2021 - Celebrazioni V Centenario della nascita di Sisto V P.O.M.

13.12.2021

Tempo rimanente



Countdown
expired


Link:
PREPARATI


Link:
COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI
Celebrazioni 2021
Venerdì, 26 Aprile 2019

Chi e' on line

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

Doc. n. 39 bis - Il Patriarca di Gerusalemme da Montalto, il 29 aprile 1589 al Papa Sisto V. ASV, SS. Francia, 25, f. 287, 288, 289

I lavori che sindora si sono fatti in Montalto per il principio della Città Nuova, si trovano in questi termini.

S'è cominciato a tagliare il terreno al piano della porta da basso, et s'è tirato inanzi a quel piano fin passato San Pietro, che per lunghezza verso il monte sono canne cinquantacinque, et San Pietro è restato in isola in altezza di canne due in circa, dal piano dove era prima. Da San Pietro in la s'è fatto un taglio, ma non a quel piano fin dentro nel Monte di lunghezza di canne quaranta et in quella altezza di terreno vi si son fatte ora fornaci da cuocer calcina, siché il terreno, che s'è levato, è di buona quantità, oltre quello, che s'è tagliato intorno il Monte, se bene a quelche resta, non è di molta consideratione; et credo, che questa parte, che è stata tagliata, sia stata la più difficile, et la più dura, che nel resto forse non trovaremo tanta difficoltà, piacendo a Dio.

II Bastione, che s'è fatto sotto San Giorgio, comincia sotto la porta da basso, et tira verso la fonte Lupone per lunghezza di canne centoquindici, et è alto findora canne tre, et palmi cinque, et per quel che si può giudicare, è molto ben fatto, poiché con tante nevi, et pioggie di quest'anno è stato saldissimo, et non s'è mosso punto in luogo alcuno.

Il Bastione, che s'ha da far dall'altra parte da Bora, è già stato disegnato conforme alla mente della Santità Vostra et cominciava al torrone di Ser Serafino, dove si farà un Baluardo, et di la si farà una cortina sino a Santo Angelo spertuoso, et nel mezzo farà una piegatura verso la Città, per non calar tanto nella valle, che oltre, che si difenderà meglio, sarà anco fondata nel saldo, et sarà lontana dalla facciata di dietro del palazzo della Signora per canne ventisei, che sarà un buon spatio, et a questo si darà principio subito che venga l'ordine del denaro dalla Santità Vostra et il Colonnello Concetto, che è stato qui, ha visto il disegno, et l'ha laudato.

La piazza sarà di larghezza, et lunghezza più presso più, che meno di quella d'Ascoli.

Il Palazzo della Signora eccellentissima sarà fabrica per il principio, che si vede, nobile, et grande, et è fondato quasi tutto, et mancano solo canne trentasei in diversi luoghi. La parte verso la piazza è fondata tutta, et manca solo intorno a palmi cinque per arrivare al piano della piazza.

Questa fabrica è necessario tirarla manzi, così per ornamento di questa Città, che ce ne saran poche, che n'habbiano una simile, come per comodità delle botteghe, essendovi hora grandissima penuria di case, che molti vi concorreriano, se ve ne fusse comodità, et particolarmente serviranno le botteghe per questi arteggiani della lana, che stanno molto incomodi. Si attenderà dunque a tirare inanzi la parte verso la piazza, et per l'ornamento, et per la comodità delle botteghe, et per l'habitazione delli Signori Padroni, quando piacerà a Dio, che vengano a riveder questa Patria.

In capo di questo Palazzo si trovò già un poco d'una vena d'acqua, la quale continua tuttavia.

In capo al Monte verso la fonte Arrigo ci sono quattro fornaci da cuocer mattoni, che la minore è capace di dodici migliara, et la maggiore di venti et perché queste non potranno supplire, io disegno di farne fare altre quattro, et così anco delle fornaci di calcina, acciò suppliscano al bisogno.

La fabbrica del purgo è già principiata appresso il fiume nel piano verso il molino, et è già fondata più d'una metà, et n'è condotta buona quantità di pietra, et vi sono fornaciari, che faranno de' mattoni quanti ne bisognaranno et per questo lasciarò, che si continui dove è cominciato, perchè altrimenti disegnavo, che si facesse o verso la Monochia, o verso la fonte di Faito, secondo che la Santità Vostra si degnò d'accennarmi et se bene il luogo, dove è principiato, è lontano dalla Città, et potria col tempo patir danno da banditi, tuttavia con quella facilità, che ce intraranno, con la medesima si cacciaranno fuori.

Ho riconosciuto in compagnia di Monsignor Vescovo, et del Governatore, et del Capitano Pompeo tutti li siti da fabricare il Domo, et in effecto si crede, che il meglior sito sia quello, che la Santità Vostra col suo prudentissimo giuditio ha messo in consideratione, cioè dalla parte di San Giorgio, che riuscirà benissimo, et sarà in vista verso il Regno; et credo anco dall'altra parte della Marca.

La facciata del Domo risponderà all'incontro di quella del Palazzo della Signora, che sarà di grande ornamento della piazza et se bene la tribuna bisogna fondarla un poco à basso, tuttavia s'è fatto il calculo, che fino al piano della piazza tra fondamento et muraglia fuori de' fondamenti non passaranno due milla canne di muraglia, per le quali credo non si spenderà in altro, che la calcina, et per l'opere, poiché ci serviremo della materia di Santa Maria a Colle, che sarà buonissima per questo effetto, et di quella di San Pietro, et intanto le fornaci ne coceranno, et in questo sito ne cacaremo questo commodo, che la tribuna servirà per muraglia, et l'accomodaremo in modo, che si potrà andare attorno anco in tempo de' bisogni, et sotto il choro vi riuscirà un'oratorio assai capace, et bello, dove anco si potranno fare delle sepolture, senza che per questo effetto s'habbi da toccar la chiesa si sopra. Et appresso il Domo verso la fonte Lupone ce sarà sito commode per fare il Vescovato, che sarà medesimamente ornamento alla piazza, et ogni altro sito giudico, che portarà maggior difficoltà, che non fa questo, così dunque non comandando la Santità Vostra altro in contrario, venuto che sia l'ordine del denaro, ce si darà felice principio, et se così le parerà, potrà comandare, che si mandi qualche medaglia da metter ne' fondamenti.

Quanto al denaro, determinerà la Santità Vostra quella somma, che alla sua singoiar prudenza parerà che sia necessaria, rendendola certa, che mentre starò io qui, saranno dispensati con diligenza et fedeltà et a me bastarà di metterle in consideratione con quella maggior humiltà, che mi si conviene, che qui sono da fare in un medesimo tempo tutte queste opere, cioè la fabrica del Domo col Vescovato, la fabrica del Palazzo di Sua Eccellenza, li bastioni per chiuder la nuova città, lo spianar del Monte, et il purgo per l'arte della lana, rimettendo sempre il tutto al suo santissimo, et prudentissimo giuditio.

Li denari, che si sono spesi fino a quest'hora, così a tempo de Monsignor Marcolino, come del presente Monsignor Arrigoni tanto per mandati da Roma, come Havuti dal Depositario della Camera, per quel che ho potuto raccogliere io, sono scudi sei milla, et cinquecentosettantaquattro, et baiocchi settantcinque et c'è qualche poco di debito, ma non di molto rilievo.

Relatione delli lavori, et fabriche incominciati, et da principiarsi nella Città di Montalto.

Fabio Biondi Patriarca di Gerusalemme

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto