Mercoledì, 08 Febbraio 2023

Chi e' on line

Abbiamo 261 visitatori e nessun utente online

itenfrdeptrues

I due lombardi: Michelangelo Merisi da Caravaggio e Domenico Fontana*

Vissuto storico*

RitrattoFontanaL’incontro nella chiesa

"Perché rimani alle mie spalle?”.
“Per non disturbarti mentre dipingi”.
“Chi sei?".
“Domenico Fontana".
“Il cosiddetto ingegnere maggiore del ragno?”.
“Il cosiddetto e non del ragno”.
“A Roma eri quello delle mentule1 sulle piazze?".
“Tu li chiami così gli obelischi?”.
"Io li vedo così. Mettiti al mio fianco, mi dai fasti­dio stando dietro”.
"Eccomi".
“Sei dovuto fuggire da Roma anche tu ”.
"Non sono fuggito. È che ho accettato...’’.
"Non hai bisogno di giustificarti. Non con me”.
"Stai dipingendo le Sette opere della Misericor­dia Corporale. Irradia emozione tagliente".
“Intanto dovrebbero essere otto. C'è pure la mia. Mi hanno promesso trecento ducati. Ma i preti e i nobili quando promettono non danno poi nien­te. Cose che hai detto di provare?".
“Un’emozione tagliente".
“Di tagliente c'è la lotta tra luce e tenebra. Tra me stesso e il resto che tu non puoi vedere".
“Hai la sofferenza di quanti inventano il nuovo”.
“Che ne sai tu? Tu non l’hai mai fatto".
“Ho cercato".
“Sei sempre stato troppo sazio, troppo ricco per cercare. Hai solo cercato di esaltare il potere, pri­ma quello di Roma, ora quello della Spagna". 

800px Caravaggio Sette opere di Misericordia 1607 Naples"Non della Spagna, ma di Napoli”.
“Tu esalti i potenti, io li umilio. Cerco una verità nuova che metta a disagio la bellezza”.

"Ci riesci assai bene".

“Tu sei di molti, io di pochi".
"Ma i tuoi quadri...
“I miei quadri non so mai dove finiscono vera­mente. Non li rivedo più. Tu puoi fare un casso­ne enorme come la reggia e tutti lo vedono. Starà sempre lì e magari si
dirà che è pure bella, ap­plaudiranno. E tu sarai l'eco di questi stupidi”. 
“Stai esagerando".
"Tu sei reputato un grande, hai rendite, godi di reputazione da nobile cavaliere papalino. Io go­do fama di essere un beone, un dissoluto, aso­ciale, puttaniere”.
“Ancora esageri".
"Macchè, non esagero. Io sono felice di questa re­putazione. Ho una luce vera che violenta le cose". 
“Io ti ammiro molto”.
“Non so che farmene della tua ammirazione. Ci piscio sopra".
“Michelangelo, sono ugualmente felice di averti conosciuto. Ma ora debbo andare”.
“Prima di andartene, passami quel pennello lì". 
“Questo?".
“No. Quello vicino. Sì questo”.
“Allora... addio".
“Addio".
Domenico Fontana si mosse lentamente, a fati­ca. Stava per raggiungere l’uscita.
“Domenico. Toma qui".
Tornò indietro e strano, trovò di colpo il passo leggero.
“Cosa vuoi?".
"Abbracciami”.

Note

* L. PITTONI, Napoli regia. Domenico Fontana Ingegnere Maggiore del Regno, Top Print, Salerno 2005, p. 119.
1 Mentula è il membro virile in latino

SISTONOSTRO!

Satira composta da Fra Felice nel 1544 contro il Padre Gabriele Baffi, Maestro in teologia ad Ancona

Nel tuo mostaccian di Carnevale
non a me R. Padre Baffi
passi senza mentir simile ai Zaffi
che non havi cuor, e pur fanno del male
ipocrito tu sei, io l'indovino
che tu canti il Iube B.ne ora a tutti
così ben dell'ingiuria sai il camino 
non voglio far con te guerra da schiaffi
ma bensì che lo spirito vale
rendermi con parole a te rivale 
a gridarti di dietro Baffi, Baffi 
voglio dire però con labri asciutti
che tu sei del convento il babuino 
albero di malizia e senza frutti.
(In: Vita di Sisto V, autore anonimo, anno 1760).

Login

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto