de Religiosi comparsero armati alle mura con l’Arcivescovo di Lione per Capo, che si faceva portare la croce et spada ignuda avanti” (c. 298v/90).

[13]Il cardinale era in prigione dal 1589 per volontà del re Enrico III, durante la ribellione di Parigi. Inutilmente Sisto V aveva protestato e inutilmente si cercò di farlo evadere. Anche dopo l’uccisione del re Enrico, il Navarra volle assicurarsi la persona dello zio, facendolo condurre prima nel castello di Maillezais, poi in quello Fontenay-le-Comte, ambedue lontani da Parigi, nella regione della Vandea, mentre il cardinale il 21 novembre 1589 veniva proclamato re di Francia dal Parlamento di Parigi col nome di Carlo X, e rinnovando la proclamazione il 5 marzo 1590. Furono perfino coniate monete con la sua effigie e papa Sisto V gli indirizzò un breve con il titolo di “re cristianissimo”. Ma il suo doveva essere un regno effimero. Per il breve con il titolo di “cristianissimo”: AAV, Brevia Sixti V, Arm. 44, t. 29, 278v, in PASTOR, 243).

[14]Duro ed arrogante era il peso del partito spagnolo nella corte papale, guidato dall’ambasciatore di Filippo II, l’Olivares, e sostenuto dai cardinali spagnoli Deza, e Mendoza e da diversi cardinali italiani filospagnoli. L’intrusione di questo partito nelle faccende di Francia era all’ordine del giorno, né mancarono le minacce dirette di un possibile intervento militare contro Roma. “Sisto V dovette sentirsi dire che le truppe raccolte a Milano e a Napoli erano sì destinate in primo luogo per sostenere la lega, ma che con la stessa facilità esse potevano venir rivolte contro Roma”. PASTOR, 251.

[15]PASTOR, 255.

[16]RANKE, 544.

[17]PASTOR, 276; HÜBNER, II, 387.

[18]Sul rapporto fra papa Sisto, la regina Elisabetta e la Spagna: H. KENDRA BAKER, Elizabeth and Sixtus. A Seventeenth Century Sidelight on the Spanish Armada. London 1938; E. RUSSO DE CARO, Sisto V e le regine Elisabetta e Maria Stuart. In “L’Urbe” n. 3/4 maggio-agosto 1987. Roma 1987, pp. 31-39.

[19] E. ALBERI, “Le relazioni degli Ambasciatori Veneti al Senato durante il secolo decimosesto”, vol. X (serie II, tomo IV). Firenze 1857, pp. 332-348. Un altro giudizio di papa Sisto su Elisabetta da parte dello stesso Gritti lo si legge in PASTOR, 301: “Certo che questa è una gran Regina; vorressimo solamente che essa fusse cattolica, perché saria la nostra dilettissima; vedete come si governa bene; è donna et non è padrona se non di meza Isola et si fa temer di Spagna, da Franza et dall’Imperator et da tutti”.

[20]S. ZWEIG, Maria Stuarda. Arnoldo Mondadori 1936 (II edizione); E. Russo DE CARO, Sisto V tra due regine: Elisabetta I e Maria Stuarda. Atti del convegno Il Papa ‘Nsisto 2010. Sulle orme di Papa Sisto V. S. Agata Dei Goti, 22 maggio 2010. S. Agata dei Goti 2011, pp. 17-21.

[21]Sul “complotto Babington”: S. ALFORD, The Watchers: A Secret History of the Reign of Elisabeth I. New York, Bloomsbury Press; E. SALA, Elisabetta la «sanguinaria» La creazione di un mito. La persecuzione di un popolo. Edizioni Ares 2010; Anthony Babington, su Encyclopædia Britannica (dove viene classificato come English conspirator, a leader of the unsuccessful “Babington Plot” to assassinate Queen Elizabeth I and install Elizabeth’s prisoner, the Roman Catholic Mary Stuart, Queen of Scots, on the English throne”); Anthony Babington, Dictionary of National Biography (1895); P. REBORA, Babington Anthony, Enciclopedia Italiana (1930).

[22]Occorre dire che il clero inglese in quel momento era perseguitato e senza vescovi: “I sacerdoti in Inghilterra non avevano alcun vescovo od altro superiore al disopra di sé, ma potevano procedere secondo il loro beneplacito” PASTOR, 285. Dopo lo scisma della chiesa anglicana molti preti cattolici inglesi vennero formati a Roma nel Collegio Inglese (English College), che fu fondato da William Allen. Costui, dopo gli studi ad Oxford aveva dovuto lasciare l’Inghilterra protestante per compiere i suoi studi a Lovanio ed essere ordinato prete a Malines nel 1565. Dopo aver fondato un seminario per i chierici nelle Fiandre, nel 1576 riuscì ad aprire il collegio inglese anche a Roma, che avrà la bolla di fondazione da papa Gregorio XIII nel 1579. Allen sarà creato cardinale da papa Sisto V nel 1587 e morì a Roma nel 1594. La creazione a Roma Collegio Inglese fu provvidenziale per la formazione di tanti preti inglesi durante il regno di Elisabetta e dopo. Al termine della loro formazione tornavano in Inghilterra, spesso sotto falsi nomi e false professioni e con grande pericolo della loro vita. Tra il 1581 e il 1679, ben 44 allievi del collegio furono uccisi in Inghilterra per motivi religiosi; di questi, 41 sono considerati santi dalla Chiesa cattolica. Interessanti le pagine che il Ranke dedica alla figura di Allen e ai suoi collegi: RANKE, 448-451; vedi anche PASTOR, agli Indici.

[23]A.A.V. Arm. I-XVIII 4082A, Lettera di Maria Stuarda a papa Sisto V. 23 novembre 1586. E. RUSSO DE CARO, Lettera di Maria Stuarda a Sisto V. In “Frate Francesco”, Rivista di cultura francescana, anno LII, n. 2, aprile- giugno 1985, pp. 127-131; Lux in arcana. L’Archivio Segreto Vaticano si rivela. Palombi editore, Roma 2012, pp. 102-103.

[24] Questo indugio di Elisabetta fu a seguito di una ambasciata inviata a Londra dal re francese Enrico III, su preciso incarico di Sisto V. Enrico inviò il suo ministro Pomponio Bellieur (morto nel 1607) che con una commovente orazione espose ad Elisabetta i motivi per cui non doveva uccidere Maria, tra cui il cattivo esempio che avrebbe dato a tutti i prìncipi che in dal modo perdevano quel diritto divino di non avere nessun superiore in terra se non Dio e il ricordare ad Elisabetta che Maria si era rivolta a lei per ricevere aiuto ed invece aveva trovato il tradimento e la prigionia. Il Bellieur riuscì a commuovere Elisabetta e sospese momentaneamente l’esecuzione (E. RUSSO, Lettera di Maria Stuarda a Sisto V, in, Frate Francesco, rivista di cultura francescana, anno LII, n. 2 (aprile-giugno 1985), p. 129).

[25]In qualche avviso si legge che Elisabetta non voleva uccidere Maria ma solo incarcerarla a vita e che la condanna a morte fu emessa e firmata (“segnata”) da un suo segretario (forse Francis Walsingham) e che per tale atto tale segretario era stato imprigionato: “Era stato publicato per un editto che la Regina di Scotia era condennata meritamente a morte, ma la Inglese non voleva permettere la essecutione della sentenza, ma tenerla in prigione Regia” (c. 39r/87); “Dicendo essergli dispiacciuto che’l suo segretario havesse data sentenza senza sua saputa, la quale haveva segnata, et che questo l’haveva fatto mettere pregione, ma gli Stati si dovevano riunire il dì seguente per dimostrargli che meritava più tosto ricompensa che punitione, et lo dovevano allargare” (c. 132r/87).

[26]“Fra i principi di Europa non si era mossa seriamente alcuna mano per salvare Maria dalla morte ignominiosa, nessuna mano si mosse per vendicare il misfatto. Maria restò abbandonata da suo cognato in Francia, dal re cattolico, dal proprio figlio in Scozia, che nel gravissimo pericolo della madre sua nulla di meglio seppe fare che far pregare pubblicamente nella chiesa per la sua conversione e per la emendazione della sua vita” (PASTOR, 299).

[27]“Quando [il papa] udì la morte di Maria Stuarda, ne pianse. Deplorava più che quella sfortunata principessa, il trionfo del protestantesimo e il perduto sostegno che la regina di Scozia poteva far sperare ai cattolici inglesi; speranze forse fallaci, ma che intanto avevano rianimato in essi il coraggio”: HÜBNER, 286.

[28]Pur essendo cattolico di nascita ed educato dalla fervente cattolica madre Maria, Giacomo, una volta re di Inghilterra, accettò l’anglicanesimo. “La sua nascita da genitori cattolici, fu argomento di grandi speranze fra i cattolici inglesi che avevano subito le persecuzioni di Elisabetta, ma dopo un anno di regno apparve chiaro come Giacomo non intendeva nulla mutare in fatto di religione, e per nulla avvicinarsi al papato. Fu allora che fra alcuni della nobiltà cattolica, si ordì la grande congiura chiamata “complotto delle polveri” (1605), che si può dire l’ultimo e più disperato tentativo di restaurazione cattolica in Inghilterra. L’ideatore del complotto sembra essere stato certo Roberto Catesby, l’esecutore designato Guido Fawkes. Scoperta la congiura e puniti con la pena di morte tutti i congiurati, non escluso il superiore dei gesuiti Enrico Garnet, che della congiura aveva avuto sentore soltanto nel sacramento della confessione, il partito protestante prese un netto sopravvento alla corte (1606)”: E. MOMIGLIANO, Giacomo I re d’Inghilterra, in Enciclopedia Italiana (1932).

[29]Testo in italiano desunto da: Luigi Jaccarino, Vite e ritratti degli uomini celebri di tutti i tempi e di tutte le nazioni. Napoli 1844, pp. 427-434.

[30] Francis Drake (1540-1596) fu il primo inglese a circumnavigare il globo, dal 1577 al 1580. Egli sarà vice ammiraglio in capo della flotta inglese (sotto Lord Howard di Effingham) quando nel 1588 fu vinta l’Armada spagnola che stava cercando di invadere l’Inghilterra. Drake successivamente intraprese una lunga e non sempre vincitrice campagna contro le colonie spagnole delle Antille.

[31]Richard Hawkins (1562-1622), pirata, navigatore ed esploratore inglese, cugino di sir Francis Drake. Nel 1588 comandò una delle navi della regina Elisabetta I (la “Swallow”) contro l’Invincibile Armada e nel 1590 prestò servizio sulla costa del Portogallo. Andò verso Indie Occidentali, per i Caraibi e i mari meridionali per depredare i possessi della corona di Spagna attraverso assalti marittimi.

[32]Martin Frobisher (1535-1594), altro famoso corsaro e saccheggiatore delle ricchezze delle navi spagnole, portoghesi e francesi di quel tempo. Compì tre viaggi alla ricerca del passaggio a Nord-Ovest verso il Canada. In seguito fu nominato cavaliere per il suo servizio nel respingere l’Armata spagnola nel 1588.

[33]“Non vi era altro partito che quello di attaccare il nemico in casa, di muovere una spedizione non contro l’inarrivabile Drake, ma contro il paese d’onde partiva il costui naviglio, contro l’Inghilterra. Tanto esigeva la conservazione del dominio del dominio de’ mari e con esso il mantenimento della Spagna nel grado di grande potenza”: HÜBNER 291.

[34]HÜBNER, 283.

[35]Nel 1519 Carlo d’Asburgo fu eletto imperatore con il nome di Carlo V. Era già re di Spagna dal 1516 e si trovò a governare anche sulle terre familiari degli Asburgo in Austria, in Boemia, sulla Fiandra, nei Paesi Bassi oltre che sui territori annessi di Napoli, Sicilia e Sardegna. Possedeva anche le colonie spagnole e avanzava pretese dinastiche sulla Borgogna, che era stata sottratta dai Francesi agli Asburgo.

[36]Rodolfo II d’Asburgo (Vienna 1552-Praga 1612) fu imperatore del Sacro Romano Impero dal 1576 al 1612, figlio di Massimiliano II (1527-1576). Uno dei gesti più significativi del regno di Rodolfo II fu quello di trasferire la corte da Vienna a Praga nel 1583. La sua passione per l’arte e le sue scelte politiche furono sistematicamente smantellate dai drastici mutamenti socio-culturali del suo tempo. In ambito religioso promosse la riforma cattolica all’interno dei domini asburgici. Nel 1605 Rodolfo fu costretto dai fratelli, l’arciduca Massimiliano e l’arciduca Mattia, a cedere a Mattia il controllo degli affari ungheresi e la corona di Boemia. Rodolfo morì nel 1612, nove mesi dopo essere stato privato di qualsiasi potere effettivo in favore di Mattia, ad eccezione del titolo imperiale, che Mattia ereditò cinque mesi dopo. Sisto V non ebbe mai grande stima dell’imperatore Rodolfo, tanto da dire: “Rodolfo non ha spalle robuste per portare il peso dei disegni che noi meditiamo... L’imperatore è un povero principe senza valore alcuno e freddissimo cattolico” (HÜBNER, 347 e 353.)

[37]ONORIO cit. in “Relatione della Corte et Stato dell’Imperatore”, p. 44: “Quanto alli paesi suoi, essendo essi posti nella Germania, per dare maggiore lume, cominciaremo con la descrittione della Germania. La quale ha per confini da Oriente Prussia, Polonia, Ungheria, Schiavonia, Croatia. Dal mezzogiorno il paese de’ Venetiani, li Grigioni et parte de’ Svizzeri. Da Ponente li paesi di Francia, et da Tramuntano l’Occeano et parte del regno di Dania… che tutta circondarebbe 2600 miglia”.

[38]ONORIO cit.: “Instruttione a N. quando andò Nuntio alla Corte Cesarea”, p. 469.

[39]Copie di tale opera di Anonimo si trovano tra l’altro nell’Archivio Storico Capitolino, nell’Archivio di Stato di Ancona (A. FERRETTI n. XXIV). Due copie si trovano presso la biblioteca del Polo Museale di Arte sacra e delle Icone di Castignano (Ascoli P.): n. 5663 B4-6 e n. 6116, D4-4. http://www.polomusealecastignano.it/index.php/polo-museale/biblioteca/i-volumi. V. CATANI, Sisto V tra verità e leggenda attraverso l’analisi degli scrittori, in: Atti del convegno Il Papa ‘Nsisto 2013. Sulle orme di Papa Sisto V. S. Agata Dei Goti, 24 maggio 2013. Brignoli Edizioni 2014, pp. 11-70. Le citazioni che faremo dell’Anonimo rimandano al testo di Ancona.

[40]Germanico Malaspina era da tempo nel mondo diplomatico e nel 1580 fu il primo nunzio in Austria (Stiria, Carinzia, Carniola, Gorizia e parte della Croazia). Nel 1583 fu nominato vescovo di San Severo e nell’ottobre 1584 fu inviato nunzio alla corte imperiale di Praga. Sisto V lo richiamò a Roma nel giugno del 1586. Trascorse gli anni successivi in Italia, dedicandosi all’amministrazione della sua diocesi. Sotto Gregorio XIV il Malaspina riprese la carriera diplomatica e fu nominato prima nunzio a Napoli, poi nel 1591 in Polonia, ove rimase fino al 1599. Il Malaspina morì all’inizio del dicembre 1603 a San Severo, dopo essere stato di nuovo nunzio a Napoli e in Polonia. HC III, 168; MORONI, LIX, 133; BIAUDET, 151-152; PASTOR, vol. IX, X e XI, agli indici; A. Koller, Malaspina Germanico, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 67 (2006).

[41]ANONIMO, p. 96 e 101a.

[42]ONORIO cit. in “Le discordie della Germania sono di tre sorti”, p. 47: “La prima è tra li Principi et le Città libere, perché il fine di quelli è di dominare, et il fine di queste di non esser dominate. La seconda è tra i Principi e la casa d’Austria per l’invidia portata alla felicità et grandezza di questa, havendo essa posseduto l’imperio più lungo tempo dell’altre: perché li discendenti di Carlo Magno lo tennero 118 anni. La casa di Sassonia 177, La Francia 102, La Svevia 110. Et questa ha regnato hormai 180. La terza causa è tra li Cattolici et Protestanti. Da questa parte sono tutte le città franche et tutti i Principi secolari, et da quella quattro Principi, che sono l’Imperatore, il Duca di Baviera, il Duca di Bransuich et il Duca di Cleves, con tutti gli Ecclesiastici”.

[43]Giovanni Casimiro di Wittelsbach-Simmern (1543-1592), conte palatino del Reno, elettore palatino. Fu un convinto calvinista e tentò d’introdurre il calvinismo anche nella luterana Sassonia. Nel 1576 guidò 11.000 soldati tedeschi che parteciparono all’assedio di Parigi al fianco degli Ugonotti di Luigi di Condé. Durante il periodo della sua reggenza dell’elettorato del Palatinato, dal 1583 al 1592, in attesa della maggiore età del nipote Federico, tutto il Palatinato divenne la principale regione calvinista d’Europa.

[44]ANONIMO, p. 98.

[45]I Piccardi o Adamiti, fondati da Martin Huska, erano una corrente degli Ussiti, seguaci del riformatore Jan Hus, condannato al rogo durante il concilio di Costanza (6 luglio 1415). Negli anni successivi Hus venne venerato come un martire della Riforma in Boemia. Il credo ussita si fondava su alcuni punti cardine: libertà per i preti di predicare le sacre scritture in lingua locale, comunione eucaristica sotto ambedue le specie, espropriazione dei beni ecclesiastici e povertà del clero, pene severe per i peccati mortali commessi da membri del clero.

[46]Esztergom è oggi una città dell’Ungheria settentrionale situata sulla riva destra del Danubio e 50 km circa a nord di Budapest, presso il confine con la Slovacchia. È sede del più antico vescovato cattolico in cui ha risiede il primate d’Ungheria. La sua diocesi comprende la capitale Budapest ed oggi si chiama arcidiocesi di Strigonio-Budapest.

[47]ANONIMO, p. 101.

[48]Il “cappello e lo stocco” è una delle più prestigiose onorificenze che il papa donava ai personaggi importanti della politica, delle scienze e dell’arte. Il primo era un pomposo copricapo a forma di berretta in prezioso velluto color cremisi con un trapunto in seta raffigurante una colomba bianca, simbolo dello Spirito Santo. Il secondo era una spada (che per la sua forma si chiamava “stocco”, da cui la parola “stoccata”.

[49]Sisto V, dopo aver nominato cardinale il 13 maggio 1585 suo nipote Alessandro dopo pochi giorni la sua elezione, creò altri otto cardinali il 18 dicembre dello stesso anno. Il secondo della lista era Gyorgy Draskovich, detto l’ungherese, arcivescovo di Kalocza-Bacs, una delle sedi metropolitane dell’Ungheria. Era un benemerito del concilio di Trento, stimato e proposto dall’imperatore Rodolfo II. Morì il 21 gennaio 1587. HC III, 50, 172.

[50]Minuccio Minucci, romano, (1551-1604) dopo la laurea in diritto a Padova, nel 1573 divenne segretario delle delegazioni apostoliche a Innsbruck, Salisburgo e Monaco di Baviera. Tra il 1585 e il 1592 stilò vari memoriali sulla situazione dell’impero. Il 9 marzo 1587 fu ordinato sacerdote a Praga. Nel 1591 Gregorio XIV lo nominò segretario della Congregazione Germanica. Il 30 ottobre dello stesso anno Innocenzo IX lo chiamò a gestire la segreteria di Stato, affidandogli la competenza per le questioni germaniche. Il 7 febbraio 1596 fu eletto arcivescovo di Zara, ove si adoperò moltissimo per la riforma tridentina. HC. III, 215; A. Theiner, Annales ecclesiastici, III, Romae 1856, pp. 498ss.; S. Gliubich, Dizionario biografico degli uomini illustri della Dalmazia, Vienna 1856, 213-240; F. Altan, Memorie intorno alla vita di mons. Minuccio Minucci, arcivescovo di Zara, Venezia 1757.

[51]Matricula in qua discripti sunt archiepiscopatus et episcopatus Germaniae. Biblioteca Apostolica Vaticana (BAV). Urb. 839, 177-294.

[52]PASTOR, X, 366. La lunga relazione del Minucci si estende fino a p. 372. I duchi di Baviera, Guglielmo ed Ernesto, in una lettera a Clemente VIII del 7 sett. 1594, definiscono il Minucci un “tedesco” a tutti gli effetti. Già nel 1587 negli avvisi si parlava di lui come uomo di fiducia dei duchi di Baviera a Roma: “Qui è venuto Monsignor Minutio mandato dal Duca di Baviera per varij suoi negotij in questa Corte” (c. 524v/87).

[53]Conosciuto anche come Ludovico VI, fu conte palatino dal 1576 al 1583, lasciando il figlio minorenne Federico IV, la cui reggenza fu esercitata dallo zio Giovanni Casimiro di Wittelsbach-Simmern. Ludovico era un fervente calvinista: sotto di lui il Palatinato divenne uno dei maggiori centri del calvinismo in Europa, aiutando anche le rivolte calviniste nei Paesi Bassi ed in Francia.

[54]Si tratta di Guglielmo IV, langravio, cioè conte, di Assia-Kassel (in tedesco Hessen-Kassel), che resse questo principato del Sacro Romano Impero dal 1567 al 1592. I suoi discendenti optarono per il protestantesimo.

[55]Enrico Rantzau di Holstein (1526-1598), grande studioso e mecenate.

[56]Filippo Sega (Bologna 1537 - Roma 1596) iniziò la sua carriera come governatore di diverse città marchigiane e romagnole (Recanati, Cesena, Forlì, Imola, Ravenna, la Marca). 1l 20 maggio 1575, a 37 anni, fu eletto vescovo di Ripatransone (secondo vescovo di quella nuova diocesi nata nel 1571). Nel 1577 fu richiesto nel servizio delle nunziature ed inviato come suo nunzio straordinario presso l’arciduca Giovanni d’Austria. Il 3 ottobre 1578 fu nominato vescovo di Piacenza. Nel gennaio 1586 fu inviato da Sisto V come nunzio alla corte imperiale di Rodolfo II, in sostituzione del Malaspina. Nel 1589 fu inviato in Francia come legato a latere del nunzio Caetani. Fatto cardinale da Innocenzo IX il 18 dicembre 1591, Clemente VIII il 15 aprile 1592 lo nominò nunzio effettivo in Francia, ove rimase fino al giugno 1594. Morì a Roma il 29 maggio 1596. HC III, 55, 285; A. ATTI, I primi XXI Vescovi della Chiesa ripana. Cenni storici. Ripatransone 1856, pp. 34-41; MOLINARI, Il card. Filippo Sega, vescovo di Piacenza e San Carlo Borromeo (1574-1584). Milano, Centro ambrosiano di documentazione e studi religiosi 1976; A.C. TIZON-GERME, Legats et Nonces en France (1589-1594), in Archivium Historiae Pontificiae. n. 30, Roma 1992, pp. 161-230; Nuntiaturberichte aus Deutschland. Die Nuntiatur am Kaiserhofe, I, Germanico Malaspina und Filippo Sega 1584-1587, a cura di R. Reichenberger, Graz 1905; V. CATANI, La Chiesa Truentina. Storia della diocesi di S. Benedetto del Tronto - Ripatransone - Montalto. F. La nascita della diocesi di Ripatransone e i suoi primi 6 vescovi (secolo XVI). Teramo 2018, pp 129-162.

[57]Antonio Puteo, nato nel 1534, a 28 anni e con dispensa per la giovane età fu nominato arcivescovo di Bari il 16 dicembre 1562. Resse la diocesi fino alla morte. Partecipò al concilio di Trento, applicandolo nella sua diocesi: fece diverse visite pastorali, nel 1567 un sinodo provinciale, scrisse ben 35 lettere pastorali, istituì confraternite, chiamò in città i Gesuiti. Nel 1587 Sisto V lo fece nunzio presso l’imperatore Rodolfo, ove rimase per due anni fino alla fine del 1589. Morì durante un suo viaggio a Roma il 14 luglio 1592. HC III, 129; F. LOMBARDI, Compendio cronologico delle vite degli Arcivescovi baresi. II. Napoli 1697, 85-93; G. PINTO, Il governo episcopale di Antonio Puteo nella Chiesa di Bari: 1562-1592, Bari 1995; D. Squicciarini, Nunzi apostolici a Vienna, LEV, Città del Vaticano 1998; T. Mrkonjić, Archivio della nunziatura apostolica in Vienna. Cancelleria e segreteria, nn. 1-904, Città del Vaticano 2008.

[58]ANONIMO, p. 290.

[59]PASTOR 357.

[60]ANONIMO, p. 291.

[61]Alfonso Visconti nacque a Milano nel 1552. Nel 1557 fu ordinato prete fra gli Oratoriani di S. Filippo Neri. Referendario sotto Gregorio XIII, vescovo di Cervia (1591), governatore di Ascoli, nunzio presso l’impero (1589-91). Dopo un periodo di permanenza in Italia quale governatore di Romagna, tornò all’estero, in Spagna, Transilvania, Valacchia e Polonia. Nel 1599 fu nominato cardinale da papa Clemente VIII. Dal 1601 occupò poi la sede vescovile di Spoleto fino alla sua morte, avvenuta a Macerata il 19 settembre 1608, mentre era legato della Marca d’Ancona e governatore di Ascoli. Cf. HC, III, 164; IV, 6, 321; CARDELLA, Cardella VI, 50-52; BIAUDET 151; WEBER, 288; D. SQUICCIARINI. Nunzi apostolici a Vienna. Città del Vaticano 1998, 87-88.

[62]Giovanni Andrea Caligari (Brisighella 1527 - Bertinoro 1613) entrò nella diplomazia pontificia nel 1574, quando Gregorio XIII lo inviò commissario apostolico e collettore di Portogallo. Nel 1577 lo nominò nunzio in Polonia, ove rimase fino al 1581. Durante la sua permanenza alla corte polacca fu nominato vescovo nel 1579 della diocesi romagnola di Bertinoro. Nel 1584 fu nominato alla nunziatura di Graz. Nel 1586 chiese di essere esonerato dalla nunziatura e di tornare nella propria diocesi, anche se continuò a servire nella segreteria di Stato. Nel 1593 si ritirò a Bertinoro, ove morì il 19 gennaio 1613. HC. III, 140; BIAUDET, 142, 152; PASTOR vol. IX, X e XI, agli indici; G. DE CARO, Caligari Giovanni Andrea, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 16 (1973).

[63]Bolla “Coelestis Patris”: Erectio Studii generalis in oppido Graecensi Salisburgensis dioecesis. Die 1 maii 1585, pontif. anno I. Bollario Romano I/85, 563.

[64]Giovanni Francesco Bonomi (Cremona 1536 - Liegi 1587) fu in gioventù in rapporto con Carlo Borromeo e con costui nel 1570 partecipò a una visita pastorale eseguita in quella parte della Svizzera che rientrava nell’arcidiocesi di Milano. Nel 1572 fu consacrato vescovo di Vercelli dal Borromeo e il 2 maggio 1579 fu scelto come primo nunzio in Svizzera per le diocesi di Costanza, Coira, Losanna, Sion e Basilea. La sua opera non fu facile e dovette superare tantissimi ostacoli. Il 16 settembre 1581 Gregorio XIII lo designò come nunzio presso la corte imperiale di Rodolfo II, a Vienna, visitò l’Ungheria e prese parte alla dieta di Augusta. Nel dicembre del 1582 il papa lo inviò a Colonia per aprire il processo contro l’arcivescovo di Colonia Gebhard Truchsess e nel 1585 fu creato primo nunzio di Colonia. Morì a Liegi il 27 febbraio 1587. HC III, 330; A. Corbellini, Vite de’ vescovi di Vercelli, Milano 1643, pp. 110-112; G. Colombo, Notizie e documenti inediti sulla vita di Giovanni Francesco Bonomi vescovo di Vercelli, in Misc. di storia italiana, XVIII, Torino 1879, pp. 522-623; BIAUDET 153; PASTOR, vol. IX e X, agli indici; G. RILL, Bonomi Giovanni Francesco, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 12 (1971).

[65]Gebhard Truchsess von Waldburg (1547 - 1601) era un cadetto di famiglia nobile destinato alla carriera ecclesiastica. Dopo i suoi studi umanistici e teologici in diverse università (tra cui Dillingen, Ingolstadt, Perugia e Lovanio) era diventato diacono a Strasburgo e prevosto a Augusta. Il 5 dicembre 1577 fu nominato arcivescovo di Colonia ed elettore. Morì a Strasburgo il 31 maggio 1601. HC III, 172: PASTOR IX, 656-667 e X, 329 ss.; K. SCHOTTENLOHER, Ernesto arcivescovo e principe elettore di Colonia, in Enciclopedia Italiana (1932).

[66]Ernst von Bayern, 1554-1612). Costui fu destinato fin dall’infanzia alla carriera ecclesiastica, educato dai gesuiti. Nel 1565, a soli 12 anni, venne eletto vescovo di Frisinga. Nel 1573, a 19 anni, fu eletto vescovo di Hildesheim. Nel 1581 Ernesto venne eletto vescovo di Liegi. Dopo la scomunica dell’arcivescovo Gebhard von Waldburg, Ernesto venne eletto arcivescovo di Colonia il 22 maggio 1583. Nel 1585 ebbe anche il vescovato di Münster. Con l’aiuto delle truppe spagnole e bavaresi, riuscì rapidamente a sconfiggere Gebhard nella Guerra di Colonia. Nel 1595 si ritirò da Colonia e morì nel 1612 a Arnsberg, in Vestfalia. A proposito del cumulo dei vescovati che Ernesto pretese, troviamo negli avvisi una frase molto eloquente: “Fra poco tempo haveremo l’Elettore di Colonia quasi un Papa in Alemagna, poi che leva sù tutte le Chiese, che vanno vacando” (f. 385v/85). HC III, 172, 198, 210, 222, 247.

[67]Adolf von Neuenahr era conte di Limburg e Moers, vicino al confine attuale tra Germania e Paesi Bassi. Neuenahr si schierò apertamente con Gebhard Truchsess, ma nel 1586 fu cacciato da tutti i suoi averi tedeschi. Trovò una nuova posizione in Olanda, stabilendosi ad Utrecht, dove appoggiò i calvinisti. Divenne capo delle forze militari degli Stati Generali nelle sue province, conducendo diverse campagne, ma con scarso successo. Morì il 18 ottobre 1589.

[68]Guglielmo V di Baviera fu duca di Baviera dal 1579 al 1597. Era figlio del duca Alberto V. Ricevette l’educazione presso i gesuiti. Gli venne dato il soprannome di Pio in quanto fu uno dei più ferventi cattolici regnanti di Baviera. Durante il suo regno i non cattolici vennero forzati a lasciare la Baviera. Guglielmo operò un’accorta politica interna. Fondò nuove scuole e collegi cattolici, nuove sedi di ordini religiosi. Le enormi spese che Guglielmo investì per la chiesa di S. Michele a Monaco tra il 1583 ed il 1597, lo portarono sull’orlo della bancarotta e questa fu una delle ragioni per le quali, nel 1597, abdicò in favore del figlio Massimiliano I. Guglielmo si ritirò in un monastero e morì nel 1626 nel Castello di Schleissheim.

[69]ANONIMO, p. 89.

[70]ANONIMO, p. 91a.

[71]PASTOR, 346.

[72]Ottavio Mirto Frangipane nacque a Napoli nel 1544, ove si laureò in diritto. Entrò a servizio di Giulio Santorio, che lo ordinò sacerdote nel 1572 e nello stesso anno lo consacrò vescovo di Caiazzo (Caserta). Tra il 1575 e il 1576 fu governatore delle Marche e di Bologna. Nel giugno 1587 fu nominato da Sisto V nunzio di Colonia, ereditando i difficili problemi politici e religiosi di quella città. Il 22 luglio 1596 il Frangipane fu nominato primo nunzio di Fiandra con sede a Bruxelles, dove rimase per dieci anni. Il 20 giugno 1605 fu nominato vescovo di Taranto. Qui morì a Taranto il 24 luglio 1612. HC III, 145, 318; IV, 327, 343; BIAUDET 153; WEBER 151, 784; Pastor, X, agli Indici; S. ANDRETTA, Frangipani Ottavio Mirto, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 50 (1998).

[73]ANONIMO, p. 264.

[74]PASTOR 349.

[75]ANONIMO, p. 270.

[76]Guglielmo di Jülich-Kleve-Berg (Düsseldorf 1516-1592) fu duca di Jülich-Kleve-Berg dal 1539 al 1592. Era figlio di Giovanni III di Kleve e di Maria di Jülich-Berg, per cui ereditò il ducato del padre alla sua morte nel 1539 e quello della madre nel 1543. Sposò la tredicenne Giovanna III di Navarra nel 1541 ma il matrimonio, dettato da esigenze politiche, venne annullato quattro anni dopo. Il 18 luglio 1548 sposò in seconde nozze Maria d’Austria, figlia dell’imperatore Ferdinando I d’Asburgo, da cui ebbe sette figli, l’ultimo del quale, Giovanni Guglielmo, ereditò il ducato.

[77]Kaspar Gropper era un prete della diocesi di Bonn. Fu a Roma come uditore di Rota e u inviato da papa Gregorio XIII come nunzio straordinario (o meglio delegato apostolico, dal momento che la vera nunziatura di Colonia inizia solo nel 1584) a Colonia e vi rimase dall’11 giugno 1573 al febbraio 1576. Scrisse un apprezzato Enchiridion Coloniense, una specie di catechismo sugli errori luterani. Cf. G. MAFFEI, Degli Annali di Gregorio XIII Pontefice Massimo, t. I, Roma 1742, p. 77; Istruzione e relazione finale dei Nunzi di Colonia dal 1651 al 1786, Collectanea Archivi Vaticani, Bd. 30–33, Città del Vaticano 1993-2008.

[78]Daniel Brendel di Homburg, già alunno del collegio germanico di Roma, fu canonico della chiesa di S. Maria di Magonza ed eletto arcivescovo di Magonza nel 1555. Morì nel 1582. HC III, 232.

[79]Si tratta di Guglielmo Allen (1532-1594), inglese, creato cardinale da Sisto V il 7 agosto 1587. Perseguitato come prete in patria, nel 1568 aveva fondato a Douai in Fiandra, poi Reims in Francia, un seminario per la formazione di giovani sacerdoti inglesi da inviare nella loro patria per convertire gli Anglicani. Allo stesso modo, nel 1578, il Collegio Inglese di Roma, sempre per opera dell’Allen, fu trasformato in seminario per il medesimo fine. W. Cobbett, Storia della Riforma Protestante in Inghilterra ed in Irlanda. Roma 1825, p. 357. HC III, 51.

[80]HC III, 201. Viene detto “nominatus a rege catholico”.

[81]HC III, 316. Viene citato come “Joannes Vendivilius, consiliarius regis catholici et nominatus ab eodem”.

[82]Cristiano I di Sassonia (Dresda 1560-1591) fu principe elettore di Sassonia ed educato al calvinismo. Lavorò molto per l’unione tra i protestanti e nel 1591 realizzò l’alleanza di Torgau.

[83]Federico II di Danimarca (1534-1588) fu re di Danimarca e di Norvegia. La sua politica estera fu caratterizzata da un sostegno morale alle potenze protestanti, ma anche da una calcolata neutralità.

[84]Giovanni Giorgio (1525-1598) fu principe elettore di Brandeburgo (1571-1598). Fu di fervente fede luterana e si oppose al calvinismo, anche se permise asilo politico ai calvinisti provenienti dai Paesi Bassi e dalla Francia.

[85]Enrico Giulio di Brunswick-Lüneburg (1564-1613), duca di Brunswick-Lüneburg e principe Wolfenbüttel, in Bassa Sassonia, dal 1589 sino alla sua morte. Già nel 1566, all’età di due anni, venne eletto vescovo luterano di Halberstadt e completò la riforma protestante. Alla morte del padre gli succedette come reggente di Wolfenbüttel e divenne famoso per la persecuzione che operò contro ebrei e streghe.

[86]Vedi precedente nota 81.

[87]ONORIO cit. in “Relatione d’Inghilterra”, p. 148: “Con li Principi Protestanti d’Alemagna la Regina ha non solo buona intelligenza, ma con molta auttorità, la quale va mantenendo con presenti et spesse Ambascerie che si mandano l’uno l’altro, et fra questi il Casimiro è stipendiato da lei”.

[88]ANONIMO, pp. 236a, 237.

[89]PASTOR 359.

[90]Papa Sisto “era pronto a provvedere di nuovo la nunziatura svizzera, restata vacante fin dal 1581; però per riguardo a quanto era accaduto sotto Gregorio XIII volle che i cattolici della Svizzera ne facessero domanda. Ciò fu fatto da parte della maggioranza dei cinque Cantoni in una dieta del 26 febbraio 1586”. PASTOR 372.

[91]Il card. Marco Sittico di Altemps (in tedesco Mark Sittich von Hohenems), era nato in Austria nel 1533, figlio della sorella di Pio IV. Nel 1560, a 27 anni, fu eletto vescovo di Cassano (Calabria) e creato cardinale da Pio IV nel 1561. Nell’ottobre dello stesso anno fu eletto vescovo di Costanza, fino al 1589, ma quasi sempre residente a Roma per i vari incarichi di corte in qualità di legato papale e di governatore delle regioni pontificie Morì a Roma nel 1595. HC III, 38, 156, 176; GAMS 871, 272; P. PANIZON, Il cardinale lanzichenecco. Marco Sittico III di Altaemps. Ananke, 2010; B. ULIANICH, Altemps Marco Sittico, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 2 (1960).

[92]Il card. Andrea d’Austria nacque nel 1558 in Boemia, figlio primogenito di Ferdinando II d’Austria, nipote dell’imperatore Carlo V. Gregorio XIII lo creò cardinale nel 1576. Si distinse per la sua moralità, l’amore alla preghiera, la prudenza e la dolcezza. Fu eletto vescovo di Bressanone nel 1580. Nel 1589 fu trasferito alla diocesi di Costanza. Il re di Spagna Filippo II lo nominò nel 1599 governatore di Fiandra. Morì a Roma durante il giubileo del 1600. HC III, 45, 141, 176; GAMS 266, 272; Andrea d’Austria, in Dizionario storico della Svizzera (versione in italiano).

[93]“Mentre nella Pasqua del 1587 si erano confessati e comunicati solo dai 40 ai 50 uomini, nel Natale erano già oltre 300, anche alcuni che avevano apostatato ritornarono alla fede cattolica”. PASTOR 375.

[94]Ludwig von Sachsen o Ludwig von Einsiedel (1554-1608) era figlio del protestante Georg Haubold, barone di Einsiedel e cancelliere luterano. Si convertì al cattolicesimo durante i suoi studi di diritto a Bologna ed entrò fra i cappuccini a Roma (1580) per tornare nel 1584 in Svizzera. Fu un grande predicatore e si impegnò con ardore a favore del cattolicesimo nei cantoni cattolici, dove fondò quattro conventi di cappuccini: ad Appenzello (1587), Baden (1588), Soletta (1588) e Zugo (1595). La fedeltà di Appenzello alla fede cattolica si deve in particolare al suo impegno spirituale.

[95]HC, III, 130; GAMS 261; J-B Hauréau, Gallia christiana, vol. XV, Parigi, 1860, col. 506-508: “qui cum difficillimis temporibus episcopatum haeresi et alieno aere pene oppressum adiisset, eumque sapientia et singulari constantis locis pluribus utroque malo liberavit”.

[96]Giacomo III di Baden-Hachberg (1562-1590) fu margravio di Baden-Hachberg dal 1584 al 1590 e risiedeva a Emmendingen. Dopo aver studiato a Tubinga e Strasburgo e fatto viaggi in Francia e in Italia, Giacomo, ancora minorenne, ereditò il margraviato alla morte del padre. La sua conversione al cattolicesimo causò un enorme scalpore in Germania, dal momento che era il primo principe protestante di Germania a convertirsi dopo la pace di Augusta del 1555. Papa Sisto V aveva riposto in lui grandi speranze, ma morirono entrambi nello stesso mese ed anno. In seguito alla sua morte improvvisa fu fatta l’autopsia del suo cadavere e risultò che era stato avvelenato con arsenico. La tensione tra le fedi religiose era molto alta e la fame di potere dei governanti e principi tedeschi era altrettanto forte. H-J Günther, Markgraf Jacob III von Baden und Hachberg (1562-1590). Badische Heimat 4/1990, Karlsruhe; H-J Günther, Markgraf Jacob III. von Baden (1562-1590). Ein konfessioneller Konflikt und sein Opfer. In: Freiburger Diözesanarchiv, III serie, vol. 126, 2006.

[97]Alessandro Farnese era figlio del duca di Parma Ottavio Farnese, che a sua volta era nipote di papa Paolo III. Alessandro, che era nato a Roma nel 1545, per tutta la sua vita fu a servizio del Re di Spagna. Dopo la morte del padre Ottavio, Alessandro divenne duca di Parma, ma in realtà non governò mai il suo paese, preferendo nominare reggente il figlio diciassettenne Ranuccio. Nel 1577 Alessandro entrò in pieno delle guerre di religione dei Paesi Bassi e non fece più ritorno in Italia. Negli ultimi anni della sua vita fu costretto da Filippo II a prendere parte alle guerre di religione che si svolgevano in Francia fra la Lega cattolica e il Re di Navarra (futuro Enrico IV). Nel settembre del 1590 liberò Parigi dagli Ugonotti di Enrico di Borbone, re di Navarra, quindi tornò nelle Fiandre per combattere contro Maurizio di Nassau. Morì ad Arras in seguito ad una ferita il 3 dicembre 1592 e fu sepolto a Parma. L. VAN DER ESSEN, Alexandre Farnèse, prince de Parme, gouverneur général des Pays-Bas, 1545–1592. 5 voll. Bruxelles 1933-1937; L. VAN DER ESSEN, Alessandro Farnese, duca di Parma, Piacenza e Castro, in Dizionario biografico degli Italiani, vol. 2 (1960); A. Pietromarchi, Alessandro Farnese l’eroe italiano delle Fiandre, Gangemi, Roma 1998; G. Tocci, Il Ducato di Parma e Piacenza, UTET Libreria, Torino 1987.

[98]G. BENTIVOGLIO, Historia delle Guerra di Fiandra. Venezia 1656, parte III, lib. IV; G. PARKER, La Guerra dei trent’anni, ed. Vita e Pensiero, 1994; R. LENTI, Il Nederland verso il «Gouden Eeuw». I Paesi Bassi verso il «secolo d’oro» nelle relazioni di osservatori stranieri, Coedit 2004; G. PARKER, La Rivoluzione Militare, ed. Il Mulino, 2014.

[99] Robert Dudley, primo conte di Leicester (1532-1588), fu uno dei favoriti della regina Elisabetta. Nel 1585 Dudley ottenne il comando della campagna in Olanda e gli fu concesso il titolo di governatore generale della Repubblica delle Sette Province Unite. In realtà il Dudley non si mostrò all’altezza della situazione ed entrò spesso in conflitto con i capi olandesi. Poco esperto anche nell’arte militare, subì una sconfitta nella battaglia di Zutphen e si vide costretto a tornare in Inghilterra. Si legge in ONORIO cit. p. 148 “Et quanto alla guerra ch’ella tiene col Re Catolico in Fiandra, ella oltre l’aver qualche fortezza in quella Provincia, tiene nell’Olanda et Zelanda tre luoghi fortissimi, et tali che mai quella due Provincie potranno senza il consenzo di lei rendersi al Re Catolico”.

[100]Stefano I Báthory, già Stefano IX di Transilvania (1533 – 1586), era diventato re di Polonia dopo la rinuncia di Enrico di Valois nel 1574. Stefano apparteneva alla famiglia nobile ungherese dei Báthory-Somlyo ed era il voivoda di Transilvania. Il 12 dicembre 1575 la Camera dei deputati della Polonia lo elesse re della confederazione polacca-lituana. Regnò sulla Polonia per dieci anni, dal 1576 al 1586. G. MAVER, Stefano I Báthory, re di Polonia, in Enciclopedia Italiana (1936). Ricche di notizie particolari sono due relazioni su tale periodo di interregno polacco, riportate in ONORIO cit.: “Discorso dell’interregno di Polonia dell’anno 1587 di Horatio Spanorchii” (pp. 426-453) e “Discorso sopra l’elettione da farsi del nuovo Re di Polonia 1587” (pp. 454-459).

[101]Il nuovo re di Polonia era nato in Svezia nel 1566 e regnò sulla Polonia per quasi cinquant’anni (1587-1632). Dopo la morte di suo padre Giovanni III, re di Svezia, avvenuta nel 1592, Sigismondo ereditò anche il trono di Svezia, e voleva unire sotto la sua corona ambedue i regni. Questo progetto diede inizio a un lungo periodo di guerre fra Polonia e Svezia e Sigismondo resse la corona svedese solo dal 1592 al 1599, quando fu deposto dallo zio Carlo IX di Svezia. Il suo lungo regno coincise con l’apice del prestigio della Confederazione polacco-lituana. Contemporaneamente però fu sotto il suo regno che si manifestarono i primi sintomi di decadenza.

[102]Massimiliano era nato a Wiener Neustadt 12 ottobre 1558, terzo figlio dell’imperatore Massimiliano II, fratello dell’imperatore Rodolfo II.

[103]Jan Zamoyski (1542 -1605) è stato un abile politico del suo tempo e una figura centrale nella storia della Polonia. Studiando a Parigi e Padova si accostò al cattolicesimo e tornato in patria divenne segretario del re Sigismondo II. Nel 1575 in qualità di cancelliere appoggiò l’elezione dell’anti-austriaco Stefano Báthory, di cui divenne collaboratore. Alla morte di Báthory nel 1586 il suo spirito anti-austriaco lo portò a sostenete l’elezione di Sigismondo Vasa al trono di Polonia contro il partito asburgico guidato dagli Zborowski. Fu lui a guidare le truppe polacche contro l’arciduca austriaco Massimiliano d’Austria nella Battaglia di Byczyna (1588). Successivamente Zamoyski, ormai gran cancelliere del regno, si oppose al re Sigismondo quando costui intese trasformare la Confederazione di Stati in una monarchia assoluta. Zamoyski combattè varie guerre, soprattutto ai confini della Polonia. Umanista e mecenate, morì onorato e potente il 3 giugno 1605 a Zamość, la città da lui fondata nel 1580.

[104]HÜBNER, 353. Nelle relazioni degli ambasciatori veneti, di Lorenzo Priuli nel 1586 e di Giovanni Gritti, si leggono frasi di grande stima del papa nei confronti del principe Sigismondo: “Gran stima fa il Papa del re di Polonia, esalta la sua persona, lo stima soggetto attissimo per disegnare cose grandi” (Relazione di Lorenzo Priuli, letta in Senato il 2 luglio 1586. Da un codice del secolo XVI presso Emanuele Cicogna, vol. X); “Il re di Polonia è soprammodo amato da Sua Beatitudine, sendosi questo principe, nelle difficoltà occorse con la casa d’Austria, mostrato confidentissimo di Sua Santità, ond’essa per questo rispetto fa di lui molta stima” (Lettera al doge di Giovanni Gritti, 20 agosto 1588. Archivio di Stato di Venezia, Disp. Roma, fil. 22).

[105]Sigismondo, l’Austria, l’imperatore e la vecchia dinastia polacca concordarono la pace con particolari clausole, tra cui lo sgombero delle fortezze e dei territori polacchi occupati dagli Austriaci, e il non stipulare mai patti fra imperatore e sultano turco che andassero a nuocere la Polonia. HÜBNER, 359.

[106]Lettera al doge di Giovanni Gritti, 20 agosto 1588. Archivio di Stato di Venezia, Disp. Roma, fil. 22. Sull’impero ottomano scrive l’ONORIO cit. in “Relatione di Costantinopoli”, p. 88: “Poi che per permissione del Signor Dio l’Imperio Ottomanno con un corso quasi di vittorie perpetue s’è impadronito di tante Provincie et ha soggiogato tanti Regni e perciò fattosi formidabile a tutt’il mondo, non è fuori di ragione il dubitare che possa anche facilmente ridursi a una Monarchia universale”. Nella stessa opera, alle pp. 638-642 vi è la “Imperii Turcici descriptio”.

[107]“Il Tesoro Politico” è una collezione di testi soprattutto di politica e di diplomazia che si sono diffusi largamente sotto forma di manoscritti prima della loro prima pubblicazione a stampa nel 1589. È stato considerato ampiamente come un libro molto importante per la primissima letteratura moderna europea, pur avendo origini misteriose, e solo ultimamente sono state scoperte alcune informazioni riguardo sia al luogo di pubblicazione che alla prima persona responsabile di tale pubblicazione”. S. TESTA. “Tesori politici” in the British Library, and Elsewhere in Britain”. eBLJ 2008, Article 1, p. 1.

[108]ONORIO cit. pp. 531-540; 541-546.

[109]Le popolazioni dell’est europeo potevano essere considerate come le frontiere della cristianità verso l’impero ottomano: la Valacchia e la Moldavia erano Stati autonomi ma vassalli della Porta; la Transilvania (Ungheria orientale) era una configurazione in bilico fra impero asburgico e impero ottomano; e l’Ungheria centrale, la Bosnia-Erzegovina, Montenegro, benché distanti da Istanbul, erano sottoposte alla organizzazione provinciale ordinaria dell’impero. M. A, VISCEGLIA, La Roma dei papi. Viella, Roma 2018, p. 313.

[110]P. RICCIARDI, Gli eroi della patria e i martiri della fede: Otranto 1480-1481, vol. 1, Editrice Salentina, 2009; H. Roullet, Les martyrs d’Otrante. Entre histoire et prophétie. Hervé Roullet, Paray-le-Monial, 2019. Più volte ho visitato Santa Maria della Petrella, una chiesetta rurale situata nei pressi di Ripatransone, a poca distanza da Grottammare (dove è nato il nostro Sisto V). Ricordo la commozione quando lessi la prima volta un graffito su un affresco dei primi del Quattrocento: “Nel giorno 10 giugno 1479, nella mattina del Corpus Domini, i Turchi entrarono a Grottammare uccidendo diverse persone”.

[111] Quella guerra si inseriva nella secolare lotta fra i musulmani sunniti presenti nell’impero ottomano e i musulmani sciiti presenti in Persia. Lo sciismo emerse a causa della disputa - essenzialmente politica - sorta alla morte di Maometto (632) sulla guida della comunità. Mentre la maggior parte dei musulmani (i futuri “sunniti”) sosteneva il principio dell’elezione per la scelta del successore, una minoranza (gli sciiti, appunto) riteneva che la carica dovesse essere riservata ad Alì, cugino nonché unico genero di Maometto (per via della figlia Fatima) e alla sua discendenza. Minoranza in un mondo musulmano governato dai sunniti, gli sciiti adottarono soluzioni varie, accettando spesso compromessi. Il revival dello sciismo avvenne nel XVI secolo con la dinastia dei Safavidi che ha elevato l’islam sciita a religione ufficiale della Persia, contrapponendosi all’Impero ottomano sunnita.

[112]ÜBNER, 317. Sulla guerra di Persia si legge in ONORIO cit. in “Discorso dello stato presente del Turco”, p. 109: “Ha il Turco in questa guerra di Persia perduto seicento mila persone, oltre quelle che l’anno passato sono morte di peste in Constantinopoli”.

[113]Difficile riassumere la grande bibliografia del rapporto fra impero ottomano ed Europa cristiana. F. BRAUDEL, Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II. Einaudi, Torino 1953; G. Motta (a cura di), I turchi, il Mediterraneo e l’Europa. FrancoAngeli, Milano, 1998; A. PETACCO, La croce e la mezzaluna. Quando la cristianità respinse l’islam. Mondadori, Milano 2005; S. BERTOLDI, Sangue sul mare. Grandi battaglie navali. Rizzoli, Milano, 2006; P. GOSSE, Storia della pirateria. Odoya, Bologna 2008; C. M CIPOLLA, Vele e cannoni. Il Mulino, Bologna 2009; J. GLETE, La guerra sul mare (1500-1650). Il Mulino, Bologna 2010; V. MASCARETTI, C SPINUCCI, Gli Ottomani in Adriatico. Pirati e coirsari Turchi tra XV e XIX secolo. Acquaviva Picena 2019.

[114]“Abbiano già fatto conoscere a Vostra Altezza il nostro divisamento di costruire alcune galee per la difesa delle nostre coste di Roma, continuamente depredate da bastimenti de’ Barbareschi... Sapendo che Vostra Altezza possiede buono e stagionato legno atto alla costruzione delle navi, noi pensiamo di profittare delle sue offerte pregandola di farci costruire due galee, od almeno una, con la più grande prontezza possibile. Quanto alla forma ed ai particolari della costruzione, non intendendocene guari, ce ne rimettiamo al senno ed all’esperienza di Vostra Altezza, esprimendo solo il desiderio che questi bastimenti sieno leggeri ed atti a dare e sostenere la caccia. Per il resto non vorremmo pensare ad altro, salvo che a far spedire il denaro in Firenze, dopo che Vostra Altezza avrà fatto sapere l’ammontare della spesa”. Hübner, 519: Lettera al granduca Francesco de’ Medici. Roma, 1° agosto 1587.

[115]Il porto fluviale di Ripa grande era il principale approdo del Tevere, collocato sulla riva destra del Tevere, di fronte al quartiere del Testaccio. Si distingueva da quello di Ripetta, situato sulla riva sinistra del Tevere, nell’area antistante alla chiesa di San Girolamo dei Croati e vicino al mausoleo di Augusto.

[116]Circa la tassazione imposta sulle galere pontificie è interessante il cospicuo materiale presente nell’archivio generale arcivescovile di Bologna, e precisamente il “Fondo della Succollettoria degli Spogli e Tassa delle Galere della Curia arcivescovile Bologna. Succollettoria degli Spogli e Tassa delle Galere”. Si tratta di 75 pezzi fra registri, volumi e buste. Il fondo comprende i documenti relativi alla gestione amministrativa e contabile non solo degli spogli e delle tasse spettanti alla Curia, ma anche il nucleo di volumi relativi all’esazione della tassa delle galere (Archivio della Tassa delle Galere).

[117]TEMPESTI, t. I, pp. 217; GALLI, Notizie intorno alla vera origine, patria e nascita del Sommo Pontefice Sisto V. Ripatransone 1754, p. 120; F. PISTOLESI, Sisto Quinto e la liberazione del S. Sepolcro, in Altodunensia. Montalto Marche 1920, pp. 80-83; RANKE, 535.

[118]Archivio di Stato di Venezia, disp. Roma, fil. 22; HÜBNER, 300.

[119]Interessante quanto scrive il Ranke: “Progetti, fantasticherie, stravaganti castelli in aria... Eppure i suoi piani eccedevano le possibilità, la cui origine è da ricercarsi nell’ardore di una fantasia religiosa e determinarono in gran parte il comportamento del papa in tutta la sua vita”. RANKE 535.

[120]C. MARCHEGIANI, Un pensiero gloriosissimo’ di Sisto V: il santo sepolcro da Gerusalemme a Roma. La reazione veneziana, la leggenda della mancata traslazione a Montalto delle Marche e un’ipotesi ubicativa. Da: AA.VV, Come a Gerusalemme. Evocazioni, riproduzioni, imitazioni dei luoghi santi tra Medioevo ed Età Moderna. A cura di Anna Benvenuti e Pierantonio Piatti. “Toscana sacra”, 4. Firenze, SISMEL-Edizioni del Galluzzo, 2013, pp.741-771. In appendice di questo contributo si trova: “Oratione del Sig. Mutio Sforza alla Santità di S. Sig. Sisto V fatta da lui nel tempo che uscì grido, ch’esso Pontefice Mass. voleva ricoverare il S. Sepolcro dal Turco per danari”. In Vinegia, MDXC.

[121]“L’Infanta rivela un carattere forte, pronta a tenere egregiamente la reggenza quando il marito è assente per imprese militari (ciò avviene spessissimo)... La principessa non esiterà, tra il padre e il marito, entrambi con una personalità piuttosto decisa, a schierarsi dalla parte del marito”. E. RUSSO DE CARO, Sisto V e Carlo Emanuele di Savoia 1585-1590, in Atti del convegno Il Papa ‘Nsisto 2013. Sulle orme di Papa Sisto V. S. Agata Dei Goti, 24 maggio 2013. Brignoli Ed. 2014, p. 77.

[122]Il marchesato di Saluzzo occupava parti della provincia di Cuneo e di Torino. Territorio storicamente saluzzese era l’area compresa tra la Stura, il Po e le Alpi. Principali centri del Marchesato erano Saluzzo, la capitale, Carmagnola sede della Zecca, Revello, Manta e Racconigi. Saluzzo ebbe il periodo di maggior splendore sotto i marchesati di Ludovico I e di Ludovico II, nel XV secolo. Alla morte di Ludovico II nel 1504 il marchesato entrò nei domini francesi e divenne parte integrante della Francia per mezzo secolo, fino a quando i Savoia, con il Trattato di Lione nel 1601, riuscirono a impossessarsene mantenendo il loro controllo, a fasi alterne, fino all’Unità d’Italia.

[123]Giovanni Gritti, che in quel momento era ambasciatore di Venezia a Roma, scrivendo al doge il 23 novembre 1588 riportò le seguenti parole del papa: “Se il Re Christianissimo si moverà contro Savoia indebolirà le cose del proprio regno e darà campo ad heretici d’impatronirsi di casa sua... Che il Duca di Savoia era parente del Re Christianissimo, onde sua Maestà si doveva fidar di lui... Che l’impresa della ricuperatione hora non sarebbe riuscita per la debolezza e i travagli ch’ha il Re, ond’era meglio differire ad altra occasione... Che quando il Duca negasse la restituzione, Sua Santità haveria causa di astringerlo, perché il non restituir quello d’altri è peccato”.  HÜBNER 524.

[124] E. Ricotti, Storia della monarchia piemontese, vol. III, Firenze, 1865, p. 426.

[125]Questa città, e il suo territorio, era stata conquistata nel 1401 dal conte Amedeo VIII di Savoia (1383 – 1451) e il possesso venne ratificato ufficialmente dall’imperatore Sigismondo di Lussemburgo con una lettera del 25 aprile 1422. L’occupazione savoiarda continuò fino alla riforma protestante che giunse in città nel 1526 e che si concluse nel 1536 con l’arrivo di Giovanni Calvino. Da quel momento Ginevra divenne il centro del calvinismo e fu proclamata la repubblica sotto il nome di «Signoria di Ginevra». A partire dalla sua ascesa al ducato nel 1580 Carlo Emanuele I di Savoia accarezzò il progetto della riconquista di Ginevra, iniziando in tal modo una logorante campagna di attacchi e difese reciproche. L’11 dicembre 1602, un definitivo attacco dei savoiardi, che resterà nella storia sotto il nome di battaglia de L’Escalade, costrinse il duca ad accettare una pace durevole, ufficializzata dal trattato di Saint-Julien del 12 luglio 1603, che riconobbe l’indipendenza della città.

[126]I diritti accampati dal duca e le controrisposte dei Ginevrini sono elencati nell’opera di Gregorio LETI, Historia Genevrina, o sia Historia della Città, e Republica di Geneva, cominciando dalla sua prima fondazione sino al presente. Amsterdam 1586, Parte terza, pp. 347-368.

[127]LETI, op. cit. p. 347.

[128]LETI, op. cit. pp. 357 e 358.

[129]HÜBNER, 328.

[130]TEMPESTI, t. I, lib. XII, p. 190 ss. e t. II, lib. XIV, p. 117.

[131]A. LUZIO, G. SELLA, Sisto V e Carlo Emanuele I, in Atti della Reale Accademia delle Scienze di Torino, vol. LXII, disp. 2, 1926-1927, p. 49.

[132]Idem, p. 57.

[133]Si dovrebbe approfondire maggiormente la presunta eccessiva severità del Peretti come inquisitore. Il sottoscritto ha estratto dall’Archivio di Stato di Venezia la maggior parte dei processi con le relative condanne comminate dal Peretti. Il giudizio che ne segue è molto diverso da quanto una certa storiografia, del tipo del Leti, ha potuto tramandare.

[134]TEMPESTI, I, p. 51.

[135]BIAUDET, 143.

[136]HÜBNER, 316.

[137]I. RAULICH, La contesa fra Sisto V e Venezia per Enrico IV di Francia (Con documenti). Venezia 1892, p. 6.

[138]“Solo questo monarca [il Navarra] era in grado di pacificare la Francia; chiudergli la strada ad un’intesa significa spingerlo ai passi estremi, costringerlo, con l’aiuto tedesco ed inglese, a rivolger le armi contro tutto il mondo cattolico, e prima di tutto contro Roma e l’Italia”: PASTOR 246.

[139]Alberto Badoer (Venezia 1540-1592) ebbe una rapida carriera politica: dopo essere stato eletto savio di Terraferma fu nominato nel 1574 ambasciatore presso Filippo II, alla cui corte rimase dall’autunno del 1575 alla fine del 1578. Dal 1579 al 1582 fu ambasciatore presso la corte di Rodolfo II d’Asburgo. Dopo essere stato podestà a Verona, nel marzo del 1589 andò ambasciatore a Roma e diede prova di grande abilità diplomatica; fu stimatissimo dal papa Sisto V, nonostante l’aspra contesa che nell’autunno del 1589 funestò le relazioni veneto-pontificie per il riconoscimento dello scomunicato Enrico IV da parte della Repubblica veneta. E. Alberi, Le relazioni degli ambasciatori veneti al Senato durante il sec. XVI, s. 1, V, Firenze 1861, pp. 272-280; G. Moroni, XCII, 425, 428, 447; Hübner, I, p. 397; II, passim; I. Raulich, 243-318; PASTOR, X, agli Indici; A. STELLA, Badoer Alberto, in Dizionario biografico degli Italiani. vol. 5 (1963).

[140]Il Raulich riporta la lunga relazione scritta che il Badoer e il Donati inviarono alla Signoria veneta il 25 novembre 1589, dopo l’udienza con il papa. In essa si evidenziano perfettamente le ragioni delle due parti. Sisto V disse che Navarra non era re legittimo, perché proclamato solo dal suo esercito e non dagli stati generali, né ancora incoronato ed entrato a Parigi. Inoltre pendeva sopra di lui una scomunica per eresia, e che Venezia non prendeva in considerazione che Stati più grandi e importanti d’Europa non si erano ancora espressi. Gli ambasciatori veneti risposero con argomenti politici: Venezia era importante per la cristianità nella difesa contro l’impero ottomano, per cui non poteva fare a meno della Francia e di Enrico IV, che in fondo era già stato accettato sia dai principi di sangue reale che da cardinali e da molti cattolici francesi fedeli a Roma. Il papa doveva quindi accontentarsi della apertura mostrata da Venezia. RAULICH, pp. 39-47.

[141]Ad un certo punto il papa disse: “Ragioneremo un pezzo fra noi, prima che si acquieti il regno di Francia, pieno d’infinite discordie, e il re avrà da faticare assai prima che lo acquisti”. RAULICH, 56.

[142]L’Olivares, oltre ai rappresentanti della lega cattolica di Francia e alla maggioranza del collegio cardinalizio, premeva di continuo sul papa e fu certamente lui l’anima della “rivolta” degli ambasciatori cattolici accreditati a Venezia che, a cominciare dall’ambasciatore di Spagna, Francesco de Verera y Aragon, e dall’ambasciatore di Savoia, Asinari, abbandonarono la città per protesta: “Scrivono di Ferrara l’arrivo in quella Città del Vera Ambasciatore di Spagna, che risedeva in Venetia partito dal suo carico per havere la Signoria evidentemente accettato l’Ambasciatore di Navarra come Re di Francia. Il medesimo farebbe Savoia et altri Ambasciatori de Principi Cattolici” (c. 671v/89).

[143]RAULICH, 59.

[144]Relazione di Roma di Lorenzo Priuli, letta in Senato il 2 luglio 1586. Da un codice del secolo XVI presso Emanuele Cicogna, vol. X, In “Le relazioni degli Ambasciatori Veneti al Senato durante il secolo decimosesto”, edite da Eugenio Albèri, Vol. X (serie II, tomo IV). Firenze, Società ed. Fiorentina, 1857, pp. 290-329.

[145]Relazione di Roma di Giovanni Gritti, letta in Senato il 15 maggio 1589. In “Le relazioni degli Ambasciatori Veneti al Senato durante il secolo decimosesto”, edite da Eugenio Albèri, Vol. X (serie II, tomo IV). Firenze, Società ed. Fiorentina, 1857, pp. 332-348. Interessantissime relazioni sui singoli Stati italiani si trovano in ONORIO cit.:

- Relatione della Repubblica Serenissima di Venezia et de gli Stati suoi: pp. 116-125.

- Relatione di Ferrara. 1583: pp. 194-204.

- Relatione di Fiorenza et Stati suoi: pp. 204-220.

- Relatione di Napoli. 1583: pp. 221-240.

- Relatione et instruttione per lo Stato di Milano: pp. 241-254.

- Relatione della Repubblica Lucchese l’anno 1583: pp. 609-613.

- Relatione del governo della Repubblica di Genova. 1583: pp. 614-622.


[1] Circa il pieno e personale coinvolgimento di papa Sisto nelle vicende politiche dell’Europa del suo tempo vedi: Epistolae ad Principes. Regesti a cura di LUIGI NANNI, edizione a cura di TOMISLAV MRKONJIĆ - vol. III, Sixtus V-Clemens VIII(1585-1605), 1997. Si tratta dei tanti “brevi” (circa cinquemila) che costituiscono la fitta corrispondenza di vent’anni fra i papi Sisto V (1585-1590), Gregorio XIV (1590-1591), Innocenzo IX (1591) e Clemente VIII (1592-1605) e i sovrani e prìncipi dell’epoca.

[2]PASTOR, X, cap. IV, 194-276: Atteggiamento di Sisto V verso la Spagna e la Francia; cap. V, 302-326: Disfatta dell’armada spagnola. I rapporti tra Roma e Madrid nei secoli XVI e XVII: arte diplomazia e politica, a cura di Alessandra Anselmi, Roma 2015; M. A. VISCEGLIA, La città rituale. Roma e le sue cerimonie in età moderna, Roma 1002, pp. 201-227. Diplomazia e politica della Spagna a Roma: figure di ambasciatori, a cura di S.A. Visceglia, in Roma moderna e contemporanea, XV, 2007, 1-3.

[3]“Filippo è il vero padre del pensiero monarchico spagnolo. Lo diventa attraverso il suo atteggiamento religioso e nazionale, attraverso il suo sforzo per raggiungere l’unità e l’unione della penisola, nel popolo, nella razza e nella religione... El rey Nuestro señor: questo nome affettuoso era diventato per gli spagnoli una specie di simbolo che racchiudeva tutto: padre della patria, protettore della fede della patria terra, premiatore del valore, punitore contro i cattivi, depositario della potenza, mandato da Dio e benedetto. El Rey prudente: poiché in tutto egli faceva il giusto e tutto conduceva a buon porto”. Ludwig PFANDL, Geschichte der Spanischen Nationalliteratur in ihre Blütezeit. Ed. Herder, Freiburg, 1929. Molto illuminante sul “cattolicesimo” esasperante ed integralista di re Filippo è un breve capitolo nella storia sistina dell’Hübner: “Filippo II si crede il vicario laico di Gesù Cristo in terra. Suoi scontri con la Santa Sede”: Hübner, 377-391.

[4]Questa frase (“In meinem Reich geht die Sonne niemals unter”: Sul mio regno non tramonta mai il sole) la pronunciò Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero dal 1519. E lo diceva perché aveva l’impero più vasto dei suoi tempi. Infatti governava sia mezza Europa (avendo ereditato dal nonno paterno, Massimiliano I, l’arciducato d’Austria, la corona di Germania e del Sacro Romano Impero, nonché di alcune regioni d’Italia) che molte terre americane ereditate dalla madre Giovanna la Pazza, figlia di Isabella di Castiglia e Ferdinando II d’Aragona. E questo impero era stato ereditato da Filippo II, figlio di Carlo V. Interessante la descrizione che l’ONORIO cit. fa di questo vasto regno nel 1617: “Delli Stati che oggi sono soggetti al Re Catholico di Spagna”, p. 69: “Li Regni di Castiglia, Aragona, Navarra, Granata in Spagna l’obediscono: l’Indie occidentali, la nova Spagna, li Reami ricchissimi del Perù lo conoscono per Signore. il Reame di Tunu gli rende tributo. Li reami di Maiorica, Sardegna, Sicilia et Napoli sono alla sua potenza soggetti. Li Ducati di Milano, Borgogna, Brabantia et Gheldria, il gran Contado di Fiandra con tutti li paesi bassi odono il suo imperio. La Repubblica di Genova, con la santa et valorosa Religione di Malta è a sua protettione. Et il Duca di Fiorenza per la Stato di Siena è a lui come soprano Signore sottoposto”.

[5]Il card. Giovanni Antonio Serbelloni (vedi la nota 5 del vol. I/85), nipote di Pio IV, era nato a Milano nel 1519. La città era in quel tempo sotto il dominio spagnolo.

[6]Hübner, I, 276. “La relazione fra Filippo e papa Sisto si può inquadrare più all’interno di una guerra fredda che in una comune unità di intenti. L’incomprensione fra Sisto V e gli uomini di Filippo II fu continua e corrosiva al punto da incrinare il condizionamento spagnolo su Roma”: M. A. VISCEGLIA, La Roma dei papi. Viella, Roma 2018, p. 283. Vedi anche M. A. VISCEGLIA, Roma papale e Spagna. Diplomatici, nobile e religiosi tra le due corti. Bulzoni, Roma 2020, p. 283; A. TALLON, L’Europe au XVI siècle. état et relations internationales. Paris 2010.

[7]PASTOR, 201.

[8]PASTOR, 198. La figura dell’Olivares viene tratteggiata magistralmente in Hübner I, 276-279, da dove si evince che l’Olivares era nato a Madrid nel 1540, che da giovane aveva intrapreso la carriera militare, che per una ferita in battaglia era rimasto zoppo, che era arrivato a Roma come ambasciatore sotto Gregorio XIII nel giugno 1582, che dopo il burrascoso tempo della sua ambasceria nel quinquennio del pontificato di Sisto V era stato nominato viceré di Napoli dal 27 novembre 1595 al 19 luglio 1599 e che “vittima di un intrigo di corte egli disparve dalla scena poco dopo l’avvenimento di Filippo III [nel 1598]” e che infine era morto a Madrid nel 1607.

[9]La sottomissione del regno di Napoli al papato era di antiche origini, rimontando all’angioino Carlo D’Angiò (1226-1285) che era stato chiamato da papa Clemente IV (1265-68) a contrastare le mire espansionistiche di Manfredi, figlio di Federico II, che aveva il dominio sulla Sicilia e Sud dell’Italia. Sconfitto il Manfredi nella battaglia di Benevento il 26 febbraio 1266, di fatto l’angioino Carlo d’Angiò ricevette l’investitura a re di Sicilia e si impegnò a versare annualmente alla Santa Sede, nella festa dei Santi Pietro e Paolo, un censo di ottomila once d’oro e a presentargli unum palefridum album pulcrum et bonum, cioè un bello e sano cavallo bianco. Tale gesto rituale di sottomissione al papato fu ripetuto in seguito ogni anno: il 28 giugno, vigila di S. Pietro, tutta Roma assisteva alla solenne sfilata nelle strade della città, fino nella basilica di S. Pietro, dove avveniva l’offerta al papa di una somma di denaro e del cavallo bianco (della razza inglese hackney, da cui il nome italianizzato di “chinea”) riccamente bardato. Dal Cinquecento in poi tale tributo fu mal digerito dalla Spagna, che governava Napoli e la Sicilia con i viceré spagnoli, e l’atto rituale di sottomissione fu accompagnato dall’altrettanto rituale “protesta” contro questo presunto diritto pontificio. Il tributo venne meno nel 1776 durante il regno di Ferdinando IV di Borbone. Nel 1855 Ferdinando II fu esonerato da Pio IX da ogni omaggio e tributo, dietro il versamento di 10.000 scudi, destinati al monumento all’Immacolata da costruirsi a Roma in piazza di Spagna. P. COLLETTA, Storia del reame di Napoli dal 1734 sino al 1825. Capolago 1836, t. I, lib. II, p. 50.

[10]PASTOR, X, 201, 275; S. TABACCHI, Grassi Annibale, Dizionario biografico degli Italiani, vol. 58, 2002.

[11]C. FERNANDEZ DURO, La Armada invencibile, 2 vol. Madrid 1884-85. J. A. FROUDE, Spanish Story of the Armada. Londra 1892; W. F. TILTON, Die Katastrophe der spanischen Armada. Friburgo 1894; M. LEWIS, The Spanish Armada, New York: T.Y. Crowell Co., 1968; D: Howarth, L’invincibile Armada, Milano, Mondadori, 1984; C. MARTIN, G. PARKER, Spanish Armada, Gloucester 1988; A. MARTELLI, La disfatta dell’invincibile Armada, Il Mulino, Bologna, 2008. In ONORIO cit. è impressionante l’elenco della flotta navale a disposizione della Spagna in quel momento: “Dell’apparato di guerra per quest’Anno 1588”, p. 75: “Ha S. Maestà in ordine per guerreggiare contra la Regina d’Inghilterra 350 Vele per armata con nove mila marinari in questo modo: quattro Galeazze di Napoli, vinticinque Navilij grossi di Siviglia, vinticinque di Biscaglia et Gipusco, trenta Urche d’Alemagna, cinquanta Navilii piccoli di Catalogna, Valenza et altre città, cinquanta della costa di Spagna, cioè Cialuppe et Barche, cento Zavarre del Rio di Portogallo, venti Galere di Spagna, quatordeci di Napoli et sedici di Sicilia”. C’era anche chi spronava il re Filippo a combattere con l’armata, fornendo cifre enormi di soldati a disposizione (ben 38.000 marinai), come si legge nella già citato “Discorso et essortatione per l’Impresa d’Inghilterra al Serenissimo Re Catolico, del cavalier Spannocchi”: “Li Spagnoli 16.000; Italiani 12.000; Tedeschi 10.000” (ONORIO, p. 562).

[12]In ONORIO cit., pp. 558-567 si trova un “Discorso et essortatione per l’Impresa d’Inghilterra al Serenissimo Re Catolico, del cavalier Spannocchi”.

[13]In ONORIO cit., pp. 584-591 la preparazione dell’Inghilterra allo scontro con Spagna è ben descritto in un “Ragguaglio distintissimo delle Fortezze et Porti della Inghilterra et della Scotia. Con la narratione de gli apparati fatti dalla Regina Inglese in terra et in mare per timore della armata del Re Catolico”.

[14]Avviso vero di tutte le cose che sono passate tra l’armata di Spagna e quella d’Inghilterra di giorno in giorno.

1588 a dì 29 Luglio di Venerdì. L’Armata di Spagna fu discoperta a dì soprascritto circa l’Isola di Silli.

Sabbato alli 30. L’Almiraglio d’Inghilterra venne a vista dell’armata Spagnola tre hore dopo mezzo giorno.

Domenica alli 31. Il signor Armiraglio guadagnò il vento di sopra circa le 9 hore della mattina, et si cominciò a combatter e cannoneggiare, che durò fin un’hora dopo mezzo giorno, ritrovandosi un naviglio delli Spagnoli che faceva molt’acqua, et la gente che vi era fu forzata abandonarlo.

Lunedì il primo d’Agosto. Fu preso il più gran Galeone di tutta l’Armata, et Don Pietro di Valdes con 450 huomini, il quale era Capitano delle navi d’Andalusia. L’Armata di Spagna s’approssimò verso Portland

Martedì alli 2. Il Conte di Sussex avisò la venuta dell’Armata a Portland alla Corte.

Mercordì alli 3. Il Conte di Sussex mandò nuova della presa dei predetti naviglij alla Corte.

Giovedì alli 4. Il signor Tristan Gorgia fu mandato per il signor Almirante con particolare aviso del successo del combatter ch’era stato fatto.

Domenica alli 7. Il signor gran maestro d’Inghilterra diede aviso da Dovure, che l’Armata di Spagna era all’incontro di Dovure tra Calès et Gravelinghen. L’istessa sera furono mandati Vascelli con fuochi artificiati verso l’armata di Spagna che costrinse i suoi navigli a lasciar l’ancora in mare, et partirsi.

Lunedì alli 8. Il signor Almirante avvertito di tal disordine li cominciò a combattere.

Giovedì alli 11. Arrivò un corriero a Londra con lettere del signor Drago delli 9 d’agosto, per le quali dava aviso che seguitava continuamente l’armata di Spagna, la quale era talmente cacciata da venti ch’hera sicuro che per quest’anno il Duca di Parma, et il Duca di Sidonia non s’haveriano potuto congiungere insieme” (c. 477r-v/88). Altro ancor più dettagliato e lunghissimo resoconto, giorno per giorno, dal venerdì 22 luglio a venerdì 12 agosto 1588 lo si legge nella “Narratione del successo ch’ebbe la detta Armata Cattolica” (alquanto di parte) in ONORIO cit., pp. 599-609.

[15]Scrive acutamente l’Hübner: “Sisto V non amava sborsare i suoi risparmi in mano poco adatte, né di spenderli senza pro’, come prevedeva che avverrebbe se fosse concorso per i nuovi armamenti spagnoli. Egli aveva misurato alla prima occhiata (giacché la vista l’aveva acuta) la distesa del disastro dell’Armada, lo sfinimento della monarchia spagnola, la poca probabilità di vedere l’infermo re riprendere in mano la direzione della gran lotta contro i nemici della fede”. Hübner, 311.

[16]PASTOR, 313.

[17]ONORIO cit. p. 79: “Possiede Filippo come re di Portugallo nell’Europa l’ultima parte della Spagna verso Ponente alla ripa del Mare Oceano, detta da gl’antichi Lusitania, et hora Portugallo”.

[18]Che Donn’Antonio dovesse dare alla Regina cinque milioni d’oro, pagando di più ogni anno 300 mila scudi alla detta Regina di tributo con promessa di ricevere presidio Inglese in tutte le fortezze di Portogallo. Che la città di Lisbona si desse a sacco a soldati, ma che non si toccasse le chiese né si facesse mal trattamento a Portughesi. Che la Regina provedesse i Vescovati et dignità di Portogallo di persone cattoliche, et la chiesa di Lisbona si desse ad uno Inglese, che veniva su l’armata chiamato Lautrech. Che si decapitasse tutta la gente castellana. Che si dessero 12 paghe all’essercito, subito entrato nel Regno. Che la Regina volendo armare contra il Re di Spagna potesse farlo in Lisbona con l’aiuto di D. Antonio restando tra loro, et nell’Indie perpetua lega, pace et traffico libero, et così nelli 2 Regni” (c. 553v/89).

[19]Alberto VII d’Asburgo, arciduca d’Austria (1559 – 1621) era sesto figlio dell’imperatore Massimiliano II, nipote dei “re cattolici” Ferdinando e Isabella e fratello dell’imperatore Rodolfo II. Fu creato cardinale nel 1577 pur non avendo ricevuto gli ordini sacerdotali. Nel 1585 Filippo II, di cui Alberto fu sempre un fedele sostenitore, lo nominò viceré del Portogallo, carica che ricoprì la carica fino al 1595. Alla morte del fratello maggiore Ernesto, governatore dei Paesi Bassi spagnoli, Filippo II nominò Alberto al suo posto. Nel 1598 rinunciò al cardinalato e sposò sua cugina Isabella Clara Eugenia, figlia di Filippo II e prese residenza stabile nei Paesi Bassi meridionali ed installandovi una propria corte. Morì a Bruxelles il 16 luglio 1621.

[20]ONORIO cit. p. 148.

[21]Hübner, 544.

[22]Enrico Caterino DAVILA, Historia delle Guerre Civili di Francia, nella quale si contengono le operationi di quattro Re: Francesco II, Carlo IX, Henrico III e Henrico IV. In Venetia 1676, appresso Francesco Salerni, vol 6. Homero TORTORA da Pesaro, Historia di Francia, nella quale si contengono le cose avvenute sotto Enrico Quarto. In Venetia, 1619, libri XXII.

[23]M. A, VISCEGLIA, La Roma dei papi. Viella, Roma 2018, p. 282; H. DE L’EPINOIS, La politique de Sixte-Quint en France. In “Revue des Questions Historiques”, quatorzième année, tome vingt-septième. Paris 1880. pp. 149-213; A. TALLON, L’Europe au XVI siècle. état et relations internationales. Paris 2010.

[24]La bolla di scomunica, “Ab immensa aeterni Regis”, fu comminata il 9 settembre 1585 e sottoscritta da 25 cardinali. Si legge in un avviso del 14 settembre: “Lunidì mattina fu Concistoro a Montecavallo, nel quale... Sua Santità publicò per escomunicati come heretici il Re di Navarra et Principe di Condè, dechiarandoli inhabili alla successione del Regno di Francia, privandoli anco delli suoi Regni et Stati, li quali possino esser tenuti legittimamente da quelli che li occuperanno, facendo leggere in Concistoro la Bolla, che hora si sottoscrive da Cardinali et presto si publicherà in stampa... Et si crede che sarà di sodisfattione al Re Christianissimo, poi che con questa occasione si potrà liberamente comminciare la guerra, et liberare quel Regno da tanti scelerati senza aspettare che questi doi Capi principali mostrando di voler vivere Cattolici inquietano un’altra volta Sua Maestà, essendo essa priva della speranza di successore nel Regno” (c. 430r/85).

[25]PASTOR, 211. In verità già il predecessore papa Gregorio XIII aveva già istituito un processo contro il Navarra e stabilito “che Enrico di Navarra e Condé erano ricaduti nelle eresie da essi solennemente abiurate, e si erano levati con l’armi contro il re di Francia e i restanti cattolici per una sanguinosa persecuzione dei seguaci della fede cattolica, cosicché andavano ritenuti per eretici notori e recidivi”. Idem, 210.

[26]F. HOTMAN, Brutum Fulmen Papae Sixti V adversus Henricum Sereniss. Regem Navarrae, et illustrissimum Henricum Borbonium, Principem Condaeum. Una cum protestatione multiplicis nullitatis. Lugduni Batavorum, Ex officina Ioannis Paetsij. Anno MDLXXXVI.

[27]Scrive l’ONORIO cit. in “Relatione delle divisioni di Francia 1589”, p. 157: “La Francia è oggidì divisa in due fattioni. L’una è de’ popolari Cattolici uniti et associati con qualche nobiltà, che riconosce Carlo Cardinale di Borbone per Re, et il Signor Duca d’Umena a Luogotenente Generale dello Stato reale et Corona di Francia durante la detentione et prigionia del detto Signore. L’altra è de’ Realisti, composta per la maggior parte de’ Nobili Cattolici et da Ugonotti, havendo per loro Re et Capo Henrico di Borbone Re di Navarra. In queste due fattioni si può dir esser divisa tutta la Francia, tanto in generale, quanto in particolare tutte le Provincie, Città, Castelli, Borghi et Villaggi, tutto il Clero, la Nobiltà et il popolo”. Segue un lungo elenco di città e nobili che parteggiano per l’una o l’altra parte: pp. 160-168).

[28]TEMPESTI I, 612 s.

[29]Inizialmente fu chiamata la “lega dei sedici”, “dalla loro giunta direttiva di sedici persone, corrispondenti ai rioni della città”: PASTOR 218; RANKE, II, 101.

[30]“I Guisa difendevano la religione, ma non avevano che poca probabilità di riuscire co’ mezzi loro, senza la cooperazione del re di Spagna, molto zelante, senza dubbio, e più di essi nella difesa della fede, ma anche risoluto di farsi pagare il suo soccorso, di tôrsi nella divisione del bottino la parte del leone: e il bottino era la Francia”: HÜBNER, 280.

[31]Sul modo per lucrare i benefici dei giubilei, con particolare riferimento a quello voluto da papa Sisto uscì in quegli anni un vademecum del religioso Cesare Bottoni, stampato a Piacenza nel 1589: Osservationi sopra i Giubilei et in particolare sopra quello dato da N. S. Papa Sisto V l’anno MDXCV. A pagina 107 si legge: “Il fine principale che mosse Papa Sisto V a darci questo Giubileo fu accioché aiutassimo Sua Santità con le nostre orationi ad impetrargli forza et aiuto da Dio di sapere governare bene la santa Chiesa”.

[32]Il popolo chiamava “mignon” un favorito del re. Enrico si era circondato di un gruppo di uomini completamente devoti a lui e che conobbero una carriera folgorante. Fra essi vi era Jean Louis de Nogaret de La Valette (1554-1642), duca di Épernon, il primo dei favoriti, tanto da essere chiamato “le demi-roi” (“il mezzo-re”).

[33]Charles d’Angennes de Rambouillet (1530-1587), vescovo di Le Mans dal 1556, divenuto ambasciatore di Francia presso la Santa Sede nel 1568 e creato cardinale nel 1570. Morì a Tarquinia, dove erano governatore.

[34]PASTOR, 225. ONORIO cit., pp. 622-626: Relatione della morte del Duca di Ghisa nell’anno 1588: “Morto che fu il Duca di Ghisa, il Re andò dalla Regina Madre subito, e li disse, che era Re di Francia hora che haveva fatto morire il Duca di Ghisa; al che ella rispose, che più presto havea messo il Regno in perdizione. Replicò, avenga quello che può venire, almeno mi sono vendicato... Alli venticinque di sera il Re ordinò che le teste del Duca e Cardinale suo fratello fossero tagliata da cadaveri, le quali sono sotto guardia conservate, e i corpi, conforme al comandamento del Re, furono abbruggiati. I Padri Capuccini non hanno, dopo la morte del Cardinale, voluto dir la Messa al Re. Si dice ancora che il Cardinal Legato dubitava al principio di parlare al Re, ma dopoi ha passeggiato longo tempo seco nel parco senza potersi intendere cosa alcuna”.

[35]BAV., Urbinate Latino 868 (“Movimenti del Regno di Francia dal MDLXXXV in sino al MDXCVI”, vol I: Copia della lettera del Signor Duca de Aumala dell’ultimo di Decembre 1588 a Nostro Signore, cc. 182r-183r.

[36]BAV., Urbinate Latino 868 (“Movimenti del Regno di Francia dal MDLXXXV in sino al MDXCVI”, vol I: Manifesto del Re Christianissimo per il quale dimostra le ragioni et cause ch’hanno indotto Sua Maestà a far morire il Duca di Ghisa. cc. 184r-185v).

[37]BAV., Urbinate Latino 868 (“Movimenti del Regno di Francia dal MDLXXXV in sino al MDXCVI”, vol I: Quello che Papa Sisto V.to disse alla presenza de Cardinali circa l’assassinamento et morte del Cardinal di Guisa. cc. 186r-195r.

[38]Il testo del discorso è in AAV, Acta consist. camer. XI, 107. Parti del testo in HÜBNER II, 216 e PASTOR 228-229.

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto