2021 - Celebrazioni V Centenario della nascita di Sisto V P.O.M.

13.12.2021

Tempo rimanente



Countdown
expired


Link:
PREPARATI


Link:
COMITATO NAZIONALE DELLE CELEBRAZIONI
Celebrazioni 2021
Mercoledì, 20 Ottobre 2021
< >

Redenzione degli schiavi

Algeri 1584 - 1587

Araldica sistina

e dei Peretti

Politica Estera

e Missioni

Donna Camilla...

la "Signora"

La Marca

e il Piceno

Ritratti e monumenti

di Sisto V

Nuova Montalto

Patria carissima

Celebrazioni Sistine

V Centenario della nascita (1521 - 2021)

Chi e' on line

Abbiamo 27 visitatori e nessun utente online

itenfrdeptrues

A cura di Mauro Valerio Capecci

Convenevoli Partizioni

Convenevoli Partizioni

Le “Convenevoli Partizioni” sono delle Pezze araldiche che dividono il Campo dello scudo in parti uguali e si compongono sempre e soltanto di due tipi di smalti diversi tra loro.
Quando il numero totale delle suddivisioni formate dai due smalti è 6 non occorre specificarlo nella blasonatura.
Le principali “Convenevoli Partizioni” sono le seguenti:

Leggi tutto...

Stemmi araldici e blasonature delle città e terre del Presidato

Castignano-Stemma s cauda sx

Castignano - Scudo Sannitico: di rosso all'albero di castagno di verde, nodrito sulla sommità di un monte di 5 cime del medesimo, moventi dalla punta e ordinate in fascia, quelle ai lati più basse, quella al centro più alta, fiancheggiato a destra da un fiordaliso d’argento, a sinistra da una stella dello stesso. Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso (tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d'argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d'argento). Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia, passati in decusse e legati con un nastro di porpora, decussato, ridecussato e nappato d'oro alle due estremità.s cauda dx

Cossignano-Stemmas cauda sx

 

 

CossignanoScudo Sannitico: d’azzurro al castello d’oro, murato, aperto e finestrato di due pezzi di nero, torricellato di tre torri del primo, quella al centro più grande, merlate ciascuna di quattro pezzi d’oro e mattonate di nero, sormontato dalle due chiavi papali, una d’argento e l’altra d’oro, passate in decusse.

Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso ( tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d’argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d’argento).

Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia, passati in decusse e legati con il nastro tricolore d’Italia.s cauda dx
forces cauda sx ForceScudo Sannitico; di rosso, a quattro catene di nero, moventi dagli angoli dello scudo, e legate nel cuore da un anello dello stesso.

Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso ( tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d’argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d’argento).

Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia passati in decusse e legati con il nastro tricolore d’Italia, il tutto sormontante una lista di rosso, svolazzante in fascia, e sopportante il motto in caratteri monumentali d’oro: “ FORCE ”. s cauda dx

montaltomarches cauda sx MontaltoScudo Sagomato: di rosso al monte di 3 cime di verde, ordinate in fascia, quella al centro più alta, sormontato dalle due chiavi papali, una d’oro e l’altra d’argento, passate in decusse e accompagnate in capo da una cometa d’argento di sei raggi; alla bordura gemellata d’oro e bisantata di 52 pezzi d’argento.

Lo scudo timbrato dalla corona formata da un cerchio d’oro, gemmato, sostenente 3 trifogli dello stesso alternati da 2 perle.
Sotto la punta dello scudo due rami d’alloro al naturale nodriti su di un sepolcro di marmo. s cauda dx

montedinoves cauda sx

Montedinove - Scudo accartocciato: di rosso al monte all’italiana di 9 cime al naturale, disposte 2.3.4, terrazzato dello stesso e sormontato dalle due chiavi papali, una d’argento e l’altra d’oro, passate in decusse. Lo scudo timbrato da una corona d’oro all’antica, radiata di 9 punte; accollato da due liste bifide di carnagione, disposte a mo’ di svolazzi, uscenti dal capo e ricadenti ai lati; circondato da una ghirlanda di fiori al naturale. s cauda dx

montefioredellasos cauda sx Montefiore dell'Aso - Scudo Sannitico; d’azzurro bordato d’argento, al monte di 5 cime di verde, ordinate in fascia e moventi da un terrazzo al naturale, quelle ai lati più basse, quella al centro più alta, cimate, ciascuna, da un fiore d’argento, gambuto e fogliato di verde.

Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso ( tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d’argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d’argento).

Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia passati in decusse e legati con il nastro tricolore d’Italia. Lo stemma di Montefiore dell’Aso deriva dalle disposizioni degli antichi Statuti Comunali del 1569, e il suo motto latino è il seguente: " Flora locum tenuit qui nunc de nomine florum dicitur ". s cauda dx

montefortinos cauda sx  Montefortino - Scudo Sagomato; partito d’azzurro e d’argento, al monte attraversante la partizione, composto di cinque cime d’oro, ordinate in fascia e moventi da un terrazzo di verde, quella al centro più alta, le due laterali più basse e cimate, ognuna, da un albero di verde. Lo scudo timbrato da una corona d’oro, gemmata, sostenente 5 fioroni del primo. Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia, passati in decusse e legati, in fiocco, con il nastro tricolore d’Italia. s cauda dx
Montegallo-Stemmas cauda sx  Montegallo - Scudo Sannitico: d’azzurro al gallo al naturale, crestato e barbato di rosso, ardito sulla sommità di un monte di 5 cime di verde, moventi dalla punta e ordinate in fascia, quelle ai lati più basse, quella al centro più alta.

Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso ( tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d’argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d’argento).

Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia, passati in decusse e legati con il nastro tricolore d’Italia. s cauda dx

montelparos cauda sx Montelparo - Scudo Sagomato: d’azzurro al San Michele di carnagione, cinto di rosso, coronato d’oro, impugnante nella destra una spada al naturale alta in sbarra, tenente nella sinistra una stadera dello stesso, appoggiato su un monte di 3 cime di verde, moventi dalla punta e ordinate in fascia, addestrato dalle chiavi papali d’oro, passate in decusse. s cauda dx
Montemonaco-Stemmas cauda sx Montemonaco - Scudo Sagomato; d’azzurro, al castello di tre torri merlate, quella centrale più stretta e più alta, il tutto d’argento e mattonato di nero, le torri sormontate, ciascuna, da una stella d’oro; alla campagna d’argento caricata di un monte di 5 cime, ordinate in fascia e moventi dalla punta, quelle ai lati più basse, quella al centro più alta, sormontate dalle due chiavi papali, passate in decusse e accompagnate, nei cantoni destro e sinistro del capo, da due stelle, il tutto d’oro. s cauda dx
Monterubbiano-Stemmas cauda sx Monterubbiano - Scudo a Testa di Cavallo; fasciato di rosso e di carnagione, le fasce del secondo caricate, ciascuna, di una terza di nero; al capo abbassato di carnagione, caricato di un monte di tre cime di rosso, ordinate in fascia e moventi dalla partizione, quella al centro più alta, sormontata da due rameggiature di nero disposte, a destra, in banda, a sinistra in sbarra.

Lo scudo timbrato da una corona formata da una cinta muraria d’oro, mattonata di nero, aperta di tre pusterle di rosso, sostenente 9 torri d’oro, merlate di due pezzi dello stesso e aperte di rosso.

Lo scudo fiancheggiato da due rami di fiori d’oro, intrecciati con due liste bifide d’argento, annodate sotto la punta e sopportanti il motto in caratteri monumentali di nero: “ URBS URBANA VOCOR MEA GENS URBANA VOCATUR ”. s cauda dx

Offidas cauda sx OffidaScudo Sannitico: d’azzurro alla banda di rosso, accompagnata nel cantone sinistro del capo da un torrione al naturale, merlato di 9 pezzi dello stesso, aperto di nero, finestrato di 9 pusterle del medesimo, 6, poste 2.2.2, e 3 ordinate in fascia sulla merlatura, torricellato di una torretta a cupola del primo, cimata da una croce dello stesso.

Lo scudo timbrato da un elmo d’oro rabescato, posto in maestà e con la visiera completamente aperta, burlettato d’argento e di rosso, cimato da una corona d’oro all’antica, radiata di 9 punte, lambrecchinato d’azzurro soppannanto di rosso.

Sostenuto da due leoni controrampanti d’oro, armati dello stesso e lampassati di rosso, appoggiati su una lista d’argento accartocciata, sopportante il motto in caratteri monumentali di rosso: “OPHIDAE SUM LEO GUELFUS QUI NOMINE VICI“.s cauda dx

patrigno1s cauda sx Patrignone - Di rosso, a due righe scorciate, d’azzurro, ondate superiormente di 3 pezzi d’argento, racchiudenti una gemella scorciata di nero, il tutto sormontato dalle due chiavi papali, una d’oro e l’altra d’argento, passate in decusse e accompagnate in capo da una stella d’argento di 8 punte. s cauda dx
porchia1s cauda sx  Porchia - D’ argento, alla doppia gemella d’azzurro scorciata in banda. s cauda dx
Rotella-Stemmas cauda sx  Rotella - Scudo Sannitico: d’azzurro all’Agnus Dei al naturale, recante nell’anteriore destro una croce d’argento, da cui si diparte una banderuola bifida dello stesso e crociata di rosso, sormontato dalle due chiavi papali, una d’argento e l’altra d’oro, passate in decusse.
Lo scudo timbrato dalla corona di Comune (formata da un cerchio d’argento murato di nero e aperto di quattro archi dello stesso (tre visibili), sostenente una cinta muraria, pure essa d’argento, aperta di sedici porte di nero (nove visibili) e sormontata da una merlatura alla ghibellina di sedici pezzi (nove visibili) sempre d’argento).
Sotto la punta dello scudo due rami al naturale, uno di alloro e uno di quercia, passati in decusse e legati con il nastro tricolore d’Italia. s cauda dx
ripatransone1s cauda sx RipatransoneScudo Sagomato: di rosso al leone d’oro illeopardito, recante nella branca anteriore destra un fiordaliso dello stesso, passante su di un monte di 5 cime di verde, moventi dalla punta e ordinate in fascia, quella centrale più alta. Lo scudo timbrato dalla corona di Città (formata da un cerchio d’oro, murato di nero e aperto di otto pusterle (5 visibili), sostenente otto torri d'oro (5 visibili), merlate alla ghibellina, ognuna di 3 pezzi dello stesso, murate, aperte e finestrate di nero, unite da 4 cortine, sempre d'oro, murate di nero).
Circondato da due rameggiature d’argento, passate in decusse e legate sotto la punta dello scudo. s cauda dx


santavittoriainmantenanos cauda sx Santa Vittoria in MatenanoScudo Sannitico: di rosso alla Abbazia di Farfa d&#8217;oro, aperta e finestrata 

di nero, cimata da una cupola del primo, fiancheggiata da due torri dello stesso, finestrate ciascuna di una pusterla del secondo; la campagna, di tan&eacute;, ad un leone rivolto, illeopardito e passante d'oro; alzato e sporgente al di sopra del punto del capo uno scudetto, sempre tané, caricato delle due chiavi papali, d'oro, passate in decusse e con gli ingegni all'ingiù.
Lo scudo timbrato da una corona d'oro, gemmata, sostenente 5 fioroni del primo. s cauda dx

 

Le Corone

Le Corone.

Le Corone sono il principale distintivo di rango nobiliare e la loro forma varia a seconda del titolo. Possono trovarsi sia direttamente sopra lo scudo, e allora si riferiscono a una persona, oppure possono trovarsi in cima all’elmo, e in tal caso si riferiscono alla intera famiglia.
In Araldica, per dire che una Corona sovrasta lo scudo, si usa il termine “Timbrare”.

Leggi tutto...

Gli Elmi

Gli Elmi

Gli elmi, similmente alle Corone, si pongono sopra lo scudo e sono indice dello “Status” del titolare. Lo “Status” può essere di due tipi: Nobiliare o Borghese.

Leggi tutto...

Lambrecchini

I Lambrecchini

Il Lambrecchino è una copertura in stoffa posta sopra l’elmo dei cavalieri, a protezione dai raggi del sole.

La forma più antica, nonché la più funzionale, è quella del XIII – XIV secolo, cioè una semplice pezza quadrangolare che ricadeva sulla nuca a foggia di mantellina.

Leggi tutto...

Linee di partizione

Linee di Partizione

I bordi di una qualunque Partizione o di una qualunque Figura araldica possono essere non soltanto lineari ma assumere forme diverse.
Le “Linee di Partizione”, dunque, sono in pratica il contorno. Ne esistono svariati tipi. Qui di seguito vediamo le più comuni:

Leggi tutto

Gli Smalti (Metalli, Colori e Pellicce)

Gli "Smalti" sono tutte le tinteggiature che riempiono lo scudo ed ogni altra figura presente su di esso o intorno ad esso, e si dividono in tre tipologie:

Leggi tutto...

I Punti dello Scudo

Lo scudo araldico è diviso in modo immaginario in vari Punti.
Questa suddivisione serve per descrivere l’esatta posizione delle Figure allorquando si fa una blasonatura

Leggi tutto...

Lo scudo

Lo Scudo

La parte più importante di uno stemma araldico è lo scudo, poiché è su di esso che si posizionano tutte le figure, le linee, ecc. che rappresentano concretamente questa o quella famiglia (o individuo).

Leggi tutto...

Satira composta da Fra Felice nel 1544 contro il Padre Gabriele Baffi, Maestro in teologia ad Ancona

Nel tuo mostaccian di Carnevale
non a me R. Padre Baffi
passi senza mentir simile ai Zaffi
che non havi cuor, e pur fanno del male
ipocrito tu sei, io l'indovino
che tu canti il Iube B.ne ora a tutti
così ben dell'ingiuria sai il camino 
non voglio far con te guerra da schiaffi
ma bensì che lo spirito vale
rendermi con parole a te rivale 
a gridarti di dietro Baffi, Baffi 
voglio dire però con labri asciutti
che tu sei del convento il babuino 
albero di malizia e senza frutti.
(In: Vita di Sisto V, autore anonimo, anno 1760).

Immagine casuale

cartolina1.jpg

Login

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto