Sabato, 25 Maggio 2024

Chi e' on line

Abbiamo 149 visitatori e nessun utente online

DECRETO DI SISTO V DI EREZIONE DEL PRESIDATO DI MONTALTO (*)

  • Categoria: PRESIDATO
  • Scritto da Vincenzo Catani
  • Visite: 40071
  • 09 Gen
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ormai papa Sisto procedeva spedito nella glorificazione della sua Montalto: dopo averla creata città e centro di diocesi, ora le concede di essere centro giuridico e amministrativo del Presidato (il Preside era anche Governatore), nella Bolla che porta la data del suo compleanno, il secondo che celebrava come Papa: 13 dicembre 1586. Sisto V sottrasse il nuovo Presidato dalla soggezione del Governo di Macerata e dalla contribuzione alla spesa della Provincia della Marca.

A Montalto risiedeva il Preside e Governatore, oltre ad un collegio di notai civili e criminali con relativo Archivio e nel palazzo del Governo si facevano le assemblee generali. Gli abitanti del Presidato vennero esentati dal pagare le tasse a Macerata e fu loro concesso il libero commercio per un raggio di quaranta miglia da Montalto senza i soliti aggravi di dazi e gabelle e con il confinante Regno di Napoli.

Il Presidato di Montalto era diviso in tre zone: la zona montana con Force, Montelparo, S. Vittoria, Montefortino, Montemonaco, Montegallo; la zona marina, con Monterubbiano, Montefiore, Ripatransone, Offida, Castignano, Cossignano; la zona di mezzo con Montalto, Porchia, Patrignone, Montedinove e Rotella. Ognuna di queste zone eleggevano tre rappresentanti al Governo del Presidato che duravano in carica due anni e resiedevano a Montalto.

Il Presidato fu soppresso dal governo napoleonico e al suo posto fu concesso a Montalto, nel 1816, di essere centro di Distretto.

Nella lunga serie cronologica dei Presidi di Montalto, iniziata dal milanese Giulio Scalefato, si contano 79 nomi (fino al 1810) e 15 Governatori secolari del Distretto dal 1816 al 1860.

SISTO PP. V

A perpetua memoria

Avendo noi recentemente decorato Montalto, patria nostra carissima, del titolo di città e fatto in perpetuo il dono di cittadinanza a tutti indistintamente i suoi ossequientissimi abitanti, conviene ora che concediamo ad essi e alle terre del nostro Presidato quanto riguarda il felice stato e la loro comune utilità e comodità. Con "motu proprio", pertanto, stabiliamo e ordiniamo che il governo delle città e terre di detto Presidato debba essere in perpetuo nella stessa nostra città di Montalto e i Governatori pro tempore di tale Presidato sono tenuti ad abitarvi stabilmente e ad amministrarvi la giustizia.

Concediamo perciò alle anzidette città e terre un perpetuo Governo distinto e separato, liberando tutte e singole città, terre e persone e quanti hanno in esse domicilio o residenza abituale dal governo e dal regime della provincia della Marca, in modo che in avvenire le terre e le città di tale Presidato non siano mai soggette né alla Congregazione provinciale né al contributo delle spese fatte dalla detta provincia della Marca; e i provinciali di tale provincia paghino le loro spese; e quelli che sono soggetti al governo di tale Presidato sono obbligati soltanto al pagamento delle spese proprie o di quelle che saranno deliberate in avvenire nelle Congregazioni che avranno luogo nella stessa città di Montalto nei modi e nelle forme qui in uso da sempre. E affinché il detto governo si mantenga più saldo, stabiliamo anche e ordiniamo che debbano sempre abitare nella stessa città di Montalto alcuni notai sia civili che criminali e devono impiantare qui un archivio nel quale siano conservate con ogni cura, fedeltà e diligenza tutte le scritture spettanti a detto governo, e che tale archivio e tali scritture non devono mai essere rimossi di lì sotto pena della perdita del loro ufficio. Tali notai, poi, al termine di ciascun governatorato devono essere sottoposti a sindacazione e rendere conto dell'amministrazione ai Sindaci delegati dalla stessa Congregazione del Presidato.
E al fine di conservare, per quanto possibile, l'abbondanza in tali città e terre del Presidato, chiunque, senza essere soggetto al predetto governo, possegga dei beni nel territorio del Presidato, non potrà asportare o fare asportare da là qualsiasi quantità di grano, se prima non avrà assicurato il rilascio della terza narte del prodotto da porsi in vendita al prezzo corrente.Inoltre dovendo le città, terre e luoghi soggetti al detto Presidato pagare lo stipendio e i salari al Governatore e agli Ufficiali del medesimo governo, liberiamo ed esimiamo in modo assoluto tali terre, città e luoghi e loro abitanti dal pagamento che essi sono soliti fare per la provvisione e stipendio del Governatore e Ufficiali della nostra città di Macerata.Concediamo anche alle terre, città e luoghi di detto Presidato la facoltà di eleggersi il Podestà a questa sola condizione: che tale elezione debba essere confermata, senza eccezione o ritardo, dalla Sede Apostolica.
E affinché la popolazione di detto Presidato goda maggiore abbondanza, permettiamo alle stesse terre, città e luoghi di comprare liberamente e senza impedimento di sorta grano del Regno di Napoli in qualunque luogo potranno acquistarlo con maggiore comodità e a loro piacere e di condurlo o farlo condurre alle loro città, terre e luoghi senza chiedere permesso ad alcuno.
E liberiamo ed esentiamo da qualsiasi tributo, dazio, dogana, gabella e pedaggio tutti quelli che vorranno condurre a Montalto cose, beni e merci di qualunque genere per lo spazio di quaranta miglia intorno a detta città, eccetto la dogana di Ancona e le altre dogane per le merci che dall'estero saranno trasportate per mare. Resta perciò vietato in modo assoluto ai conduttori, esattori e appaltatori di detti tributi, dazi, dogane, gabelle e pedaggi di recare il minimo danno alle predette persone e alle loro cose, merci e beni o di esigere qualcosa da essi in merito alle medesime cose e merci sia nell'andata che nel ritorno.
E poiché le nostre terre di Montefortino e Montemonaco non erano prima comprese nel numero delle altre terre del detto Presidato, vogliamo che esse in futuro siano perpetuamente aggregate a detto Presidato e in virtù della presente bolla le aggreghiamo, con il godimento degli stessi privilegi, immunità, esenzioni, prerogative e altri favori che godono ed hanno o godranno e avranno in futuro le altre città, terre e luoghi di detto Presidato, liberandole del tutto e togliendole dal governo e dalla congregazione della provincia della Marca e dalla Prefettura montana.
Vogliamo infine e comandiamo che siano osservate inviolabilmente e in perpetuo le lettere di libero commercio da noi concesse, e confermiamo e ordiniamo che si osservi nel modo e forma del decreto fatto dalla Congregazione: che tutte le città, terre e luoghi soggetti a tale governo abbiano un unico sistema di peso e misura camerale, soggiacendo a quelle pene che il Governatore crederà di imporre. Approviamo ancora e confermiamo tutti e singoli i privilegi, esenzioni, prerogative, Bolle e altri favori concesse finora da noi e da altri romani Pontefici, nostri predecessori, alle città, terre e luoghi predetti, tanto in materia di grano che di qualsiasi altra merce, purché tali concessioni siano passate all'uso; a tutte aggiungiamo forza di stabilità inviolabile: che tutti, cui spetta o spetterà in qualunque modo in futuro, le osservino scrupolosamente che in questo senso siano dovunque giudicate e definite da tutti ì giudici ordinari o delegati, anche dagli Uditori del nostro Palazzo Apostolico e dai Cardinali di S.R.C., fossero pure Legati "a latere", privandoli di ogni facoltà e autorità di giudicare e interpretare in altro senso. E decretiamo irrito e nullo ogni cosa si tentasse in contrario da chiunque, con qualsiasi autorità, scientemente o per ignoranza...

Dato a Roma, presso S. Pietro, sotto l'anello del Pescatore, il 13 dicembre 1586, anno secondo del nostro Pontificato.

SIXTUS PP V

POSTQUAM NOS nuper patriam nostram carissimam Montis Alti debito civitatis titulo decoravimus, ispiusque incolas et habitatores nostri obsequentissimos civitate perpetuo donavimus, id in praesentiarum nobis agendum est, ut illa eis ac terris nostri praesidatus concedamus, quae felicem statum et communem utilitatem et commoditatem eorum concernere dicuntur; motu itaque proprio statuimus et ordinamus quod gubernium civitatum et terrarum dicti Praesidatus apud eamdem nostram civitatem Montis Alti perpetuo esse debeat; et pro tempore existentes dicti Praesidatus gubernatores perpetuam ibidem residentiam tacere, et iustitiam administrare teneantur. Concedimus propterea ipsis civitatibus ac terris perpetuum gubernium distinctum et separatum, liberantes omnes et singulas praefatas civitates ac terras ac personas, incolas et habitatores earumdem a gubernio et regimine provinciae Marchiae, ita ut, perpetuis futuris temporibus, terrae et civitates ipsius Praesidatus nec congregationi provinciali nec contibutioni expensarum per dictam provinciam Marchiae facendarum adstringantur; ac provinciales dictae provinciae suas expensas solvant, et subiecti gubernio dicti praesidatus, debeant dumtaxat solvere expensas, quas facient, quaequae ordinabuntur in eorum congregationibus apud eamdem civitatem Montis Alti perpetuis futuris temporibus fiendis, eisdem modo et forma, quibus ibidem antiquitus factum fuit. Ut autem dictum gubernium firmius subsistat, statuimus et ordinamus quod notarii, tam civiles quam criminales, debeant continuo habitare in eadem civitate Montis Alti, et inibi unum archivium erigere, ubi cum magno studio, fidelitate et diligentia conserventur omnes scripturae ad dictum gubernium spectantes, ipsumque archivium et scripturas inde nullo modo amoveri possit, sub poena privationis eorum officiorum; ipsique notarii in fine cuiuslibet gubernii syndicatui stare, et de administratis, syndicis, ab ipsa praesidatus congregatione deputandis, rationem reddere. Et ut rerum abundantia in dictis civitatibus et terris praesidatus, quantum fieri potest, existat, statuimus quod nullus praedicto gubernio minime subiectus, possidens bona in terris praedictis, possit inde extrahere seu extrahi facere aliquam grani quantitatem, nisi prius sibi reliquerit tertiam partem, quam pro pretio currenti vendere debeat. Praeterea, cum civitates et terrae ac loca dicti praesidatus gubernio subiecta, stipendium et salarium gubernatori et officialibus eiusdem gubernii persolvant, ipsas terras, civitates et loca earumque personas a solutionibus custodiarum ab ipsis fieri solitis pro provisionibus seu mercedibus gubernatoris et officialium civitatis nostrae Maceratensis, prorsus liberamus et eximimus. Necnon terris, civitatibus et locis dicti praesidatus facultatem eligendi eorum praetorem concedimus, ita tamen ut electio huiusmodi per Sedem Apostolicam, absque aliqua retardatione et exceptione, confirmari debeat. Et ut homines dicti praesidatus maiori cum rerum copia vivere possint, ipsis terris, civitatibus et locis indulgemus ut libere et absque ullis impedimentis possint emere granum Regni Neapolitani, ubi id commodius facere poterunt et eis benevisum fuerit, ac illud conducere et conduci facere ad eorum civitates terras et loca, nullius ad hoc requisita licentia. Eos quoque liberamus et eximimus ab omnibus vectigalibus, datiis, doganis, gabellis et transitibus, qui res, bona et merces cuiusvis generis ad dictam civitatem Montis Alti, excepta tamen dogana Anconae et aliis doganis pro rebus extra Statum per mare transportandis; inhibemus propterea dictorum vectigalium, datiorum, gabellarum et transituum huiusmodi conductoribus, exactoribus et appaltatoribus ne personas praedictas, eorumque res, merces et bona quoquo modo molestare, aut ab eis quidquam, ratione earumdem rerum et mercium, tam in eundo quam redeundo, exigere praesumant. Et quia terrae nostrae Montis Fortini et Montis Monachi dicti praesidatus gubernio subiectae, non erant primitus aggregatae numero aliarum terrarum dicti praesidatus, volumus ut illae in futurum sint perpetuo aggregatae dicto praesidatui, prout illas per praesentes nostras aggregamus, gaudeantque, eisdem privilegis, immunitatibus exemptionibus, praerogativis et aliis gratiis, quibus aliae dicti praesidatus civitates, terrae et loca gaudent et potiuntur, et gaudere et potiri poterunt quomodolibet in futurum, liberantes eas prorsus in eximentes a gubernio et congregatione provinciae Marchiae et praefectura Montaneae. Postremo litteras liberi commercii a nobis concessas inviolabiliter et perpetuo observari volumus et mandamus: necnon decretum a congregatione factum quod omnes civitates, terrae ac loca dicto gubernio subiectae debeant habere unum et idem pondus et mensuram, vidilecet cameralem, sub poenis a gubernatore imponendis, confirmamus et observari mandamus, modo et forma quibus supra. Necnon omnia et singula privilegia, exemptiones, praerogativas, bullas et alias gratias civitatibus, terris et locis praedictis per nos et alios Romanos Pontifices praedecessores nostros hactenus quomodolibet, tam in materia gravi quam cuiusvis alterius rei concessas, quatenus sint usu receptae, approbamus et confirmamus illisque perpetuae et inviolabilis apostolicae firmitatis robur adiicimus, ac illa et illas ad quos spectat et in futurum quomodolibet spectabit, inviolabiliter observari debere. Sicque per quoscumque iudices ordinarios et delegatos, etiam causarum Palatii Apostolici auditores, ac S. R. E. Cardinales, etiam legatos de latere, sublata eis et eorum cuilibet quavis aliter iudicandi et interpretandi facultate et auctoritate, ubique iudicari et diffiniri debere; necnon irritum et inane quidquid secus super his a quoquam, quavis auctoritate, scienter vel ignoranter, contigerit attentari, decernimus. Non obstantibus felicis recordationis Bonifacii Papae VIII praedecessoris nostri, de una, et concilii generalis de duabus diaetis, dummodo ultra tres diaetas aliquis auctoritate praesentium ad iudicium non trahatur; necnon recolendae memoriae Pii Papae IV, etiam praedecessoris nostri, de registrandis gratiis Camerae Apostolicae intereresse concernentibus in eadem Camera, intra certum tunc expressum tempus; ac aliis contitutionibus apostolicis, et quatenus opus sit, nostra de non tollendo iure quaesito; privilegiis quoque, indultis et litteris apostolicis in contrarium quomodolibet concessis, approbatis et innovatis. Quibus omnibus, etiamsi de illis eorumque totis tenoribus specialis et expressa men-tio, seu quaevis alia expressio habenda aut aliqua alia exquisita forma ad hoc servanda foret, eorum tenores praesentibus pro expressis habentes, illis alias in suo robore permansuris, hac vice dumtaxat, specialiter et expresse derogamus, ceterisque contrariis quibuscumque. Volumus autem quod earumdem praesentium transumptis, etiam impressis, manu alicuius notarii pubblici subscriptis et sigillo cuiusvis personae in dignitate ecclesiastica munitis, eadem prorsus fides exibeat ubilibet in sud., et extra, quae juris........ 

Datum Romae apud Sanctum Petrum, sub anulo Piscatoris, die XIII decembris MDLXXXVI, pontificatus nostri anno secundo.

Originale in pergamena presso l'Archivio Comunale di Montalto;
Bullanum Romanum, 
 IX, pp. 254-256; testo del documento presso l'Archivio Segreto Vaticano, Secr. Brev. 123, ff. 85-86.

(*) In: V. Catani, La Chiesa Truentina, Op. cit., pp. 82 -87 

Serie dei Prèsidi di Montalto *

  • Categoria: PRESIDATO
  • Scritto da Umberto Guerra
  • Visite: 35317
  • 12 Ago
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

corridoio 600I - Si erige il Governo del Presidato con capitale Montalto.

... Di motu proprio, pertanto, stabiliamo e ordiniamo che il Governo delle Città e Terre di detto Presidato debba essere in perpetuo nella medisima nostra Città di Montalto e i Governatori prò tempore di esso Presidato sieno tenuti a farvi perpetua dimora e ad amministrare da essa la giustizia. Concediamo perciò alle anzidetto Città e Terre un perpetuo Governo distinto e separato, liberando tutte e singole città, Terre e Persone e quanti hanno in esse domicilio o residenza abituale dal Governo e dal Regime della provincia della Marca, di guisa che in avvenire le Terre e Città di esso Presidato non sieno mai soggette né alla Congregazione Provinciale né al contributo delle spese che dalla detta Provincia della Marca si facessero; e i Provinciali di detta Provincia paghino essi le loro spese; e quelli che sono soggetti al Governo di detto Presidato sieno obbligati soltanto al pagamento delle spese proprie o di quelle che saranno deliberate in avvenire nelle Congregazioni che avranno luogo nella stessa Città di Montalto nei modi e forme quivi in uso ab antico (**).
Di seguito la serie dei Presidi che hanno amministrato lo Stato di Montalto.

 

 

I Mons. Giulio Sclafenato Milanese 1586
  Mons. Mercolino Monsegnani Forlivese 1587
    Costantino Arrigoni1 Mantovano 1589
II Mons.  Paolo Zambeccari Bolognese 1598
III Mons. Lelio Sega Bolognese 1601
IV Mons. Lorenzo Martano    3 Febb. 1609
V Mons. Michele Carcano Milanese 1612
VI Mons. Lorenzo Magalotti  Fiorentino 14.03.1616 
VII Mons. Pietro Carpegna   14.01.1618
VIII Mons. Paolo Cittadini   14.12.1619
IX  Mons. Francesco Cesi   11.10.1621
Mons. Gregorio Sfrondato   25.10.1622
XI  Mons.  Gio: Nicola Tanara  Bolognese 14. Feb. 1623
XII  Mons.  Ranuccio Scotti   23.11.1623
XIII  Mons.  Francesco Visconti Milanese 15.08.1625
XIV  Mons.  Paolo Mattei Romano 08.03.1627
XV  Mons.  Federico S. Giorgio   20.03.1628
XVI  Mons.  Girolamo Bossio   13.12.1629
XVII  Mons.  Brunoro Sciamanna Terni 10.02.1632
XVIII  Mons.  Giovanno Ciampoli Fiorentino 29.11.1632
XIX  Mons.  Carlo Gessi Bolognese 18.05.1636
XX  Mons.  Gaudenzio Poli   17.10.1638
XXI  Mons.  Carlo Terzago Milanese 25.06.1640 
XXII  Mons.  Giuseppe Baviera Senigaglia 13.02.1641
XXIII  Mons.  Federico Borromeo Milanese 16.04.1643 
XXIV  Mons.  Carlo Nembrini Anconitano 01.07.1643
XXV  Mons.  Giulio Spinola Genovese 30.12.1644
XXVI  Mons.  Federico Borromeo1  Milanese 16.04.1648
XXVII  Mons.  Giacomo De Angelis   23.08.1652
XXVIII  Mons.  Gio. Ludovico Palombara Romano 09.07.1653
XXIX  Mons.  Orazio Mattei Romano 28.04.1654
XXX  Mons.  Lorenzo Lomellini Genovese 01.06.1655
XXXI  Mons.  Pietro Barzellini Bolognese  17.05.1656
XXXII Mons.  Francesco Falconeri  Fiorentino  30.01.1658 
XXXIII  Mons.  Giuseppe Ceurano   08.07.1659
XXXIV  Mons.  Giulio degl'Oddi Perugino 15.11.1659
XXXV Mons.  Carlo Montecatini Ferrarese 07.03.1661
XXXVI Mons.  Tommaso Acquaviva d'Aragona Conversano 14.12.1661
XXXVII  Mons.  Opizio Paravicino   14.05.1664
XXXVIII  Mons.  Giuseppe Mosti Ferrarese 31.10.1665
XXXIX  Mons.  Federico Visconti Milanese 09.07.1666
XL  Mons.  Andrea Bentivoglio Bolognese 16.04.1667
XLI  Mons.  Luigi Zeloni Pistoiese 28.04.1668
XLII  Mons.  Francesco Carrafa Napoletano 02.07.1670
XLIII  Mons.  Cristofero Doria Genovese 27.12.1675
XLIV  Mons.  Gio. Antonio Seccoborelli Milanese 08.07.1677
XLV  Mons.  Lorenzo Gherardi M. Alboddo 12.02.1685
XLVI  Mons.  Gio. Antonio Frigerio Perugino 14.10.1686
XLVII  Mons.  Marcellino Albergotti Fiorentino 30.08.1690
XLVIII  Mons.  Niccolò Caracciolo Napoletano 25.01.1693
XLVIX  Mons.  Sinibaldo Doria Genovese 01.08.1695
Mons.  Bente Bentivoglio Bolognese 04.01.1699
LI  Mons.  Gio. Francesco Leonini Romano 20.06.1701
LII  Mons.  Giacinto Pilastri Cesena 28.02.1705
LIII  Mons.  Gio. Giuseppe Baviera Senigaglia 03.12.1706
LIV  Mons.  Alessandro Arrigoni Mantovano 02.06.1709
LV  Mons.  Giuseppe Ascanio Cansacco Amelia 16.12.1712
LVI Mons.  Giovanni Mattei Ancona 24.06.1718
LVII  Mons.  Rafaele Fabbretti Bussi Urbino  marzo 1726 
LVIII  Mons.  Marzio Carrafa Napoletano  11.02.1730 
LIX  Mons.  Ignazio Stelluti Fabriano  03.09.1732 
LX Mons.  Ruberto de' Conti della Genga Spoleto  22.10.1735 
LXI  Mons.  Alessandro Bianchi Maltese  17.03.1736 
LXII  Mons.  Ippolito Francesco Rasponi Ravennate  27.09.1737 
LXIII  Mons.  Giuseppe Maria Centini 3 Ascolano 24.09.1739
LXIV  Mons.  Gio: Batt: Baldassini  Pesarese 12.03.1760
LXV Mons.  Giacomo Filomarino Napoletano  31.01.1765
LXVI  Mons.  Gio: Resta  Milanese 09.06.1775
LXVII  Mons.  Francesco Cacherano de Bricherasio Torinese 25.11.1782
LXVIII  Mons.  Antonio Frosini Modenese 27.09.1786
LXIX  Mons.  Pio Puccetti Cingoli 11.10.1790
LXX  Mons.  Francesco Brivio Milanese  

 ______________

* G. COLUCCI, Antichità Picene. Opera storica di tutta la Marca in 32 volumi, T. XXXI, p. 98-100.

**  Dal Breve Postquam nos

1 Nella Serie dei Prèsidi di Montalto di Giuseppe Colucci, non è presente Mons. Arrigoni (1589) che è presente invece nella Serie riportata da PIETRO ANDREA GALLI, Notizie intorno alla vera Origine, Patria e Nascita del Sommo Pontefice Sisto V Con un Ragionamento istorico sulla serie della sua Vita..., Giuseppe Valenti Stamp. Vescovile &c. Ripatransone, MDCCLIV, p. 156. Cfr. anche MARIO VINICIO BIONDI, Presidato di Montalto, in: La Marca e le sue istituzioni, Op. cit., p. 180, n. 10.

2 Per la 2^ volta

3 Fatto Vescovo

Il Presidato di Sisto V

  • Categoria: PRESIDATO
  • Scritto da Vincenzo Catani
  • Visite: 24002
  • 15 Gen
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 

presidato

Ormai papa Sisto procedeva spedito nella glorificazione della sua Montalto: dopo averla creata città e centro di diocesi, ora le concede di essere centro giuridico e amministrativo del Presidato (il Preside era anche Governatore), nella Bolla che porta la data del suo compleanno, il secondo che celebrava come Papa: 13 dicembre 1586. Sisto V sottrasse il nuovo Presidato dalla soggezione del Governo di Macerata e dalla contribuzione alla spesa della Provincia della Marca.

A Montalto risiedeva il Preside e Governatore, oltre ad un collegio di notai civili e criminali con relativo Archivio e nel palazzo del Governo si facevano le assemblee generali. Gli abitanti del Presidato vennero esentati dal pagare le tasse a Macerata e fu loro concesso il libero commercio per un raggio di quaranta miglia da Montalto senza i soliti aggravi di dazi e gabelle e con il confinante Regno di Napoli. 

Il Presidato di Montalto era diviso in tre zone: la zona montana con Force, Montelparo, S. Vittoria, Montefortino, Montemonaco, Montegallo; la zona marina, con Monterubbiano, Montefiore, Ripatransone, Offida, Castignano, Cossignano; la zona di mezzo con Montalto, Porchia, Patrignone, Montedinove e Rotella. Ognuna di queste zone eleggevano tre rappresentanti al Governo del Presidato che duravano in carica due anni e resiedevano a Montalto.

Il Presidato fu soppresso dal governo napoleonico e al suo posto fu concesso a Montalto, nel 1816, di essere centro di Distretto.

Nella lunga serie cronologica dei Presidi di Montalto, iniziata dal milanese Giulio Scalefato, si contano 79 nomi (fino al 1810) e 15 Governatori secolari del Distretto dal 1816 al 1860.

(In: Vincenzo Catani, La Chiesa Truentina, Op. Cit., pp. 82-87)

 

test castigna 

test cossigna  test force 
test montalto

test mdi9  test mfiore 
test mfortino

test mgallo test melparo 
test mmonaco

test mrubbiano test offida
testata

test porchia test ripa
test rotella test svitt test valdaso

Sottocategorie


.... Ora aggiungeremo il Catalogo de' Prelati, che fino al presente hanno fatta la loro residenza in Montalto in qualità di Presidi.

Giulio Sclafenate Milanese fu il primo destinatovi da Sisto nell' anno 1586 con il carico di Commissario Apostolico contro de' Banditi, ed altre genti facinorose, che in que’ tempi orgogliosamente infestavano lo Stato Ecclesiastico; Si diportò in tal ministero fuor di modo rigoroso, e sanguinario, e si racconta, che facesse morire sotto il capestro un gran numero di Persone, non solo per cause gravi, ma ancora leggiere, onde nel suo ritorno in Roma venne dal Pontefice acremente redarguito di troppa crudeltà. Nell’andito del Palazzo Apostolico vi fece ergerel’Arma di Sua Santità con la seguente Iscrizione

Syxto V. de Monte Alto P. M. Pietatis, & Justitie valdè amatori.  Purgato Piceno a diuturna facinorosorum Hominum infestatione.  Pont. sui An. Primo.
Julius Sclafenatus Med. Præs. Gub. Posuit
A. D. MDLXXXVI.
CRONOTASSI DEI GOVERNATORI DEL PRESIDATO SISTINO *

Milanese 1586
  • NN. Arrigoni
Mantovano 1589
  • Paolo Zambeccari
Bolognese 1598
  • Lelio Sega
Bolognese 1601
------- 3 Febraro 1609
Milanese 1612
  • Lorenzo Magalotti
Fiorent. 14 Marzo 1616
  • Pietro Carpegna
------- 14 Gennaro 1618
  • Paolo Cittadini
------- 14 Dicembre 1619
  • Francesco Cesi
------- 11 Ottobre 1621
  • Gregorio Sfrondato
------- 25 Ottobre 1622
  • Gio. Niccola Tanara
Bolog. 14 Feb. 1623
  • Ranuccio Scotti
------- 23 Novembre 1623
  • Francesco Visconti
Milanese 15 Agosto 1625
  • Paolo Mattei
Romano 8 Marzo 1627
  • Federico S. Giorgio
------ 20 Marzo 1628
  • Girolamo Boffìo
------- 17 Dicembre 1629
  • Brunoro Sciamanna
da Terni 10 Feb. 1632
  • Giovanni Ciampoli
Fiorentino 29 Nov. 1632
  • Carlo Gessi
Bolognese 18 Maggio 1636
------- 11 Ottobre 1638
Milanese 25 Giugno 1640
  • Giuseppe Baviera
da Sinigaglia 13 Feb. 1641
Milanese 16 Aprile 1643
------- 1 Luglio 1643
Genovese 30 Dicemb. 1644
Milanese 16 Aprile 1648
  • Giacomo de Angelis
------- 23 Agosto 1652
  • Gio. Ludovico Palombara
Romano 9 Lug. 1653
  • Orazio Mattei
Romano 28 Aprile 1654
Genovese 1 Giugno    1655
Bolognese 17 Maggio 1656
------- 30 Gennajo 1658
  • Giuseppe Ceurano
--------- 8 Luglio 1659
  • Giulio degli Oddi
Perugino 15 Nov. 1659
  • Carlo Montecatini
Ferrarese 7 Marzo 1661
  • Tommaso Acquaviva d' Aragona
di Conversano 14 Dicembre 1661
  • Opizio Paravicino
--------- 14 Maggio 1664
  • Giuseppe Mosti
Ferrarese 31 Ottobre 1665
  • Federico Visconti
Milanese 9 Luglio 1666
  • Andrea Bentivoglio
Bolognese 16 April. 1667
  • Luigi Zeloni
Pistojese 28 Aprile 1668
  • Francesco Carafa
Napolitano 2 Luglio 1670
  • Cristofero Doria
Genovese 27 Dicemb. 1675
  • Gio. Ant. Seccoborelli
Milanese 8 Luglio 1677
  • Lorenzo Gherardi
da M. Alboddo 12 Feb. 1685
  • Gio. Ant. Frigerio
Perugino 14 Ottobre 1686
  • Marcellino Albergotti
Fiorentino 30 Agost. 1690
  • Niccolò Caracciolo
Napolitano 26 Gen. 1693
  • Sinibaldo Doria
Genovese 1 Agosto 1695
  • Bente Bentivoglio
Bolognese 4 Gennaio 1699
  • Gio. Francesco Leonini
Romano 20 Giug. 1701
  • Giacinto Pilastri
da Cesena 28 Febrajo 1705
  • Gio. Giuseppe Baviera
da Sinigaglia 3 Dicembre 1706
  • Alessandro Arrigoni
Mantovano 2 Giugno 1709
  • Giuseppe  Ascanio Cansacco
d' Amelia 16 Dicembre 1712
  • Gio. Mattei
d' Ancona 24 Giugno 1718
  • Rafaelle Fabbretti Buffi
d' Urbino 1726
  • Marzio Carafa
Napolitano 11 Febrajo 1730
  • Ignazio Stelluti
da Fabriano 3 Settemb. 1732
  • Ruberto de Conti della Genga
--------- 22 Ottob. 1735
  • Alessandro Bianchi
Maltese 7 Marzo 1736
  • Ippolito Francesco Rasponi
da Ravenna 27 Settembre 1737
d' Ascoli 24 Settembre 1739
Persiste tuttavia questo degno Prelato nel Governo ed in un si lungo soggiomo non è rimasta oziosa la sua provida mente di lasciare in Montalto una degna memoria di lui della quale ogni ragion vuole di qui darne un piccolo conto. Trovasi in poca distanza dalla Città una Chiesa dedicata alla Santissima Vergine di Loreto, dove esso Prelato per sua particolar divozione, e per secondare il genio d' un Giovane amante del ritiro prese l'assunto di farvi costruire alcune stanze in forma di Romitorio; Quest' idea però bassa nel suo principio, si vede in oggi avanzata e perfezionata in un Edificio capace per un numeroso Convento di Religiosi con tal disposizionce di Celle, Officine, ed altri particolari Acconci, che non può desiderarsi di vantaggio; Egli è una dolce magia alla religiosa inclinazione dello stesso Prelato, che di quando in quando vi dimora con la sua Famiglia, e vi riceve Ospiti, anche di riguardo, che gli giungono, non vi mancando comodi proporzionati, e di tutta polizia. Con la compra de' circonvicini Terreni, va egli aggiungendo, non meno una deliziosa comparsa, che un fruttifero capitale, e siccome vi è compreso il fito vicino alla Fabrica, che si erge in altura, ha nella sua sommità, mediante alcuni scavi, avuta l'incontranza di scoprire le fondamenta dell' antico Cartello detto Montanello, di cui parlammo nel primo Capitolo; Sucche cade un misterioso riflesso, che siccome per antica tradizione si ha, che detto Castello, assieme coll' altro di Monte Patrizio venissero edificati da due Patrizi Ascolani, così conveniva ad un' altro (sic.) Patrizio Ascolano scoprirne gli avanzi, che sotterra giacevano, rinovellandone la memoria con altre mura di maggior preggio (sic.), com' erette per accrescere il culto in detta Chiesa alla gran Regina de' Cieli.


__________________________

*Nel Corridoio degli stemmi dei Governatori del Presidato Sistino è presente anche quello del Cardinale Giovanni Battista Maria Pallotto Protettore del Presidato (1642), non compreso nell'elenco nominativo di P.A. Galli sopra riportato.
arme sisto 600
Stemma araldico di Sisto V
nella facciata del Palazzo dei Presidi


Epigrafe Giulio Sclafenato, primo Governatore di Montalto.
Iscrizione fatta porre da Giulio Sclafenate
nell'andito del palazzo Apostolico di Montalto M. (1586)

Zoom >>


Iscrizione

Iscrizione dedicata a Sisto V di
Giulio Sclafenate Milanese fu il primo destinatovi da Sisto nell' anno 1586 con il carico di Commissario Apostolico
(Foto G. Vagnarelli)

Zoom >>


Corridoio del Palazzo del Governatore del Presidato Sistino

Il corridoio d'ingresso del palazzo dei Governatori
del Presidato con alcuni degli stemmi araldici

Zoom >>


Postquam nos

Decreto di Sisto V di erezione del Presidato di Montalto >>

presidato

Epistolari

epistolari

La biblioteca

Bibliotheca

Proprieta' e dimore

villa montalto

Arte & Mecenatismo

Ritratto del Principe Miche

Opere

oristano

CELEBRAZIONI V CENTENARIO

celebrazioni v centenario

Bolle Bandi Avvisi e Brevi

Biblioteca-Angelica-060

Araldica Sistina

stemma peretti montalto

Immagine casuale

sixtusV_schizzo.jpg