2021 - Celebrazioni V Centenario della nascita di Sisto V P.O.M.

13.12.2021

Tempo rimanente



Countdown
expired


Link:
PREPARATI


Link:
COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI
Celebrazioni 2021
Domenica, 05 Aprile 2020

Chi e' on line

Abbiamo 16 visitatori e nessun utente online

itenfrdeptrues

Napoli

Una volta pubblicata la bolla Hoc Nostri e recepita da Filippo II di Spagna,  questi comanda a Pietro d’Offuna, suo Vicerè a Napoli, di adeguarsi ai dettami di detta bolla. L’Offuna, anche tramite Ferdinando della Torre, suo agente a Roma, chiede al Pontefice di emettere una seconda bolla con la quale i banditi del regno di Napoli, catturati nello Stato Pontificio, fossero consegnati all’autorità reale, impegnandosi a fare lo stesso sancito da un apposito bando (pubblicato il 16 agosto 1585). Viene emanata una nuova Costituzione, la ALIAS FELICIS, con la quale si ordina a tutti i Legati, Vicelegati e governatori della Città di Bologna di non proteggere in nessun modo i Banditi del Regno di Napoli e di consegnarli agli agenti del viceré. Altresì si autorizza il potere reale a punire banditi fuoriusciti dallo Stato pontificio che avessero commesso delitti in territorio napoletano.

Viene data l’autorizzazione agli agenti del Vicerè di poter inseguire i banditi nello Stato Pontificio fino ad un massimo di dieci miglia e portarli a Napoli, inoltre viene concessa la facoltà di poter entare in Chiese, Monasteri e Celle di religiosi per espletare tali catture.

Sisto è critico per l'atteggiamento di non intervento, contro gli insorti, del viceré per la questione di Gianvincenzo Starace . Costui, uomo ricco e vicino al potere spagnolo viene dilaniato a furor di popolo per problemi relativi alla mancanza di pane in città (1- 355 e 365). Il viceré recepisce i suggerimenti del pontefice facendo arrestare inizialmente sotto altri pretesti alcuni rivoltosi per poi agire alla luce del sole, sollecitato anche da richieste da parte del popolo. Il consigliere Ferrante Fornaro e l'avvocato fiscale Girolamo Olgignano presiedono alle sentenze giustiziandone  trentasette e imprigionandone più di cento.

E per far vedere al pontefice che anche a Napoli il potere era detenuto saldamente, fa radere al suolo la casa dello speziale Giovan Leonardo Pisano, reo di aver sobillato coloro che si erano levati contro Starace.

  Dopo la distruzione dell'edificio vien fatto spargere del sale, le travi di detta casa vengono bruciate in  Piazza della Selleria e sullo spiazzo così creato il vicerè fa erigere una colonna di marmo con una lapide la cui iscrizione ne testimonia l'evento il tutto corredato da macabri reperti di coloro che erano stati giustiziati. (1-pag.366-367)

- Al Papa si presentano due nobili cittadini della città di Benevento che denunciano la promulgazione di un bando da parte del Vicerè di Napoli che vietava la vendita di mercanzie durante la Fiera di quella città. Sisto pretende dall’ Ossuna la revoca del bando, pena la scomunica. Il viceré inizialmente tergiversa, ma avuto dal suo agente a Roma, Ferdinando della Torre, assicurazioni sulla determinazione del Papa, revoca il bando ed è costretto a chiedere il perdono papale.

1586

Sisto rifiuta di inviare derrate di grano richiestogli dal Viceré di Napoli D. Pedro Telléz-Giròn y de la Cueva, noto come Pietro Giron, duca di Ossuna, giustificando la cosa con la gran penuria di questo prodotto. (1-pag.355-356)

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto